Collegati con noi

Sport

Nel Bentegodi troppi razzisti, chiuso un settore: il Verona caccia il capo ultras razzista ma i politici veronesi…

Avatar

Pubblicato

del

Avevamo detto che c’era poco da meravigliarsi e che a Verona, al Bentegodi, ci sono mediamente troppi trogloditi razzisti. Ed avevamo premesso che scrivere queste cose non vuol dire diffamante Verona, semmai esaltarne la civiltà tutte le volte che Verona prende le distanze da certa feccia. Perchè un razzista è un  razzista, non ha nulla a che vedere col tifo. I tifosi del Verona sono una cosa, i razzisti tutt’altro, Ciò premesso ancora, il giudice sportivo ha preso la decisione di chiudere un pezzo del Bentegodi per razzismo. E l’ha fatto dopo aver letto il referto arbitrale e la relazione della procura federale dove viene riferito che “al 9° del secondo tempo il direttore di gara era costretto a interrompere il gioco, per circa 3 minuti, poichè il calciatore Mario Balotelli era oggetto di cori di discriminazione razziale da parte di alcuni tifosi della Soc. Hellas Verona posizionati nel settore denominato “poltrone est”; considerato che il pur esiguo numero degli autori dei cori va rapportato al numero di occupanti quel settore e che comunque i cori sono stati chiaramente percepiti, oltre che dal calciatore, anche dal rappresentante della Procura federale posizionato in prossimità; considerato, inoltre, che dopo i cori si sono levati, invece, da parte dei tifosi assiepati nell’attigua “curva sud” cori di sostegno, seguiti da un lungo applauso; ritenuto, pertanto, che la sanzione possa essere applicata limitatamente al settore in primis indicato, impregiudicata ogni attivita’ d’indagine in corso per l’individuazione dei responsabili”.

Insomma tutto quello che è stato visto e sentito da rappresentanti della classe arbitrale, da giornalisti, da chi era allo Stadio, solo il sindaco di Verona non aveva udito alcunché. In ogni caso ora c’è la sanzione. Noi aggiungiamo, ancora una volta, che la sanzione è per i trogloditi razzisti non per i tifosi del Verona. Quelli non c’entrano nulla, così come nulla c’azzeccano i cittadini della bellissima città di Verona. Che cosa ha fatto il Verona, intendiamo la società? Ha fatto una bella cosa, peraltro non richiesta, peraltro coraggiosa. La società di Maurizio Setti (quello che parlava di tifo goliardico) ha messo  al bando Luca Castellini, il capo ultras veronese nonchè esponente di primo piano di Forza Nuova, dallo stadio fino al 2030. In una nota ufficiale la società gialloblù comunica la misura interdittiva a seguito delle dichiarazioni dell’ultras, che aveva parlato ieri tra l’altro di “pagliacciata di Balotelli”, di “Balotelli non completamente italiano”, di negro  e delle frasi delle settimane scorse (“inneggiare a Hitler è goliardia”) riemerse in queste ore. Il Verona parla di “espressioni gravemente contrarie ai principi etici e ai valori del nostro club”. E questo è un fatto.  La “Sospensione del Gradimento” è uno strumento che permette direttamente alle società di calcio di sospendere o revocare (a seconda della gravità) l’accesso allo stadio ai tifosi che violano il regolamento dell’impianto, sia che essi siano in possesso dei biglietti per la singola partita, sia che siano titolari dell’abbonamento stagionale. Questo è il provvedimento che l’Hellas Verona ha emesso nei confronti di Luca Castellini, leader veneto di Forza Nuova dopo le dichiarazioni rilasciate su Mario Balotelli. Non si tratta, dunque, di un Daspo poiché il divieto di accedere alle manifestazioni sportive e’ e resta una misura prevista dalla legge ed emessa dal questore. Non basta perchè il prefetto di Verona, il napoletano Donato Cafagna, adesso vuole scovare uno ad uno i razzisti per sanzionare i cori razzisti. Il prefetto, parlando a margine della riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, ha spiegato che “la Digos sta lavorando alacremente – ha spiegato – e si stanno visionando tutti i filmati delle videocamere di sorveglianza nello stadio. Si stanno anche visionando i filmati che sono stati pubblicati negli ultimi giorni sui vari siti web”. Cafagna ha sottolineato che “la società Hellas Verona sta fornendo una grande collaborazione, anche attraverso gli steward che sono presenti sugli spalti”. “Lo stadio non è una zona franca – ha aggiunto -, lo stadio è il luogo nel quale i tifosi devono poter sostenere la loro squadra e devono farlo, naturalmente, in uno spirito di festa”. Mario Balotelli ha apprezzato tutto questo e ringraziato. Tutto apposto? Tutto tranquillo? Possiamo essere soddisfatti? Manco per idea. Mancava la politica. E che politica. Quella di Verona. Il sindaco di Verona, Federico Sboarin, continua a dire che lui non ha sentito cori razzisti. Alcuni consiglieri comunali della Lega e dintorni dicono che al Bentegodi c’è stata una sceneggiata e vorrebbero querelare Balotelli e tutti quelli che con Balotelli sostengono di aver sentito cori razzisti. I cori sanzionati dal giudice sportivo e dalla società Hellas Verona che ha allontanato praticamente a vita uno dei capi del razzismo del Bentegodi.

Secondo  quanto riportato in una mozione presentata da quattro consiglieri comunali di Verona, che ha come primo firmatario Andrea Bacciga, eletto in consiglio con ‘Battiti’, la civica del sindaco Federico Sboarina (altri firmatari sono i consiglieri della Lega Alberto Zelger, Paolo Rossi e Anna Grassi) il Comune di Verona deve adire le vie legali nei confronti di Mario Balotelli e di chi ha diffamato la città di Verona.  “Nessuno presente allo stadio – è scritto nella mozione di questi quattro signori  – durante la partita Brescia-Verona, udiva ululati: né il pubblico, né la panchina del Brescia, né i giornalisti di Sky a bordo campo”. “Iniziava da subito – proseguono i consiglieri – una campagna mediatica contro la città di Verona sia da alcuni politici, come risulta dal comunicato del Pd, sia da alcuni giornalisti che, seppur non presenti allo stadio, non hanno perso l’occasione di gettare fango sulla nostra città”.  Insomma questi quattro gentili consiglieri comunali dicono di avere come testimoni della sceneggiata addirittura i giornalisti di Sky. Rispetto a questa mozione che resterà nella storia politica veronese c’è poco altro da aggiungere.

Advertisement

Sport

Napoli formato trasferta, vittoria a Brescia in attesa di misurarsi col Barça

Avatar

Pubblicato

del

A Brescia il Napoli deve vincere per restare agganciato al vagone delle squadre che puntano all’Europa. Gattuso schiera una squadra molto agile. In attacco tornano Insigne, Elmas e Martens. Con l’infermeria piena certe scelte sono obbligate. Napoli molto aggressivo sin dapprincipio.

Sono gli azzurri a fare la partita. E però nonostante la spinta offensiva al 26esimo arriva il vantaggio del Brescia da calcio d’angolo, su cross molto bello di Tonali, svetta di testa in area Chancellor che mette dentro. La peggio torçida bresciana comincia con i soliti insulti ai napoletani. Purtroppo in tv si sentono perfettamente. Il primo tempo si conclude così, col Brescia in vantaggio. Immeritatamente.

Il secondo tempo, invece, riprende col Napoli subito in attacco. passsano tre minuti e per un colpo di mani in area, Orsato, aiutato dal Var (lui non aveva visto un fallo clamoroso) assegna un rigore al Napoli che Insigne trasforma. È il gol del pareggio. Passano pochi  minuti e il Napoli al 54 esimo va ancora in gol con un capolavoro di balistica di Fabian Ruiz che dal vertice destro dell’area del Brescia piazza la palla all’incrocio tra palo e traversa. Il Brescia prende un doppio colpo e sembra stordito.

Al 63 minuto Mertens va in gol ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Decisione corretta. Dagli spalti cori contro Napoli e i napoletani. Solite volgarità e solito razzismo. Purtroppo non è una esigua minoranza ma una nutrita rappresentanza di asini. I loro cori si sentono nitidamente anche in tv oltre che nello stadio. Gli oltre mille tifosi del Napoli auguravano al Brescia la serie b. Il Napoli domina, il Brescia prova a organizzare qualche attacco ma non riesce ad impensierire Ospina. Superata anche questa prova ora il Napoli si concentrerà sul match col Barcellona.

Continua a leggere

In Evidenza

Gattuso chiede massima concentrazione agli azzurri per il match col Brescia e “poi penseremo al Barça”

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Match day.  Da lontano già si sentono le sirene catalane ma ora non è il momento di pensare alla partita con il Barcellona di martedì sera in Champions League. Testa e attenzione solo al Brescia. Continua Gattuso il suo lavoro certosino con la squadra del Napoli, passo dopo passo e con i piedi per terra. Pragmatico e concentrato nel tenere il gruppo unito e solido. Soddisfatto del lavoro settimanale che ha fatto la squadra che pare si stia allontanando da quelle sabbie mobili in cui si era pericolosamente impantanata.  Guarda e punta al raggiungimento dei 40 punti il mister azzurro, lontano dal lanciare proclami e grandi sogni di ambizione. Ci crede e ritiene sia questa la strategia giusta per risalire la china, low profile, concentrati e pedalare per far ritrovare definitivamente al gruppo consapevolezza, umore, coraggio e continuità.  Occorre restare lucidi e mostrare quel veleno indispensabile nell’affrontare le singole gare, in particolare quelle pericolose come stasera. Vietato distrarsi, il Napoli ha perso fin troppi punti (20) con le squadre cosiddette  ‘piccole’ e ora non resta altro che recuperare perché lui, il mister, dichiara apertamente che tra passare il turno di Champions con il Barça e raggiungere l’obiettivo ‘Europa League’ in campionato sceglie la seconda opzione tutta la vita, perché vorrebbe dire aver vinto tante partite.
Da uomo di campo, concreto e razionale, pensa solo a lavorare. Il problema delle multe riguarda un altro ambito.  Il dovere dei professionisti è impegnarsi al 100%  sempre sul terreno di gioco. Vuole giocatore motivati e le sue scelte sono adeguate e in buona fede: schiera gli uomini che più gli danno affidamento e lo dice senza mezzi termini.  Gattuso guarda i suoi giocatori negli occhi e non le manda certo a dire. Così ha recuperato Allan, che si è allenato bene e dunque ha meritato la convocazione; fermi stasera ancora Koulibaly e Malcuit, fuori anche Llorente, Lozano e Milik sono del gruppo, così come finalmente si rivede anche Ghoulam .
Oggi tutti d’accordo: si pensa solo a Balotelli. Da domani sarà la volta di Messi.

Continua a leggere

Sport

La Juventus ripiana i debiti col regalone di Jeep, la lobby di Sky prepara i cadeaux per fare il piattino a Mediapro

Paolo Chiariello

Pubblicato

del

La Juventus è in vetta alla classifica. Il Napoli alla ricerca di un nuovo assetto per riaprire un ciclo nuovo. Quello vecchio è finito. Certo fa impressione la voragine di punti tra i bianconeri e il Napoli. In testa alla classifica, a contendere l’ennesimo titolo alla Juve, ci sono Lazio e Inter. Questo rende il campionato esaltante? No, è un campionato di calcio affetto da una grave forma tumorale che lo sta divorando dall’interno: i soldi. Ne girano troppi. Finiscono nelle mani sbagliate. Alimentano uno stipendificio che invece di infondere salute nel calcio diffonde le metastasi.  A Torino i soci della Juventus hanno dovuto aderito alla proposta di aumento di capitale di 300 milioni di euro. Un aumento di capitale monstre, il più alto mai disposto nella storia dei club di calcio. La Juventus è stata costretta a fare questo aumento di capitale perchè  il club di Agnelli ha accumulato 110,4 milioni di debiti portando il suo indebitamento da 473,2 milioni a 585,2 milioni. E se la squadra che vince tutto in Italia da 8 anni a questa parte ed è la principale protagonista in Europa ha quasi 600 milioni di euro di debiti vi fa capire lo stato di salute dell’intera serie A.

Cristiano Ronaldo. L’acquisto e l’ingaggio del campione portoghese è stato un salasso per la Juventus

A tutto questo aggiungete una notizia poco diffusa in Italia ma usata di recente dal Manchester City nella difesa contro l’Uefa sulla squalifica e la multa milionaria per violazione del fair play finanziario.

La notizia è passata in  sordina, nel senso che non l’avete letta quasi da nessuna parte, ma la Juventus ha ricevuto da Fca ben 50 milioni di euro in più per la pubblicizzazione del marchio Jeep. Perchè? Perchè a Fca è piaciuto così tanto che la Juventus portasse sulle sue magliette il marchio Jeep che ha deciso di versare altri 25 milioni in più a stagione ad Andrea Agnelli.  Nonostante questo cadeaux pubblicitario da 50 milioni il club bianconero riferisce che c’è “una situazione di tensione finanziaria non disponendo di capitale circolante sufficiente a far fronte al proprio fabbisogno finanziario complessivo” che nei prossimi 12 mesi è “stimato in 148 milioni”. L’ingaggio sontuoso di Ronaldo è un bagno di sangue. L’acquisto di De Ligt (75 milioni all’ Ajax, 11 a Raiola e 11 lordi al giocatore per 5 anni) è stata una follia dal punto di vista economico. Il ritorno di Higuain (doveva essere venduto ma non se n’è fatto nulla) è un salasso: costa tra ingaggio e ammortamento 35,3 milioni all’anno. Come se ne uscirà? La Juventus rischia il tracollo? Chi coprirà queste centinaia di milioni di debiti? Vediamo. Allora, Exor, la cassaforte di famiglia degli Agnelli (la Famiglia che vive in Italia ma paga le tasse in Olanda), sottoscriverà la quota di sua pertinenza (63,77%) pari a 191,2 milioni. Chi sottoscriverà la quota residua di 108,7 milioni? Dovrebbero farlo i soci di minoranza. Ma non è detto che accada. E allora la Juve si è tutelata con un contratto di garanzia sottoscritto con quattro banche. Tra queste banche c’è anche Unicredit. La metà dell’aumento di capitale servirà a rimborsare debiti e far fronte a impegni già assunti.  E questa è la situazione della migliore squadra italiana che l’anno prossimo deve vendere qualche pezzo pregiato per fare cassa.

Gaetano Miccichè. Era il presidente della Lega di Serie A e aveva portato Mediapro a trattare i diritti Tv

L’altra partita importante si gioca sempre nel Nord ricco e indebitato del BelPaese del pallone. A Milano i venti presidenti dei club di serie A (una 15ina di loro sono attori figuranti o spalle, nel senso che contano quasi nulla con rispetto parlando) si incontrano e si scontrano sulla vertenza-minuetto dei diritti-tv del calcio. Come più volte scritto su Juorno, è questa la gallina dalle uova d’oro da spennare. La questione è che una volta spennato il pollo, pochi possono sedersi a tavola a mangiare le cosce. In molti devono accontentarsi del brodo o di qualche osso da spolpare. Questo è lo stato pietoso in cui versa il calcio italiano. Se ne sono accorti quelli che godono di questo spettacolo sempre più indegno.

Quartier generale di Sky a Milano. Nel calcio la pay tv è oramai monopolista in Italia

Nell’ultima stagione c’è stato un crollo di audience pazzesco: oltre il 30% ha spento la tv che offre il calcio a pagamento. Secondo i dati di Business Insider quasi 1,2 milioni di abbonati hanno scelto di non foraggiare le Tv a pagamento. Certo, tra questi ci sono tanti possessori di “pezzotto”, ma tanti altri preferiscono la radio o la domenica al mare o al lago. Vero è che anche negli stadi italiani si vede poca gente. Qualcuno degli stipendiati milionari del calcio italico se n’è accorto? Certo che sì, ma stanno tirando fino a quando possono sangue dalle vene di questo Circo Barnum del Pallone.  Perchè il calcio in Italia, come dicevamo, è morto o quasi. Nessuno va allo stadio, gli abbonati alla Tv abbandonano, il razzismo ogni domenica inquina e avvelena le coscienze. Poi ci sono i soliti imbrogli, brogli, errori arbitrali più o meno genuini. Ci sono le “interpretazioni” del Var. E c’e lo squilibrio, la sperequazione incredibile dei ricavi della serie A. Ma quella è una roba che da anni è una barzelletta. La divisone dei proventi dei diritti Tv è un crimine contro il calcio in Italia.

C’è chi nello stesso campionato prende quasi 100 milioni di euro in diritti Tv da Sky e chi ne incassa 30. Ora i piccoli club hanno l’opportunità di scucire qualche milionicino in più che offre Mediapro. La piattaforma catalano-cinese offre quasi 200 milioni in più rispetto a Sky per i diritti Tv e regala alla Lega un canale. L’abbonamento costerà di meno. E in Italia faremo finta che c’è concorrenza e non c’è solo il monopolista Sky.  Ebbene davanti a Mediapro che offre 200 milioni in più in diritti Tv rispetto a Sky, c’è la Juventus  (e altre squadre satellite) che preferiscono Sky. E allora da mesi chi avrebbe dovuto firmare il contratto ha provato a convincere tutti che Mediapro era la soluzione migliore. Fino a quando il buon Miccichè s’è dovuto dimettere e al suo posto è arrivato l’ex braccio destro dell’attuale amministratore delegato di Sky Italia, a sua volta imparentato con un presidente di una squadra di calcio di serie A, a sua volta socio della stesso circolo esclusivo sul Tevere a Roma. E ora che cosa succederà? I presidenti delle squadre di serie A accetteranno 200 milioni in più offerti da Mediapro? A giudicare da quel che vediamo e da quello che si muove nella penombra (Tg Lobby sta lavorando a pieno regime) il calcio italiano   ha deciso l’eutanasia. Eh sì, avere il cancro e decidere di non fare la chemioterapia ma prendere l’aspirina significa decidere di morire. Perchè il “sistema Sky” non è la cura del calcio, è la malattia.

Continua a leggere

In rilievo