Collegati con noi

Cronache

Migranti, la rotta al contrario di Giovanni Chiappisi: dall’Italia alla Tunisia

Avatar

Pubblicato

del

“Qui in Tunisia si vive da Dio, è un paese meraviglioso, tollerante, ospitale. In Italia non ci tornerei mai piu'”. Parola di Giovanni Chiappisi, 66 anni, giornalista in pensione, che dal 15 febbraio 2019 è residente ad Hammamet, dopo avere percorso al contrario con la sua barca a vela la rotta che ogni giorno centinaia di migranti affrontano partendo dalle coste tunisine verso la Sicilia. Giovanni puo’ raccontare da un osservatorio privilegiato l’emergenza migranti di queste settimane, sia perche’ conosce molto bene le vicende politiche italiane, che ha seguito per anni come cronista, sia perche’ e’ un testimone oculare di quanto sta accadendo sull’altra sponda del Mediterraneo. “Questo flusso di persone – spiega – non potra’ essere fermato nemmeno con le navi militari. E’ gente disperata, che fugge dalle guerre, dalla miseria, dalla fame. La maggior parte proviene dai paesi sub sahariani ed e’ entrata nel sud della Tunisia dalla Libia, perche’ ormai in quel paese la situazione e’ ingovernabile. Ma ci sono anche molti tunisini che non riescono piu’ a tirare avanti. La pandemia ha messo in ginocchio il turismo, che rappresentava il 30% del Pil nazionale, e adesso molti abitanti del Paese sono ormai in una situazione di assoluta indigenza”. Il giornalista sottolinea che la Tunisia, secondo l’Oms, e’ stato uno dei cinque Paesi al mondo che ha gestito meglio l’emergenza sanitaria causata dal Covid 19, ma proprio le rigide misure legate al lockdown hanno gettato sul lastrico migliaia e migliaia di persone: “Per loro la traversata verso l’Italia e l’ingresso in Europa – spiega – rappresenta l’unica chance di salvezza”. Giovanni Chiappisi ha vissuto una vita che assomiglia alla trama avventurosa di un romanzo: ha cominciato la sua carriera di giornalista in Germania, poi e’ tornato in Italia dove ha lavorato al Giornale di Sicilia prima di mollare tutto e trasferirsi in Brasile dove aveva aperto un ristorante (“un paese bellissimo ma dove non potrei piu’ tornare a vivere con un presidente come Bolsonaro”).

Nel 2012 e’ andato in pensione e con la liquidazione ha comprato Horus, una splendida barca a vela con la quale ha girovagato in questi anni per il Mediterraneo prima di puntare la prua verso Hammamet, il luogo che evoca l’esilio dorato di Craxi oggi ‘buen retiro’ di un migliaio di pensionati italiani che preferiscono trasferirsi qui per pagare meno tasse: “E’ vero – ammette Giovanni – qui si versa solo il 5% di Irpef. E con il costo della vita che e’ un terzo rispetto all’Italia un pensionato fa la vita da nababbo. Ma io ho deciso di venire in Tunisia perche’ e’ un paese che amo: qui la gente ti sorride per strada, sembra di vivere nella Sicilia di 40 anni fa, quando dicevamo agli stranieri ‘mia casa tua casa’. L’Italia e’ diventato un Paese dove ormai regnano l’odio e la rabbia. Non potrei mai piu’ tornare a vivere li'”. Quando era ancora un giornalista Giovanni Chiappisi decise di sperimentare sulla sua pelle cosa vuol dire il razzismo: si anneri’ la pelle del viso con del lucido nero, si travesti’ da ‘Vu cumpra” e comincio’ a battere le strade di Palermo per raccontare come venivano trattati i migranti. Quell’inchiesta, pubblicata dal suo giornale gli valse il riconoscimento di “Cronista dell’anno”. E anche oggi Giovanni continua a battersi come un leone contro ogni forma di pregiudizio: “Sento i commenti alla tv italiana di alcuni politici che bollano i migranti come ‘terroristi, ladri, criminali, infetti’. Certo, ci saranno tra di loro anche dei poco di buono. Ma io ricordo quando andavo all’estero e venivo apostrofato come ‘mafioso’ da parte di chi dimenticava che anche Falcone e Borsellino erano siciliani”.

Advertisement

Cronache

Ucciso a Capodanno, il killer è nullatenente e le spese di giustizia le accollano alla vittima

Avatar

Pubblicato

del

Rimase vittima, a soli 24 anni, di un colpo di pistola esploso a Capodanno dalla figlia di un boss dei Quartieri Spagnoli di Napoli. L’assassina, nullatenente, non ha così liquidato le spese processuali e così la Giustizia ha pensato bene di accollarle, le spese processuali, alla famiglia della vittima. Parliamo di una cifra di quasi 18mila euro. A rendere nota la storia è l’avvocato Angelo Pisani, presidente di NoiConsumatori. La cartella esattoriale, con richiesta perentoria di 18.600,89 euro, è stata addebitata oggi alla famiglia Sarpa. La colpa di questa famiglia, pesantemente colpita negli affetti con l’assassinio del loro giovane figlio a 24 anni, spiegano gli avvocati Angelo e Sergio Pisani, è stata quella di “essersi costituita parte civile nel processo contro Emanuela Terracciano, all’epoca 22enne, figlia del defunto boss Salvatore detto “‘o niron” . La donna è stata condannata nel procedimento penale in via definitiva a 8 anni di reclusione e al risarcimento in sede civile di oltre 626mila euro e al pagamento delle spese processuali. “Ma siccome è nullatenente – fa sapere Angelo Pisani – a rispondere in solido ora è la famiglia”. Pisani spera in un intervento del Presidente della Repubblica e in una revisione della normativa anche fiscale che, sottolinea, “si sta rivelando una beffa per le vittime della criminalità”.

(nella foto in evidenza Angelo e Sergio Pisani, fratelli e avvocati che tutelano gli interessi della famiglia Sarpa)

Continua a leggere

Cronache

La sindaca di Torino Chiara Appendino condannata a 6 mesi di reclusione con l’imputazione di falso ideologico

Avatar

Pubblicato

del

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, è stata condannata a sei mesi di reclusione nell’ambito del processo Ream. Stessa condanna per l’assessore comunale al Bilancio, Sergio Ronaldo. Otto mesi, invece, per l’ex capo di Gabinetto Paolo Giordana. Una condanna in primo grado in un processo che non arriverà mai a sentenza in Cassazione e che potrebbe essere rovesciata già in Appello, ma comunque una condanna. Come l’ha presa la Appendino? “Porterò a termine il mio mandato da sindaca. Come previsto dal codice etico mia autosospenderò dal Movimento 5 stelle”. Questi il commento della sindaca di Torino Appennino riconosciuta responsabile di una imputazione di falso ideologico. Sono invece cadute due accuse di abuso in atti di ufficio e una seconda di falso.

Continua a leggere

Cronache

Morto Peppino Caldarola, dirigente Pci e direttore Unità

Avatar

Pubblicato

del

E’ morto al Policlinico Umberto I di Roma, dopo una breve malattia, a 74 anni, Peppino Caldarola. Dirigente del Partito Comunista a Bari, poi deputato per due legislature del Gruppo L’Ulivo. Giornalista, e’ stato vice-direttore di Rinascita, fondatore e primo direttore di Italiaradio. Dopo lo scioglimento del Pci ha aderito al Partito Democratico della Sinistra e, successivamente, ai Democratici di Sinistra. Dal 1996 al 1998 e dal 1999 al 2000 e’ stato direttore dell’Unita’.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto