Collegati con noi

Esteri

Positivo il portavoce di Putin, Russia seconda per contagi

Avatar

Pubblicato

del

Da isola felice a Cenerentola della pandemia. Il tutto in poco piu’ di un mese. E’ la sorte toccata alla Russia, che con oltre 232mila casi confermati ora e’ seconda, dietro agli Usa, nella classifica dei Paesi piu’ colpiti. Certo, il numero dei tamponi e’ imponente – ben 5,8 milioni – e il tasso di mortalita’ tra i piu’ bassi al mondo, sotto l’1%. Pero’ la situazione resta complessa. E non aiuta la notizia che il portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov, sia risultato positivo al Covid-19. Insomma, dopo aver colpito il governo, con due ministri e il premier contagiati, il coronavirus e’ sbarcato ora direttamente al Cremlino. Peskov, che si trova in ospedale, ha subito chiarito di aver incontrato Putin di persona “oltre un mese fa”. Lo zar, d’altra parte, quando l’epidemia ha iniziato a mordere si e’ trasferito nella residenza presidenziale di campagna di Novo-Ogaryovo e da allora, per incontrarlo, ci si deve sottoporre a rigidi test – per tutto il resto c’e’ internet. Se dunque, da un lato, il Cremlino sfoggia sicurezza, con l’avvio (a partire da oggi) di una sorta di ‘fase due’ laddove, nello sterminato Paese, la situazione epidemiologica pare permetterlo, dall’altro le principali citta’ russe, Mosca e San Pietroburgo, restano osservate speciali e i simboli del potere, il governo e la presidenza, si rivelano vulnerabili. Mosca infatti resta l’epicentro dell’epidemia, con circa la meta’ dei casi, e qui il lockdown e’ stato prorogato sino alla fine di maggio. I letti di ospedale iniziano poi a scarseggiare e le autorita’ sanitarie stanno lottando contro il tempo per terminare strutture provvisorie che aiutino a combattere l’emergenza. Inoltre, persino il fiore all’occhiello della Russia, la bassa mortalita’ appunto, inizia sempre di piu’ a finire nel mirino. Secondo il Financial Times, i numeri reali “potrebbero essere piu’ alti del 70%”. Vari esperti, sentiti dall’ampio spettro di testate indipendenti, sostengono pero’ che non si hanno notizie, al momento, di morti fuori scala e anche la rappresentante locale dell’Oms, Melita Vujnovic, ha dichiarato che “non si osserva una sottostima intenzionale di decessi legati al coronavirus”. Anna Popova, capo dell’Autorita’ sanitaria russa (Rospotrebnatzor), ha contestualizzato i numeri sottolineando che “i nuovi casi di Covid sono stabili negli ultimi 10 giorni”, che “il 41% di chi ha contratto il virus e’ asintomatico” e che solo il 28,5% dei malati e’ in cura in ospedale, mentre gli altri sono assistiti a casa. Putin, nel suo quinto discorso alla nazione, ha chiesto un ulteriore aumento nel numero dei tamponi, gia’ alto, e questo potrebbe portare a una nuova impennata dei casi. Di certo c’e’ che il ministro degli Esteri Serghei Lavrov, per la prima volta in modo chiaro, ha detto che la Russia “accetta l’aiuto dei partner esteri, in particolare quello dei membri dell’Unione Europea, nella lotta al coronavirus” e ha poi ricordato che gli Usa hanno “gia’ fornito” il loro sostegno. Insomma, proprio mentre gli aerei russi stanno facendo ritorno dall’Italia per riportare a casa gli specialisti inviati da Putin, potrebbe essere giunto il momento di restituire il favore.

Advertisement

Esteri

Scoperte le ‘stanze di tortura’ delle mafie dell’Olanda e Belgio, arresti

Avatar

Pubblicato

del

Le autorita’ olandesi hanno scoperto delle presunte ‘stanze di tortura’ nascoste all’interno di container trasformati in celle, situati al confine tra Olanda e Belgio, presumibilmente al servizio di una rete criminale internazionale dedita a rapimenti, riciclaggio e vari traffici illeciti. Sei persone sono state sottoposte a custodia, nell’ambito di una inchiesta condotta da tempo dalla polizia britannica e dall’Europol e che ha gia’ portato a centinaia di arresti. Lo riferisce la Cnn. I container erano rivestiti con materiale fonoassorbente, muniti di telecamere e in ogni ‘stanza’ erano presenti vari strumenti di tortura, tra cui una sedia da dentista munita di cinghie, manette, bisturi e cesoie. L’indagine ha preso le mosse dopo che la polizia e’ riuscita a penetrare in una chat crittografata chiamata EncroChat, riuscendo a intercettare i piani della rete criminale. Nel corso delle indagini e’ stata perquisita una casa di Rotterdam che si ritiene possa essere la base dell’organizzazione, dove sono stati trovati, fra l’altro, 24 chili di MDMA, tre furgoni rubati, due BMW, sette pistole e una variante cinese dell’AK-47. “In totale, sono state trovate 25 armi”, ha affermato la Procura olandese, che ritiene di avere sventato sul nascere una serie di rapimenti. EncroChat – riporta la Cnn citando la National Crime Agency (NCA) del Regno Unito – offriva un servizio di messaggistica istantanea per telefoni cellulari, un mercato criminale utilizzato da 60 mila persone in tutto il mondo per coordinare la distribuzione di beni illeciti, riciclaggio di denaro e pianificare omicidi. Sulla base delle informazioni carpite dalle intercettazioni, la polizia britannica ed europea ha gia’ arrestato centinaia di persone. Sequestrate anche 27 tonnellate di farmaci tra Regno Unito e Paesi Bassi.

Continua a leggere

Esteri

Trump contro Fauci, ”non sono d’accordo con lui”

amministratore

Pubblicato

del

 “Nel nostro Paese siamo in un buon posto, non sono d’accordo con lui”: cosi’ Donald Trump, in una intervista replica alle parole del virologo Anthony Fauci che ha suonato l’ennesimo allarme coronavirus per gli Usa. “Il dottor Fauci aveva detto non indossate le mascherine e ora dice di indossarle, e aveva detto di non chiudere alla Cina mentre io l’ho fatto ugualmente. Non ho ascoltato i miei esperti e ho vietato l’ingresso alla Cina. Se non l’avessi fatto – ha aggiunto il presidente americano – oggi staremmo peggio. E invece abbiamo fatto un buon lavoro”.

Continua a leggere

Esteri

Jair Bolsonaro positivo al covid 19, mezzo Brasile trema per il suo presidente e l’altra metà lo irride

Avatar

Pubblicato

del

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, è risultato positivo al coronavirus. La notizia era attesa. E l’ha riferita la Cnn Brasil. Il Brasile nelle ultime 24 ore attendeva il responso sulla sua possibile positivita’. Era stato lo stesso presidente ad annunciare di avvertire i sintomi tipici del Covid: la tosse e qualche linea di febbre. I risultati degli esami hanno confermato i suoi sospetti e Jair Bolsonaro dinanzi le telecamere di tre tv, tra le quali la Cnn Brasile ha annunciato la sua positivita’, assicurando i connazionali delle sue condizioni di salute. “Sto perfettamente bene” ha spiegato ai giornalisti. Gia’ qualche ora prima, quando ancora gli esiti non erano chiari, si era affrettato a rassicurare sulle sue condizioni di salute, chiarendo di avvertire i sintomi sempre in maniera piu’ blanda. Ma il responso arrivato ha confermato i timori dello staff presidenziale. Bolsonaro ha da sempre assunto una posizione piuttosto “negazionista” nei confronti del virus, nonostante il suo Paese sia al momento il secondo per numero di contagiati e di morti (piu’ di 65 mila) soltanto dopo gli Stati Uniti. Dall’inizio della pandemia in molte sue dichiarazioni ha minimizzato, definendo esagerati i provvedimenti adottati dai governatori dei singoli stati brasiliani per contenere il contagio. Cosi’ come non ha mai nascosto i suoi dubbi sull’efficacia delle restrizioni decise nel mondo. Nei suoi incontri pubblici non ha mai evitato assembramenti, e in molti casi non ha utilizzato la mascherina. Bolsonaro ha approfittato dell’annuncio per ribadire la necessita’ di utilizzare l’idrossiclorichina quale farmaco efficace per combattere il Covid, anche se la scienza non si e’ ancora pronunciata sulla sua validita’. Sui social intanto il capo di stato brasiliano, alla luce di questa notizia, viene ancora piu’ duramente attaccato per via della sua posizione che oggi (forse) correggerà.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto