Collegati con noi

Economia

Sky venderà telefonini e giga, tagli ai telegiornali e divorzio con la Lega di Serie A: fine di un’epoca

Avatar

Pubblicato

del

Erano diventati i padroni del pallone, facevano il bello e il cattivo tempo, stilavano calendari, stabilivano a che ora si giocavano le partite di calcio più importanti, quali match andavano all’ora di pranzo, quali a cena, chi faceva gli anticipi, chi i posticipi. Hanno simulato ad libitum persino l’esistenza di una concorrenza tra broadcast nel mondo dorato dei diritti tv del pallone che hanno controllato a piacimento per almeno 15 anni spazzando la concorrenza con pacchi di milioni di euro, spesso mortificando anche la Rai.
Ora i padroni ingordi del pallone sono sul punto di fare il botto. Colpa di un management che ha trasformato la gallina dalle uova d’oro in una vacca dove tutti i manager hanno munto qualcosa senza però lasciare nulla. Sky si avvia al fallimento.

Francesca Manili Pessima. Nel cassetto della signora c’è da due anni il piano per chiudere interi settori delle news e dello sport

Il fallimento della sua missione: innovare la televisione, far convergere piattaforme, offrire al cliente-utente della piattaforma contenuti che potevano essere cuciti su misura: tutti gli sport, calcio, film, intrattenimento, documentari, lifestyle, motori, benessere. Alla fine però si sono fossilizzati solo sulla dipendenza e sulla commistione di interessi con il calcio e con i padroncini del calcio. Così l’azienda di Rogoredo, chiusa nei palazzoni di vetro con vista sul boschetto dei drogati e sulla ferrovia che attraversa Santa Giulia, si è tenuta in piedi inventando, drenando e acquistando abbonati da altre piattaforme, sguazzando in un mercato con una concorrenza di facciata. I padroni del pallone hanno aumentato il fatturato senza investire mai un centesimo, dimenticando che la televisione non è il device ma le idee che ci metti dentro. Bene, dentro la televisione di Sky, tolta qualche incursione di Rosario Fiorello ben pagata e Gomorra, non c’è nulla. Solo roba di facciata o roba importata dagli Usa che ultimamente gli abbonanti devo sorbirsi in lingua originale con i sottotitoli.

La manifestazione di protesta degli ex tecnici dipendenti di società esterne che lavoravano a Sky tg24

Tutta roba già vista: 4 ristoranti, 8 alberghi, EPCC, ECG e altre cose sempre uguali. Come resta intatta l’arroganza di chi si sente padrone anche se non possiede più niente. Sky non ha liquidità in cassa. Non ha versato alle società di serie A i 131,6 milioni di euro di maggio per i diritti tv. Per loro, per i padroni del calcio, l’ultima rata del campionato sospeso da marzo per pandemia non s’ha da pagare. E se riprende il campionato si può anche pagare ma con un sensibile sconto. Altrimenti “facessero pure causa” i presidenti delle società di Serie A che in massima parte tengono i bilanci più o meno in ordine grazie a Sky. Da marzo ad oggi, siamo nella terza decade di maggio, però, a Sky non hanno mai mancato di incassare le rate mensili degli abbonati che pur versando il denaro come da contratto per avere anche il pacchetto calcio, non hanno mai ricevuto la controprestazione. Ora siamo in quella che è la classica storiella all’italiana.  La Lega di Serie A (cioè tutti i club di Serie A) rivendicano i 131,6 milioni di euro da Sky e altri 81 milioni da Dazn e Img, gli altri titolari dei diritti Tv del calcio in Italia e all’estero. Sky non vuole pagare ma continua ad incassare dai suoi abbonati i diritti tv del calcio sull’abbonamento che però non rispetta. La Lega di Serie A fa causa a Sky e chi lo prende in quel posto sono, come sempre, i consumatori. Perchè se è vero, come è vero, che Sky e la Lega di Serie A, alla fine troveranno una composizione dei loro affari, gli abbonati sono sempre quelli che non vengono tutelati, semprechè qualche avvocato o associazione dei consumatori non capisca la grave violazione dei diritti degli abbonati e si decide infine ad occuparsi di questa faccenda.

Maximo Ibarra. Nuovo Ceo di Sky Italia che deve traghettare l’azienda verso un modello di business diverso sganciato dal calcio

E la faccenda Sky-Lega di Serie A è molto più pesante di quello che sembra. Sembra infatti che Sky voglia sfruttare questo momento difficile, facendo balenare una cosa che a loro giudizio dovrebbe terrorizzare i presidenti di Serie A. Quale sarebbe la notizia farlocca? Che Sky non avrebbe intenzione di sborsare ancora 789 milioni di euro per la prossima stagione e comunque avrebbe intenzione di uscire dal mondo del calcio perchè le risorse autorizzate dalla proprietà americana Comcast sono state notevolmente ridotte al management italiano che è ritenuto responsabile dello sfascio .
E allora, davanti a questa pantomima di finte tensioni e di scambi di lettere tra legali, quello che a Sky vorrebbero portare a casa con questi mezzi ricatti, altro non è che uno sconto (da 120 a 140 milioni all’anno) per evitare lunghi contenziosi in tribunale. Ma pare che la Lega di Serie A non voglia saperne di scontare soldi a Sky e che ci siano dei legali pronti a mandare i decreti ingiuntivi. Quello che è certo è che se Sky finge di volere andare via sperando che i club la trattengano, la Lega di Serie A discute già su come separarsi da Sky e come trovare altri players. E ce ne sono.
Il contratto per i diritti Tv del triennio 2018/21 non contempla deroghe: se il calcio ripartirà a giugno (il 13), Sky deve fare il bonifico per chiudere la stagione. Poi a luglio dovrà versare l’anticipo per la prossima stagione. E in autunno sarà già tempo di asta per il 2021/24. De Laurentiis, Lotito e colleghi pretendono almeno un miliardo a campionato, più gli introiti dall’estero (Img garantisce 367 milioni). Sky contribuisce con 789 milioni, altri 193 li hanno messi quei generosi di Dazn. Secondo quanto apprendiamo noi, Comcast potrebbe non avallare un esborso superiore al mezzo miliardo. Allora il canale di Lega, che l’altroieri appariva un insulto a Sky perché non prevede l’esclusiva, domani potrebbe accontentare tutti e lasciare il rischio dell’impresa a uno solo: la Lega. La trattativa sullo sconto sono i titoli di coda di un rapporto oramai morto tra Lega di serie A e la Sky Italia degli americani di Comcast che di Sky Europa acquistata per 33 miliardi di euro vuole servirsene per fare gli stessi business che fa negli Uniti: telefonia fissa e tv via cavo. Questo è il mestiere di Comcast: telefonia, affari, Universal, , Dreamworks Animation, Universal Pictures. I Roberts ( i proprietari) quando hanno comprato Sky Europa pensavano ai 24 milioni di utenti, di cui 5 milioni di italiani.

Risparmi. Molti risparmi saranno realizzati tagliando personale e contratti a tutto il personale delle aree news

Volevano esportare un modello, il più classico degli integrati: Internet a casa con la banda larga (anche mobile, in Uk già funziona), una televisione a pagamento in stile Netflix con contenuti pregiati di sport e canali gratuiti come TV8 per ammassare pubblicità. Con un po’ di ritardo, il modello sta per debuttare in Italia. Da luglio il gruppo proporrà agli italiani l’attivazione di Internet a casa.
Quanto al nome, scarso apporto di fantasia e ballottaggio tra “Sky fibra” e “Sky wi-fi”.
“Per archiviare la vecchia Sky, il comando centrale di Londra, che vigila sull’Europa, da ottobre ha reclutato Maximo Ibarra, un amministratore delegato con una rodata esperienza nella telefonia e completamente digiuno di editoria e di pallone, tranne per il legame personale con Gabriele Gravina, presidente della Federcalcio e compagno di sua sorella. Oltre ad essere stato alle dirette dipendenze di Paolo Dal Pino, attualmente Ad della Lega di Serie A, quando questi era Ceo Tim Brasile.

Ibarra per lo sport si è affidato al vicepresidente Marzio Perrelli, banchiere di successo, assai gradito a Giovanni Malagò del Coni che voleva spedirlo in Lega. L’ex Ad Andrea Zappia ha portato Sky Italia a una condizione di egemonia nello sport e di rilevanza politica col tg. Questa avanzata nel deserto dei regolamenti italiani si è arenata in un bilancio con una crescita dei ricavi (3,29 miliardi, più 10%) e un saltello degli abbonati da 4,855 milioni a 5,195, ma soprattutto con un’esplosione dei costi e una perdita di 41 milioni dopo 100 di utili.
Ibarra deve sanare il bilancio – ancora non brillante – e curare il travaso di clienti dalla televisione al pacchetto “televisione più Internet”. Il calcio serve a ottenere un travaso ordinato. È una fondamentale motivazione di acquisto, ma non sarà più l’unica.
A Rogoredo ci si chiede che ruolo abbia un telegiornale in un’azienda che deve sedurre gli italiani con i giga. Ibarra e la prima linea aziendale sono in quarantena a Roma dal 23 febbraio. La Capitale fu abbandonata (resta uno studio in zona Montecitorio), fra trasferimenti e licenziamenti, per issare a Milano, zona Santa Giulia, il polo della tv, tre palazzi da otto piani. Per lo stabile più nuovo si riflette (da Roma) sulla dismissione. E Ibarra, per assecondare le pressanti indicazioni in arrivo da Londra, valuta i tagli da applicare: riduzioni di organico (giornalisti dello Sport e della cronaca) e di stipendi alle voci accordo integrativo e superminimo, eliminazione dei buoni pasto con un sussidio per il pranzo da spendere in mensa aziendale.

Redazione romana. Il direttore del canale delle news dipende dal capo delle relazioni istituzionali di Sky

Si taglia e si risparmia ovunque. Sta per interrompersi, per esempio, il rapporto con Almaviva che per 17 anni ha fornito 300 operatori telefonici. Risparmi vistosi e piccini. A migliaia di dipendenti su 3.037 che lavorano da casa, più i collaboratori, la piattaforma interna propone acquisti per allestirsi l’ufficio a domicilio. Sono in vendita sedie ergonomiche, in promozione grazie alle imperdibili convenzioni, che vanno da 150 a 1.600 euro per un esemplare in stile Ibarra. Ci si può sentire comodi come si è sentito comodo Ibarra quando è capitato a Rogoredo. Venerdì mattina per introdurre i dipendenti nei meandri del “decreto rilancio”, l’azienda ha comunicato l’opportunità di una consulenza a 20 euro per comprendere i segreti del “bonus baby sitter”.

Advertisement

Economia

Spadafora pensa alla salute dei tifosi e vuole diretta gol come in Germania, ma in Italia Sky pensa solo ai soldi

Avatar

Pubblicato

del

“Se serve, sono disponibile come ministro e come governo a mettere nello stesso provvedimento che firmeremo per la riapertura del campionato le norme che serviranno per avere anche in Italia la diretta gol, come succede in Germania” ha detto il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, al Tg3. “In Germania – ha spiegato il ministro -, Sky ha trovato un accordo per la diretta gol, nel rispetto dei diritti di chi ha l’abbonamento per le partite del campionato. Penso – ha aggiunto Spadafora – che dovremo pensarci anche in Italia. Eviterebbe, qualora riprendesse la stagione, assembramenti in luoghi pubblici, in bar, visto che le persone non possono andare allo stadio e potrebbero invece vedere i gol direttamente da casa, in sicurezza”. Sky fa molta resistenza in Italia. Perchè pensa ai soldi. Da mesi prende soldi dagli abbonati al calcio senza aver dato il servizio e su quel versante ci saranno sicuramente centinaia di migliaia di vertenze di abbonati a Sky per il mancato rispetto del contratto di abbonamento da parte dell’azienda. Aziende che nel mentre prendeva soldi dagli abbonati, ha poi pensato bene di non versare ai club l’ultima rata da 220 milioni di euro per i diritti tv. Insomma, una bella gatta da pelare. Per fortuna il ministro dello Sport Spadafora ha dimostrato di aver la schiena dritta e di pensare ai consumatori.

Continua a leggere

Economia

Fase 2: Cgia: perse 11 mila aziende, a fine anno saranno 100 mila

Avatar

Pubblicato

del

In tre mesi in Italia sono state perse quasi 11 mila aziende artigiane e senza aiuti potrebbero diventare 100 mila a fine 2020. A sostenerlo e’ la Cgia di Mestre, per cui si tratta di un dato negativo, ma in linea con quanto registrato nello stesso arco temporale dei tre anni precedenti. Secondo l’associazione che rappresenta artigiani e piccole imprese, il peggio dovrebbe arrivare nei prossimi mesi, quando l’effetto economico negativo del Covid si fara’ sentire con maggiore intensita’. “In questi due mesi e mezzo di lockdown, molti artigiani senza alcun sostegno al reddito sono andati in difficolta’ – dice Paolo Zabeo della Cgia – e non sono stati pochi coloro che hanno ipotizzato di gettare la spugna e chiudere definitivamente. Dopo una settimana dalla riapertura totale, invece, lo stato d’animo e’ cambiato. C’e’ voglia di lottare, di resistere, di risollevare le sorti economiche della propria attivita’. Purtroppo, non tutti ce la faranno a sopravvivere con una perdita di almeno 300 mila posti di lavoro a fine anno”.   L’entita’ della contrazione dipendera’ dalle misure di sostegno che verranno introdotte dal Governo nei prossimi 2-3 mesi – rileva la Cgia – tenendo conto che negli ultimi 11 anni lo stock delle imprese artigiane e’ crollato di quasi 200mila unita’, al 31 marzo 2020 le aziende artigiane attive in Italia ammontavano a 1.275.970. Per evitare che entro la fine del 2020 si registri una ulteriore moria di tantissime botteghe artigiane, la Cgia rileva la necessita’ di erogare a queste attivita’ importanti contributi a fondo perduto e di azzerare per l’anno in corso le imposte erariali: come l’Irpef, l’Ires e l’Imu sui capannoni. “L’artigianato – afferma il segretario degli Artigiani di Mestre Renato Mason – ha bisogno di sostegno perche’ e’ l’ elemento di coesione sociale del nostro sistema produttivo. Se spariscono le micro imprese, rischiamo di abbassare notevolmente la qualita’ del nostro made in Italy. E’ vero che con il decreto Rilancio sono state introdotte diverse misure tra cui l’azzeramento del saldo e dell’acconto Irap in scadenza a giugno, la riproposizione dei 600 euro per il mese di aprile e la detrazione del 60% degli affitti, ma tutto questo e’ ancora insufficiente a colmare la rovinosa caduta del fatturato registrata in questi ultimi mesi da tantissime piccole realta’”. Troppi provvedimenti che rischiano di disperdere in tanti rivoli le risorse messe a disposizione – conclude – che, invece, dovrebbero essere convogliate solo su tre voci: famiglie, indennizzi diretti alle imprese e taglio delle tasse”.

Continua a leggere

Economia

Expo, Sala: società in liquidazione con 40 milioni di utile

amministratore

Pubblicato

del

“La societa’ Expo 2015 in liquidazione presenta dei conti che riassumono dieci anni di percorso con un avanzo, quindi un utile di 40 milioni”: il sindaco di Milano Giuseppe Sala lo ha annunciato nel suo quotidiano video sui social, convinto che a questo punto sia arrivata la fine del “tormentone sul presunto buco della societa’, con i titoli dei giornali che parlavano di 200 milioni di buco” o di “400 milioni di buco”, al momento della sua candidatura pochi mesi dopo la fine dell’esposizione. “Questa storia finisce ieri per me”, ha concluso.

“Vi dico queste cose al di la’ del fatto che per me e’ una grande soddisfazione, anche perche’ penso che in momenti difficili come questi bisogna poter dire e poter pensare che pur in un Paese difficile come il nostro, pur in momenti storici a volte anche cattivi come questo, si puo’ fare – ha aggiunto Sala – Si puo’ fare se si ha competenza, onesta’ e dedizione, le caratteristiche di chi ha lavorato con me”. “Molti pensieri affollano la mia mente da ieri in particolare mi ricordo le mie parole il primo maggio 2015, quando dissi: ‘Tutto cio’ che voi vedete non e’ frutto di un miracolo ma dell’enorme dedizione e del lavoro di tante persone'”, ha concluso il sindaco.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto