Collegati con noi

Spettacoli

Venezia: tutti i premi della 76/a Mostra

Avatar

Pubblicato

del

Tutti i premi della 76/ma Mostra del cinema di Venezia. La Giuria di VENEZIA 76, presieduta da Lucrecia Martel e composta da Stacy Martin, Mary Harron, Piers Handling, Rodrigo Prieto, Shinya Tsukamoto e Paolo Virzi’ dopo aver visionato i 21 film in competizione ha deciso di assegnare i seguenti premi:

– LEONE D’ORO per il miglior film a: JOKER di Todd Phillips (USA) –

GRAN PREMIO DELLA GIURIA a: J’ACCUSE di Roman Polanski (Francia, Italia) –

LEONE D’ARGENTO per la migliore regia a: Roy Andersson per il film OM DET OAeNDLIGA (ABOUT ENDLESSNESS) (Svezia, Germania, Norvegia)

– COPPA VOLPI per la migliore attrice a: Ariane Ascaride nel film GLORIA MUNDI di Robert Gue’diguian (Francia, Italia)

– COPPA VOLPI per il miglior attore a: Luca Marinelli nel film MARTIN EDEN di Pietro Marcello (Italia, Francia) – PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a: Yonfan per il film JI YUAN TAI QI HAO (N. 7 CHERRY LANE) (Hong Kong SAR, Cina)

– PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a: LA MAFIA NON E’ PIU’ QUELLA DI UNA VOLTA di Franco Maresco (Italia)

– PREMIO MARCELLO MASTROIANNI a un giovane attore emergente a: Toby Wallace nel film BABYTEETH di Shannon Murphy (Australia)

La Giuria Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, presieduta Emir Kusturica e composta da Antonietta De Lillo, Hend Sabry, Terence Nance e Michael Werner assegna il LEONE DEL FUTURO – PREMIO VENEZIA OPERA PRIMA (LUIGI DE LAURENTIIS) a: YOU WILL DIE AT 20 di Amjad Abu Alala (Sudan, Francia, Egitto, Germania, Norvegia, Qatar) ORIZZONTI La Giuria Orizzonti della 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, presieduta da da Susanna Nicchiarelli e composta da Eva Sangiorgi, lvaro Brechner, Mark Adams e Rachid Bouchareb dopo aver visionato i 19 lungometraggi e i 13 cortometraggi in concorso, assegna: il PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR FILM a: ATLANTIS di Valentyn Vasyanovych (Ucraina) il PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE REGIA a: The’o Court per il film BLANCO EN BLANCO (Spagna, Cile, Francia, Germania) il PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA ORIZZONTI a: VERDICT di Raymund Ribay Gutierrez (Filippine) il PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE ATTRICE a: Marta Nieto nel film MADRE di Rodrigo Sorogoyen (Spagna, Francia) il PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR ATTORE a: Sami Bouajila nel film BIK ENEICH – UN FILS di Mehdi M. Barsaoui (Tunisia, Francia, Libano) PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a: Jessica Palud, Philippe Lioret, Diaste’me per il film REVENIR di Jessica Palud (Francia) PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO a: DARLING di Saim Sadiq (Pakistan) il VENICE SHORT FILM NOMINATION FOR THE EUROPEAN FILM AWARDS 2019 a: CCES QUE LADRAM AOS PASSAROS (DOGS BARKING AT BIRDS) di Leonor Teles (Portogallo) VENEZIA CLASSICI La Giuria presieduta da Costanza Quatriglio e composta da 22 studenti – indicati dai docenti – dei corsi di cinema delle universita’ italiane, assegna il PREMIO VENEZIA CLASSICI PER IL MIGLIOR DOCUMENTARIO SUL CINEMA a: BABENCO – ALGUE’M TEM QUE OUVIR O CORACCO E DIZER: PAROU (BABENCO – TELL ME WHEN I DIE) di Barbara Paz (Brazil) il PREMIO VENEZIA CLASSICI PER IL MIGLIOR FILM RESTAURATO a: EXTASE (ECSTASY) di Gustav Machati’ (Cecoslovacchia, 1932) VENICE VR La Giuria presieduta da Laurie Anderson e composta da Francesco Carrozzini e Alysha Naples dopo aver visionato i 27 progetti in concorso, assegna: Il GRAN PREMIO DELLA GIURIA PER LA MIGLIORE OPERA VR IMMERSIVA a THE KEY di Ce’line Tricart (USA) il PREMIO MIGLIORE ESPERIENZA VR IMMERSIVA PER CONTENUTO INTERATTIVO a A LINHA di Ricardo Laganaro (Brasile) il PREMIO MIGLIORE STORIA VR IMMERSIVA PER CONTENUTO LINEARE a DAUGHTERS OF CHIBOK di Joel Kachi Benson (Nigeria) LEONE D’ORO ALLA CARRIERA 2019 a: PEDRO ALMODa’VAR e JULIE ANDREWS JAEGER-LECOULTRE GLORY TO THE FILMMAKER AWARD 2019 a: COSTA-GAVRAS PREMIO CAMPARI PASSION FOR FILM a: LUCA BIGAZZI.

Advertisement

Spettacoli

Balotelli su Instagram mostra il suo apprezzamento per il ‘lato B’ di Raffaella Fico

Avatar

Pubblicato

del

Che i rapporti fra Mario Balotelli e la sua ex Raffaella Fico, mamma della piccola Pia, fossero migliorati, se ne erano accorti in tanti, a partire dalle belle foto pubblicate quando super Mario al San Paolo di Napoli si presentò con la loro bimba in braccio. Allora la showgirl napoletana era fra i tag del calciatore su Instagram, la riprova di un rapporto più sereno e maturo, dove i due hanno smesso ogni schermaglia in nome della bambina. Adesso vicino al post dove la bella Raffaella, in un video, fatica in palestra, è comparso un commento, magari non proprio fine ed elegante ma sicuramente cameratesco: “Che chiappe!”, scrive Balotelli che aggiunge un’emoticon, mostrando di apprezzare molto il lato B della giovane donna.

 

Continua a leggere

Cronache

Violati gli account di Sigfrido Ranucci, il conduttore di Report

Avatar

Pubblicato

del

La denuncia di Sigfrido Ranucci, volto e autore storico di Report, trasmissione d’inchiesta della Rai, desta preoccupazione. “Hanno violato i miei account aziendali, cellulare, email, dati anagrafici, indirizzo e mi è stato detto che gli hacker hanno agito da un Paese dell’Est europeo“. Chi l’ha detto a Ranucci di questa violazione? “Sono stato informato dalla mia banca (Unicredit, ndr)  di questa gravissima violazione che mirava ad ottenere i miei dati anagrafici, l’indirizzo di casa mia, il numero di telefono cellulare e la mail aziendale. Mi è stato specificato che è una violazione ex novo , cosa diversa dall’attacco informatico di cui sono rimasti vittima milioni di utenti di Unicredit”, ha spiegato Ranucci. Che tipo di violazioni sono state commesse? Quali dati sono stati captati? Secondo quanto emerge dai primi accertamenti la violazione ha riguardato tutte le informazioni presenti dal 2015 nell’archivio della banca dove quattro anni fa il giornalista ha aperto un conto. Non sarebbe stato preso un solo euro ma sarebbero state prese informazioni su di lui. Quali informazioni? Quelle tipiche di un conto corrente. Accrediti, addebiti, spese varie. La security della Rai appena  verificare informata dal conduttore di report sta facendo una seria ricognizione delle utenze di Ranucci per verificare se ci sono spyware che possono aver penetrato  un indirizzo mail o un cellulare per poter entrare nell’intranet aziendale. Perchè se così fosse la situazione sarebbe grave. Ranucci è il responsabile della trasmissione, attraverso lui passano le inchieste e tutte le informazioni sensibili relative alle inchieste di Report. Ma quale è lo scopo di questa violazione? E cosa c’era tra i dati acquisiti dagli hacker? C’è un  rapporto tra le violazioni digitali sul conto di Ranucci e le inchieste di Report?  Nessuno può dirlo. Il fatto che gli hacker abbiano agito da un Paese dell’Est non ci autorizza a mettere in relazione le inchieste di Report su Moscopoli e i falsi account social con le violazioni. Certo lo si può sospettare.  Ma bisogna aspettare per capire.

Continua a leggere

Spettacoli

Montalbano, nel 2020 tre nuovi episodi diretti da Zingaretti su Rai 1

Avatar

Pubblicato

del

Nel 2020 andranno in onda tre nuovi episodi del Commissario Montalbano diretti da Luca Zingaretti, dopo la scomparsa di Alberto Sironi, storico regista della fiction di Raiuno campione di ascolti. Lo ha annunciato lo stesso attore romano nel corso di un incontro svoltosi nel Teatro Politeama di Catanzaro. “Abbiamo lavorato – ha detto Zingaretti – con tutto il cast storico di questa serie di cui siamo particolarmente orgogliosi. Un grande successo per la Rai”. Zingaretti nel corso di una intervista ha affrontato tanti argomenti e raccontato una miriade di episodi ed aneddoti che lo hanno accompagnato nella sua carriera, parlando, in particolare, del suo rapporto con Andrea Camilleri e con Sironi, i due papà di “Montalbano” che purtroppo sono venuti a mancare entrambi questo anno. “Fate bene ad applaudirlo – ha detto facendo riferimento al regista – perche’ in vita di applausi non gliene hanno fatti molti”. Presentato dal sovrintendente del Teatro Politeama, Gianvito Casadonte, Zingaretti ha instaurato col pubblico un rapporto di forte intensita’ emotiva e simpatia.

Continua a leggere

In rilievo