Collegati con noi

Sport

Ora pure il furto in auto di Zielinsky ma Ancelotti prova a restituire serenità alla squadra

Avatar

Pubblicato

del

Prima le attenzioni alla villetta di Allan a Pozzuoli, ora l’auto di Zielinski. La tensione nell’ambiente del calcio a Napoli resta alle stelle. Ed è quasi certo che dietro questo momento c’è un regista o una regia multipla.  Domenica “i soliti i(gn)oti hanno danneggiato l’auto del centrocampista polacco, portando via lo stereo e il navigatore satellitare, dopo avere infranto il finestrino dal lato passeggero. Ad accorgersi dell’effrazione è stata la moglie del calciatore, Laura, che era uscita con la macchina, una Smart, per andare a passeggio col cane della coppia sulla spiaggia di Varcaturo, poco distante dalla loro dimora. Al termine della passeggiata – tornando verso l’auto – l’amara sorpresa per la signora che, impaurita, è stata raggiunta dal marito. Il clima resta tesissimo in un ambiente in cui alla ribellione, vista dai tifosi come un tradimento alla maglia, si aggiungono i pessimi risultati che per gli azzurri parlano di tre punti nelle ultime tre gare di campionato. La sosta per le nazionali arriva quasi a fagiolo. Far calare le luci può significare anche far tornare la tranquillità. Poi si riparte con due match importanti: la sfida di Milano con i rossoneri e quella di Champions  col Liverpool. Il rapporto tra il tecnico e De Laurentiis è buono. I risultati e il gioco degli azzurri però è pessimo. Prima di partire per Los Angeles il patron ha sentito il tecnico per sottolineare la necessità della ripartenza. Il futuro a lunga scadenza è invece quello di una rivoluzione che sembra coinvolgere sempre più calciatori: Mertens e Callejon partiranno di sicuro, con la chance di poter lasciare Napoli già a gennaio perchè così il club monetizzerebbe visto che a giugno andrebbero via gratis. Ma anche i rinnovi diventano complicati. Zielinski  ha il contratto fino al 2021 ma aveva una trattaativa in corso da mesi che ora potrebbe incagliarsi. Domani il Napoli torna al lavoro con Ancelotti. Tanti i nazionali assenti ma anche la possibilità di cominciare a lavorare con Manolas, Allan e Ghoulam, che stanno recuperando dagli infortuni, e con Callejon e LLorente, non convocati dalla Spagna.

Advertisement

Sport

Il Napoli sprecone cerca un finalizzatore per completare la sua rosa: sarà Osimhen?

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Se la partita fosse finita ai punti sarebbe stata appannaggio del Napoli. Questa è una certezza. Ma si sa, per vincere occorre non solo macinare gioco, ma soprattutto segnare un gol in più rispetto all’avversario. Azzurri e rossoneri sono (con l’Atalanta) tra le squadre più in forma di quest’ultimo periodo: reduci da risultati positivi entrambe, si sono arrese al pareggio, complice magari anche un pizzico di stanchezza.
Ci teneva Rino Gattuso a ben figurare per la sua prima volta da avversario del Milan, la società che lo ha accolto per ben 16 anni, prima come giocatore e poi come allenatore. Ma il Napoli del post lockdown si permette il lusso di essere troppo sprecone: concretizza poco rispetto al gioco prodotto e nonostante la superiorità espressa in campo poi può anche rischiare di soccombere per qualche calo di concentrazione di troppo. Di contro può essere soddisfatto il Milan che ha ottimizzato le uniche occasioni che ha avuto.

Singolare l’errore di Callejon a pochi passi da Donnarumma al 19’: il numero 7 azzurro si fa parare un goal fatto e sul capovolgimento di fronte è in ritardo per la diagonale e subisce la marcatura di Hernandez. Sarà oggetto di studio questo episodio per Gattuso e senza dubbio lo mostrerà ai suoi, proprio per alzare l’asticella in vista della prossima stagione. Sempre in questa ottica continua il turnover dei giocatori per consentire di mettere a punto nuove strategie. Il mister conferma la fiducia a Lobotka dal primo minuto (in alternativa a Demme), regista rapido e di personalità.

Insigne e Mertens (che ieri ha incrementato il suo bottino personale siglando il goal numero 125) restano fondamentali e inamovibili. Lo dicono le sostituzioni del secondo tempo (con Lozano e Milik) che sono apparse non incisive, e dunque non hanno impattato sul gioco e sul risultato. Eppure il Napoli gli ultimi 8 minuti è stato in superiorità numerica per l’espulsione di Saelemaekers e avrebbe dovuto giocarsi il tutto per tutto.


Il tridente ‘leggero’, la vecchia guardia che dà spettacolo, quel trio composto da Insigne, Mertens e Callejon, merita la riconferma in toto per la prossima stagione. Ma fa bene il Napoli a corteggiare un centravanti di peso, che può essere oltre che valida alternativa, quel finalizzatore che ad esempio è mancato contro il Milan. E visto che Milik ha un rendimento incostante e in ogni caso è oggetto di mercato, pare che quel bomber tanto atteso – già incontrato sul golfo dal DS Cristiano Giuntoli – possa essere il nigeriano Victor Osimhen, 22 anni, astro nascente attualmente in forza al Lille Olympique Sporting Club.

Victor Osimhen

 

Continua a leggere

In Evidenza

Diritti tv: Sky non paga e pretende sconti, le società di serie A oggi potrebbero decidere di impedire di riprendere le partite casalinghe

Avatar

Pubblicato

del

Oggi si decide. Forse. L’assemblea della Lega di Serie A è chiamata a valutare la prossima mossa nella vertenza con Sky, dopo il decreto ingiuntivo ma non esecutivo del Tribunale di Milano nei confronti della pay tv, che non ha versato l’ultima rata dei diritti tv della stagione in corso. All’ordine del giorno della riunione in videoconferenza (presenti tutti i club), c’è infatti la “valutazione giuridica e di opportunità sulla sospensione dell’esecuzione del contratto di licenza dei diritti tv”. Non è escluso che il club decidano per una nuova diffida di sette giorni nei confronti di Sky. Quelli che sostengono la linea più dura minacciano di spegnere il segnale, impedendo la trasmissione delle loro partite casalinghe.

Continua a leggere

Sport

Insulti razzisti a Zaha, attaccante del Crystal Palace: la polizia arresta un tifoso dodicenne dell’Aston Villa

Avatar

Pubblicato

del

La polizia delle West Midlands ha arrestato un ragazzino di soli 12 anni perche’ “ogni atto di razzismo non verra’ tollerato”. Il dodicenne, tifoso dell’Aston Villa, aveva inviato queste frasi sul profilo Instagram di Wilfried Zaha, attaccante di colore del Crystal Palace che, proprio oggi, ha giocato contro i ‘Villans’. “Stro… nero, faresti meglio a non segnare domani (oggi, n.d.r.), oppure verro’ a casa tua vestito da fantasma”, con tanto di immagini razziste e di cappucci bianchi del Ku Klux Klan. Il calciatore aveva denunciato l’accaduto e le forze dell’ordine si erano allertate, individuando l’autore del post, “un tifoso del Villa, di Solihull” che poi e’ stato individuato nel giovanissimo che ora e’ in arresto, “grazie a tutti coloro che hanno collaborato”, specificano le forze dell’ordine in una nota. L’Aston Villa ha gia’ fatto sapere che lo squalifichera’ a vita dai propri impianti e quindi non verra’ mai ammesso alle partite. “E’ davvero triste che il giorno della partita un calciatore si svegli e legga certe frasi – ha commentato Roy Hodgson. manager del Crystal Palace -. Si tratta di un vero e proprio abuso, e un atto di codardia. Ed e’ anche qualcosa di fronte a cui non bisogna stare zitti, ed e’ un’ottima cosa che noi, l’Aston Villa e la polizia abbiano fatto di tutto per individuare il responsabile, questo deprecabile individuo per il quale non ci sono scuse e che ora dovra’ pagare per cio’ che ha fatto”.

Ora ve l’immaginate voi se ad ogni epiteto razzista negli stadi italiani la polizia intervenisse ed arrestasse come fanno in Inghilterra, dove non si fanno problemi se l’arrestato ha appena 12 anni? Già ieri sera la polizia avrebbe arrestato il signore (si fa per dire) dello staff dell’Atalanta che ha riempito di insulti razzisti un tifoso del Napoli che aveva osato sfottere Gasperini.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto