Collegati con noi

Cultura

Torino con la sua Art Week si conferma tra le capitali dell’arte in Europa

Avatar

Pubblicato

del

Da capitale dell’auto a capitale dell’arte, Torino, una città che si è reinventata e che ora con i suoi eventi, con le sue mostre con sue le art fairs e gli innumerevoli concerti riesce ad attrarre in città  decine di migliaia di persone tra  artisti, collezionisti, galleristi, buyers, appassionati d’arte, turisti e visitatori. Non solo i centri e i musei  istituzionali, palazzo Madama, il GAM i castelli di Rivoli e Rivalta, il museo Egizio e i nuovi centri come Camera, interamente dedicato alla fotografia, ma un offerta imponente di mostre, performance e fiere d’arte che la fa competere con tutte le città che da decenni si propongono offrendo le  più grandi kermesse del settore.

Momenti dell’ìnaugurazione di ARTISSIMA ART FAIR 2019 a Torino ph. Mario Laporta/KONTROLAB

Questa che si sta concludendo, può essere considerata la settimana clou del panorama annuale che Torino offre agli amanti dell’arte, non solo Artissima, considerata una delle fiere d’arte tra le più importanti al mondo che vede gallerie espositrici che vanno dal vicino oriente come Teheran a Beirut, al lontano oriente, come Taipei e Shangai, poi Cape Town, NYC, Londra, Hong Kong Lucerna e Puebla, e ancora Jeddah, Buenos Aires e Pechino, 97espositori nella main section con 20 new entry quest’anno e iniziative in tutta la città, e in contemporanea con altre due iniziative non meno importanti e interessanti come The Others, con gallerie piu’ giovani che quest’anno ha cambiato sede e dalle vecchie carceri si propone all’ex ospedale militare Riberi in corso IV novembre , una struttura in un compound militare tra i più vasti d ‘Italia con splendide palazzine in stile liberty dove tre delle quali accolgono gli spazi espositivi associate a vari site specific in tende da campo militari. Poi c’e’ Paratissima, rivolta direttamente agli artisti che si autogestiscono, dove le gallerie sono  poche e concentrate per lo più al piano terra della grande struttura   dell’ ex Accademia Artiglieria di Torino, vicino a Piazza Castello, dove, anche qui,  nei tre piani degli allestimenti si spazia tra scultura, pittura, multimedialità, fotografia, video e espressione artistica attraverso performance e linguaggio del corpo.

Le inaugurazioni si sono susseguite a ritmo ferrato, la settimana si è aperta con la mostra fotografica 100DM   di Tommaso Bonaventura, curata da Elisa Del Prete che ha anche seguito i testi del bel catalogo e delle interviste video che accompagnano la mostra con la ricerca visiva e testimoniale. Insieme al  fotografo hanno incontrato i protagonisti,  berlinesi dell’est,  che appena furono  ad ovest, ricevettero 100 marchi di benvenuto. Gli autori hanno indagato su come fossero stati spesi o utilizzati questi marchi donati dalla amministrazione comunale di Berlino Ovest, interessante capire le destinazioni d’uso, come acquisti di walkman, alberi di Natale, cassette di attrezzi, biglietti per concerti, in tutti i casi beni, non di prima utilità, perché come

Momenti dell’ìnaugurazione della mostra T30 di Paolo Grassino curata da Alessandro Demma e realizzata con Davide Paludetto Arte Contemporanea e Istituto Garuzzo per le Arti Visive ph. Mario Laporta/KONTROLAB

spiega  la direttrice del museo del risparmio di Torino Giovanna Paladino, durante la presentazione della mostra,  i soldi donati  hanno destinazioni diverse tese spesso all’acquisto di beni non necessari rispetto a quelli guadagnati che vengono usati per gli acquisti dei beni primari. La mostra è allestita da CAMERA, oramai centro pulsante della fotografia in Italia dove si può ammirare in questo periodo anche una vastissima esposizione  su uno dei padri della fotografia mondiale, Man Ray  un viaggio nel lavoro del fotografo con WO/Man Ray le “seduzioni della fotografia”,  oltre 200 fotografie che si possono ammirare nei saloni del centro italiano per la fotografia.

E’ invece scultura con l’utilizzo di multi materiali la mostra inaugurata mercoledì 30  da Paolo Grassino, geniale e raffinato artista, presso Palazzo Saluzzo Paesana, nel centro di Torino in collaborazione con  Davide Paludetto Arte Contemporanea e con l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive.

Eccellenze artistiche in una città sempre più votata all’arte in un mix di professionalità italiane proprio dove vennero girate indimenticabili scene di un film cult come The Italian Job che non casualmente proprio in questi giorni vede la sua celebrazione nel 50enario dalla sua uscita, nel mezzo di questa settimana d’arte 2019.

 

 

 

 

 

 

 

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cultura

“Afrika”, le chiavi d’accesso: oggi la presentazione del libro all’Unione Industriali di Napoli

Avatar

Pubblicato

del

L’Africa è un immenso territorio in profonda evoluzione che emigra meno di quanto si narri, dispone di una quantità sterminata di risorse naturali pregiate, può contare su un’economia in crescita stabile in numerosi Paesi e su un’età media della sua popolazione molto bassa: 18 anni, il che ne fa l’area più giovane del mondo.  Ed è a questo continente per certi versi ancora poco conosciuto che è dedicato il libro “Afrika. Chiavi d’accesso” di Francescomaria Tuccillo per Ebone Edizioni (128 pp E.12,99, e.5,99 eBook su www.ebonedizioni.com).

Oggi, mercoledì 19 febbraio 2020 alle ore 17.30, nel corso di un incontro sulle Business Opportunities nel continente africano, organizzato dal Consigliere con delega all’Internazionalizzazione del Gruppo Giovani Imprenditori, Gioia De Simone, la presentazione del libro.

Dopo i saluti di Vittorio Ciotola, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori e di Anna Del Sorbo, Presidente Piccola Industria, introduce l’incontro Gioia De Simone.

Relatori: Rossella Daverio, manager e docente universitaria; Leopoldo Gasbarro, direttore “Wall Street Italia”; Riccardo Maria Monti, amministratore delegato Taboo, già Presidente Ice e Italferr.
Testimonianze degli imprenditori Riccardo D’Alfonso e Abdul Haji.
Modera l’incontro- dibattito con l’Autore l’imprenditore Mario Giustino.

Dunque l’Africa con le sue chiavi d’accesso: ma quali sono? “La prima chiave d’accesso è la cultura in senso lato, intesa cioè come somma di competenza, lungimiranza imprenditoriale, apertura mentale, abbandono di ogni pregiudizio neocolonialista e capacità di guardare all’Africa non come a un charity case, ma come a un’occasione di scambio e di crescita”.

 

Continua a leggere

Cultura

Area archeologica di Pompei, altre tre domus riaperte: gli Scavi pronti a raggiungere la vetta del turismo in Italia

Avatar

Pubblicato

del

È la seconda notizia più pubblicata e letta del territorio italiano, forse la prima se consideriamo che sul gradino più alto c’è Sua Santità il Papa che di fatto è cittadino  di un altro Stato. È il terzo sito turistico italiano più visitato nel 2019, incalza da vicino il secondo, ma pur essendo ancora ben lontano dal Parco Archeologico del Colosseo, che risulta essere il primo, l’Area Archeologica  di Pompei  si sta attrezzando per raggiungerlo e scalzarlo dal primo gradino del podio con continue aperture e messe in sicurezza delle case che compongono quello straordinario sito archeologico che non ha, per ora,  uguali al mondo. Oggi, alla presenza del Ministro Dario Franceschini sono state riaperte e rimesse in sicurezza ben tre case, dopo attenti e scrupolosi restauri di pavimentazioni con mosaici e affreschi che hanno riportato agli antichi splendori i segni delle ricchezza e ricercatezza dei pompeiani prima del ’79 dc. La Casa degli Amanti, la Casa del Frutteto e la casa della Nave Europa che deve il suo nome   al grande graffito inciso sulla parete nord del peristilio, dove è raffigurata una grande nave da carico, chiamata “Europa”, affiancata da altre imbarcazioni minori.

Una visita, quella del Ministro che si è svolta tra le domus e via dell’Abbondanza, accompagnato dal direttore Massimo Osanna e una ben nutrita colonna di funzionari, dirigenti, personale degli scavi e del servizio d’ordine fornito da Polizia e Carabinieri, tantissime persone che non hanno per niente incuriosito e nemmeno impressionato le centinaia e centinaia di turisti che affollavano i regi e le domus in una giornata di inizio settimana di un mese non certamente consacrato ai viaggi e al turismo, la loro fiducia, contribuirà a raggiungere il primato delle visite culturali e turistiche in Italia. Loro c’erano, ci si può solo impegnare di più per far si che ci siano sempre.

 

 

Continua a leggere

Cultura

Casa degli Amanti, Bottega del Garum e Casa del Frutteto: aprono a Pompei altre tre meravigliose domus

Marina Delfi

Pubblicato

del

Un post su Instagram per annunciare la riapertura della Domus degli Amanti. L’ha pubblicato il direttore generale del Parco Archeologico di Pompei Massimo Osanna. Da domani, 18 febbraio, riapre al pubblico una delle più belle e ricche domus pompeiane. “Ultimi ritocchi prima dell’inaugurazione…si riapre la casa degli Amanti, chiusa da 40 anni”, ha scritto come accompagnamento alle fotografie Osanna. Ed ha aggiunto: “Tra gli edifici restaurati nella Regio I e che si riapriranno a breve, c’è anche la bottega del Garum. Un luogo destinato alla produzione e alla vendita di pesce sotto sale e suoi derivati”. Inoltre verrà inaugurata anche la Casa del Frutteto su via dell’Abbondanza, anche questa meravigliosa Domus di Pompei. Alla riapertura del sito che racconta la vita all’interno di una casa patrizia ci sarà anche il ministro Dario Franceschini. Appuntamento agli Scavi domani, martedì 18 febbraio, alle ore 11.00 col del ministro Dario Franceschini.

Continua a leggere

In rilievo