Collegati con noi

Cronache

Treno deragliato per colpa di uno scambio difettoso: indagine si allarga

Avatar

Pubblicato

del

Nelle prime ore di indagini sul deragliamento del Frecciarossa 1000, avvenuto giovedi’ scorso a Ospedaletto Lodigiano, il procuratore della Repubblica di Lodi Domenico Chiaro aveva detto che tutte le ipotesi sono aperte, escludendo solo il dolo: ma se fino ad oggi si propendeva per una tragedia causata da un errore umano, adesso in prima battuta c’e’ il guasto di un componente dello scambio, peraltro nuovo di fabbrica, e quindi si stanno “vagliando altre posizioni”, come ha spiegato lo stesso Chiaro. Il direttore dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle Ferrovie (Ansf), Marco D’Onofrio, in audizione davanti alla Commissione Lavori pubblici del Senato, lo ha detto chiaramente: “E’ pervenuta una comunicazione da parte della procura, a seguito del rilevamento di un difetto interno all’attuatore. Sono state fatte delle prove in campo e sembra che ci sia un’inversione dei cablaggi interna al dispositivo che si e’ andato a sostituire”. “Questo giustifica – ha aggiunto D’Onofrio – il problema che hanno trovato i manutentori nelle verifiche prima del rilascio dell’apparato al regolatore della circolazione perche’ evidentemente qualcosa non funzionava a dovere”. Qualcosa non ha funzionato, proprio come hanno detto gli inquirenti fin dall’inizio dell’inchiesta. Ma, ha spiegato ancora il direttore dell’Ansf, c’e’ “una prima evidenza che introduce un problema che e’ stato riscontrato, ma non giustifica completamente tutto. Probabilmente nell’andare a rilasciare il deviatoio forse anche li’ qualcosa non ha funzionato”. Rfi ha immediatamente sospeso il montaggio di attuatori di questo tipo, anche se quello montato sul luogo dell’incidente era uno scambio nuovo di fabbrica, e i periti della procura, accanto ai binari e vicino quindi al pezzo nuovo, hanno trovato quello vecchio. Un cambio, nel caso di questo deviatoio n.5, gia’ programmato da tempo. E’ cosi’ che dalla procura di Lodi il pm Chiaro sottolinea che, “dopo aver diramato immediatamente un alert di sicurezza considerato che quei componenti vengono veduti in tutta Europa, a questo punto dobbiamo valutare anche altre posizioni”. Le indagini, insomma, potrebbero allargarsi nelle prossime ore, coinvolgendo il colosso francese che produce il pezzo incriminato.

Ma, precisa lo stesso procuratore, anche montando un pezzo difettoso e’ naturale che, poi, ci siano dei test, delle prove per confermare che tutto funzioni alla perfezione, prima di riattivare un passaggio dove transitano treni a 300 km/h. Certo e’ che le indagini con i primi 5 indagati stanno proseguendo, con il campo delle responsabilita’ non piu’ solo attribuibile agli operai che lavorarono quella notte sul cosiddetto ‘punto zero’, ma anche a chi ha prodotto i materiali utilizzati per la manutenzione. A Ospedaletto Lodigiano, intanto, e’ proseguito il lavoro dei periti della procura e della rimozione dei cavi dell’alta tensione. Si sta scavando inoltre per arrivare a creare una piattaforma in cemento, come anticipato nei giorni scorsi, che dovra’ garantire il lavoro delle gru che dovranno rimuovere i vagoni del treno dai binari, in sicurezza. Si stanno cercando soluzioni alternative alla rimozione dei vagoni per intero e l’ipotesi ritenuta piu’ attuabile e’ quella di smontare dai vagoni le ruote e i carrelli del convoglio e di trasportarli via dai binari separatamente. Una volta rimosso dai binari, il treno ha come destinazione il grande deposito di Rfi di Ancona. Per ripristinare l’intera circolazione nel tratto dell’incidente, ci potrebbe volere fino a un mese.

Advertisement

Cronache

Varapodio, Calabria: il centro migranti era diventato un affare per amici, indagato anche il sindaco

Avatar

Pubblicato

del

‘Cara accoglienza’ in tutti i sensi: è il nome dato all’inchiesta dei Carabinieri della Compagnia di Taurianova con il coordinamento della Procura di Palmi, che vede indagati il sindaco di Varapodio, Orlando Fazzolari,  il gestore di una società cooperativa, due titolari di impresa di abbigliamento e due funzionari della Prefettura di Reggio Calabria. Sono indagati, a vario titolo, per falso ideologico (unico reato contestato ai funzionari della Prefettura), abuso d’ufficio, frode nelle pubbliche forniture, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, truffa ai danni dello Stato e peculato. In totale 8 indagati.

Nel mirino dell’inchiesta la gestione ‘personale e discrezionale caratterizzata da poca trasparenza e correttezza’ del centro di accoglienza per migranti di Varapodio, nel Reggino.

 

L’inchiesta “Cara accoglienza si riferisce all’affidamento dei servizi e delle forniture alle imprese, all’assunzione dei collaboratori che si occupavano della gestione dei migranti. Fazzolari, eletto a capo di una lista civica e candidato non eletto alle regionali del gennaio scorso con Fratelli d’Italia è accusato di aver stipulato convenzioni ad affidamento diretto con imprese da lui scelte senza autorizzazione da parte del Consiglio comunale, secondo gli investigatori, in contrasto con la normativa e in violazione del Codice degli appalti e della Convenzione con la Prefettura. Alcuno dei soggetti indagati si trovavano in palese conflitto di interesse. Il sindaco è accusato pure di falso ideologico peraverattestato di non trovarsi in conflitto di interesse. Invece, secondo gli inquirenti, sarebbe stato in rapporti di amicizia e collaborazione con il legale rappresentante della Societa’ cooperativa sociale “Itaca”, che si occupava dell’accoglienza e assistenza ai migranti. Una gestione anomale che secondo i carabinieri si concretizzava anche con i rapporti con i titolari delle imprese che fornivano abbigliamento per i migranti : Fazzolari avrebbe stabilito gli importi da liquidare prima che venissero fatturati.

 

Continua a leggere

Cronache

Massacrarono un carabiniere che cercava di sedare una rissa e lo derubarono: arrestati gli ultimi due della banda

Avatar

Pubblicato

del

Identificati e arrestati due responsabili dell’aggressione e del pestaggio dell ‘appuntato scelto dei Carabinieri Giovanni Ballarò, aggredito una settimana fa mentre filmava nel centro di Castellammare alcuni giovani coinvolti in una rissa: si tratta di pregiudicati stabiesi ritenuti responsabili di violenza aggravata a pubblico ufficiale e di lesioni personali pluriaggravate ai danni del militare.
I carabinieri del reparto operativo di Castellammare di Stabia coordinati dalla Procura di Torre Annunziata hanno analizzato le immagini girate dal carabiniere aggredito e quelle stravolta dal sistema di videosorveglianza della zona ed hanno identificato l’aggressore più violento, quello che aveva preso il militare a pugni e calci e l’ultimo arrivato in ordine di tempo che, arrivato a bordo di un motociclo, si era pure lui scagliato sul carabiniere e lo aveva preso ripetutamente a calci mentre era per terra. Con questi arresti sono stati identificati tutti gli aggressori ed assicurati alla giustizia.

Massacrano un carabiniere che prova a sedare una lite e lo derubano del borsello, il video delle bestie in branco che picchiano: 4 sono già in galera

Continua a leggere

Cronache

Mozzicone sigaretta incastra omicida dopo 14 anni

Avatar

Pubblicato

del

Svolta nelle indagini sull’omicidio di Altagracia Corcino Gil, la prostituta dominicana uccisa ad Alessandria nel 2006. Quattordici anni dopo il ritrovamento del cadavere della donna, all’epoca trentenne, i carabinieri hanno arrestato Andrea Casarin, 47enne originario di Alessandria ma residente in provincia di Pavia. Sono sue le impronte e il dna trovati nell’alloggio della vittima, legata e strangolata e con la giugulare recisa da due coltellate. Un delitto efferato sui cui ora proseguono le indagini, coordinate dalla magistratura, per chiarire ogni aspetto di questo cold case rimasto irrisolto per tanti anni. Era il 29 giugno 2006 quando i carabinieri trovarono la vittima nuda in un bilocale ammobiliato di via Parma, al secondo piano del civico 24, dove si prostituiva da un paio di mesi. La giovane vittima, che si era trasferita li’ dal Pavese, aveva le caviglie legate e la mano destra avvolta da nastro adesivo. Era stata una amica, che da due giorni non riusciva a mettersi in contatto con lei, a far scoprire l’omicidio. Dopo aver bussato alla porta dell’appartamento, senza ricevere risposta, si era decisa a chiamare i carabinieri. La dominicana era supina sul letto, nuda, distesa di traverso. Vicino al corpo un grosso coltello da cucina e, poco lontano, la custodia di cartone. L’alloggio era in ordine, il televisore acceso in soggiorno e la porta d’ingresso chiusa dall’esterno. Nessuna traccia delle chiavi di casa, come dei suoi tre cellulari. Le indagini, a tutto campo, non portarono a individuare l’assassino, e dopo tre anni il caso venne archiviato. A riaprirlo sono state l’intuizione di un maresciallo, che indagando su vecchie questioni si e’ ritrovato in mano il fascicolo dell’omicidio, e le moderne banche dati informatiche delle forze dell’ordine. Inserendo nel computer le impronte trovate sul luogo del delitto e’ emerso infatti che appartenevano a Casarin, arrestato nel 2013 all’aeroporto di Malpensa mentre aspettava un corriere proveniente da Santo Domingo con sei chili di cocaina. Il resto l’ha fatto l’abilita’ degli investigatori dell’Arma, agli ordini del colonnello Michele Angelo Lorusso, che durante un pedinamento hanno recuperato un mozzicone di sigaretta abbandonato dall’indagato. Il materiale genetico ricavato dal reperto e’ risultato compatibile alle tracce biologiche trovate sulla scena del delitto. E l’uomo e’ stato arrestato. Dopo 14 anni.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto