Collegati con noi

Politica

Mattarella a Codogno per mostrare “il volto migliore dell’Italia” nella giornata della Festa della Repubblica

Avatar

Pubblicato

del

Discorso pronunciato dal Presidente Sergio Mattarella nei Giardini del Quirinale alla vigilia della festa della Repubblica

—–

Il 2 giugno, domani, si celebra l’anniversario della nascita della nostra Repubblica. Lo faremo in una atmosfera in cui proviamo nello stesso tempo sentimenti di incertezza e motivi di speranza. Stretti tra il dolore per la tragedia che improvvisamente ci è toccato vivere e la volontà di un nuovo inizio. Di una stagione nuova, nella quale sia possibile uscire al più presto da questa sorta di incubo globale.

Tanti fra di noi avvertono il ricordo struggente delle persone scomparse a causa del coronavirus: familiari, amici, colleghi. Sovente senza l’ultimo saluto.

A tutte le vittime, a chi è morto solo, al ricordo dei tanti affetti spezzati è dedicato questo concerto, con il maestro Daniele Gatti e l’orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, che ringrazio molto per la loro partecipazione.

Accanto al dolore per le perdite e per le sofferenze patite avvertiamo, giorno per giorno, una crescente volontà di ripresa e di rinascita, civile ed economica.

La nascita della Repubblica, nel 1946, segnava anch’essa un nuovo inizio. Superando divisioni che avevano lacerato il Paese, per fare della Repubblica la casa di tutti, sulla base dei valori di libertà, pace e democrazia.

Forze politiche, che erano divise, distanti e contrapposte su molti punti, trovavano il modo di collaborare nella redazione della nostra Costituzione, convergendo nella condivisione di valori e principi su cui fondare la nostra democrazia.

Quello spirito costituente rappresentò il principale motore della rinascita dell’Italia. Seppe unire gli italiani, al di là delle appartenenze, nella convinzione che soltanto insieme si sarebbe potuta affrontare la condizione di estrema difficoltà nella quale il Paese era precipitato.

Questa sostanziale unità morale è stata il vero cemento che ha fatto nascere e ha tenuto insieme la Repubblica. E’ quel che ci fa riconoscere, ancora oggi, legati da un comune destino.

Allora si reagiva ai lutti, alle sofferenze e alle distruzioni della guerra. Oggi dobbiamo contrastare un nemico invisibile, per molti aspetti sconosciuto, imprevedibile, che ha sconvolto le nostre esistenze e abitudini consolidate. Ha costretto a interrompere relazioni sociali, a chiudere le scuole. Ha messo a rischio tanti progetti di vita e di lavoro. Ha posto a durissima prova la struttura produttiva del nostro Paese.

Possiamo assumere questa giornata come emblematica per l’inizio della nostra ripartenza.

Ho ricevuto e letto, in questi tre mesi, centinaia di messaggi di preoccupazione ma anche di vicinanza, di fiducia, di speranza.

Dobbiamo avere piena consapevolezza delle difficoltà che abbiamo di fronte. La risalita non sarà veloce, la ricostruzione sarà impegnativa, per qualche aspetto sofferta. Serviranno coraggio e prudenza. Il coraggio di guardare oltre i limiti dell’emergenza, pensando al futuro e a quel che deve cambiare. E la prudenza per tenere sotto controllo un possibile ritorno del virus, imparando a conviverci in sicurezza per il tempo che sarà necessario alla scienza per sconfiggerlo definitivamente.

Serviranno tempestività e lungimiranza. Per offrire sostegno e risposte a chi è stato colpito più duramente. E per pianificare investimenti e interventi di medio e lungo periodo, che permettano di dare prospettive solide alla ripresa del Paese.

Abbiamo detto tante volte che noi italiani abbiamo le qualità e la forza d’animo per riuscire a superare anche questa prova. Così come abbiamo ricostruito il Paese settant’anni fa.

Lo abbiamo visto nelle settimane che abbiamo alle spalle.

Abbiamo toccato con mano la solidarietà, la generosità, la professionalità, la pazienza, il rispetto delle regole. Abbiamo riscoperto, in tante occasioni, giorno per giorno, doti che, a taluno, sembravano nascoste o appannate, come il senso dello Stato e l’altruismo.

Abbiamo ritrovato, nel momento più difficile, il vero volto della Repubblica.

Ora sarebbe inaccettabile e imperdonabile disperdere questo patrimonio, fatto del sacrificio, del dolore, della speranza e del bisogno di fiducia che c’è nella nostra gente. Ce lo chiede, anzitutto, il ricordo dei medici, degli infermieri, degli operatori caduti vittime del virus nelle settimane passate.

Siamo orgogliosi di quanto hanno fatto tutti gli operatori della sanità e dei servizi essenziali, che – spesso rischiando la propria salute – hanno consentito all’intera nostra comunità nazionale di respirare mentre la gran parte delle attività era ferma. Siamo grati ai docenti per la didattica a distanza, agli imprenditori che hanno riconvertito in pochi giorni la produzione per fornire i beni che mancavano per la sicurezza sanitaria, alle donne e agli uomini delle Forze dell’Ordine, nazionali e locali, alla Protezione Civile, ai tanti volontari, che hanno garantito la sicurezza e il sostegno nell’emergenza.

Sono consapevole che a questi comportamenti se ne sono, talvolta, contrapposti altri ad opera di chi ha cercato e cerca di sfruttare l’emergenza. Comportamenti simili vanno accertati con rigore e repressi con severità ma sono, per fortuna, di una minoranza molto piccola della nostra società.

Questo 2 giugno ci invita a riflettere tutti su cosa è, su cosa vuole essere la Repubblica oggi.

Questo giorno interpella tutti coloro che hanno una responsabilità istituzionale – a partire da me naturalmente – circa il dovere di essere all’altezza di quel dolore, di quella speranza, di quel bisogno di fiducia.

Non si tratta di immaginare di sospendere o annullare la normale dialettica politica. La democrazia vive e si alimenta di confronto fra posizioni diverse.

Ma c’è qualcosa che viene prima della politica e che segna il suo limite.

Qualcosa che non è disponibile per nessuna maggioranza e per nessuna opposizione: l’unità morale, la condivisione di un unico destino, il sentirsi responsabili l’uno dell’altro. Una generazione con l’altra. Un territorio con l’altro. Un ambiente sociale con l’altro. Tutti parte di una stessa storia. Di uno stesso popolo.

Mi permetto di invitare, ancora una volta, a trovare le tante ragioni di uno sforzo comune, che non attenua le differenze di posizione politica né la diversità dei ruoli istituzionali.

Siamo tutti chiamati a un impegno comune contro un gravissimo pericolo che ha investito la nostra Italia sul piano della salute, economico e sociale.

Le sofferenze provocate dalla malattia non vanno brandite gli uni contro gli altri.

Questo sentimento profondo, che avverto nei nostri concittadini, esige rispetto, serietà, rigore, senso della misura e attaccamento alle istituzioni. E lo richiede a tutti, tanto più a chi ha maggiori responsabilità. Non soltanto a livello politico.

Siamo chiamati a scelte impegnative.

Non siamo soli. L’Italia non è sola in questa difficile risalita. L’Europa manifesta di aver ritrovato l’autentico spirito della sua integrazione. Si va affermando, sempre più forte, la consapevolezza che la solidarietà tra i Paesi dell’Unione non è una scelta tra le tante ma la sola via possibile per affrontare con successo la crisi più grave che le nostre generazioni abbiano vissuto. Nessun Paese avrà un futuro accettabile senza l’Unione Europea. Neppure il più forte. Neppure il meno colpito dal virus.

Adesso dipende anche da noi: dalla nostra intelligenza, dalla nostra coesione, dalla capacità che avremo di decisioni efficaci.

Sono convinto che insieme ce la faremo. Che il legame che ci tiene uniti sarà più forte delle tensioni e delle difficoltà.

Ma so anche che la condizione perché questo avvenga sarà legata al fatto che ciascuno, partecipando alla ricostruzione che ci attende, ricerchi, come unico scopo, il perseguimento del bene della Repubblica come bene di tutti. Nessuno escluso.

Domani mi recherò a Codogno, luogo simbolo dell’inizio di questo drammatico periodo, per rendere omaggio a tutte le vittime e per attestare il coraggio di tutte le italiane e tutti gli italiani, che hanno affrontato in prima linea, spesso in condizioni estreme, con coraggio e abnegazione, la lotta contro il coronavirus.

Desidero ringraziarli tutti e ciascuno. L’Italia – in questa emergenza – ha mostrato il suo volto migliore.

Sono fiero del mio Paese.


 

Quelli che seguono sono i nomi dei Cavalieri del Lavoro che oggi saranno insigniti della onorificenze.

Ecco l’elenco completo degli insigniti, con l’indicazione, per ciascuno, del settore di attività e della Regione di provenienza:

ALLEGRINI Maria – Agricoltura/vitivinicolo – Veneto

CAMPANILE Antonio – Industria/chimica – Umbria

CASTAGNA Giuseppe – Credito – Lombardia

COPPINI Lorenzo – Industria/trasduttori elettroacustici- Toscana

DOGLIONE Anna Maria Grazia – Industria/siderurgica – Piemonte

FERRAGAMO Ferruccio – Alta moda – Toscana

FIASCONARO Nicola – Artigianato/prodotti dolciari – Sicilia

FRANDINO Mario – Industria/alimentare – Piemonte

GAROFALO Maria Laura – Sanità privata – Lazio

GILARDI Alessandro – Industria/edile – Piemonte

GRASSI DAMIANI Guido Roberto – Gioielleria di alta gamma – Estero

MAIELLO Giuseppe – Commercio/articoli di profumeria – Campania

MARCHI Enrico – Attività aeroportuali – Veneto

MARTINI Luciano – Industria /alimentare – Emilia-Romagna

MERLONI Paolo – Industria/elettrodomestici – Marche

NOCIVELLI Marco – Industria/impianti per refrigerazione – Lombardia

OTTOLENGHI Guido – Logistica portuale – Emilia-Romagna

PARATI Gian Battista – Industria/ alta specializzazione – Lombardia

PESCE Umberto – Industria/ metalmeccanica – Basilicata

PITTINI Federico – Industria/siderurgica – Friuli Venezia Giulia

RAVAZZOTTI Giovanni – Industria/ceramica – Estero

SERRATI Giorgia – Commercio conserve ittiche – Liguria

STEIN Silvia – Maglieria di alta gamma – Veneto

STIRPE Maurizio – Industria/componentistica – Lazio

VALENTINI Guido – Industria/metalmeccanica – Lombardia

Advertisement

Politica

Fi convitato di pietra della maggioranza? Per Berlusconi è una notizia che non esiste

Avatar

Pubblicato

del

Forza Italia ‘new entry’ nella maggioranza giallorossa, come elemento di stabilizzazione in una fase di grave difficolta’ politica e sociale del Paese: se ne parla ciclicamente da mesi. Tutto parti’ l’estate scorsa con il dibattito sui cosiddetti “responsabili” al Senato. E man mano che il governo affronta prove sempre piu’ difficili, il convitato di pietra dell’appoggio, esterno o diretto, di Forza Italia al governo torna alla ribalta. Uno scenario che prende ancora piu’ forza dopo la ‘benedizione’ di Romano Prodi, dalla ‘Repubblica delle Idee’ di Bologna. Del resto, in tanti pensano che solo la cosiddetta “maggioranza Ursula”, Ppe-Pse-M5s, quella che voto’ la Presidente della Commissione Ue, possa condurre l’Italia fuori dalla crisi dei mesi prossimi. Lo stesso Cavaliere, dopo averne parlato giorni fa sempre su Repubblica, chiamato di nuovo in causa, in una lettera al “Fatto” chiarisce che Forza Italia non intende “sostenere politicamente” ne’ ora ne’ in futuro l’esecutivo Conte. Diverso, il discorso della “collaborazione istituzionale”, che, ricorda sempre l’ex premier, e’ stata “gia’ espressa nella storia di Forza Italia nei confronti dei governi in carica, qualunque essi siano, nei momenti in cui sono in gioco vitali interessi nazionali”. Detto questo, il fatto che il partito azzurro agisca in modo “responsabile e costruttivo”, conclude Berlusconi, non vuol dire che non sia “in prima linea nell’evidenziare l’inadeguatezza dell’attuale esecutivo e della formula politica che lo sostiene e nel chiedere di restituire la parola agli italiani”. La tenuta del centrodestra e’ salva. Detto questo, trapela che il Cavaliere, abbia accolto con qualche favore, quanto meno personale, l’apertura del suo storico strenuo avversario. Da Prodi, avrebbe detto, arriva “un giusto ma tardivo riconoscimento del ruolo storico e politico mio e di Forza Italia dopo piu’ di 25 anni di demonizzazione e di incitamento all’odio. Ferma restando la posizione di Forza Italia a favore del Mes – avrebbe comunque aggiunto il Cavaliere – non esiste alcuna possibilita’ che Fi possa sostenere questo governo “delle 4 sinistre”. Dentro Forza Italia sono tutti d’accordo nell’escludere la prospettiva avanzata dal prof bolognese. Licia Ronzulli parla di ” un’ipotesi del terzo tipo dell’irrealta’”. Maristella Gelmini, attribuisce i rischi di tensioni sociali in autunno, anche alla “lentezza e l’inadeguatezza” del governo, figuriamoci entrare a farne parte. Lo stesso Salvini, prima delle parole del Cavaliere, aveva gia’ archiviato la faccenda: “quella di Prodi “e’ una non notizia, Berlusconi non ha nessuna intenzione di entrare nel governo”. Solo Marcucci, il capogruppo dem al Senato, rilancia la suggestione di Prodi: “Le sue dichiarazioni invitano tutti gli europeisti a stare dalla stessa parte. Nessuno escluso. Nell’interesse dell’Italia.Io sono d’accordo con lui. Le idee di Forza Italia possono essere di grande utilita’”. Di parere opposto, invece, il Movimento Cinque Stelle: “Con FI abbiamo visioni completamente diverse. Noi – spiega Francesco D’Uva – dobbiamo fare la legge sul conflitto d’interessi, implementare misure come il Reddito di Cittadinanza. L’idea di fare queste cose con forze politiche che non sono d’accordo e’ molto complicata da realizzare. Basta – conclude – con questa fregola sull’ingresso di FI nel governo”. Infine, il capiogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone, riferisce in Aula che il suo gruppo valutera’ la strada di una commissione parlamentare d’inchiesta sulla condanna di Silvio Berlusconi, proposta gia’ depositata dal partito azzurro.

Continua a leggere

Politica

Consulta boccia Dl Salvini, sì ad anagrafe per migranti

Avatar

Pubblicato

del

 E’ “irragionevole” precludere al richiedente asilo la possibilita’ di iscriversi all’anagrafe comunale. Mentre la maggioranza tentenna sul superamento dei decreti sicurezza firmati da Matteo Salvini, dalla Corte Costituzionale arriva oggi un siluro al primo dei provvedimenti siglati dall’ex ministro dell’Interno. L’attuale titolare del Viminale, Luciana Lamorgese, lancia intanto l’allarme su un possibile autunno caldo, nel segno della rabbia e della tensione sociale: e’ un “rischio concreto”. La Consulta oggi ha esaminato le questioni di legittimita’ costituzionale sollevate da alcuni tribunali sulla disposizione che preclude l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo. Questa e’ incostituzionale per “violazione dell’articolo 3 della Costituzione sotto un duplice profilo: per irrazionalita’ intrinseca, poiche’ la norma censurata non agevola il perseguimento delle finalita’ di controllo del territorio dichiarate dal decreto sicurezza; per irragionevole disparita’ di trattamento, perche’ rende ingiustificatamente piu’ difficile ai richiedenti asilo l’accesso ai servizi che siano anche ad essi garantiti”. Pd, Leu e Italia Viva esultano e chiedono di accelerare sull’abolizione dei dl Salvini. La riunione che avrebbe dovuto svolgersi oggi al Viminale tra Lamorgese e gli esponenti della maggioranza per riscrivere proprio i provvedimenti dell’ex ministro dell’Interno e’ stata rimandata a martedi’ prossimo, a causa di lavori parlamentari. Nella bozza messa a punto dalla ministra c’e’ anche il ripristino della possibilita’ per i richiedenti asilo di iscriversi all’anagrafe comunale, insieme all’abolizione delle megamulte fino ad un milione di euro per le navi ong, con l’illecito che non sara’ piu’ amministrativo ma penale (sara’ quindi il magistrato a decidere non il prefetto come avviene ora), l’ampliamento dei permessi speciali a chi rischia di subire “trattamenti inumani e degradanti” nel proprio Paese, il dimezzamento dei tempi di trattenimento nei Cpr (da 180 a 90 giorni), l’allargamento dell’accoglienza nel Siproimi. Le modifiche, conferma Lamorgese, “arriveranno in tempi brevi e potrebbero anche andare oltre i rilievi del presidente Mattarella”. L’obiettivo e’ arrivare nella riunione di martedi’ all’intesa sul testo messo a punto dal ministro. Ma, per evitare il rischio che il decreto non venga poi convertito dal Parlamento, alle prese gia’ con una serie di articolati e con la pausa estiva alle porte, la norma dovrebbe slittare a settembre. Quanto all’autunno caldo, intelligence e forze di polizia guardano con preoccupazione ad una serie di scadenze – ammortizzatori, sussidi, contratti – che dopo l’estate potrebbero ulteriormente aggravare la situazione di famiglie ed imprese. Di qui l’allarme di Lamorgese. “A settembre-ottobre – spiega – vedremo gli esiti di questo periodo di grave crisi economica. Vediamo negozi chiusi, cittadini che tante volte non hanno nemmeno la possibilita’ di provvedere ai propri bisogni quotidiani. Il Governo ha posto in essere tutte le iniziative necessarie per andare incontro a queste esigenze, ma il rischio e’ concreto”. La titolare del Viminale sottolinea poi un fenomeno che i vertici della sicurezza stanno seguendo con grande attenzione. “Vedo – rileva – un atteggiamento di violenza contro le forze di polizia assolutamente da condannare”. Gli ultimi casi si sono registrati nell’ambito della protesta No Tav. Nella notte del 5 luglio chiodi a tre punte sono stati lasciati in una galleria sull’autostrada A32. A farne le spese una colonna di mezzi del Reparto Mobile della polizia diretta al cantiere della Tav di Chiomonte, in Valle di Susa. Altro episodio che ha fatto salire la preoccupazione e’ quello dei disordini di Mondragone (Caserta). Ma possibili focolai di tensione sono sparsi in tutto il Paese. E c’e’ chi ha interesse a strumentalizzare a fini eversivi la difficile situazione che vivono molti italiani, alimentando i sentimenti di insofferenza acuiti dalla crisi.

Continua a leggere

Politica

Elezioni Regionali in Campania, Costa testimonial della Ciarambino: intesa con Pd? M5s ha avuto coraggio…

Avatar

Pubblicato

del

In Campania, il Movimento 5 Stelle “ha dimostrato di avere coraggio facendo un passo avanti” mentre gli altri “stanno ancora cercando il coraggio come Diogene cerca l’uomo”. Questa la riflessione del ministro dell’Ambiente Sergio Costa, a Napoli per la presentazione dei candidati pentestellati alle elezioni regionali di settembre. L’esponente del governo Conte ha ragionato sull’ipotesi di accordo Pd-Cinque Stelle, saltata anche in Campania, e ha ricordato di essere stato lui stesso un possibile candidato che avrebbe potuto unire democratici e Movimento 5 stelle. “In questa regione, attraverso Ciarambino, il M5S ha dimostrato a suo tempo di avere coraggio, dicendo: ‘Vogliamo fare un percorso? Sediamoci, presentiamo un nostro punto di vista’. Ma se tu – ha aggiunto – a quel tavolo non ti siedi, è una questione di mancanza di coraggio, il coraggio delle scelte”. Costa ha poi proseguito: “In Campania mi sembra che quella del Pd sia stata più una scelta piovuta addosso, piuttosto che fatta con coraggio. In tempi non sospetti il Movimento 5 Stelle fece un passo avanti e non è poco, perché la politica è fatta anche di tempi, ed ebbe coraggio. Gi altri stanno ancora cercando il coraggio”, ha spiegato. “In Campania occorre una rivoluzione ambientale. Le competenze ambientali, per legge costituzionale, sono per la stragrande maggioranza della Regione. Cio’ che non si fa per la bonifica di Pianura, per la Resit, per le ecoballe, il Sarno, i Regi Lagni, non e’ responsabilita’ del Ministero dell’Ambiente ma della Regione”. Cosi’ il ministro per l’Ambiente Sergio Costa, a Napoli per dare sostegno al candidato grillino alla Presidenza Valeria Ciarambino. “Siamo qui -ha aggiunto il ministro – a sostenere Valeria Ciarambino perche’ oltre la qualita’ della persona c’e’ la qualita’ del pensiero. E’ il momento che la Regione su questo svolti, cambi il paradigma operativo. Vi faccio un esempio: ho chiesto in Europa i fondi di Sviluppo e Coesione, ho chiesto un miliardo di cui 500 milioni per i Regi Lagni e 500 per il Sarno su questioni che sono prettamente della Regione, li ho chiesti io per poterli poi, coordinati con il ministero dell’Ambiente, sviluppare per sanificare l’uno e l’altro. Li abbiamo ottenuti e non e’ poco, dobbiamo servire il cittadino ma ognuno faccia il suo”.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto