Collegati con noi

Tecnologia

Truffe telefoniche, squilli da numeri stranieri che prosciugano il credito

Avatar

Pubblicato

del

La Polizia Postale invita a prestare la massima attenzione per non rischiare di vedersi azzerare il proprio credito telefonico. Ma vediamo in costa consiste la truffa che ultimamente sta danneggiando moltissimi utenti in tutta Italia. In pratica vi arriva uno squillo da un numero straniero al quale ovviamente non fate in tempo a rispondere. A questo punto arriva la truffa perché se provate a richiamare quel numero il vostro credito residuo verrà completamente prosciugato. La telefonata viene, infatti, automaticamente reindirizzata ad una linea a pagamento che vi costerà ben 1,50 euro al secondo. Pochi secondi ed il credito sparisce. Ma c’è di più. Se non avete una carta ricaricabile ma direttamente l’addebito sul conto corrente i truffatori riescono a risalire ai dati della vostra carta di credito o del vostro conto corrente con un danno facilmente immaginabile. Questi squilli vengono definiti Ping calls ed è una truffa già verificatasi lo scorso inverno per poi sparire. Ed ora la truffa è tornata a colpire mietendo già tantissime vittime. Molti sono stati spinti dalla curiosità ed hanno provato a ricontattare quel numero, altri lo hanno fatto perché forse attendevano una telefonata proprio da quel Paese e sono stati tratti facilmente in inganno. Dall’altra parte si sentono solo delle voci in sottofondo che hanno lo scopo di tenere le persone al telefono nel tentativo di capire cosa quelle voci stiano dicendo. Ma chi si nasconde dietro queste false chiamate? In realtà non vi sono delle persone fisiche ma dei software che compongono numeri telefonici a casa oppure attinti da rubriche telefoniche illegalmente acquistate su internet. Il prefisso dei numeri in questione è principalmente quello della Tunisia, ma anche della Moldavia, del Kosovo, della Bielorussia ed addirittura della Gran Bretagna. Ecco i prefissi finora segnalati ai quali prestare attenzione: +216 (Tunisia), +373 (Moldavia), 678 (Vanuatu, Sud Pacifico); +383 (Kosovo); +375 (Bielorussia); +371 (Lettonia); + 255 (Tanzania); + 44 (Gran Bretagna). La Polizia Postale ha precisato che, in genere, queste telefonate arrivano tra le 18.30 e le 20.30, giocando sul fatto che in quell’orario la maggior parte delle persone è più libera da impegni lavorativi ed ha quindi il tempo di richiamare. Il consiglio è quello di prestare sempre la massima attenzione prima di rispondere a telefonate provenienti da numeri non presenti nella nostra rubrica ed accertarsi che il prefisso sia italiano. Se così non fosse, non rispondere assolutamente e segnalare l’episodio alla Polizia di Stato.

Advertisement
Continua a leggere

Tecnologia

Da Imt Lucca studio su mappa emozioni in cervello

Avatar

Pubblicato

del

Un’area di circa tre centimetri del nostro cervello che rappresenta una sorta di mappa dell’esperienza emotiva degli individui: e’ quanto scoperto da un gruppo di ricerca del Molecular mind laboratory della Scuola Imt alti studi Lucca. Lo studio dal titolo ‘Emotionotopy in the human right temporo-parietal cortex’ e’ stato pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Nature Communications. Giada Lettieri, dottoranda della Scuola Imt, insieme ai suoi collaboratori, ha scoperto come il nostro cervello, in particolare una sua regione chiamata giunzione temporo-parietale destra, sia in grado di rappresentare topograficamente la complessita’ di quanto proviamo: quali emozioni sentiamo in un preciso momento e quanto intensamente le percepiamo. Il meccanismo sarebbe piu’ o meno lo stesso di funzioni base come vista, udito, olfatto, gusto, tatto. “Lo studio dei correlati cerebrali dei fattori elementari che modulano intensita’ e qualita’ delle emozioni – spiega il professore Pietro Pietrini, psichiatra e coautore della ricerca – ha importanti implicazioni per la comprensione di quello che accade quando le emozioni si ammalano, come nella depressione e nelle fobie”.

Continua a leggere

In Evidenza

Spazio, la sonda Parker alza il velo sui misteri del Sole

Avatar

Pubblicato

del

Lanciata il 18 agosto del 2018 per un incontro ravvicinato con la nostra stella madre, la sonda Parker della Nasa sta alzando il velo sulla sorgente del vento solare e sul perche’ l’atmosfera del Sole, la corona, sia centinaia di volte piu’ calda della sua superficie. I primi risultati della missione che ha superato ogni record per vicinanza al Sole (25 milioni di chilometri di distanza, con l’obiettivo di ridurli a 6 milioni entro il 2025), sono stati divulgati dalla Nasa e pubblicati sulla rivista Nature. “Abbiamo imparato molto sulla nostra stella negli ultimi decenni ma avevamo proprio bisogno di una missione come quella della sonda solare Parker per entrare nell’atmosfera del Sole”, ha spiegato Nour E. Raouafi, scienziato del John Hopkins Applied Physics Laboratory coinvolto nel progetto.

Continua a leggere

Tecnologia

Facebook testa strumento per spostare foto su Google

Avatar

Pubblicato

del

Facebook sta testando un nuovo strumento che consente agli utenti di trasferire facilmente le proprie foto e i video dal social a Google Foto. La funzione – spiega la compagnia in un post – per ora è attiva solo in Irlanda, ma sara’ estesa su scala globale entro la prima meta’ del 2020. La novita’ arriva in un momento in cui Facebook, insieme a Google, e’ sotto la lente dell’antitrust Ue per le attivita’ di raccolta, elaborazione e utilizzo dei dati degli utenti. “Crediamo che, se condividi i dati con un servizio, dovresti essere in grado di spostarli su un altro. Questo è il principio della portabilita’ dei dati, che da’ alle persone controllo e scelta, incoraggiando al contempo l’innovazione”, ha scritto nel post il direttore della Privacy di Facebook, Steve Satterfield. Lo strumento, si legge, e’ basato su un codice sviluppato nell’ambito della partecipazione di Facebook al Data Transfer Project, un progetto nato nell’estate 2018 proprio per la portabilita’ dei dati, cui partecipano anche aziende come Apple, Microsoft, Google e Twitter.

Continua a leggere

In rilievo