Collegati con noi

Tecnologia

Sonda Tianwen-1 inviata dalla Cina su Marte ha percorso 100 milioni di km

Avatar

Pubblicato

del

La Sonda Tianwen-1 inviata dalla Cina su Marte ha percorso circa 100 milioni di chilometri fino a oggi. Lo afferma la China National Space Administration (CNSA), secondo cui il dato e’ aggiornato alle ore 10:08. La Sonda e’ in condizioni stabili e i diversi strumenti che trasporta hanno terminato i controlli autonomi. Ha viaggiato in orbita per 36 giorni e si trova a 10,75 milioni di chilometri dalla Terra.

Il 23 luglio Tianwen-1 e’ stata lanciata nell’orbita di trasferimento Terra-Marte da un razzo Long March-5. Secondo una fonte del Lunar Exploration and Space Program Center della CNSA, si prevede che percorrera’ 470 milioni di chilometri prima di arrivare su Marte, quando si trovera’ a circa 195 milioni di chilometri dalla Terra. Finora la Sonda ha catturato un’immagine della Terra e della Luna e ha effettuato la sua prima correzione orbitale. Alle 22:20 del 19 agosto, diversi strumenti trasportati dallaSonda hanno completato le procedure di autocontrollo, tra cui il magnetometro e lo spettrometro mineralogico per analizzare il pianeta rosso e la telecamera ad alta risoluzione.

Advertisement

In Evidenza

La neurobiologa Catherine Dulac scopre perchè l’uomo è “distruttivo” e la donna “protettiva”

Angelo Turco

Pubblicato

del

Si chiama Catherine Dulac. E’ francese, ma vive e lavora negli Stati Uniti, all’Università di Harvard. Insegna e dirige un laboratorio di neurobiologia. Ha vinto, nei giorni scorsi, un premio importante: si chiama “Breakthrough Prize”, e vale 3 milioni di dollari. Il triplo del Nobel, tanto per capirci.
Oltre a lei, sono stati premiati altri 6 ricercatori, tra scienze della vita, fisica e matematica. Il premio è finanziato dall’industria di Silicon Valley, ed è un riconoscimento a chi “sfora”, a chi muovendosi lungo i margini avanzati della conoscenza, a volte li trapassa.
Catherine studia l’istinto parentale nei topi. Di che si tratta? Un doppio circuito neuronale è presente nella testa di ciascun animale: uno è protettivo, l’altro è aggressivo e distruttivo. Il fatto è che il primo è tipicamente femminile, il secondo è tipicamente maschile. “Tipicamente” vuol dire che in circostanze “normali” questi circuiti, in presenza di un nuovo nato, vengono attivati dagli ormoni: femminili e, rispettivamente, maschili.
C’è dunque un interruttore che si accende, che spinge le femmine a prendersi cura della nuova creatura e i maschi ad attaccarla, sviluppando comportamenti infanticidari. Catherine ha scoperto che entrambi questi circuiti sono presenti nel cervello dei topi e, qualche volta, l’interruttore può funzionare in modo anomalo: inducendo la femmina a uccidere i piccoli e, cosa ancora più rara, i maschi ad assumere in toto i ruoli “di cura” della paternità.
La scommessa della scienziata è che questi meccanismi neuronali/ormonali siano attivi con modalità proprie in tutti i mammiferi e, di conseguenza, anche negli umani: uomini e donne.
Vorrei ringraziare Catherine, per la pista che ha aperto in tema di speciazione. Ci ha dato un segnale forte sul rispetto, l’amore, la cura che tutti dobbiamo portare all'”essere femminile” della vita, di là da ogni “concessione” maschile, senza rinunciare a nessun sogno gentile, si capisce, ma oltre ogni rozza mitologia.

Continua a leggere

Tecnologia

Torna a volare il razzo Vega, a bordo 53 satelliti

Avatar

Pubblicato

del

Riparte l’Italia dello spazio dopo il lockdown, con il lancio del razzo europeo Vega. Realizzato negli stabilimenti dell’Avio a Colleferro, alle porte di Roma, il lanciatore Vega torna a volare per la sua 16/a missione nella notte tra l’1 e il 2 settembre, dalla base di Kourou, nella Guyana francese, dopo il rinvio di meta’ giugno a causa dei forti venti. La finestra di lancio e’ fissata tra l’1 e il 4 settembre quando, rende noto Arianespace, “ci sara’ piu’ del 90% di probabilita’ che le condizioni meteo siano favorevoli”. Il primo tentativo avverra’ quando in Italia saranno le 3:51. “L’Italia dello spazio riprende a correre grazie a Vega e alla sua storia, caratterizzata da 14 lanci di successo di fila, fatto non scontato nel trasporto spaziale”, ha commentato il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Giorgio Saccoccia. Il lancio, finanziato in parte dall’Ue col programma Horizon 2020, non segna solo il ritorno al volo di Vega, ma anche l’esordio del sistema di distribuzione di satelliti dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), Small Spacecraft Mission Service (Ssms), servizio di lancio per piccoli satelliti che consentira’ di mettere in orbita 53 tra nano, micro e minisatelliti, da 1 a 500 chilogrammi, a beneficio di 21 clienti di 13 Paesi. La realizzazione di Ssms e’ il risultato di una collaborazione tra societa’ italiane e della Repubblica Ceca, con l’Italia capofila. “Grazie a Ssms – aggiunge Saccoccia – Vega sara’ ancora piu’ competitivo e versatile. Avra’, infatti, la capacita’ di portare in orbita una grandissima quantita’ e varieta’ di piccoli satelliti, per fare fronte alla crescente richiesta da parte dell’utenza istituzionale e commerciale”, precisa il presidente dell’Asi. Vega rilascera’ in sequenza i 53 satelliti in un’orbita a circa 500 chilometri di quota: serviranno per esperimenti scientifici, l’osservazione della Terra, le telecomunicazioni e progetti educativi. “Il nuovo servizio Ssms – spiega l’Esa – intende fare crescere le tecnologie spaziali in Europa, rendendo piu’ facile trovare opportunita’ di lancio per i satelliti di piccola taglia. I carichi che viaggiano insieme condividono, infatti, il costo del lancio, rendendolo piu’ conveniente”. In orbita con Vega, ospitato in un CubeSat, un satellite grande come una scatola di scarpe, ci sara’ anche il laboratorio di microgravita’, Dido3, nato dalla collaborazione tra l’Asi e l’agenzia spaziale israeliana, Isa, in cooperazione con il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci) e il ministero della Scienza e della Tecnologia di Israele. A bordo di Dido3 quattro esperimenti che coinvolgono le Universita’ Federico II di Napoli, di Roma 3, Roma Tor Vergata e Bologna. Studieranno, ad esempio, gli effetti della microgravita’ sulla resistenza agli antibiotici e sui farmaci.

Continua a leggere

In Evidenza

Sorprese dal primo ritratto 3D di un embrione di dinosauro

Avatar

Pubblicato

del

Sorprese dal primo ritratto in 3D di un embrione di dinosauro: appartiene alla specie dei dinosauri dal lungo collo (titanosauri) e rivela che i piccoli avevano caratteristiche di testa e faccia inaspettate, come una sorta di piccolo corno sulla fronte che permetteva loro di uscire dall’uovo, e cambiavano aspetto man mano che crescevano. Pubblicato sulla rivista Current Biology, il risultato si deve ai ricercatori coordinati da Martin Kundrat, dell’Universita’ slovacca Pavol Jozef Šafarik. “Le uova di dinosauro sono per me come capsule del tempo che portano un messaggio dall’antichita’”, dice Kundrat. “Questo e’ il caso del nostro esemplare che – aggiunge – racconta una storia sui giganti della Patagonia prima della schiusa”. La caratteristica piu’ sorprendente, secondo l’esperto “e’ l’aspetto della testa, che implica che i piccoli di questa specie di dinosauri giganti, nelle prime fasi di vita, avessero un aspetto diverso rispetto a quello degli adulti”.

L’embrione proviene dalla Patagonia, in Argentina, ma la sua origine precisa non e’ nota. Questo perche’ l’uovo e’ stato esportato illegalmente dal Paese e portato all’attenzione dei ricercatori solo piu’ tardi. Quando Terry Manning, un coautore dello studio dell’Arizona, si rese conto dello stato di conservazione unico e dell’importanza scientifica dell’esemplare, invio’ il fossile in Argentina per ulteriori studi. Ora e’ ospitato presso il Museo Carmen Funes con altri embrioni di titanosauri scoperti in un enorme sito di nidificazione di titanosauri vissuti circa 80 milioni di anni fa in Patagonia. I ricercatori hanno utilizzato una nuova tecnologia di imaging chiamata microtomografia con radiazione di sincrotrone per studiare la struttura interna di ossa, denti e tessuti molli dell’embrione. Le scansioni hanno permesso di ricostruire l’aspetto piu’ plausibile del cranio dei titanosauri prima della schiusa, trovando dettagli nascosti, inclusi minuscoli denti conservati in profondita’ in minuscole orbite mascellari e una prominenza sul cranio.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto