Collegati con noi

Politica

Mattarella rincuora gli italiani e li invita ad essere uniti e a tenere duro: l’Ue intervenga prima che sia troppo tardi

Avatar

Pubblicato

del

L’Europa intervenga prima che sia troppo tardi, tutti comprendano la gravità della minaccia del coronavirus. Per la seconda volta dall’inizio dell’emergenza il presidente Sergio Mattarella parla alla nazione. E, dopo la fumata nera al Consiglio europeo, dal Quirinale arriva un monito a tutti i Paesi membri dell’Ue: “serve un’azione comune e concreta”. Mattarella non nasconde che l’Italia stia vivendo “una pagina triste” della sua storia. Invita, nuovamente, maggioranza, opposizioni, parti sociali e enti locali all’unita’. E da’ anche un messaggio di speranza: “iniziamo a pensare al dopo emergenza, nella ricostruzione il popolo italiano ha sempre saputo dare il meglio di se'”. Il capo dello Stato torna inoltre a chiedere agli italiani di rispettare “con scrupolo” le misure restrittive messe in atto dal governo. “Misure rigorose ma indispensabili”, prese “con norme di legge, quindi sottoposte all’approvazione del Parlamento”, precisa il presidente della Repubblica forse con un riferimento implicito alle polemiche sui numerosi dpcm emanati in merito alle restrizioni. “Il mondo ammira il nostro senso di responsabilita’, la risposta collettiva del popolo italiano”, sottolinea Mattarella scegliendo di soffermarsi “sulla generosa solidarieta’ che attraversa l’Italia” segnata dall’emergenza. E riservando la “riconoscenza della Repubblica” a chi sta “fronteggiando la malattia con instancabile abnegazione”. E’ l’Europa uno dei punti chiave dell’intervento del capo dello Stato. “La Bce e la Commissione hanno assunto importanti e positive decisioni, sostenute dal Parlamento Europeo. Non lo ha ancora fatto il Consiglio dei capi dei governi nazionali. Ci si attende che questo avvenga concretamente nei prossimi giorni”, sottolinea Mattarella. Parole che arrivano mentre, a Palazzo Chigi, si studia gia’ il piano B, “antifalchi Ue”, per il decreto aprile con cui tentare il rilancio dell’economia. Il premier Giuseppe Conte ha deciso di accelerare e punta a concretizzare il provvedimento nei primissimi giorni di aprile. Una parte delle risorse verra’ comunque dall’Ue (fondi per l’emergenza, come alcuni miliardi che l’Italia avrebbe dovuto restituire a Bruxelles e, con l’ok della commissione non lo fara’). Una parte sara’ erogata facendo altro deficit, come ha spiegato anche Roberto Gualtieri alle opposizioni, e facendo votare al parlamento un nuovo scostamento di bilancio. Allo stesso tempo il premier ritiene che assicurare liquidita’ per famiglie e imprese in tempi brevissimi sia di assoluta necessita’: da qui il pressing per un piano che con garanzie dello Stato assicuri prestiti a medio e lungo termine consentendo l’erogazione di denaro fresco a imprese famiglie. E, il ruolo di garante di “ultima istanza”, potrebbe essere riservato a Cassa Depositi e Prestiti. Di certo, per il governo italiano, i 14 giorni che l’Europa si e’ data per organizzare una proposta comune sono troppi. Conte, in ogni caso, non fara’ mancare il suo pressing e la voce delle richieste del governo sara’ quella del titolare del Mef Roberto Gualtieri, visto che a organizzare una proposta comune sara’ l’Eurogruppo. La sensazione e’ che un compromesso alla fine potrebbe essere trovato. Ma c’e’ un rischio: l’utilizzo del Mes, unico strumento sul quale i falchi Ue hanno dato piena disponbilita’. Strumento che, tuttavia, contiene condizionalita’ ritenute inaccettabili non solo dall’opposizione, ma anche dal M5s e da buona parte del governo. L’opposizione Intanto si scaglia con violenza contro l’Ue. “Prima sconfiggiamo il virus, poi ripensiamo all’Europa. E se serve salutiamo. Ma andate a…”, sottolinea Matteo Salvini. “Non vogliamo elemosina ma i nostri soldi”, incalza Giorgia Meloni. “Ha ragione Mattarella, l’Ue non puo’ essere miope”, rileva Silvio Berlusconi. Sul dl aprile, invece, ci sono i primi segnali di una collaborazione. Dopo l’incontro tra i ministri Federico D’Inca’ e Roberto Gualtieri nuove riunioni ci saranno nei prossimi giorni, ma solo dopo che saranno pervenuti gli emendamenti al Cura Italia (e il segnale del non ostruzionismo di Fdi, Lega e FI). In queste ore, inoltre, anche Vito Crimi riunira’ prima i ministri e poi i gruppi M5s per elaborare le sue proposte, a partire dall’allargamento del reddito di cittadinanza. E, sull’ombra del governissimo, per Conte oggi arriva l’assist di Romano Prodi: “non vedo il Paese pronto”, spiega l’ex presidente del consiglio.

Di seguito il testo integrale del messaggio del Capo dello Stato Sergio Mattarella agli italiani 

(testo e video integrale sono messi a disposizione dal Quirinale) 

«Mi permetto nuovamente, care concittadine e cari concittadini, di rivolgermi a voi, nel corso di questa difficile emergenza, per condividere alcune riflessioni. Ne avverto il dovere.

La prima si traduce in un pensiero rivolto alle persone che hanno perso la vita a causa di questa epidemia; e ai loro familiari.

Il dolore del distacco è stato ingigantito dalla sofferenza di non poter essere loro vicini e dalla tristezza dell’impossibilità di celebrare, come dovuto, il commiato dalle comunità di cui erano parte. Comunità che sono duramente impoverite dalla loro scomparsa.

Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia. Abbiamo visto immagini che sarà impossibile dimenticare. Alcuni territori – e in particolare la generazione più anziana – stanno pagando un prezzo altissimo.

Ho parlato, in questi giorni, con tanti amministratori e ho rappresentato loro la vicinanza e la solidarietà di tutti gli italiani.

Desidero anche esprimere rinnovata riconoscenza nei confronti di chi, per tutti noi, sta fronteggiando la malattia con instancabile abnegazione: i medici, gli infermieri, l’intero personale sanitario, cui occorre, in ogni modo, assicurare tutto il materiale necessario. Numerosi sono rimasti vittime del loro impegno generoso.

Insieme a loro ringrazio i farmacisti, gli agenti delle Forze dell’ordine, nazionali e locali, coloro che mantengono in funzione le linee alimentari, i servizi e le attività essenziali, coloro che trasportano i prodotti necessari, le Forze Armate.

A tutti loro va la riconoscenza della Repubblica, così come va agli scienziati, ai ricercatori che lavorano per trovare terapie e vaccini contro il virus, ai tanti volontari impegnati per alleviare le difficoltà delle persone più fragili, alla Protezione Civile che lavora senza soste e al Commissario nominato dal Governo, alle imprese che hanno riconvertito la loro produzione in beni necessari per l’emergenza, agli insegnanti che mantengono il dialogo con i loro studenti, a coloro che stanno assistendo i nostri connazionali all’estero. A quanti, in ogni modo e in ogni ruolo, sono impegnati su questo fronte giorno per giorno.

La risposta così pronta e numerosa di medici disponibili a recarsi negli ospedali più sotto pressione, dopo la richiesta della Protezione Civile, è un ennesimo segno della generosa solidarietà che sta attraversando l’Italia.

 

Vorrei inoltre ringraziare tutti voi. I sacrifici di comportamento che le misure indicate dal Governo richiedono a tutti sono accettati con grande senso civico, dimostrato in amplissima misura dalla cittadinanza.

Da alcuni giorni vi sono segnali di un rallentamento nella crescita di nuovi contagi rispetto alle settimane precedenti: non è un dato che possa rallegrarci, si tratta pur sempre di tanti nuovi malati e soprattutto perché accompagnato da tanti nuovi morti. Anche quest’oggi vi è un numero dolorosamente elevato di nuovi morti. Però quel fenomeno fa pensare che le misure di comportamento adottate stanno producendo effetti positivi e, quindi, rafforza la necessità di continuare a osservarle scrupolosamente finché sarà necessario.

Il senso di responsabilità dei cittadini è la risorsa più importante su cui può contare uno stato democratico in momenti come quello che stiamo vivendo.

La risposta collettiva che il popolo italiano sta dando all’emergenza è oggetto di ammirazione anche all’estero, come ho potuto constatare nei tanti colloqui telefonici con Capi di Stato stranieri.

Anche di questo avverto il dovere di rendervi conto: molti Capi di Stato, d’Europa e non soltanto, hanno espresso la loro vicinanza all’Italia. Da diversi dei loro Stati sono giunti sostegni concreti. Tutti mi hanno detto che i loro Paesi hanno preso decisioni seguendo le scelte fatte in Italia in questa emergenza.

Nell’Unione Europea la Banca Centrale e la Commissione, nei giorni scorsi, hanno assunto importanti e positive decisioni finanziarie ed economiche, sostenute dal Parlamento Europeo.

Non lo ha ancora fatto il Consiglio dei capi dei governi nazionali. Ci si attende che questo avvenga concretamente nei prossimi giorni. Sono indispensabili ulteriori iniziative comuni, superando vecchi schemi ormai fuori dalla realtà delle drammatiche condizioni in cui si trova il nostro Continente. Mi auguro che tutti comprendano appieno, prima che sia troppo tardi, la gravità della minaccia per l’Europa. La solidarietà non è soltanto richiesta dai valori dell’Unione ma è anche nel comune interesse.

Nel nostro Paese, come ho ricordato, sono state prese misure molto rigorose ma indispensabili, con norme di legge – sia all’inizio che dopo la fase di necessario continuo aggiornamento – norme, quindi, sottoposte all’approvazione del Parlamento.

Sono stati approntati – e sono in corso di esame parlamentare – provvedimenti di sostegno per i tanti settori della vita sociale ed economica colpiti. Altri provvedimenti sono preannunciati.

Conosco – e comprendo bene – la profonda preoccupazione che molte persone provano per l’incertezza sul futuro del proprio lavoro. Dobbiamo compiere ogni sforzo perché nessuno sia lasciato indietro.

Ho auspicato – e continuo a farlo – che queste risposte possano essere il frutto di un impegno comune, fra tutti: soggetti politici, di maggioranza e di opposizione, soggetti sociali, governi dei territori.

Unità e coesione sociale sono indispensabili in questa condizione.

Un’ultima considerazione: mentre provvediamo ad applicare, con tempestività ed efficacia, gli strumenti contro le difficoltà economiche, dobbiamo iniziare a pensare al dopo emergenza: alle iniziative e alle modalità per rilanciare, gradualmente, ma con determinazione la nostra vita sociale e la nostra economia.

Nella ricostruzione il nostro popolo ha sempre saputo esprimere il meglio di sé.

Le prospettive del futuro sono – ancora una volta – alla nostra portata.

Abbiamo altre volte superato periodi difficili e drammatici. Vi riusciremo certamente – insieme – anche questa volta».

Advertisement

Politica

I Comuni chiedono 6 miliardi, Conte “impediremo il default”

amministratore

Pubblicato

del

Dopo i 3 miliardi del decreto Rilancio, altrettanti per i bilanci in crisi dei Comuni italiani provati dalla pandemia e dal lockdown, che ha molto ridotto le entrate. E’ la principale richiesta dei sindaci delle 13 citta’ metropolitane nell’incontro con il premier in videoconferenza. “Non permettero’ che i Comuni vadano in dissesto”, ha assicurato Giuseppe Conte, “capisco che ci possa essere insoddisfazione e anche preoccupazione da parte vostra, ma dovete darci atto che non c’e’ mai stata una sottovalutazione sul grande ruolo che avete concretamente espletato in questa emergenza”. In serata, una nota di Palazzo Chigi ha confermato l’impegno del governo: ai sindaci Conte “ha garantito la piena disponibilita’ del governo a venire incontro alle richieste dei Comuni” ed ha assicurato “la volonta’ e l’impegno da parte dell’esecutivo ad integrare il Fondo destinato ai Comuni per le funzioni fondamentali, in relazione alle perdite delle entrate locali” connesse al Covid, ed e’ data “disponibilita’ a valutare soluzioni tecniche per opportuna flessibilita’” degli adempimenti di bilancio. “Ci aspettiamo che all’impegno personale del presidente del Consiglio, che apprezziamo, seguano i fatti – dichiara il presidente dell’Associazione Comuni (Anci) e sindaco di Bari Antonio Decaro -: al piu’ presto il ministero delle Finanze individui norme e risorse per metterci a disposizione i 3 miliardi indispensabili a far fronte ai servizi essenziali per i cittadini”, a rischio sospensione per il crollo delle entrate. L’allarme dei sindaci di Roma, Milano, Bari, Genova, Firenze, Napoli, Torino, Catania, Reggio Calabria, Bologna, Palermo, Cagliari e Venezia era gia’ contenuto in una lettera inviata a Conte. Oltre al raddoppio dei finanziamenti, per totali 6 miliardi, “per chiudere i bilanci compensando le minori entrate di questi mesi”, le richieste comprendono, in 5 punti, l’assegnazione diretta di fondi per cultura, turismo, mobilita’ e welfare. E ancora norme piu’ flessibili sui vincoli finanziari e straordinarie per la gestione degli squilibri di bilancio per il 2020; sospensione dei piani di rientro per tutti i Comuni per il 2020 e dei procedimenti riguardanti la verifica dei piani di riequilibrio pluriennali; regole semplificate e poteri commissariali per la realizzazione di alcune opere prioritarie e urgenti. “Sui 5 punti abbiamo chiesto e ottenuto l’impegno di Conte”, ha riferito il sindaco di Firenze Dario Nardella. Ma l’incontro, presenti il ministro delle Autonomie Francesco Boccia e i viceministri dell’Economia Laura Castelli e Antonio Misiani, ha avuto a tratti toni aspri. “Sono stati fatti errori politici – avrebbe detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala, secondo quanto riferito -. Dai sindaci si leva un grido di allarme enorme. O ci date una risposta o reagiremo con una iniziativa forte”. “Ci aspettavamo un trattamento diverso. Abbiamo collaborato lealmente in ogni modo col governo. Ma ora basta – cosi’ Decaro – Abbiamo bisogno di certezze e il dovere oltre che il diritto di contare per il rilancio del Paese”. Soddisfatta al termine la sindaca di Roma. “Accolgo con grande apprezzamento l’impegno del Presidente Conte sulle risorse da destinare ai Comuni per far fronte alle esigenze economiche causate dall’emergenza coronavirus – dice Virginia Raggi -. Ora la parola d’ordine deve essere ‘semplificazione’, dobbiamo poter spendere velocemente questi fondi e dare risposte rapide a cittadini e imprese”. Critico invece il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: “Risposte piu’ che deludenti. Il governo e il premier non possono continuare ad essere condizionati da strutture legate a logiche contabili incompatibili con l’emergenza e con la ripresa economica”.

Continua a leggere

In Evidenza

Ercolano, il Pd si allea con Fratelli d’Italia per sfiduciare il sindaco renziano Ciro Buonajuto

Avatar

Pubblicato

del

Tredici consiglieri comunali hanno firmato una mozione di sfiducia a Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano. Il primo cittadino a Juorno spiega che “la mia uscita dal Partito Democratico, con il successivo ingresso in Italia Viva ha creato nuovi equilibri all’interno del consiglio comunale; mi aspettavo quindi una reazione, ma di sicuro non che il Pd scegliesse di unirsi alle destre pur di sfiduciarmi”. Dei tredici firmatari infatti, ben sette sono consiglieri del Pd; a loro si sono uniti i rappresentanti dell’opposizione di Fdi, M5S e del Gruppo Misto. Hanno firmato la mozione e hanno richiesto “la convocazione urgente di un consiglio comunale che abbia come unico punto all’ODG la mozione di sfiducia al Sindaco”.  Buonajuto ribadisce che andrà avanti per la sua strada. “Sarò in consiglio comunale ad aspettarli, vedremo che cosa avranno da dire e come motiveranno questa decisione”. Sulla possibilità che durante il Covid siano emersi malumori per la gestione dell’emergenza, il sindaco chiarisce che “Ercolano è la città con meno casi Covid in Italia fra quelle con più di 50mila abitanti. La gestione dell’emergenza è stata buona e abbiamo condiviso tutti gli atti amministrativi con un tavolo d’emergenza”. 

“In questi mesi sono stato sempre in prima linea, e spesso solo, ad affrontare un’emergenza sanitaria senza precedenti – commenta su Facebook Buonajuto -; sono stato solo a lanciare un grido d’allarme contro le scarcerazioni di pregiudicati legati ai clan del nostro territorio. Sono stato solo accanto ai commercianti e imprenditori che stanno vivendo un momento drammatico per il futuro delle proprie attività e, soprattutto, delle loro famiglie. Ho trascurato la mia famiglia e miei affetti, ho trascorso questi mesi senza un attimo di tregua mentre, evidentemente, qualcun altro era più interessato al proprio posizionamento che alla salute della popolazione ed alla città. Io ho sempre anteposto il bene dei cittadini alle beghe personali e continuerò a farlo – conclude il sindaco -, quindi facciano pure e vadano avanti. Ne risponderanno alla città ed io non ho paura”.

In difesa di Bonajuto sono scesi in campo i big di Italia Viva. Il Presidente di Iv, Ettore Rosato, pensando ai consiglieri comunali del Pd determinanti per sfiduciare il sindaco Buonajuto,  parla di “una vergogna e questi sono gli stessi che ogni giorno vengono a fare la morale a noi”. Durissima anche Teresa Bellanova, ministro e capo delegazione di Iv al governo. “Io provo sconcerto – spiega Bellanova – per loro e trovo paradossale che si tratti dello stesso partito che l’altro ieri ci accusava di filtrare con la destra. Ovviamente mando un grande abbraccio virtuale a Ciro: siamo tutti con te”.

Continua a leggere

Politica

Catello Maresca: non sono candidato, basta strumentalizzare il mio nome, faccio volontariato da ragazzo assieme a migliaia di persone

Catello Maresca

Pubblicato

del

Sono oramai tre mesi che ogni giorno devo smentire di essere candidato a Sindaco di Napoli. Sono stanco di spiegare che non sarò a capo di uno schieramento di destra, anzi di sinistra, forse di sotto, di sopra o di centro che concorre alla guida della Regione Campania. Sono tre mesi che un giorno sì e un giorno pure ogni mia proiezione pubblica, ogni mia iniziativa da normale cittadino viene scandagliata, vivisezionata per poterle attribuire una qualche coloritura partitica, non politica.


Con questo voglio significare che la politica, almeno per me, non è una cosa sporca. Non lo può essere perchè tutti facciamo politica quando concorriamo nella nostra vita di relazione a valorizzare il bene comune e i beni della nostra comunità.

Come tanti altri cittadini che svolgono i più disparati mestieri anche io che di professione faccio il magistrato sono impegnato nell’associazionismo. Praticamente da sempre, da quando avevo 19 anni.
A qualcuno sembrerà strano, ma anche i magistrati sono uomini e donne “normali”, con le loro idee, le proprie paure, il proprio impegno. Un impegno che vivo come naturale completamento, sotto altra forma, del mio ruolo di servitore dello Stato in magistratura. Quando con l’associazione Arte e Mestieri, di cui mi onoro di essere uno dei fondatori, aiuto ragazzi in difficoltà ad aprire la pizzeria, quando consegniamo generi alimentari a famiglie che non hanno da mangiare, quando istituiamo corsi di formazione professionale per insegnare un mestiere a chi ha bisogno di trovare una occasione nel mondo del lavoro, quando ci mettiamo a disposizione delle persone meno fortunate credo di fare politica nel senso più nobile, perché non la faccio al servizio di una parte, di una fazione, ma per la collettività. E continuo a combattere le mafie proprio sul campo dove loro sono più forti e più pericolose.


E lo farò per sempre, anche contro tutto e contro tutti. Se ne facciano una ragione i finti soloni che in questi giorni hanno pontificato su distinzione di ruoli, ragioni di opportunità e altre baggianate simili. Lo fanno chissà per quali altri fini, ma presto lo scopriremo.
Tra i tanti ho un difetto più grande che mi rende incompatibile con certa politica: dico e faccio quello che penso ed in cui credo!
E per il mio modo di essere non sono disponibile a barattarlo con nessun ruolo, ne tantomeno sono alla ricerca di qualche poltrona.


Ho grande rispetto della professionalità e della libertà, degli altri e della mia, perché solo mantenendola si è in grado di continuare le battaglie di civiltà, contro le mafie, contro le illegalità diffuse che danneggiano le nostre terre e rubano il futuro ai nostri figli.


Lo dico perchè da troppo tempo sono preoccupato del profondo disgusto dei cittadini per la politica, intesa come “una cosa sporca” e sostanzialmente inutile, tanto “sono tutti uguali”. Dobbiamo abituarci ad un’altra narrazione. Non bisogna alimentare questo sentimento di rigetto rafforzato da vicende poco edificanti di chi ci governa. Quella è patologia che viene sanzionata dalla magistratura, ma la politica è importante, è nobile, non è tutta sporca.

Vorrei che si smettesse, una buona volta per tutte, di creare artificiali ed artificiosi collegamenti tra la mia vita professionale e il mio impegno nella comunità dove vivo. Da magistrato conduco una battaglia a viso aperto contro le organizzazioni mafiose, nella mia vita di relazione faccio volontariato per aiutare le persone più sfortunate. Questo non deve autorizzare nessuno a inquadrarmi pubblicamente in fazioni o partiti o competizioni elettorali.

Non è vero, non è dunque più accettabile continuare a leggere titoli di giornali “il dottor Maresca scende in campo”, “il pm entra in politica” e altre cose che, quando non sono completamente false, si dotano di una patina di verosimiglianza, ma sempre non vere sono. Non sono in nessun partito politico, non sono candidato a niente, faccio il mio mestiere di magistrato con onore e decoro servendo lo Stato e i cittadini italiani ed ho giurato sulla Costituzione che mai defletterò da questi impegni.

Ciò detto chiedo rispetto per me e anche per tutte quelle persone, che sono migliaia, che in questi mesi, in questi anni, hanno voluto manifestarmi il loro affetto per il mio impegno di magistrato e per quello di uomo impegnato nel volontariato, sul campo, nella vera politica antimafia.

Ci sono migliaia di persone che in questi ultimi tre mesi hanno voluto dimostrarmi concretamente vicinanza, affetto, amore per la mia battaglia contro le organizzazioni mafiose e contro le scarcerazioni dei boss per svuotare le carceri.

Chi mi conosce e chi ha seguito le mie battaglie recenti, sa bene che da giurista ho messo in guardia le istituzioni democratiche di questo Paese dal non farsi ricattare dai detenuti in rivolta il 7/8/9 marzo. L’ho scritto e l’ho detto in ogni luogo pubblico, in ogni dibattito, in Tv, sui giornali che consideravo sbagliata, pericolosa, dannosa per la lotta alla mafia una circolare del Dap che ha poi innescato un corto circuito istituzionale tale da far scarcerare centinaia di criminali e tra questi anche mafiosi al 41 bis. Purtroppo tutte le mie denunce, tutte le mie preoccupazioni erano fondate. Così come erano fondati i miei dubbi circa l’adeguatezza della guida del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria giàcche chi lo governava “è stato dimesso”.

A chi in questi mesi ha seguito le mie battaglie ed ha inteso supportarmi singolarmente o fondando associazioni, gruppi su social network dico mille volte grazie. Senza il loro appoggio, senza la stima di migliaia di persone la battaglia sarebbe stata più difficile, forse impossibile. A tutti questi amici che mi hanno contattato, mi hanno spesso invitato a incontri on line, dico di non disperdere questa esperienza e di continuare a insistere a proporre nella realtà la loro voglia di partecipazione alla vita pubblica in ogni forma. Non si può e non si deve delegare la rappresentanza dell’intera società solo a partiti o fazioni.

Magistrati. Nella foto assieme al giudice Riello e al pm Sirignano

Ecco perchè ribadisco il mio dispiacere per chi ha sempre provato in queste settimane a farmi indossare una divisa di una fazione o di una parte politica. Non è così. Sono e resto un magistrato, ho combattuto e combatto le organizzazioni mafiose assieme ai miei colleghi della magistratura inquirente e giudicante, assieme a tutti gli uomini e le donne che indossano una divisa e a quelli che lo fanno nelle scuole, nelle Università, tra la gente e che fanno parte della stessa squadra Stato. Ovviamente non dimentico il ruolo fondamentale dell’avvocatura.

Associazione Arti e Mestieri. Le foto mostrano alcuni momenti di manifestazioni di solidarietà organizzate per finanziare progetti di utilità sociale in città. Tra i protagonisti oltre al magistrato Catello Maresca e l’imprenditore Rosario Bianco potete notare anche la presenza di Federico Cafiero de Raho (procuratore nazionale antimafia) o Vincenzo Moretta (presidente ordine dei Commercialisti) e tanti altri

Aggiungo solo un concetto, che spero non sfugga a nessuno di noi, mai.
“La lotta alla mafia… non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolga tutti, che tutti si abituino a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, della indifferenza, della contiguità e, quindi, della complicità”. Questo concetto probabilmente io non l’avrei mai saputo scrivere. Eppure fa parte del mio Dna. Sono parole pronunciate da Paolo Borsellino. E io indosso la toga anche per seguire l’esempio di Borsellino e del dottor Giovanni Falcone.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto