Collegati con noi

Uncategorized

Riaperture primo banco di prova per la task force, imprese in pressing

Avatar

Pubblicato

del

Un nuovo decreto, dopo il 20 aprile, con risorse “molto piu’ consistenti” dei 25 miliardi gia’ stanziati per rimediare ai danni del Coronavirus. E nuove regole per allentare il lockdown e consentire ad altre filiere di riaprire le fabbriche e ad altri negozi di rialzare le serrande. Sono i due fronti su cui si muove il governo per preparare la fase 2 che, sul fronte economico, potrebbe vedere gia’ un rilancio degli investimenti pubblici con lo sblocco dei cantieri per ponti e strade, oltre a nuovi aiuti per gli affitti e un pacchetto per sostenere i Comuni a rischio casse vuote mentre i 600 euro per gli autonomi saranno finalmente in arrivo dopo Pasqua. Per gestire le riaperture l’esecutivo si e’ affidato alla nuova task force guidata da Vittorio Colao e appena insediata a Palazzo Chigi, che gia’ subito dopo Pasqua dovra’ iniziare a studiare dati e modelli per trovare il punto di equilibrio tra gli appelli alla cautela del mondo scientifico, preoccupato dal rischio del riacuirsi del contagio, e il pressing incessante di imprese e commercianti che chiedono di ripartire al piu’ presto, per evitare il collasso dell’economia. Sul tavolo gli esperti troveranno gia’ le analisi e i contributi di vari istituti, a partire dall’Inail e dall’Inapp, ma anche dalla Banca d’Italia. Escludendo sanita’ e alimentari, i lavoratori piu’ a rischio, quelli che piu’ difficilmente possono mantenere distanze adeguate dai clienti, sono oltre 1 su 4, circa 6 milioni e mezzo, a partire da insegnanti e addetti degli asili nido e delle scuole per l’infanzia, passando per i baristi e i negozianti di scarpe. Bar e ristoranti, cosi’ come una serie di servizi alla persona come parrucchiere ed estetisti, saranno con ogni probabilita’ gli ultimi a ripartire. Ma Confesercenti, facendo leva sulle nuove indicazioni per i negozi aperti (dai guanti per fare la spesa, alle pulizie almeno due volte al giorno fino agli ingressi scaglionati) chiedono con forza che si possano riaprire anche altre attivita’, visto che da inizio anno si sono gia’ persi 45 miliardi. Le aziende, lamenta poi Confidustria Toscana unendosi di fatto all’appello degli industriali del Nord dei giorni scorsi, sono i luoghi “piu’ sicuri dove stare” visti i protocolli “piu’ rigidissimi” applicati. Proprio il protocollo sulla sicurezza dei lavoratori, siglato all’inizio della serrata delle fabbriche con imprese e sindacati, che andra’ rivisto alla luce delle nuove aperture, potrebbe essere tra i capitoli sotto esame per la task force, che ha avviato una prima call in giornata per iniziare a scambiarsi le prime idee e per buttare giu’ un piano di lavoro per le prossime settimane. Ma bisognera’ aprire, come ha ricordato il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, anche il capitolo trasporti pubblici, non solo per stabilire nuove regole per la sicurezza di lavoratori e passeggeri – che magari saranno obbligati alle mascherine per salire a bordo di treni, aeri, bus e metropolitana – ma anche nuova organizzazione del lavoro, per evitare ore ‘di punta’ e mezzi strapieni. Se il problema della reperibilita’ delle mascherine – indispensabili per la ‘fase 2′ – appare in via di superamento, non lo e’ ancora il nodo del prezzo, tanto che il governo sta pensando, come ha annunciato il sottosegretario al Mise Alessia Morani, a una norma anti-speculazioni “che fissi soglie massime per i prezzi di vendita”. Sempre per i dispositivi di protezione si sta lavorando anche all’Iva agevolata: ma il piatto forte del nuovo decreto saranno di nuovo gli interventi “perche’ nessuno perda il lavoro e tutti abbiano un reddito sufficiente”, assicura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, garantendo che entro la settimana saranno “finalmente” erogate le indennita’ per gli autonomi che saranno “piu’ rapide” con la prossima tranche e anche “piu’ consistenti” degli attuali 600 euro.

Advertisement

In Evidenza

La Spagna infuriata con Gasperini l’untore, chiesto l’intervento dell’Uefa

Avatar

Pubblicato

del

La Spagna tuona contro Gian Piero Gasperini. I sintomi da Coronavirus avvertiti a ridosso della gara di Champions League giocata a porte chiuse lo scorso 10 marzo al Mestalla e rivelati solo domenica – a quasi tre mesi di distanza – scatenano le proteste delle autorita’ locali e dello stesso Valencia che ora invita la Uefa a prendere “provvedimenti drastici per un comportamento ritenuto “poco responsabile”. Il massimo organismo continentale, al momento, tergiversa: non conferma la richiesta degli spagnoli e l’apertura di un fascicolo disciplinare. L’Atalanta – che non ha ricevuto alcuna comunicazione ufficiale sul tema – si rifiuta di commentare semplici indiscrezioni di stampa in attesa di eventuali sviluppi. Al netto della superficialita’ dell’atteggiamento, considerare Gasperini alla stregua di un untore e’ ingeneroso: l’Atalanta a Valencia mantenne un profilo blindato – tanto che Gomez se la prese con i giornalisti che lo presero d’assalto all’uscita dell’aeroporto – e i 9 positivi tra gli spagnoli vennero scoperti appena 5 giorni dopo la gara di ritorno. Il caso si sposta in un lampo anche sul piano politico. In difesa del tecnico si schiera il deputato bergamasco della Lega, Daniele Belotti: “In Spagna hanno perso la ragione. Gasperini ha detto che si sentiva strano, ma non aveva la febbre, e gli sono saltati addosso. Ma se e’ irresponsabile Gasperini, come si possono definire il ministro spagnolo della Sanita’ e le scandalizzate autorita’ locali che, pur essendo imminente il rischio di epidemia, hanno consentito che centinaia di tifosi locali si radunassero all’esterno dello stadio con la partita a porte chiuse e hanno autorizzato le Fallas con decine di migliaia di persone accalcate?”. Necessario un passo indietro per ricapitolare una storia maledetta. La gara di andata del 19 febbraio – con i 45mila spettatori assiepati a San Siro, ignari del paziente uno di Codogno – e’ considerata una bomba biologica: ha probabilmente permesso al Covid-19 di diffondersi in maniera profonda nella provincia di Bergamo e contagiato diversi tifosi del Valencia. Quella di ritorno invece, vietata al pubblico, era stata teatro di una folle iniziativa dei tifosi spagnoli che si erano ritrovati a migliaia per le strade attorno allo stadio per accogliere il pullman della squadra e dare ai giocatori la spinta per una rimonta mai avvenuta. L’Atalanta per qualche ora si era goduta la gioia per uno storico risultato dedicato proprio alla citta’ di Bergamo prima di ripiombare nell’incubo di una zona martoriata e della lunga positivita’ di Sportiello. Ora gli strascichi polemici.

Continua a leggere

Uncategorized

La Formula 1 riparte con 8 Gp in Europa, ecco il calendario

Avatar

Pubblicato

del

La F1 accelera e si prepara al grande ritorno in pista: la Fia ha ufficializzato il calendario con i primi otto Gp in Europa. Aprira’ il programma la prova del 5 luglio in Austria, sul circuito del Red Bull Ring, dove si correra’ una seconda prova il 12. Doppio appuntameneto anche in Gran Bretagna, mentre il 6 settembre andra’ in scena il Gp d’Italia, a Monza. Il 17 luglio sara’ l’Hungaroring di Budapest a ospitare la terza gara, il Gp d’Ungheria. Successivamente ci sara’ una prima sosta del Mondiale, che riaccendera’ i motori il 2 a Silverstone (Gp di Gran Bretagna), nella quarta prova. Il 9 agosto si replichera’ sull’asfalto di Silverstone e il 16 il ‘circus’ si spostera’ in Catalogna, al Montmelo, per il Gp di Spagna. Il 30 agosto tocchera’ al Belgio, con il circuito di Spa, ospitare la settima prova Mondiale, e il 6 l’approdo a Monza. “Abbiamo lavorato duramente per ripartire nella maniera piu’ sicura – le parole di Chase Carey, ceo della F1 -. Speriamo di riuscire a pubblicare tutto il calendario nelle prossime settimane. Al momento i Gp saranno a porte chiuse, ma la speranza e’ quella di riuscire – non appena ci saranno le condizioni per la sicurezza – a riportare i tifosi alle gare”. Nella nota della Federazione Internazionale Automobilismo emerge, inoltre, “l’auspicio, nelle prossime settimane, di riuscire a estendere la stagione fino a dicembre, arrivando a totalizzare fra i 15 e i 18 Gp”. Resta da stabilire se sara’ possibile gareggiare anche negli altri continenti, altrimenti si dovranno inserire nuove tappe europee, con l’Italia gia’ candidata a ospitare una seconda gara: a Monza, al Mugello, oppure a Imola, ex sede del Gp di San Marino.

Continua a leggere

Esteri

Oms, nostro sostegno a Congo in lotta a Ebola

amministratore

Pubblicato

del

L’Organizzazione Mondiale della Sanita’ “continua a sostenere la Rebubblica Democratica del Congo nella lotta all’Ebola, insieme alla risposta al covid-19 e alla maggiore epidemia al mondo di morbillo”. Lo ha sottolineato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, reagendo alla notizia di una nuova epidemia di Ebolanel nord-ovest del Congo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto