Collegati con noi

Economia

Valanga di tasse, per i contribuenti sarà un dicembre di fuoco

Avatar

Pubblicato

del

Al via un dicembre di fuoco per contribuenti e famiglie: il fisco batte cassa.

Il 30 novembre è scaduto poi il secondo acconto Irpef, ma essendo caduto di sabato, la scadenza fiscale e’ slittata a domani. Secondo l’Ancot, Associazione Nazionale Consulenti Tributari, l’importo medio versato da ogni contribuente per l’acconto Irpef e’ pari a 3.080 euro.

Il 2 dicembre, un vero e proprio tax day, scade il termine per il pagamento della rata per chi ha aderito alla “rottamazione-ter” e al “saldo e stralcio” delle cartelle. Si tratta di un’ultima chiamata per 1,8 milioni di contribuenti che dovrebbe portare nelle casse dello Stato almeno 1,2 miliardi di euro, che si aggiungeranno agli 1,6 miliardi gia’ incassati a luglio in occasione della prima rata della rottamazione-ter. Chi non paga entro la scadenza perdera’ i benefici, sottolinea l’Agenzia della Riscossione, anche se sono previsti 5 giorni di tolleranza, per cui rientra anche chi paga entro lunedi’ 9 dicembre.

Inoltre entro il 16 dicembre milioni di italiani dovranno pagare il saldo Imu e Tasi per il 2019. Sono tenuti a pagare queste due tasse i proprietari di seconde case, di case di lusso, di immobili commerciali, negozi e terreni. La Tasi e’ la tassa comunale per i servizi come la manutenzione delle strade, la pubblica illuminazione. Intanto, sempre in materia di fisco e tributi, Confindustria “ribadisce la profonda preoccupazione per il continuo ampliamento della sfera penale ai fatti economici” riferendosi ad un emendamento al Dl Fiscale che estende l’ambito applicativo del decreto 231 ai reati tributari. “E’ un approccio iper repressivo”, sostengono gli industriali, avvertendo che “non e’ certamente questo proliferare di interventi penali, volti a criminalizzare il mondo dell’impresa, il modo corretto per combattere l’evasione e far crescere l’economia del Paese”. L’emendamento che riscrive l’art.39 del Dl fiscale “se da un lato affronta alcune delle criticita’ che avevamo evidenziato in audizione, dall’altro vanifica questi miglioramenti, estendendo ulteriormente l’ambito applicativo del decreto 231 ai reati tributari”, sottolinea Confindustria. “E’ un approccio iper repressivo, che moltiplica le sanzioni sulle stesse fattispecie. La confisca allargata resta comunque un’anomalia, perche’ estende misure eccezionali pensate per la criminalita’ mafiosa a reati di natura completamente diversa e i correttivi apportati vengono completamente annullati dall’intervento in tema di responsabilita’ 231”, spiega l’associazione degli industriali.

Advertisement

Economia

Alitalia: arriva il super commissario, è Leogrande

Avatar

Pubblicato

del

Arriva per Alitalia il super-commissario. Sara’ l’avvocato Giuseppe Leogrande, esperto di diritto fallimentare. Ha ricoperto lo stesso ruolo gia’ in diverse aziende, tra cui la compagnia aerea low cost Blu Panorama. Vanno cosi’ via Enrico Laghi, Stefano Paleari e Daniele Discepolo. I primi due in carica sin dal maggio del 2017, l’ultimo entrato in corso, precisamente un anno fa, in sostituzione di Luigi Gubitosi, passato a Tim. La svolta arriva nella tarda serata dopo che l’ipotesi di un commissario unico era stata avanzata e poi accantonata. Un rapido incontro tra il ministro dello Sviluppo economico e i tre ormai ex commissari segna il passaggio. Insieme a Leogrande “lo Stato dovra’ agire per permettere il rilancio definitivo di Alitalia”, dice il ministro al termine della riunione al Mise. Leogrande dovra’ gestire il nuovo bando di gara previsto dal decreto arrivato in vigore da inizio settimana. Un nuovo corso che dovra’ essere accompagnato da un piano di tagli e riorganizzazione per rendere la compagnia piu’ appetibile. Patuanelli nel ringraziare Laghi, Paleari e Discepolo per il lavoro svolto ricorda come si tratti di un “dossier complesso, che purtroppo non ha portato ad una soluzione di mercato definitiva per la compagnia”. Dopo che il consorzio con Fs, Mef, Atlantia e Delta si e’ in sostanza sciolto si guarda a Lufthansa, che pero’ come noto chiede esuberi. L’ingresso del vettore tedesco nella partita escluderebbe l’americana Delta. Quanto alla holding della famiglia Benetton invece il dialogo si potrebbe riaprire. Almeno stando all’intervista rilasciata dal presidente di Atlantia, Fabio Cerchiai, al Messaggero, da cui emerge una chiara la disponibilita’ a partecipare al rilancio di Alitalia. “Anche perche’ il fallimento della compagnia avrebbe un impatto pari al 28% dei nostri ricavi aviation”, spiega Cerchiai. L’ad di Fs, Gianfranco Battisti, invece non si sbilancia e al Corriere della Sera dice: “C’e’ un consorzio che non si e’ concretizzato. Posso dire che il nostro e’ stato un compromesso diligente”. Intanto l’azienda ha aperto una nuova procedura per estendere di altri tre mesi la cassa integrazione straordinaria che scadra’ il 31 dicembre. Nella comunicazione inviata ai sindacati, gli ex commissari hanno chiesto di estendere la cigs fino al 23 marzo 2020 per complessivi 1.180 dipendenti, di cui 80 comandanti, 350 addetti del personale navigante e 750 dipendenti del terra. Si tratta di un numero superiore agli attuali 1.075 dipendenti coinvolti dall’attuale cassa ma inferiore ai 1.370 sotto l’ammortizzatore sociale nello stesso periodo del 2018 (facendo il confronto con la stessa stagionalita’). La richiesta sara’ oggetto di trattativa con i sindacati, che punteranno ad abbassare il numero. Tutto cio’ mentre si spera che i 400 milioni di prestito, sbloccati dal nuovo decreto, passino indenni il vaglio europeo. Il concetto piu’ volte ribadito da Patuanelli e’ che cosi’ l’Alitalia ha una taglia che non e’ adeguata al mercato, che non la rende attraente. Allo stesso tempo pero’ e’ stata ribadita la volonta’ di tenere integra la compagnia, senza ricorrere allo spezzatino ma neppure a una separazione in due tronchi, da una parte aviation e manutenzione dall’altra l’handling. Di certo c’e’ una questione tempo da affrontare il provvedimento in vigore infatti fissa il termine del 31 maggio 2020 per la vendita. Sempre che si trovi un compratore e non sia necessario un intervento piu’ massiccio da parte dello Stato.

Continua a leggere

Economia

Italiani sfiduciati e ansiosi, la metà vuole uomo forte

Avatar

Pubblicato

del

La crisi economica lascia le sue cicatrici dopo essere penetrata non solo nelle abitudini quotidiane degli italiani, ma anche nel loro modo di pensare, di comportarsi e di concepire la vita pubblica. Impoveriti, dominati dall’incertezza sul proprio futuro, presi dall’ansia e “macerati” dalla sfiducia, negli ultimi anni gli italiani hanno accentuato il loro individualismo e fatto ricorso a “stratagemmi individuali” di autodifesa, oggi sfociati in “crescenti pulsioni antidemocratiche” e nell’attesa “messianica dell’uomo forte che tutto risolve”. Di fronte ad una politica che non decide, o che decide “senza produrre effetti”, il 48% del Paese crede che la soluzione a tutti i mali passi dunque per “l’uomo forte al potere”, che non debba preoccuparsi né del Parlamento nè delle elezioni. Il quadro che emerge dall’ultimo rapporto del Censis non e’ piu’ solo di un Paese opportunistico, ma ormai soggiogato da uno “stress esistenziale, logorante perche’ riguarda il rapporto di ciascuno con il proprio futuro”. La relazione con il prossimo e’ entrata in crisi, al punto che il 75% non si fida piu’ degli altri, soprattutto se considerati ‘diversi’. Secondo il Centro studi, ad essere montata nell’ultimo anno e’ una pericolosa deriva verso l’odio, l’intolleranza e il razzismo nei confronti delle minoranze, percepita a livello diffuso. Il 70% degli italiani e’ infatti convinto che siano aumentati gli episodi di intolleranza e razzismo verso gli immigrati, dovuti per poco meno di un quarto della popolazione al fatto che gli extracomunitari sono troppi. E per il 58% e’ aumentato anche l’antisemitismo. A minare la sicurezza e’ stata nel tempo “la rarefazione” della protezione del welfare pubblico, ma anche la rottura dell’ascensore sociale, considerato bloccato dal 69% degli italiani, disamorato anche verso due capisaldi degli investimenti famigliari: i Bot, dai rendimenti ormai infinitesimali, e la casa, andata progressivamente perdendo valore. Il nerbo della crescita, il lavoro, per quanto apparentemente in crescita, si e’ peraltro rivelato incapace di assicurare vero benessere. Il Censis giudica l’aumento dell’occupazione del 2018 e dei primi mesi del 2019 “un bluff”, creato dal boom dei lavori part time (spesso non voluti ma obbligati) o a basso reddito. Il bilancio della recessione, calcola il rapporto, e’ di 867.000 occupati a tempo pieno in meno e 1,2 milioni in piu’ a tempo parziale. Il part time involontario riguarda 2,7 milioni di lavoratori, con una vera e propria impennata tra i giovani (+71,6% dal 2007). Dall’inizio della crisi al 2018, le retribuzioni del lavoro dipendente sono scese di oltre 1.000 euro l’anno. E i lavoratori che guadagnano meno di 9 euro l’ora lordi sono oggi 2,9 milioni. Complicato e’ anche il rapporto con l’Unione europea. Il 62% degli italiani e’ convinto che dall’Ue non si debba uscire, ma il 25%, uno su quattro, e’ invece favorevole all’Italexit. A quasi 18 anni dall’introduzione dell’euro, il 61% dice no al ritorno della lira e il 24% e’ invece favorevole. Inoltre, se il 49% si dice contrario alla riattivazione delle dogane alla frontiere interne della Ue, considerate un ostacolo alla libera circolazione di merci e persone, il 32% sarebbe invece per rimetterle. La nota positiva arriva invece dalla crescere attenzione al clima dei giovani. Il Censis ha intervistato i dirigenti scolastici e il risultato e’ che secondo il 74% dei presidi, l’etica ambientalista negli studenti e’ cresciuta grazie all”effetto Greta”. Il 60,9% ritiene che i propri alunni siano molto sensibili e partecipi delle esperienze che la scuola propone sul tema. Il 17,4% riferisce che sono loro stessi a farsi promotori di una nuova etica ambientale presso le famiglie e per il 12,9% spesso si fanno latori di nuove iniziative presso le scuole.

Continua a leggere

Economia

De Luca continua a “bombardare” i Navigator della Campania, bando per assumere 641 persone nei centri per l’impiego

Avatar

Pubblicato

del

La Regione Campania ha pubblicato il bando di concorso per 641 assunzioni a tempo indeterminato nei Centri per l’impiego regionali. Il bando è stato pubblicato sul Burc (Bollettino ufficiale della Regione Campania) e prevede l’assunzione di 225 lavoratori laureati (categoria D) e 416 diplomati (categoria C). Nel dettaglio, la Regione mette a concorso 150 posti di “Funzionario policy regionali – Centri per l’impiego”, 25 posti di “Funzionario Sistemi informativi e tecnologie”, 50 posti di “Funzionario policy regionali – Mediatore per l’inserimento lavorativo dei disabili”, 316 posti di “Istruttore policy regionali – Centri per l’impiego”, 100 posti di “Istruttore Sistemi informativi e tecnologie”. Le assunzioni nei centri per l’impiego erano state annunciate dal presidente della Regione Vincenzo De Luca all’inizio della polemica con il governo per i contratti ai navigator, poi sottoscritto da Anpal e non dalla Regione, per l’applicazione del reddito di cittadinanza.

Continua a leggere

In rilievo