Collegati con noi

Sport

Milan, Pioli: Ibra non è una figurina ma manna dal cielo

Avatar

Pubblicato

del

 Il terzo indizio in una settimana darebbe la prova della ritrovata salute del Milan, forse addirittura di una guarigione definitiva. Dopo il doppio successo su Cagliari e Spal, Stefano Pioli chiede strada all’Udinese, a sua volta reduce da tre vittorie che l’hanno catapultata fuori dalla zona rossa e soprattutto primo, evidente, campanello d’allarme sul progetto poi naufragato di Giampaolo. “Dobbiamo sfruttare il momento positivo nonostante l’emergenza infortuni”, il diktat di Pioli, ben conscio che la svolta della squadra e’ coincisa proprio con l’arrivo di Ibrahimovic. Lo svedese, dopo aver rifiatato in Coppa Italia, sara’ nuovamente il totem al centro dell’attacco con il fratellino Leao, Gianluigi Donnarumma invece tornera’ in porta dopo il terzo clean sheet del fratellone Antonio. “Ibra – la coccola di Pioli – ha dimostrato di non essere una figurina ma un grande giocatore sia con le prestazioni in allenamento che in partita. E’ una manna dal cielo averlo con noi, non vuole perdere nemmeno il torello e le partitelle”. Un esercizio banale come il torello diventa il ritratto dello spirito di competizione di Ibrahimovic, a segno in Sardegna ma non ancora a San Siro, dove 60mila spettatori domani fremeranno per il suo primo squillo casalingo. “Ibrahimovic – evidenzia Pioli – fa torello di qualita’ e si incazza se un compagno non lo fa con qualita’. Questo aiuta ad aumentare la qualita’ degli allenamenti, e’ un valore aggiunto, e’ stato preso anche per questo. Il livello degli allenamenti non era basso ma ora si e’ alzato”. Kjaer ancora titolare, nuova panchina, invece, per Suso (“io credo in lui, ha le qualita’ per diventare un giocatore importante”) e Paqueta’ (“non puo’ essere soddisfatto perche’ non gioca titolare”). Le sole reali preoccupazioni per Pioli riguardano l’infermeria (out Calabria, Calhanoglu e Musacchio, oltre a Biglia e Duarte) e la classifica, dove un passo falso permetterebbe all’Udinese il sorpasso al decimo posto: “Siamo in emergenza, speravo di recuperare qualche giocatore in piu’ ma quelli che ci sono stanno bene e sono motivati, sono sufficienti per fare bene domani. L’Udinese con Gotti al timone ha una media punti importante. Stanno bene, lavorano tanto, l’allenatore ha fatto un buon lavoro, e’ una squadra fisica e difficile da superare. Dovremo lavorare molto bene da squadra e con i giusti equilibri”. Per Pioli fare punti e’ un’urgenza, non basta ripetere i risultati dell’andata per soddisfare le aspettative: “Quando un momento diventa positivo bisogna starci addosso, e’ un momento molto importante ma non ancora decisivo. Chiudere a50 puntisignificherebbe non fare un campionato all’altezza di questo club”. L’Europa e’ certamente lontana ma forse non piu’ un miraggio.

Advertisement

In Evidenza

Tour de France: Pogacar giallo di felicità, ultimo sprint a Bennett

Avatar

Pubblicato

del

Tadej Pogacar e’ il volto nuovo del ciclismo mondiale e, da oggi, siede allo stesso tavolo dei corridori che hanno reso grande questa disciplina fatta di dolore, tormenti e, soprattutto, fatica. Lo sloveno, che domani compira’ 22 anni, oltre a essere il secondo vincitore piu’ giovane delle 107 edizioni del Tour de France (il piu’ giovane ad arrivare in giallo a Parigi), e’ stato l’atleta che ha costruito l’impresa sportiva piu’ entusiasmante degli ultimi anni, rovesciando la classifica generale nella cronometro di ieri a La Plance des Belles Filles. Il corridore della UAE Emirates ha vinto il Tour ai tempi dei Coronavirus, che si e’ concluso con la consueta passerella oggi a Parigi, con classe, tenacia e forza, dimostrando di essere un campione con la C maiuscola. Pogacar e’ riuscito a cucirci addosso la maglia gialla senza l’appoggio del team (chi continua a sostenere che il ciclismo sia diventato uno sport di squadra e’ servito), spodestando dal trono un altro giovane di belle speranze come il colombiano Egan Bernal, le cui ambizioni sono evaporate man mano che le tappe si succedevano e le scorie della fatica diventavano insostenibili.

Pogacar ha avuto il merito, come lo ebbe Vincenzo Nibali nel 2014, di interrompere il dominio della britannica Ineos che, prima con il nome di Team Sky, aveva messo assieme i successi del 2012 (Bradley Wiggins), 2013, 2015, 2016, 2017 (Chris Froome), 2018 (Geraint Thomas) e 2019 (Egan Bernal); quest’anno, invece, se ne torna a casa a mani vuote e senza alcuna maglia, dopo che Carapaz ieri si e’ vista sfilare quella a pois. Sono le modalita’ a rendere straordinariamente meraviglioso l’exploit di Pogacar, che chiude il Tour in maglia gialla, ma anche con le maglie bianca (miglior giovane) e a pois (miglior scalatore), oltre che con tre tappe in saccoccia. Una vittoria totale, la sua. Senza discussioni, suggellata dalla prova a cronometro di ieri, nella quale ha polverizzato le ambizioni di Primoz Roglic, l’altro sloveno che, nel Giro d’Italia 2019, dopo vari litigi con Nibali, rinuncio’ pure alla maglia rosa. Roglic e’ il grande sconfitto delle ultime stagioni, sebbene abbia vinto la Vuelta 2019. Il crollo di ieri lo conferma, a prescindere dall’eccezionale impresa di Pogacar. Roglic, proprio alla Vuelta, nella terza settimana, aveva palesato segni di cedimento; lo stesso era avvenuto al Giro vinto l’anno scorso da Richard Carapaz. E l’Italia? Non c’e’ molto da rallegrarsi, perche’ – a parte un Nibali, ormai avanti con l’eta’ – il movimento offre davvero poco per le corse a tappe. Giulio Ciccone e’ un corridore ancora da scoprire in toto, mentre Fabio Aru e’ naufragato per l’ennesima volta. Resta il 10/o posto di Damiano Caruso, da sempre abituato a indossare i panni del gregario. Zero tappe vinte, gli sprinter a mani vuote e tanti rimpianti. L’Italia, in questo Tour, chiude con un bilancio in rosso.

La Slovenia, invece, piazza due corridori sui gradini piu’ alti del podio di Parigi. Il trionfo e’ servito. E che dire dei francesi, che non vincono (l’ultimo fu Bernard Hinault) il Tour dal 1985? Altra nazione che esce con le ossa rotte dalla corsa gialla 2020 e’ la Colombia: Quintana e Bernal sono andati fuori giri, Uran ha chiuso all’8/o posto dopo avere accarezzato il podio, Miguel Angel Lopez si e’ dovuto accontentare della 6/a piazza. L’ultima tappa e’ andata all’irlandese Sam Bennett che, allo sprint, sui Campi Elisi ha bruciato il danese campione del mondo Mats Pedersen, secondo, oltre allo slovacco ex iridatoPeter Sagan, terzo. Elia Viviani si e’ dovuto accontentare della 5/a piazza, Sonny Colbrelli dell’11/a.

Continua a leggere

In Evidenza

La Juventus di Pirlo gioca bene ed ha molte idee: tris alla Sampdoria mai in gara

Avatar

Pubblicato

del

La nuova Juventus e Pirlo allenatore partono con il botto: 3 reti alla Sampdoria firmate Kulusevski, Bonucci e Ronaldo, tre punti conquistati e, finalmente, il bel gioco tanto atteso. E lo Stadium ritrova anche i tifosi, 217 giorni dopo l’ultima volta, con un migliaio di fortunati ad applaudire l’esordio del Maestro. E a proposito di Maestri: lo e’ anche Claudio Ranmieri, 28 anni piu’ del collega, che poco ha potuto fare con la sua Samp, di cui ha infoltito il centrocampo, contro una Juve chiaramente superiore.

Due sorprese per il neo-tecnico bianconero: a sinistra il ’99 Frabotta e in mediana il nuovo acquisto McKennie ad affiancare Rabiot. Nel reparto offensivo, Pirlo conferma quelli visti contro il Novara, con Ramsey a supporto di Ronaldo e Kulusevski, e anche in difesa ripropone il terzetto Danilo-Bonucci-Chiellini. Come gia’ accaduto nell’unico test estivo, la sua e’ una Juve camaleontica: il modulo di base e’ un 3-5-2 ibrido, che in fase offensiva oscilla tra il 3-4-1-2 e il 3-4-3, ma quando c’e’ da difendere si passa al 4-4-2.

Ranieri, invece, lascia fuori Ramirez e Quagliarella e schiera un prudente 4-5-1: l’unica punta e’ Bonazzoli, sugli esterni Depaoli e Leris, la coppia di centrali e’ formata da Tonelli e Colley. I blucerchiati pasticciano in impostazione, per poco non ne approfittano Ramsey e Ronaldo: il gallese e’ fermato fallosamente da Tonelli che viene ammonito al 4′, il portoghese e’ chiuso in calcio d’angolo da Audero. Il primo gol della Juve targata Pirlo e’ di un volto nuovo, l’ex Parma . Una rete alla Dybala, verrebbe da dire, con lo svedese che grazie a un mancino preciso trova l’angolino del palo lontano. La manovra dei bianconeri e’ travolgente, impressionante l’altezza del baricentro con l’ultimo uomo Bonucci che spesso gioca oltre il cerchio della meta’ campo dei blucerchiati, e CR7 continua la sua caccia alla marcatura personale: al 24′ di sinistro colpisce la traversa, una decina di minuti dopo fallisce un rigore in movimento. Durante l’intervallo, Ranieri stravolge la sua Samp e per la ripresa lancia i due big che aveva in panchina, l’ex Quagliarella e Ramirez, togliendo i due esterni Depaoli e Leris, oltre a sostituire l’ammonito Tonelli con Yoshida. I blucerchiati rientrano con un piglio diverso, anche perche’ i bianconeri abbassano ritmi e baricentro, ma dalle parti di Szczesny creano davvero poco, se non una conclusione di Quagliarella che termina ampiamente sul fondo. Il primo cambio di Pirlo arriva all’ora di gioco con De Sciglio che rileva Frabotta, il raddoppio e’ di Bonucci al 33′: dal corner battuto da Kulusevski, Bereszynski manca incredibilmente l’impatto con il pallone e il 19 bianconero, dopo un miracolo di Audero su McKennie, firma il 2-0. Nel finale sono protagonisti i due portieri, con Szczesny sicuro su un rimpallo Yoshida-Bonucci e il blucerchiato che per una questione di centimetri nega la gioia del primo gol in Italia al centrocampista americano, mentre Quagliarella sfiora il 2-1 nell’occasione migliore avuta dalla Samp. A due minuti dalla fine, dopo svariati tentativi, Ronaldo trova finalmente la rete: assist di Ramsey, il diagonale del portoghese e’ imprendibile per il portiere cresciuto nella Juve. Nel prossimo turno, Pirlo e’ atteso dalla trasferta di Roma: spera di avere il nuovo attaccante, magari proprio quel Dzeko ad oggi ancora giallorosso. La Samp, invece, attende il neopromosso Benevento. di un altro allenatore rampante, l’ex bianconero Pippo Inzaghi.

Continua a leggere

Sport

Calcio, 15 positivi ma Al Hilal va in campo lo stesso

Avatar

Pubblicato

del

Incredibile in Asia. Il club campione d’Asia, i sauditi dell’Al Hilal, ha giocato contro gli iraniani dello Shahr Khodro nonostante quindici suoi giocatori (fra i quali Sebastian Giovinco), e sei membri dello staff, siano risultati positivi al coronavirus. Ieri l’Al Hilal aveva chiesto il rinvio della partita dopo che altri dieci giocatori, dopo i cinque del primo test, erano risultati positivi al tampone. Ma la confederazione asiatica non lo aveva concesso in base al fatto che comunque la squadra saudita aveva altri 14 elementi a disposizione. Per completare l’organico l’allenatore Razvan Lucescu aveva fatto ricorso ai ragazzi delle giovanili, poi oggi la squadra e’ andata in campo e ha strappato un pareggio per 0-0 che le consente di qualificarsi alla fase ad eliminazione diretta.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto