Collegati con noi

Esteri

Tensione al summit Nato, Trump schernito dagli alleati

Avatar

Pubblicato

del

Era iniziato con i toni della polemica, è finito quasi con quelli della farsa. Il vertice dei 70 anni della Nato si chiude a Watford, alle porte di Londra, adottando la dichiarazione unanime di rito, con qualche richiamo nuovo (sulla Cina o la cooperazione militare nello spazio) e molti impegni risaputi e ribaditi. Ma i dissidi, politici e personali, restano in larga parte irrisolti – suggellati dall’evidente irritazione di Donald Trump, che se ne va cancellando d’improvviso la sua conferenza stampa finale – fra tensioni, diverbi e persino momenti di scherno: come nel caso dei risolini innescati in un capannello di leader dalle ironie riservate al presidente Usa dal premier canadese Justin Trudeau. Un episodio minore, assurto tuttavia a simbolo di questa celebrazione poco riuscita malgrado l’ottimismo profuso a piene mani dal segretario generale Jens Stoltenberg e dal padrone di casa, Boris Johnson. Se non proprio a sintomo della crisi del 70esimo anno di un’alleanza che pure il medesimo Trump giura essere “forte e ricca come non mai”. A creare l’incidente e’ stato stavolta un filmato carpito dalla tv canadese a Buckingham Palace durante il ricevimento offerto ieri dalla regina e dal principe Carlo agli ospiti alleati: con tanto di immagini sottotitolate di Trudeau, Johnson, Emmanuel Macron, Mark Rutte e la principessa Anna a confabulare bicchieri in mano. “Per questo eri in ritardo?”, si sente Johnson chiedere a Macron, reduce da un bilaterale con Trump dilatato oltre misura dal tycoon di fronte ai media. E quindi Trudeau rispondere sarcastico al posto del presidente della Francia: “Era in ritardo perche’ ha fatto una conferenza stampa di 40 minuti fuori programma”. Evidente allusione a The Donald, corredata da ilarita’ finali sul presunto sconforto “a bocca aperta” dello stesso staff della Casa Bianca. Trump, che con Trudeau s’era gia’ beccato in passato, non l’ha presa bene. Ha aspettato lo stop dei lavori ufficiali del summit per replicare. Poi ha piazzato la stoccata al termine dell’ultimo d’una serie di faccia a faccia di contorno (fra i piu’ amichevoli, quello col presidente del Consiglio Giuseppe Conte), con al fianco la cancelliera Angela Merkel. Trudeau, ha esordito condiscendente, “e’ un simpatico ragazzo. Ma io l’ho stanato sul fatto che lui non versa il 2%” sul Pil di contributi per la difesa alla Nato. “Non paga il 2%, ma lo deve pagare perche’ il Canada i soldi li ha – ha proseguito velenoso – e immagino che non sia troppo contento” di sentirselo dire. Per dargli poi dell’ipocrita. Il siparietto e’ finito cosi’. E oscura anche se non cancella i risultati rivendicati da Stoltenberg: la formalizzazione degli impegni ad aumentare proprio gli stanziamenti all’alleanza, cresciuti di 160 miliardi di dollari dal 2016 e destinati a un ulteriore balzo fino a 400 miliardi in piu’ per il 2024; o ancora la linea comune trovata sulla Russia, a cavallo tra “deterrenza e dialogo”; sull’inedito richiamo alla Cina in materia di disarmo; sul rafforzamento delle missioni a protezione dei confini di Polonia e Paesi baltici; sull’individuazione delle “minacce emergenti”, dalla sfida dello spazio visto ormai anche come uno scenario militare, al terrorismo, alla cyber guerra, alla questione delle nuove tecnologie e delle infiltrazioni che possono derivarne. Temi da affrontare in uno spirito unitario, ha incitato Johnson – deciso a fare del meeting di Watford anche un palcoscenico elettorale in vista del voto britannico del 12 dicembre – ricordando il successo storico della Nato e invocando il motto da moschettieri “uno per tutti, tutti per uno”. E pero’ temi che non esauriscono un’agenda nella quale, accanto a “cio’ che unisce”, resta altrettanto visibile cio’ che divide. La lista comprende il rapporto con la Turchia di Recep Tayyip Erdogan, logorato nel giudizio di molti partner europei, Parigi in testa, dalla cruenta operazione anti-curda del sultano in Siria. Ma anche questioni come la possibile partecipazione del colosso cinese Huawei nello sviluppo della sensibile tecnologia di comunicazione 5G cui Washington si oppone, ma che Paesi come Italia o Regno Unito non escludono del tutto. O dossier collaterali sul commercio, la web tax sui big americani dell’hi-tech, le minacce di ritorsioni a colpi di dazi. Problemi sui quali se non altro il dibattito e’ ora aperto, chiosa Macron, attribuendosi il merito d’aver dato lo scossone paventando alla vigilia una Nato “in stato di morte cerebrale”.

Advertisement

Esteri

Weinstein prima degli stupri si iniettava farmaci anti-impotenza

Avatar

Pubblicato

del

Sette anni fa, prima di stuprare una aspirante attrice in un hotel di Manhattan, Harvey Weinstein si inietto’ un farmaco ad azione rapida contro l’impotenza: lo ha riportato la rappresentante della procura di New York al processo contra l’ex produttore entrato nel vivo oggi a New York. L’episodio sarebbe avvenuto dopo circa un mese che Weinstein, allora 61enne, frequentava la donna, conosciuta a una festa a Los Angeles, ha detto la procuratrice Meghan Hast, secondo cui, via via che passava il tempo, l’ex capo di Miramax “diventava sempre piu’ esigente e violento”, fino all’incidente del 18 maggio 2013 al Double Tree Hotel di Midtown quando “decise che voleva di piu’ e se lo prese a forza”. Weinstein, secondo il resoconto della procura, entro’ nella stanza pretendendo che lei si spogliasse. Al suo rifiuto, divenne piu’ rumoroso e aggressivo, le salto’ addosso, levandole a forza i vestiti. Le ordino’ di andare a letto, ando’ in bagno e di ritorno le sali’ sopra e la violento'”. Dopo lo stupro, disgustata e sotto shock, la donna corse in bagno e trovo’ nel cestino una siringa: l’involucro scartato era quello di un farmaco contro il deficit di erezione.

Continua a leggere

Esteri

Hackeraggio dello smartphone di Bezos, “indagare sul principe saudita”

Avatar

Pubblicato

del

Il cerchio si stringe sul principe ereditario saudita Mohamed bin Salman, che rischia di ritrovarsi al centro di un’inchiesta internazionale per aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon nonche’ proprietario del Washington Post: il giornale dove scriveva come editorialista ed opinionista il dissidente di Riad Jamal Khashoggi, barbaramente assassinato nell’ottobre del 2018. A chiedere l’apertura di un’indagine da parte degli Stati Uniti e di altri Paesi sono due esperti indipendenti dell’Onu che hanno gia’ indagato sul caso Khashoggi. E che in un nuovo rapporto confermano come bin Salman, tramite il suo account di WhatsApp, nel maggio del 2018 si sarebbe introdotto nello smartphone di Bezos permettendo il furto di massicce informazioni personali dell’uomo piu’ ricco del mondo.

Questo con l’intento “di influenzare, se non di mettere a tacere” le inchieste giornalistiche del Washington Post sul regime saudita, soprattutto le severe analisi anti-regime dell’ipercritico Khashoggi. Quest’ultimo sara’ ucciso cinque mesi dopo l’hackeraggio da un commando della morte nel consolato saudita di Istanbul. Agnes Callamard, inviata speciale dell’Onu per i diritti umani che da anni indaga sulla piaga delle esecuzioni sommarie, e David Kaye, inviato speciale dell’Onu per la liberta’ di espressione, per la prima volta legano esplicitamente l’operazione pirata nei confronti del telefono di Bezos con l’omicidio del giornalista saudita, chiedendo alla comunita’ internazionale di fare definitivamente chiarezza sull’intera vicenda. “L’inchiesta – scrivono – dovrebbe essere ampia e comprendere il continuo, diretto e personale coinvolgimento del principe ereditario saudita in tutti i tentativi di prendere di mira quelli che percepisce come suoi oppositori”. In particolare, spiegano Callamard e Kaye, “la circostanza e la tempistica dell’hackeraggio del telefono di Bezos, e dunque la sua sorveglianza, rafforzano la necessita’ di un’ulteriore indagine da parte degli Stati Uniti e di altre autorita’ sulle accuse” a bin Salman di “aver ordinato, incitato o almeno essere stato a conoscenza e di non aver non fermato la missione per uccidere Khashoggi”. Una richiesta che non puo’ non imbarazzare l’amministrazione Trump, finora decisamente indulgente verso chi comanda a Riad anche di fronte a un assassinio che ha indignato il mondo intero. Intanto l’Arabia Saudita torna a respingere ogni accusa, con l’ambasciata a Washington che su Twitter liquida come “assurde” le accuse mosse al principe ereditario, compresa quella di aver piratato il telefono del fondatore di Amazon.

Continua a leggere

Esteri

Libano ancora in fiamme nonostante il nuovo governo targato Hezbollah

Avatar

Pubblicato

del

Una missione pressoche’ impossibile attende il nuovo governo libanese, guidato dal premier Hassan Diab, espressione dell’asse politico vicino agli Hezbollah vicini all’Iran: avviare riforme per rassicurare partner finanziari occidentali e arabi e al tempo stesso placare la crescente rabbia di una popolazione sofferente per la prolungata crisi economica. Che pero’ non sembra credere al nuovo corso, come dimostra l’ennesima e durissima contestazione di piazza. Il primo ministro oggi ha tenuto la prima urgente riunione del consiglio dei ministri, presieduta come e’ tradizione dal capo di Stato Michel Aoun, anche lui forte alleato degli Hezbollah. Il Libano, ha detto Diab, si trova di fronte a una “catastrofe” economica. Come governo, ha aggiunto, dobbiamo affrontare delle “sfide enormi”. Il suo esecutivo e’ formato da 20 ministri, tutti di prima nomina e di cui 6 sono donne. Ma al di la’ delle apparenze, il governo Diab e’ fortemente ancorato a parte di sigle politico-confessionali da decenni al potere. E che si dividono con gli altri partiti, ora all’opposizione, le responsabilita’ di aver portato il paese sull’orlo del default finanziario. Di fronte alle proteste popolari contro il carovita e la corruzione scoppiate a meta’ ottobre e gradualmente trasformatesi in un movimento massiccio di contestazione di tutto il sistema politico-clientelare, Diab ha assicurato che intende concentrarsi sulle questioni economiche piu’ urgenti.

Tra queste, gli analisti, ricordano che ci sono tre dossier impellenti: intervenire a difesa dei risparmiatori, colpiti dalle misure di “controllo dei capitali” decisi dalle banche da meta’ novembre nel contesto di crisi di liquidita’ del dollaro; stabilire un piano di ristrutturazione del mastodontico debito estero; sbloccare gli aiuti finanziari occidentali e arabi per dare ossigeno all’economia. Il presidente francese Emmanuel Macron, da Gerusalemme, ha affermato che la Francia fara’ “tutto il possibile per aiutare” il Libano nella crisi profonda che attraversa. Macron ha anche ricordato che bisogna rimanere “vigili” rispetto alla minaccia del “terrorismo”. Un riferimento che, espresso da Israele, suona come un avvertimento proprio agli Hezbollah filo-iraniani, arci-nemici dello Stato ebraico ma che guidano di fatto la coalizione a sostegno del neo-premier Diab. Nei giorni scorsi, prima che Diab annunciasse la nascita del nuovo esecutivo, il governo britannico aveva allargato le sanzioni economiche allo stesso Partito di Dio libanese. Il nuovo premier dovra’ quindi compiere la missione assai ardua di rassicurare la comunita’ internazionale occidentale e dei paesi arabi del Golfo, mandando segnali di apertura e distensione all’interno di un paese dove non si placa il movimento di protesta. Degenerato anche oggi in scontri con le forze dell’ordine, fuori dal Parlamento, perche’ i manifestanti considerano il nuovo governo una copia sbiadita di quelli precedenti.

Continua a leggere

In rilievo