Collegati con noi

Sport

Milan, Pioli: Ibra non è una figurina ma manna dal cielo

Avatar

Pubblicato

del

 Il terzo indizio in una settimana darebbe la prova della ritrovata salute del Milan, forse addirittura di una guarigione definitiva. Dopo il doppio successo su Cagliari e Spal, Stefano Pioli chiede strada all’Udinese, a sua volta reduce da tre vittorie che l’hanno catapultata fuori dalla zona rossa e soprattutto primo, evidente, campanello d’allarme sul progetto poi naufragato di Giampaolo. “Dobbiamo sfruttare il momento positivo nonostante l’emergenza infortuni”, il diktat di Pioli, ben conscio che la svolta della squadra e’ coincisa proprio con l’arrivo di Ibrahimovic. Lo svedese, dopo aver rifiatato in Coppa Italia, sara’ nuovamente il totem al centro dell’attacco con il fratellino Leao, Gianluigi Donnarumma invece tornera’ in porta dopo il terzo clean sheet del fratellone Antonio. “Ibra – la coccola di Pioli – ha dimostrato di non essere una figurina ma un grande giocatore sia con le prestazioni in allenamento che in partita. E’ una manna dal cielo averlo con noi, non vuole perdere nemmeno il torello e le partitelle”. Un esercizio banale come il torello diventa il ritratto dello spirito di competizione di Ibrahimovic, a segno in Sardegna ma non ancora a San Siro, dove 60mila spettatori domani fremeranno per il suo primo squillo casalingo. “Ibrahimovic – evidenzia Pioli – fa torello di qualita’ e si incazza se un compagno non lo fa con qualita’. Questo aiuta ad aumentare la qualita’ degli allenamenti, e’ un valore aggiunto, e’ stato preso anche per questo. Il livello degli allenamenti non era basso ma ora si e’ alzato”. Kjaer ancora titolare, nuova panchina, invece, per Suso (“io credo in lui, ha le qualita’ per diventare un giocatore importante”) e Paqueta’ (“non puo’ essere soddisfatto perche’ non gioca titolare”). Le sole reali preoccupazioni per Pioli riguardano l’infermeria (out Calabria, Calhanoglu e Musacchio, oltre a Biglia e Duarte) e la classifica, dove un passo falso permetterebbe all’Udinese il sorpasso al decimo posto: “Siamo in emergenza, speravo di recuperare qualche giocatore in piu’ ma quelli che ci sono stanno bene e sono motivati, sono sufficienti per fare bene domani. L’Udinese con Gotti al timone ha una media punti importante. Stanno bene, lavorano tanto, l’allenatore ha fatto un buon lavoro, e’ una squadra fisica e difficile da superare. Dovremo lavorare molto bene da squadra e con i giusti equilibri”. Per Pioli fare punti e’ un’urgenza, non basta ripetere i risultati dell’andata per soddisfare le aspettative: “Quando un momento diventa positivo bisogna starci addosso, e’ un momento molto importante ma non ancora decisivo. Chiudere a50 puntisignificherebbe non fare un campionato all’altezza di questo club”. L’Europa e’ certamente lontana ma forse non piu’ un miraggio.

Advertisement

Corona Virus

Coronavirus, Tokyo in ansia: a rischio le qualifiche in Cina

amministratore

Pubblicato

del

L’emergenza coronavirus continua a investire anche il mondo dello sport, con numerose cancellazioni di appuntamenti in Asia – vedi oggi la maratona di Tokyo riservata ai dilettanti, prevista per il primo marzo a Tokyo – e allunga la sua ombra anche sulle Olimpiadi in programma da fine luglio. L’evento al momento e’ confermato, ma non per questo a Losanna, sede del Cio, si dorme tranquilli. La principale preoccupazione riguarda le qualificazioni ai Giochi per molte discipline, dalle quali sono esclusi gli atleti della Cina che non si possono muovere dal loro Paese. “E’ una ingiustizia dal punto di vista sportivo – spiega il presidente dell’Asoif ed ex membro Cio Francesco Ricci Bitti – che ancora si sta cercando di affrontare e risolvere”. Meno allarme crea invece la decisione della agenzia cinese antidoping, Chinada, di sospendere i controlli sugli atleti perche’ i medici del paese sono tutti impegnati sul fronte sanitario per il coronavirus. L’agenzia antidoping mondiale, che ha gia’ affrontato lo scandalo del doping in Russia e fatto escludere il Paese dai principali eventi sportivi per quattro anni, ha fatto sapere che la situazione in Cina e’ seguita costantemente. La Chinada viene sostenuta nell’attuazione di un piano che difende l’integrita’ del programma antidoping e gli atleti continueranno ad essere testati, sottolinea la Wada. “L’eventuale rischio su questo fronte non crea grattacapi” dichiara Ricci Bitti, quanto invece l’impossibilita’ per tanti atleti di partecipare alle qualificazione. Va considerato che la Cina e’ ormai una potenza sportiva e a Rio 2016 aveva chiuso al terzo posto nel medagliere. “Se per molti sport le qualificazioni sono legate al ranking – spiega il dirigente sportivo – per altre discipline derivano da specifici eventi in programma da qui ai prossimi mesi. I cinesi ne sono esclusi e chi si qualifica in loro assenza acquisisce comunque un diritto. Non e’ pensabile rinviare tutto alla ipotetica fine dell’emergenza, ne’ gli organizzatori in Giappone sono disposti ad ampliare il numero dei partecipanti. Soluzioni? Per ora non se ne vedono all’orizzonte”.

Continua a leggere

Sport

Scarpa d’Oro, Immobile allunga il passo ma Lewandowski c’è

Avatar

Pubblicato

del

Ciro Immobile non si ferma e anzi prova la fuga nella classifica della Scarpa d’Oro, che e’ stata aggiornata dall’Uefa dopo le risultanze delle partite disputate nell’ultimo week-end. Il centravanti della Lazio, a segno anche ieri sera contro l’Inter all’Olimpico, e’ salito a quota 26 gol in campionato, dunque a 52 punti nella graduatoria del trofeo che premia ogni anno il bomber piu’ prolifico. L’attaccante dei biancocelesti precede il polacco Robert Lewandowski, anche lui a segno con il Bayern Monaco nel 4-1 rifilato in trasferta al Colonia, che di punti ne ha 46. Al terzo posto si conferma Cristiano Ronaldo con 40 punti: il portoghese ieri, pero’, e’ rimasto a riposo. A pari punti con CR7 c’e’ Timo Werner del Lipsia e il giovanissimo Erling Haaland, norvegese, classe 2000, ex Salisburgo, oggi in forza al Borussia Dortmund. A 34 punti e’ fermo Romelu Lukaku dell’Inter, ieri sera a bocca asciutta contro la Lazio.

Continua a leggere

In Evidenza

Napoli formato Coppa, Gattuso non molla il gruppo: col Brescia e col Barcellona gioca solo chi merita ed è in forma

Valeria Grasso

Pubblicato

del

Il Napoli in campionato ricomincia da 33. Passo dopo passo il Napoli sta risalendo la china in classifica,  mantenendo comunque ben saldi i piedi per terra. Importantissime le vittorie in trasferta nell’ultima settimana con Inter in Coppa Italia e Cagliari in serie A. Due gare dove il Napoli non ha preso goal ma ne ha fatti due, con Fabian Ruiz e Dries Mertens, di grande qualità. Due capolavori di balistica. È questo l’elemento che spesso può fare la differenza a favore del Napoli. Qualità, organizzazione, umiltà, sacrificio e carattere devono essere il mantra per la squadra in questa stagione per ritrovarsi definitivamente. Sarà ciò che è mancato, si vede, ad Allan negli ultimi giorni. Scarsa forma che gli è costata l’esclusione a Cagliari. Ma oggi si ricomincia, come ha ribadito il mister, Rino Gattuso, nel post gara di Cagliari: senza sosta e senza rancore. I giocatori che dimostreranno sul campo la loro voglia e la loro condizione, meriteranno di far parte del gruppo. Altrimenti, no! Non sorride e non si lascia andare ancora l’allenatore a sorrisi o a facili entusiasmi. E’ soddisfatto dell’atteggiamento della squadra, che ha dimostrato  – nelle ultime due gare – grinta, passione e  dedizione. Una squadra coerente, più unita e più compatta. Come piace a lui. Ma non si fida  ancora, perché è necessario proseguire con tante di queste prestazioni, che c’è ancora molta strada da fare. Il gruppo ha tante potenzialità, dunque occorre continuare a fare bene senza distrarsi. Obiettivo concreto (primo di tutti) sono i 40 punti, poi il resto si vedrà. Nessun giorno di riposo, nonostante la richiesta dei calciatori azzurri, si pedala anche oggi. In vista della trasferta di venerdì a Brescia per il campionato e della prima gara valevole per l’andata degli ottavi di finale di Champions League in casa con il Barcellona.

Continua a leggere

In rilievo