Collegati con noi

In Evidenza

“Never Boring”: un cofanetto ricorso in musica, immagini e parole del grande Freddie Mercury a 30 anni dalla sua morte

Avatar

Pubblicato

del

  ‘Never Boring’, ovvero ‘mai noioso’. Freddie Mercury e lo spettacolare successo del biopic ‘Bohemian Rhapsody’, con incassi al botteghino che si avvicinano globalmente ora al miliardo di dollari, è stato un’ulteriore conferma dell’eredità di Freddie in quanto frontman dei Queen. Ora, una nuova pubblicazione, intende celebrarlo nella sua carriera solista, tra mille talenti e passioni che hanno lasciato il segno nel mondo del pop, dell’opera e oltre. In uscita per Universal Music l’11 Ottobre 2019, il cofanetto ‘Never Boring’ riunisce per la prima volta un’accurata selezione di musica, immagini e parole di Freddie Mercury. È una raccolta che si rivolge a nuovi e vecchi fan di un artista ancora molto amato a 30 anni dalla sua morte.

Questo boxset ci ricorda quanto Freddie sia stato un eccezionale cantante, compositore e performer. La selezione dei brani e la produzione del cofanetto sono state curate da Justin Shirley-Smith, Kris Fredriksson e Joshua J Macrae, co-produttori la Colonna Sonora del film ‘Bohemian Rhapsody’, uno degli album più venduti del 2018/2019. ‘Never Boring’ contiene: 3 CD con 32 brani, un Blu-ray, un DVD con videoclip e interviste, un libro fotografico in brossura introdotto da Rami Malek (interprete di Freddie nel film ‘Bohemian Rhapsody’) con citazioni di Freddie e un poster artistico. Il triplo CD include: una nuova compilation di 12 brani con le migliori performance soliste di Freddie, la nuova edizione speciale di ‘Mr Bad Guy’ con 11 tracce re-mixate e l’edizione orchestrata di ‘Barcelona’ con Montserrat Caballé. Il box comprende anche la traccia recentemente scoperta e pubblicata ‘Time Waits For No One’, prodotta da Dave Clark, e la semi-sconosciuta ‘Love Me Like There’s No Tomorrow’, corredata da un video di Beth David e Esteban Bravo. Gli album saranno disponibili anche singolarmente su CD, vinile e streaming”.

 

Advertisement

Esteri

Hong Kong, Pechino vieta a Joshua Wong il viaggio in Europa

Avatar

Pubblicato

del

Joshua Wong non sarà in Italia e in altri cinque Paesi europei: l’Alta Corte di Hong Kong ha respinto il ricorso dell’attivista pro-democrazia contro il divieto d’espatrio deciso da un tribunale l’8 novembre, motivando la decisione con il pericolo di fuga. Nel giorno in cui Pechino ha rivendicato la titolarita’ unica sui giudizi di costituzionalita’ sulle vicende dell’ex colonia e gli studenti irriducibili arroccati nel campus del Politecnico si sono assottigliati a un centinaio, Wong ha visto sfumare il suo viaggio per perorare la causa democratica dell’ex colonia. Libero su cauzione da fine agosto e sott’indagine per aver preso parte a manifestazioni non autorizzate, avrebbe dovuto recarsi anche a Milano avendo tra gli appuntamenti italiani la partecipazione a un evento della Fondazione Feltrinelli del 27 novembre.

“Privandomi della liberta’ di movimento, la Corte ha imposto una punizione aggiuntiva prima che sia provata la colpevolezza”, ha detto Wong, in un commento sui social rilanciato da Demosisto, il partito di cui e’ co-fondatore. Ma non ha mancato di lanciare un appello all’Italia. “Chiediamo al governo che sostenga il processo di democratizzazione, perche’ non stanno prendendo di mira solo i manifestanti, ma anche giornalisti, soccorritori, infermieri e dottori. Stiamo soffrendo una crisi umanitaria”, ha affermato in un’intervista, aggiungendo che “da 6 sei mesi a oggi hanno arrestato 5mila persone, da sabato ne sono arrestate 1.500. Questo dimostra la violazione dei diritti umani, le persone di Hong Kong sono state rapite e portate in Cina”. Secondo Demosisto, l’Alta Corte ha operato sotto una pesante pressione a causa delle critiche partite da Pechino all’indomani del giudizio di incostituzionalita’ dato dalla stessa Corte al bando sull’uso delle maschere in eventi pubblici. Sul punto, Pechino ha espresso condanna. “Nessun’altra istituzione ha diritto di giudicare o prendere decisioni se non il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo”, ha rilevato in una nota Zang Tiewei, portavoce della Commissione sugli Affari legislativi.

“Stiamo considerando le opzioni e i suggerimenti avanzati dai deputati del Congresso nazionale del popolo”, ha aggiunto Zang, che ha fatto intendere la possibile adozione di iniziative, senza fornire dettagli. La Costituzione della Cina e la Basic Law, la mini-Costituzione di Hong Kong, “formano le basi costituzionali della regione amministrativa speciale”. Se una legge dell’ex colonia sia conforme alla Basic Law e’ competenza “solo del Comitato permanente del Congresso e nessun altro organo ha il diritto di giudicare o di decidere”. La governatrice Carrie Lam, intanto, ha spiegato che tra le 600 persone andate via dal campus di PolyU, assediato dalla polizia da tre giorni, c’erano anche 200 minori: la resa senza condizioni annunciata dalla polizia include l’immediato arresto una volta usciti dalla struttura, ma la governatrice ha detto che i manifestanti con meno di 18 anni sarebbero stati identificati, senza scongiurare possibili indagini future. I viveri e le scorte nel Politecnico sono agli sgoccioli. “I rivoltosi devono arrendersi: fermare la violenza, lasciare le armi e seguire le indicazioni della polizia”, ha chiarito la governatrice per la quale non c’e’ la necessita’ di chiedere aiuto all’Esercito di liberazione popolare, le forze armate cinesi, fino a quando governo e polizia riusciranno a gestire gli eventi. Domani, intanto, riaprono le scuole, dalle elementari alle superiori, grazie alla “situazione piu’ stabile”, ha scritto in una nota l’Ufficio per l’Educazione. La convinzione e’ che le ultime resistenze possano cadere a breve, evitando il rinvio delle elezioni locali distrettuali del 24 novembre.

Continua a leggere

Cronache

Il Capo della Polizia Gabrielli visita ‘A voce d e’ creature”: un’iniezione di fiducia e di speranza

Marina Delfi

Pubblicato

del

Quando è arrivato nel cuore dell’Arenaccia, in quello che fu il fortino di un boss chiamato Bambù, dove un leone in gabbia era uno degli animali di uno zoo privato della camorra ed ora è un centro per i minori, ‘A voce d’ ‘e creature, Franco Gabrielli, Capo della Polizia ha trovato il cuore di Napoli. Invitato dal fondatore della Onlus, don Luigi Merola, prete scomodo di frontiera, il prefetto ha visitato la Fondazione, dove si gioca, si studia, si impara un mestiere ed ha infornato una pizza con il Maestro Staiano (e assaggiato una pizza, suo cibo preferito) prima di sottoporsi al fuoco di domande dei bambini  curiosi.

Come si diventa Poliziotti, che cosa sono i commissariati, perché i Falchi non mettono il casco…”. Un curiosità che ha commosso il capo di tutti i poliziotti d’Italia al punto che prima di andar via ha spiegato che “un dono più grande don Luigi non me lo poteva fare. Vedere questi ragazzini con gli occhi vispi e sapere che dietro quegli sguardi ci sono storie complicate, credo sia una bella iniezione di fiducia e di speranza”. “Se è possibile fare cose del genere in territori complicati, ha detto il prefetto Gabrielli, vuol dire che è possibile farlo anche in altre zone del Paese”.

All’inaugurazione del 12. anno di attività di ‘A voce d’ ‘e creature, anche il procuratore aggiunto alla Procura nazionale Antimafia Giovanni Russo, il comandante provinciale dei carabinieri Canio La Gala, il questore Alessandro Giuliano, l’Assessore Alessandra Clemente in rappresentanza del sindaco Luigi de Magistris e il suo neo collega in Giunta Luigi Felaco: tutti applauditi dai bambini che li hanno subissati di domande. Poi foto di rito tutti insieme e Don Luigi Merola che ricordando il protocollo firmato tra la Fondazione e l’Università Federico II, ha chiesto al capo della Polizia ed alle autorità presenti la collaborazione per fare nascere “una rete” a sostegno dei minori a rischio.

Continua a leggere

Economia

Timido risveglio per l’industria italiana ma per l’Istat “permane la debolezza”

Avatar

Pubblicato

del

Fatturato e ordinativi a settembre fanno segnare un timido risveglio ma per l’Istat “permane una situazione di debolezza”. Le perdite dei mesi precedenti sono una zavorra e un recupero che si ferma ai decimali non e’ ritenuto sufficiente. La domanda interna ristagna, al di la’ delle oscillazioni mese su mese. E l’export langue, minato dalle guerre commerciali, dalla Brexit e dal rallentamento dell’economia tedesca. Un quadro che preoccupa non solo il tessuto imprenditoriale ma anche i consumatori. Guardando ai numeri, a settembre le vendite sono aumentate dello 0,2% rispetto ad agosto, interrompendo una striscia di segni meno che andava avanti da giugno. Ma il terzo trimestre chiude comunque in negativo, lasciando sul piatto lo 0,7%. Rosso che raddoppierebbe senza la spinta, seppure leggera, arriva dai mercati oltreconfine. Anche il confronto annuo non conforta (-1,6%). Discorso simile per le commesse: tiene il dato mensile non il trimestrale (-1,7%) e il lieve rialzo su base annua (+0,3%) scompare di fronte al calo del 2,5% maturato tra gennaio e settembre. Sono i beni di consumo a vivacizzare un po’ le vendite, segno che a far girare gli affari sono le famiglie. I beni strumentali, che rispondono alle esigenze delle imprese, sono invece in discesa. Piatto il comparto energetico. E infatti fa bene il fatturato dell’industria alimentare (+4,2%) e dei prodotti che vanno a finire nella distribuzione retail (dai farmaci ai device elettronici). Male i mezzi di trasporto e non solo per via dell’auto. Settembre 2019 non e’ stato ‘ricco’ quanto il corrispondente mese del 2018, soprattutto per il settore ‘non automotive’, che include navi, treni o aerei. Settore che crolla sul fronte ordini (-20%). Bisognera’ adesso capire come queste cifre impatteranno sulla seconda lettura del Prodotto interno lordo del terzo trimestre, che l’Istat nella prima stima ha dato in rialzo dello 0,1% in termini congiunturali. I dati definitivi verranno diffusi venerdi’ 29 novembre. Ma per ora anche l’Ocse vede l’Italia un decimo di punto sopra lo zero. D’altra parte ricavi e commesse risultano in linea con il quadro complessivo. Anzi, la produzione industriale a settembre non aveva lasciato speranze, scendendo ancora di uno 0,4%. Stessa cosa per i dati sulla cassa integrazione rilasciati dall’Inps (+51,9%). Intanto dal mondo giungono notizie che non risollevano il morale: per la Bdi, la Confindustria tedesca, la Germania “e’ in recessione” e la produzione manifatturiera a fine anno calera’ del 4%. Per Codacons e Unc la situazione “e’ preoccupante”. Per entrambe le associazioni a tutela del consumatore infatti i numeri di settembre “non bastano”. Solo la Coldiretti si rallegra: l’incremento registrato per l’industria del food viene considerato “un segnale positivo” che beneficerebbe della preparazione delle scorte in vista del Natale.

Continua a leggere

In rilievo