Collegati con noi

Tecnologia

Svolta di Twitter, stop a tutti gli spot politici

Avatar

Pubblicato

del

Svolta in casa Twitter: stop ovunque nel mondo a tutti gli spot politici sulla propria piattaforma. Ad annunciare la decisione il numero uno del social media Jack Dorsey, che ad un anno dalle elezioni presidenziali americane del 3 novembre 2020 prende una posizione netta e decisamente diversa da Facebook, con Mark Zuckerberg fautore di un approccio piu’ morbido, a costo di attirarsi le critiche piu’ feroci “Abbiamo preso la decisione di bloccare tutte le inserzioni pubblicitarie perche’ la pubblicita’ su internet e’ molto potente ed efficace, ma comporta significativi rischi politici laddove puo’ essere usata per influenzare voti”, ha affermato Dorsey, spiegando come questo non abbia “nulla a che fare con la liberta’ di espressione”: “Ha a che fare con il pagare” per raggiungere un pubblico piu’ ampio possibile, e questo – ha aggiunto – ha significative ramificazioni che l’architettura democratica di oggi potrebbe non essere in grado di gestire”. Del resto quanto accaduto con le presidenziali Usa del 2016, ma anche nel corso delle campagne elettorali in tanti Paesi europei e del mondo occidentale, hanno da tempo posto il problema del ruolo dei social network nei processi elettorali in primissimo piano, con Facebook e Twitter finiti spesso sul banco degli imputati. Ora Dorsey, alle prese con un difficile rilancio di Twitter, vuole voltare definitivamente pagina, a differenza di Zuckerberg che ancora pochi giorni fa e’ stato duramente contestato in Congresso. Dopo Usa 2016 l’amministratore delegato di Twitter aveva gia’ varato una stretta, iniziando a chiedere agli inserzionisti di verificare la loro identita’ e pubblicando una banca dati degli spot politici ed elettorali presenti sulla propria piattaforma. E di recente vietando le pubblicita’ sponsorizzate da organismi sostenuti da governi, una risposta in particolare alle fake news circolate sulle proteste ad Hong Kong e favorite da media sostenuti da Pechino. E’ inevitabile che adesso la decisione di Twitter mettera’ ancora piu’ pressione su tutti gli altri social media. Anche se Zuckerberg ha continuato a difendere la sua linea: Facebook e’ nata per dare voce a tutti e si schiera dalla parte della libera espressione. Dunque la soluzione non e’ vietare ma regolare e vigilare. E nel quartier generale di Menlo Park opera oramai in pianta stabile una sorta di ‘war room’ dove una task force di esperti prova a controllare tutti i contenuti che passano sulla piattaforma di Facebook, soprattutto a ridosso di importanti elezioni.

Advertisement

In Evidenza

Luna, accordo storico Italia-Usa per esplorarla

Avatar

Pubblicato

del

“Ci vediamo sulla Luna”: si sono salutati cosi’ il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per lo spazio, Riccardo Fraccaro, e l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine, al termine del collegamento in cui e’ stata firmata la dichiarazione d’intenti nella quale l’Italia collaborera’ al programma Artemis della Nasa per l’esplorazione della Luna. Per Fraccaro si apre una pagina storica, che fa dell’Italia “il primo Paese Ue a siglare quest’intesa che ci dara’ la possibilita’ di partecipare alla missione lunare e di avere un ruolo da protagonista nel piu’ ambizioso programma di attivita’ spaziale mai attuato”. Per l’Italia, ha aggiunto, e’ “un riconoscimento del valore delle nostre eccellenze scientifiche e produttive e del nostro contributo alla missione lunare”. L’obiettivo e’ “allargare il mercato agli operatori commerciali non esclusivamente spaziali e creare un volano che incrementera’ la competitivita’ e la crescita di entrambi i nostri Paesi”, ha detto ancora Fraccaro riferendosi ai possibili sviluppi dell’accordo alla luce della new space economy. Soddisfatto anche Bridenstine, che ha ricordato la lunga collaborazione fra Italia e Stati Uniti in campo spaziale: dopo che nel 1964 l’Italia aveva lanciato il suo primo satellite, il San Marco 1, dalla base americana di Wallops Island, nel 1997 la collaborazione con gli Stati Uniti aveva portato all’accordo bilaterale con cui il nostro Paese ha fornito i moduli pressurizzati per la Stazione Spaziale Internazionale. Quell’accordo ha permesso all’industria italiana di costruire oltre la meta’ delle strutture della grande casa-laboratorio nello spazio, ha reso possibili molte missioni di astronauti italiani e di portare sulla stazione orbitale numerosi esperimenti del nostro Paese. Si apre adesso una nuova pagina, che secondo l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, per l’industria italiana ha il valore potenziale di un miliardo di euro. La missione Artemis e’ il cardine del progetto americano di riportare l’uomo sul suolo lunare entro il 2024 e per la quale il governo degli Stati Uniti ha stanziato 28 miliardi di dollari. E adesso e’ anche un’avventura che vede l’Italia in prima fila, con “grande soddisfazione” del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Giorgio Saccoccia. Il prossimo passo, ha rilevato Saccoccia, saranno gli accordi attuativi fra le due agenzie spaziali, nei quali “saranno specificati nel dettaglio i contributi italiani al programma che contribuiranno a rendere possibile il sogno di una presenza sostenibile in orbita e sulla superfice lunare: dai moduli abitativi, agli esperimenti scientifici, al sistema di telecomunicazioni”. Fra i possibili contributi che l’Italia potra’ dare all’esplorazione lunare, l’amministratore delegato di Thales Alenia Space (Thales-Leonardo), Massimo Comparini, ha indicato la “nuova generazione di elementi pressurizzati abitabili, quali il primo habitat di superficie o la cabina che fara’ approdare gli astronauti sulla Luna”.

Continua a leggere

In Evidenza

Tutti pronti per la Notte della Luna

Avatar

Pubblicato

del

Tutti pronti per la Notte della Luna, l’iniziativa mondiale ‘International Observe the Moon Night’, organizzata dalla Nasa e dedicata all’osservazione del satellite della Terra. Tantissimi gli eventi previsti in tutto il mondo e anche in Italia, nuvole e pioggia permettendo, sono previste iniziative da Nord a Sud. Sono le ore in cui  la fase lunare rileverà circa il 75% del disco, così come lo vediamo da Terra. Tra le altre caratteristiche rappresentative del paesaggio lunare,  troveremo gli Appennini lunari, sempre imponenti e magnifici da ammirare, e crateri importanti come Plato e Copernicus, e tutto questo sarà visibile già con un modesto telescopio. L’Italia ha sempre aderito all’iniziativa con un alto numero di associazioni e dopo gli Usa è fra i maggiori partecipanti. L’evento, che si svolgera’ seguendo tutte le norme di sicurezza previste dalle misure anti-Covid, quest’anno ha un significato ancora più importante, perchè segna la ripresa delle attivita’ col pubblico dopo le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria. Sono previsti numerosi appuntamenti, come le osservazioni organizzate a Bergamo dagli astrofili di Cinisello Balsamo, ad Alessandria dagli astrofili “Cielo del Monferrato”, il moonwatch party all’Osservatorio astronomico di Punta Falcone a Piombino (Livorno) curato dall’Associazione Astrofili Piombino. Osservazioni anche a Rocca di Papa (Roma) con l’Associazione Tuscolana di Astronomia e al Belvedere di Monte Pellegrino (Palermo) con gli astrofili dell’Orsa, mentre a Napoli l’Unione Astrofili Napoletani organizza tre eventi patrocinati dall’Inaf.

Continua a leggere

In Evidenza

La neurobiologa Catherine Dulac scopre perchè l’uomo è “distruttivo” e la donna “protettiva”

Angelo Turco

Pubblicato

del

Si chiama Catherine Dulac. E’ francese, ma vive e lavora negli Stati Uniti, all’Università di Harvard. Insegna e dirige un laboratorio di neurobiologia. Ha vinto, nei giorni scorsi, un premio importante: si chiama “Breakthrough Prize”, e vale 3 milioni di dollari. Il triplo del Nobel, tanto per capirci.
Oltre a lei, sono stati premiati altri 6 ricercatori, tra scienze della vita, fisica e matematica. Il premio è finanziato dall’industria di Silicon Valley, ed è un riconoscimento a chi “sfora”, a chi muovendosi lungo i margini avanzati della conoscenza, a volte li trapassa.
Catherine studia l’istinto parentale nei topi. Di che si tratta? Un doppio circuito neuronale è presente nella testa di ciascun animale: uno è protettivo, l’altro è aggressivo e distruttivo. Il fatto è che il primo è tipicamente femminile, il secondo è tipicamente maschile. “Tipicamente” vuol dire che in circostanze “normali” questi circuiti, in presenza di un nuovo nato, vengono attivati dagli ormoni: femminili e, rispettivamente, maschili.
C’è dunque un interruttore che si accende, che spinge le femmine a prendersi cura della nuova creatura e i maschi ad attaccarla, sviluppando comportamenti infanticidari. Catherine ha scoperto che entrambi questi circuiti sono presenti nel cervello dei topi e, qualche volta, l’interruttore può funzionare in modo anomalo: inducendo la femmina a uccidere i piccoli e, cosa ancora più rara, i maschi ad assumere in toto i ruoli “di cura” della paternità.
La scommessa della scienziata è che questi meccanismi neuronali/ormonali siano attivi con modalità proprie in tutti i mammiferi e, di conseguenza, anche negli umani: uomini e donne.
Vorrei ringraziare Catherine, per la pista che ha aperto in tema di speciazione. Ci ha dato un segnale forte sul rispetto, l’amore, la cura che tutti dobbiamo portare all'”essere femminile” della vita, di là da ogni “concessione” maschile, senza rinunciare a nessun sogno gentile, si capisce, ma oltre ogni rozza mitologia.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto