Collegati con noi

In Evidenza

Manovra, il ministro dell’Ambiente Costa: in cdm subito il Decreto Clima

Avatar

Pubblicato

del

“Al lavoro per gli ultimi ritocchi al Decreto clima che – possiamo dirlo ufficialmente – domani sara’ discusso in consiglio dei Ministri”. Lo scrive il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, su Facebook. “Stiamo lavorando per armonizzare il testo iniziale con la legge di Bilancio e con il collegato ambientale che sara’ una legge collegata alla Stabilita’ tutta dedicata all’ambiente – aggiunge -. Un percorso che inizia domani ed e’ condiviso da tutto il Governo e su cui ci stiamo confrontando anche in queste ore”. “Avremo norme che contribuiranno a contrastare l’emergenza climatica a 360 gradi – spiega il ministro -: dalla rottamazione di auto e ciclomotori in favore di abbonamenti per il trasporto pubblico e l’acquisto di biciclette, incentivi per la riduzione degli imballaggi, creando dei green corner nei negozi, a partire dalle botteghe e dai mercati rionali, con un fondo destinato proprio a tutti i commercianti che saranno quindi nostri alleati nel combattere l’eccesso di imballaggi, ci sara’ una forte spinta alla riforestazione urbana e ancora campagne di informazione e di formazione ambientale nelle scuole”. “Domani inizia un percorso che coinvolgera’ tutto il Paese!”, ha concluso Costa.

Advertisement

In Evidenza

Stadio San Paolo, de Magistris e De Laurentiis firmano la Convenzione per l’uso della struttura

Avatar

Pubblicato

del

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha firmato con il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, la nuova convenzione quinquennale con possibilità di prorogarla per altri cinque anni, per l’uso dello stadio San Paolo. “Mi ero fermato con la convenzione perchè avevo anticipato dei soldi che non mi venivano dati; ora abbiamo chiuso”, ha sottolineato De Laurentiis. Meno loquace il sindaco Luigi de Magistris che però è contento di aver chiuso questo capitolo che ha creato più di una tensione con De Laurentiis. Ora, per fortuna, tutto è alle spalle, debiti e crediti sono stati compensati e tra Napoli e il Napoli i rapporti sono chiariti in una Convenzione per l’uso dello stadio. Il Napoli paga un canone fisso di 850.000 euro a stagione sportiva più 50.000 euro per gli introiti degli spazi pubblicitari venduti all’interno dello stadio. Nella nuova convenzione, la società sportiva potrà usare una parte delle aree interne del San Paolo per attività commerciali o anche un museo del calcio. Una  idea che piace tanto a De Laurentiis. “Faremo un museo – ha spiegato – che racconterà la storia del calcio Napoli e della città. Non ci saranno solo le maglie, le foto e i video storici del calcio, ma anche momenti della città di Napoli. Ci pensavo da quando ho preso il Napoli ma non trovavano lo spazio adatto, il posto giusto è il San Paolo, il luogo dove hanno giocato Maradona, Cavani, Hamsik, Higuain e Mertens”. Uno stadio che a De Laurentiis piace dopo i lavori di ammodernamento per le Universiadi. Anche se ha sempre da ridire per la pista di atletica.

Continua a leggere

Cronache

Carabinieri uccisi o feriti in strada, poliziotti assassinati in questura: considerazioni di un generale della Finanza in pensione

Avatar

Pubblicato

del

In occasione del triste evento relativo alla vile uccisione dei due agenti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego e, precedentemente, del brigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega avvenuto in pieno centro a Roma, non posso non fare delle considerazioni di carattere minimamente tecnico sulle vicenda in questione. Andando a memoria negli ultimi 4 mesi ci sono stati almeno due carabinieri accoltellati, uno nelle Marche  e uno nel Lazio, quest’ultimo, come noto, con esito fatale oltre la vicenda accaduta a Trieste.

Mario Rega Cerciello. Il vicebrigadiere ucciso che vede indagati i due americani

È questa un’abitudine che comincia  a presentarsi in modo molto frequente durante i “contatti” ravvicinati con le persone oggetto di un controllo; appare evidente che quella che era “la strada”, dove operavano le forze di polizia, non è più quella di 30 anni fa e neanche quella di 10 anni fa; la criminalità, anche quella di piccolo cabotaggio appare sempre più intraprendente, le aggressioni alle forze dell’ordine e, figuriamoci ai cittadini, sono sempre più frequenti e connotate di una violenza che non conosce precedenti.

Qual è lo stato delle nostre forze di polizia? Cosa sta succedendo? Qual è la risposta dello Stato a questo fenomeno ?

A prima vista emerge sicuramente una evidenza: le forze di polizia sono in  grande disagio; questo appare evidente dai fatti testè narrati, ripetutamente gli agenti sono stati sopraffatti da reazioni violente  dei soggetti che erano sotto il loro controllo.

Le procedure

In certi contesti, soprattutto di area anglosassone, le procedure sono il pane quotidiano per gli operatori di polizia, ogni fatto viene minuziosamente descritto così come le attività che deve compiere l’agente; in buona sostanza si cerca di evitare l’improvvisazione tramite una ferrea emanazione di regole comportamentali: durante l’arresto il soggetto deve essere ammanettato, condotto in caserma  e liberato solo nelle celle di sicurezza dove gli operatori accedono senza armi (così come in Italia quando gli operatori di polizia entrano nelle case circondariali), il sospetto sempre ammanettato con le mani dietro la schiena e non avanti e via di seguito; qual è la nostra situazione? Esistono le Procedure Operative Standard (SOP)?

Cosa viene normato tramite queste procedure? Esistono per i posti di blocco? Per le perquisizioni? Per gl’inseguimenti di auto? Per gli abbordaggi di natanti?

L’operatore deve avere la certezza del comportamento operativo e non basarsi su più o meno fantasiose teorie partorite non si sa da chi e non si sa quando; i comandi centrali dovrebbero provvedere in tal senso (ove non lo avessero già fatto) e condividere la responsabilità dei comportamenti da tenere in modo da sgravare gli agenti che, stando in mezzo alla strada, devono sapere immediatamente cosa fare, in altre parole, seguire le regole mette al riparo da qualunque censura; se ci fossero norme interne che prevedono come si può procedere all’arresto di un soggetto non cooperante  e quest’ultimo si provoca lesioni o peggio, muore, gli operatori potrebbero comodamente riferire che hanno seguito le regole e, non come oggi, dover spiegare che quello era un uso “ragionevole” della forza.

Come si fa a parlare di uso ragionevole della forza con ad esempio un soggetto alto 1,90 ubriaco e strafatto di cocaina   che è in uno stato di perdita totale della ragione e che non sente neanche lo Spirito Santo, nel caso che questo decidesse di scendere ad aiutare i poveri agenti operanti.

Pierluigi Rotta e Matteo Demenego. I funerali dei due agenti della polizia di Stato assassinati a Trieste

Come si immobilizza? Si possono fare le leve articolari? Si può dare un pugno? Si può dare un calcio? E una gomitata? Una testata col casco o senza?

A ognuno il suo, gli operatori non devono scegliere (scegliere fa perdere tempo) devono scegliere a monte i comandi generali e i ministeri vari che devono dire come si fa; in un paese come il nostro potrebbero anche disporre che si debbano leggere poesie per indurre a più miti consigli il soggetto non collaborante e quello si farà, responsabilità a chi ha l’onore di comandare e cioè della politica che fa le leggi  e rispondendone all’elettorato. Direttamente. E non come adesso, dove il giorno dopo, in ufficio e al caldo  siamo tutti fini intenditori solo perché abbiamo visto qualche film poliziesco di infimo ordine.

Controlli. Uno dei tanti posti di controllo dell’Arma

La logistica

Parliamo di fatti, su quali dotazioni  e addestramento possono fare conto gli agenti per sperare di salvarsi da situazioni critiche?

Basta fare un piccolo parallelo.

Chi di noi è passato per il transito bagagli di un aeroporto, avrà potuto notare tutte le dotazioni dedicate al personale che lavora in quel sito: scarpe antinfortunistica, segnalatori acustici  e ottici su ogni cosa che si muove, abbondante uso di materiale catarifrangente sulle tute da lavoro, se non anche ignifughe e 1000 altri accorgimenti indirizzati alla salvaguardia dell’incolumità del lavoratore. Il tutto con una cornice di leggi sulla sicurezza del lavoro che impongono comportamenti e controlli giustamente draconiani.

Quando si parla di forze di polizia, inconcepibilmente, si entra in un black out di cui non ci si spiega la ragione o forse si, ce la si spiega benissimo.

Mi piacerebbe sapere se a qualcuno è mai venuto in mente di dotare gli equipaggi delle radiomobili o delle volanti di un semplicissimo giubbotto leggero che resiste ai colpi da punta e da taglio e anche, in qualche caso ai calibri più piccoli, il cosiddetto “sottocamicia”, che proprio per la sua vestibilità è idoneo ad essere occultato proprio sotto tale indumento; capo difensivo ideale anche per chi ad esempio opera in borghese, ( proprio come il brigadiere Mario Cerciello Rega)  e facilmente utilizzabile anche da chi svolge i servizi di pattugliamento in divisa. E’ così difficile dotare le forze di polizia di tale strumento? E così difficile far utilizzare agli agenti dei guanti antitaglio?

Ne ho regalato un paio ad un giovane collega alle prime armi, costo in armeria 80€, è troppo? Quanti bravi e coraggiosi agenti (e padri di famiglia) si sono trovati ad dover operare con soggetti che, per evitare l’arresto o il rimpatrio, si procurano ferite con lamette ed altri oggetti da taglio abbondantemente insanguinati che brandiscono minacciosamente nei confronti degli operatori?

( a proposito … che succede se un agente e, padre di famiglia, viene ferito con una di queste armi insanguinate  e l’arrestato non vuole farsi fare le analisi per accertare se ha una malattia contagiosa?)

Costano tanto i giubbotti sottocamicia? O finanche i guanti antitaglio? Non c’è bisogno di grandi sforzi intellettuali, basta copiare se non siamo capaci di trovare una soluzione.

Agenti uccisi. Una della tante manifestazioni di solidarietà nei confronti della Polizia di Stato, in questo caso ad Ischia

Basta guardare come vestono le polizie del nord Europa, quando sono in giro con le auto, indossano un “tactical vest” smanicato corto che, oltre ad essere antitaglio e con una blindatura leggera, permette di avere tutta la dotazione  a portata di mano già da momento più critico del contatto con il sospettato: la discesa dall’automezzo; non c’è bisogno di stare a cercare quella cosa o quell’altra, è già tutto a portata di mano; il tutto si traduce con la possibilità di poter scegliere tra la varie opzioni: spray urticante,  taser ( quando avremo il piacere di vederlo?), arma individuale, manette, torcia, radio portatile e quant’altro. Non solo.

Il tactical vest proprio per la sua conformazione distribuisce il peso dello stesso e della dotazione sulla parte superiore del corpo, evitando di gravare la parte bassa della schiena con quei cinturoni che contengono una minima parte di quanto peraltro dovrebbe essere un corredo appena sufficiente.

Ergo, maggiore operatività, coniugata a maggiore comodità.

Ma davvero è così difficile?

Ma davvero è così costoso?

Non costano mica come le macchine blu che vedo sfrecciare per Roma utilizzate per il trasporto di…. Chi?

Leggendo l’indimenticabile libro “LA CASTA” ho scoperto che certi politici avevano la macchina con la selleria in pelle, magari se la comprano con la selleria in stoffa qualche dotazione in più e qualche morto in meno ci scappano…..

L’addestramento

Temo che lo stesso discorso valga per l’addestramento, va cambiato l’approccio al problema. Anche qui degli spunti di riflessione: cosa significa addestrare? Prepararsi, essere pronto, idoneo.

Ma qual è lo stato fisico degli agenti? Qual è la preparazione mentale allo scontro? Sono in grado di reggere una colluttazione? Reggere ad una colluttazione dopo aver inseguito di corsa una persona? Gli equipaggi  sono mai stati oggetto di una valutazione critica sulle capacità operative degli stessi? Questo perché vedo spesso in giro agenti (eroici) con i capelli bianchi che da giovane non avevo mai visto; quando ero giovane “gli anziani” non stavano in giro e non facevano turni, il servizio di pattuglia era lasciato proprio ai giovani che avevano altre capacità di resistenza e di forza rispetto ai colleghi più anziani.

L’addestramento.. il servizio dovrebbe comprendere anche turni di addestramento fisico che, come potrebbe pensare qualcuno, non è un gioco e conseguenzialmente una perdita di tempo ma, un’attività fondamentale per mettere in grado l’operatore di attendere a quelli che sono i suoi compiti e anche di permettere di capire se lo stato fisico non permetta più di operare al massimo delle proprie possibilità e, quindi, conseguenzialmente, avere tutte le opportunità per difendersi al meglio e cambiare  tipologia di servizio quando, anagraficamente e/o fisicamente, è arrivato il momento.

Francamente vedo troppe pance in giro, sintomo inequivocabile di scarsa attività fisica e pessima alimentazione; entrambe andrebbero combattute come la peste con veri e propri programmi informativi; investire in professionalità significa anche questo, partire da lontano; i colleghi più anziani ricorderanno come, una volta, erano nebbiosi gli uffici per il fumo di sigarette al termine di una giornata lavorativa, se si era ben educati, si svuotava il posacenere e si dava aria alla stanza fino alla mattina del giorno dopo; oggi gli uffici non hanno più questo problema, pochissimi sono i fumatori in divisa, frutto di una accorta sensibilizzazione sul tema.

Sempre in tema di dotazioni, ma gli agenti di Trieste che tipo di fondina avevano in dotazione? Una fondina adatta alla ritenzione dell’arma oppure una vecchia estrazione rapida congegnata negli anni ’80 quando c’era ancora il muro di Berlino?

Ma gli agenti, sono in grado di usarle le armi? Hanno una predisposizione al combattimento, all’ingaggio armato quando la situazione lo richiede? Io credo di no, troppi rischi.

Anni di processi, spese legali enormi sopportate con i già magri stipendi, avanzamenti sospesi se non peggio, sospensioni dal servizio e, allora? Allora non si combatte, si combatte poco, si attacca il ciuccio dove vuole il padrone ovvero, tutto fermo e nessuna novità.

Non per polemica ma, si può scatenare un putiferio perché un fermato sospettato di esser stato il complice di un assassinio di un agente di polizia nelle fasi concitate del fermo è stato bendato? Mi verrebbe da dire che se i fermati a Trieste fossero stati bendati, forse, non avremmo pianto due amatissimi difensori del popolo, della gente; ma cosa hanno visto gli gli agenti in tutti i comandi d’Italia in quella vicenda? Un parlamentare che va a vedere come stanno gli arrestati in carcere e, la procura di roma che apre un fascicolo per “uso eccessivo di mezzi di coazione fisica”, cioè la benda intesa come mezzo di coazione fisica, come le manette per intenderci.

Quanto vorrei imparare come si fa da questi soggetti così “politically correct”, quanto li vorrei vedere impegnati con il soggetto di cui sopra, anche solo una volta nella vita, strafatto e ubriaco di 1,90 di altezza… morirei felice.

Per cui gli agenti, se sono intelligenti e non aspirano al martirio ( che prima o poi sicuramente arriva) si difendono con il motto “ attacca il ciuccio dove vuole il padrone”, padrone  che in questo caso è oggettivamente e incontrovertibilmente la politica.

Non vorrei dire, ma gli ultimi seri sul serio provvedimenti normativi a favore del servizio operativo, risalgono alla emanazione della legge Reale (1975) mentre, negli anni moltissime tutele sono state azzerate per placare una incomprensibile prevenzione nei confronti delle forze di polizia infatti, per ricordarsi di un aumento di stipendio decoroso  e non di elemosine o mancette, bisogna ritornare con la memoria alla buonanima di Bettino Craxi nel 1986.

Ma che si vuole dagli operatori di polizia?  Il sangue. Semplice come la morte.Ultima nota: ma le abbiamo le celle di sicurezza e, se si, a che livello?

Se non ricordo male, quando se ne è parlato, qualche anno fa, le spese per attrezzare una forza di polizia di tale  spazio si era risolta in un calcolo di spesa enorme e, se non ricordo male, quelle poche fatte o già esistenti furono quasi immediatamente messe fuorigioco dalla mitologica legge 626.

A Trieste se il sospettato fosse stato allocato in una cella col bagno, non staremmo qui a discutere di funerali di Stato.

Ma, come precedentemente detto, quando si parla di forze di polizia  lo Stato non vuole spendere; mentre si spendono cifre da capogiro per gli uffici di certi satrapi che sicuramente non hanno come priorità il benessere di chi sta in mezzo alla strada, al freddo e al caldo,  a difendere persone che alla fine ti odiano pure.

Attività fisica e preparazione allo scontro, la peggiore delle ipotesi, che deve trovare l’operatore consapevole delle possibilità che ha di portare a termine il proprio lavoro senza danni a se e agli altri, ma anche dotazioni e più in generale logistica, in altre parole si deve cominciare a pensare ( e non sull’onda dei fatti accaduti)  a una vera e propria rivoluzione copernicana per quanto riguarda gli argomenti trattati che per ovvi motivi di spazio, sono stati argomentati in questo scritto con grande sommarietà.

(Per gentile concessione di osservatoriomediterraneosullamafia.blogspot.com/)

Giorgio Giombetti  

(Generale della Guardia di Finanza in pensione)

Continua a leggere

Esteri

Assassinata la moglie di Tarzan, il killer è il figlio anche lui ucciso dalla polizia

Avatar

Pubblicato

del

La moglie dell’attore americano Ron Ely è stata pugnalata a morte nella loro casa in California dal loro figlio trentenne, che è stato poi colpito e ucciso a colpi di pistola dal vicesceriffo locali. Rispondendo a una chiamata fatta al 911, le autorità hanno trovato Valerie Lundeen Ely, 62 anni, morta con ferite multiple da arma da taglio. Gli agenti hanno parlato con Ron e hanno identificato suo figlio, il 30enne Cameron, come sospettato, e lo hanno trovato fuori dalla loro abitazione di Hope Ranch, un sobborgo di case di lusso vicino Santa Barbara in California.

Ron Ely. L’attore che interpretò Tarzan

 

Le autorita’ affermano che il giovane ha rappresentato una minaccia per gli agenti e quattro di loro hanno aperto il fuoco uccidendolo. Ron Ely, 81 anni, e’ conosciuto in particolare per aver interpretato Tarzan nell’omonima serie della Nbc degli anni 1966-1968. E’ stato anche il protagonista del film d’azione ‘Doc Savage, l’uomo di bronzo’ del 1975. La sua ultima apparizione risale al 2014 nel film tv ‘Expecting Amish’.

Continua a leggere

In rilievo