Collegati con noi

Politica

Manovra economica, resa de conti nel governo. Conte: fuori chi non fa squadra

Avatar

Pubblicato

del

“Fare squadra, chi non la pensa così è fuori dal governo”. Il premier Giuseppe Conte, dopo giorni di polemiche e attacchi alla manovra, da Perugia, sceglie di far sentire anche la sua voce. Ed è un Conte che non avevamo mai sentito. Diverso dalla sua usuale narrazione e pacatezza. Il suo primo e nettissimo aut-aut è rivolto, a giudicare da quel che si dice, a Matteo Renzi ma anche a chi, ha messo in campo le barricate: Luigi Di Maio. Ed in questo Conte sembra in linea con quello che pensa e dice la classe dirigente del Pd. Andrea Orlando, ad esempio che mette le mani avanti: “ci dicano se è cambiato qualcosa, se la fiducia è venuta meno lo si dica”. Nel giorno della Leopolda e della piazza di Matteo Salvini, Conte decide di porre il suo stop. Un messaggio duro, almeno nella forma, tanto che, poco dopo, Palazzo Chigi smussa le parole del premier: “Conte non ha fatto riferimento a singoli ministri o forze politiche, ha fatto un discorso più generale”. Come dire: Conte non indicava né Renzi né Di Maio quando diceva che chi non fa squadra è fuori. Non foss’altro, a onore del vero, che Di Maio è non solo un socio di maggioranza ma è quello che Conte l’ha se non nominato almeno più volte indicato. Conte tira dritto: non annuncia ancora alcun vertice di maggioranza, come richiesto dal Movimento, e avverte che la manovra è stata approvata e quindi non tornerà in Consiglio dei ministri. Se i contatti tra Conte e Di Maio per ora erano assenti, in queste ore, l’asse creatosi sembra più quello tra il Pd e il premier. Questi attacchi, da qualsiasi parte provengano, non fanno bene al Paese, e’ il ragionamento che si fa a Palazzo Chigi, dove c’e’ una consapevolezza: se cade questo governo si torna al voto. Ed e’ una consapevolezza che si aggancia a quello che, nel 2018, fece intendere il presidente Sergio Mattarella: a seguito del voto del 4 marzo c’erano due maggioranze percorribili; una volta percorse non restano che le urne. E’ attorno a questo concetto che Pd, M5S e, almeno per ora, Iv, sono chiamati a ritrovare una quadra. Dall’altro parte, infatti, c’e’ una piazza della Lega e del centrodestra che attacca, urla, chiede incessantemente il ritorno alle elezioni. E a Salvini Conte replica per le rime. Abbiamo le mani sporche di sangue? “Queste sono stupidaggini, io ho difeso il nome dell’Italia in Ue rispetto ad una propaganda che ci stava facendo male”, sottolinea Conte difendendo, nel corso del suo mini-tour a Eurochocolate, la manovra. “Che io sia contro il popolo delle partite Iva e’ una fesseria, io ho firmato il provvedimento che prevede l’aliquota del 15% fino a 65mila e, con le risorse del piano anti-evasione puntiamo a ridurre fino a 100mila”, rimarca il capo del governo in una giornata in cui Confindustria chiede avverte: “se la manovra peggiora meglio andare a casa”. Ma la manovra non cambia, assicura, in perfetto asse con Conte, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Conte in Umbria tornera’ giovedi’ e a Perugia, oggi, si fa vedere al fianco del candidato Pd-M5S Vincenzo Bianconi. Anche perche’, nell’alleanza giallo-rossa Conte ci crede. “E’ un esperimento interessante” ammette chiarendo pero’ che le Regionali non sono un test del governo”, spiega il premier, avvertendo, al tempo stesso, i potenziali alleati: “il mio programma di governo e’ esplicito, io non cerco voti”.

Advertisement

Cronache

Nuovo rimpasto in Giunta a Napoli, nominati 4 nuovi assessori: de Magistris fa “assessora” anche l’ex del M5S

amministratore

Pubblicato

del

Eleonora De Majo, Luigi Felaco, Rosaria Galiero e Francesca Menna sono i nuovi assessori che vanno a integrare la Giunta comunale di Napoli. Nella squadra guidata dal sindaco Luigi de Magistris, prendono il posto di Mario Calabrese, Nino Daniele, Roberta Gaeta e Laura Marmorale. Prende forma così il rimpasto ampiamente annunciato nelle scorse settimane e ufficializzato dal primo cittadino nel corso di una conferenza stampa. Il cambio di nomi si accompagna anche a una redistribuzione delle deleghe. De Majo,consigliere comunale del gruppo demA ed esponente del centro sociale Insurgencia, riceve Cultura e Turismo, prima in capo a Daniele. All’altro consigliere di demA, Felaco, vanno Verde e Beni confiscati, mentre Rosaria Galiero, del gruppo Napoli in Comune a sinistra, si occuperà di Commercio e Attività produttive (prima affidate al vicesindaco Panini). L’ex consigliera Francesca Menna, eletta con il M5s e dimessasi all’indomani del voto degli attivisti del Movimento sul caso Diciotti, viene ripescata e lavorerà sui temi delle Pari opportunità della Salute e del Contrasto alla violenza di genere. Con il nuovo rimpasto sale a 33 il numero degli assessori che hanno affiancato il sindaco negli ultimi otto anni. Entrando in Giunta, i consiglieri De Majo, Felaco e Galiero lasciano il posto in Consiglio a Elena De Gregorio e Sergio Colella di demA e a Chiara Guida, eletta con la Sinistra ma passata successivamente nel movimento fondato dal sindaco. Il sindaco, come di consueto, si intesta ogni cambiamento. Assume su di sé oneri ed onori di guidare la terza metropoli d’Italia.  “Questa decisione è frutto solo della mia volontà e me ne assumo tutta la responsabilità nel bene e nel male”, chiarisce de Magistris, che si dice “onorato del lavoro svolto dalla vecchia Giunta”. Assicura che le scelte operate “consolidano e rafforzano quanto fatto finora” e “danno ossigeno all’amministrazione”, con l’obiettivo di “guardare ai giovani e al futuro e migliorare, affinchè si vincano le prossime Comunali”. Il sindaco riconosce che, negli ultimi tempi, “si viveva un momento di stanca” e precisa che la scelta dell’ex Cinque Stelle Menna, vicina a Fico, non apre le porte a un’intesa politica. Sono sempre questi i momenti in cui il primo cittadino dà uno scossone. Quando sente che c’è un momento di “stanchezza” nella squadra di governo della città. Per chi va via, per chi lascia, però, non è un atto di sfiducia. Anzi, il primi cittadino tiene molto a sottolineare l’apporto che hanno fornito. È certamente il caso dell’assessore alla Cultura Nino Daniele, eccellente protagonista di nelle pagine di cultura in città, benché le risorse siano sempre poche.

Rimpasto in Giunta. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dimettere e ringrazia 4 assessori e ne nomina altri quattro

“È una scelta di persone e non di partito”, taglia corto. Con la nuova Giunta l’ex pm si prepara ad affrontare in Consiglio la mozione di sfiducia presentata nei suoi confronti dal centrodestra, che sarà discussa il 22 novembre. “Sono certo che la maggioranza darà una prova forte – dice – e si rispetterà il diritto di essere valutati a fine mandato. Capiremo se conta questo o se conta altro, altrimenti andremo a casa, ma mi auguro che la mozione sia rigettata”. La sfiducia ha preso corpo dopo la diffusione da parte del quotidiano Repubblica nelle pagine locali di un audio che svelava un ‘patto’ tra cinque consiglieri di maggioranza per mandare a casa il sindaco prima delle Regionali del prossimo maggio se non ci fosse stato un rimpasto condiviso con loro. “Un’operazione infingarda”, la definisce de Magistris, che “ha turbato la città e mi ha procurato amarezza. Ma piu’ cercano di logorarmi piu’ io mi carico”. Guardando proprio all’appuntamento con le Regionali, il primo cittadino lascia intendere che potrebbero esserci ulteriori avviendamenti perche’, rbadisce, come demA “ci saremo certamente e qualche componente di questa Giunta potrebbe essere tra i candidati”.

Continua a leggere

In Evidenza

Zingaretti a New York vede Clinton e parla di “battaglia comune contro destre”

Avatar

Pubblicato

del

Nicola Zingaretti vola negli States da segretario del Pd e vede Bill Clinton. Con l’ex presidente degli Usa, Zingaretti parla di Europa, rapporti bilaterali Italia e Stati Uniti, le destre e i nazionalismi che avanzano. “E’ stato un lungo e utile scambio di opinioni sull’Europa, sull’Italia e sugli Usa, su come ricostruire contro la cultura della paura”, ha affermato al termine dell’incontro, sottolineando di aver anche invitato l’ex presidente americano in Italia. “Clinton verrà prima dell’estate, l’ha promesso” ha detto Zingaretti prima di lasciare la Clinton Foundation di Midtown Manhattan. Ad accompagnare Zingaretti all’appuntamento con Clinton  c’era l’ambasciatore italiano negli Stati Uniti Armando Varricchio. L’incontro è durato  un’ora.

Dopo Clinton Zingaretti visiterà la sede del Pd a New York, incontrerà il sindaco della Grande Mela Bill De Blasio, originario di Sant’Agata de’ Goti e innamorato dell’Italia. Spesso è a Napoli. Zingaretti si vedrà poi con l’ex sindaco della Grande Mela, Michael Bloomberg, che sarà con ogni probabilità lo sfidante di Donald Trump alle prossime presidenziali. La seconda tappa della visita americana di Zingaretti è a Washington D.C. . Qui vedrà la speaker della Camera Nancy Pelosi, terza carica dello stato e volto dell’indagine per un possibile impeachment del presidente Donald Trump. Il segretario del Pd ha in programma anche incontri alla Casa Bianca con esponenti del Consiglio di Sicurezza Nazionale, che ha in carico fascicoli importanti di politica estera e sicurezza, ma gioca anche un ruolo non secondario in questioni come quelle commerciali, a partire dal delicato dossier dei dazi Usa che ultimamente hanno colpito anche alcuni prodotti del made in Italy. Nessun esponente dell’amministrazione americana incontrerà Nicola Zingaretti. Almeno per ora.

Continua a leggere

Politica

M5s, espulsa Manuela Sangiorgi: è la sindaca dimissionaria di Imola

Avatar

Pubblicato

del

Manuela Sangiorgi, sindaca dimissionaria della città di Imola, è stata espulsa dal Movimento Cinque Stelle. A comunicarlo sulla propria pagina Facebook lo stesso M5s imolese. La Sangiorgi, in carica dall’anno scorso, si è dimessa il 28 ottobre per contrasti interni alla maggioranza.

I Cinque Stelle imolesi, inoltre, aggiungono che “a chiarimento di notizie false divulgate alla stampa, si comunica che nessuno dallo staff nazionale ha chiesto nè ora, nè mai di prendere particolari posizioni politiche su alcuna mozione o delibera, decisioni in capo alla giunta e ai consiglieri comunali”. Dunque, “come M5s di Imola facciamo nuovamente appello, affinchè ogni mozione e ogni delibera vengano calendarizzate nell’ultimo consiglio comunale disponibile e votate dai consiglieri nell’esclusivo interesse dei cittadini imolesi” e “chiediamo che sia il Rue, sia la mozione riguardante il ritiro della delibera concernente l’atto di indirizzo verso AreaBlu per il complesso Ruggi siano inserite nell’ordine del giorno”.

Continua a leggere

In rilievo