Collegati con noi

Economia

Manovra 2020: stangata Imu su ‘finte’ prime case, tassa su giochi, niente tasse su plastica e zucchero

Avatar

Pubblicato

del

Niente doppie prime case. Mentre il governo, chiusa l’intesa politica, cerca la quadra sulle coperture, la maggioranza si porta avanti con il lavoro parlamentare e i relatori alla manovra presentano un pacchetto di emendamenti tra i quali spunta la stretta contro le ‘finte prime case’, in particolare nei luoghi di vacanza. Certo, la norma è pensata per evitare “discriminazioni” tra le famiglie e non per fare cassa, ma certo potrà aumentare gli incassi Imu: non sarà più possibile, infatti, all’interno dello stesso nucleo familiare, indicare più di una abitazione come “principale” e di conseguenza esente dall’imposta sugli immobili, nemmeno se la casa si trova fuori dal territorio comunale di residenza della famiglia. La stretta punta proprio contro lo “spostamento fittizio della residenza di uno dei due coniugi”, che si verifica “sulle case turistiche”. Le risorse per fare slittare di sei mesi la sugar tax e per spostare a luglio la plastic tax arriveranno in gran parte da una ulteriore rimodulazione della cosiddetta ‘tassa sulla fortuna’, cioe’ l’imposta da pagare sulle vincite, che dovrebbe fruttare all’incirca altri 300 milioni, che porterebbero a oltre un miliardo il contributo alla manovra del comparto dei giochi. Per avere la stesura definitiva bisognera’ aspettare lunedi’, quando sara’ depositato un secondo pacchetto di modifiche dei relatori e forse anche il governo avanzera’ delle sue proposte. Ma al momento l’ipotesi piu’ quotata e’ quella di alzare ancora, dal 15% al 20% l’imposta sulle vincite. Non solo, mentre per Gratta e Vinci, Superenalotto, lotterie nazionali e WinForLife la soglia della vincita su cui scatta l’imposta restera’ a 500 euro, per le newslot il prelievo scattera’ dai 200 euro in su. La copertura delle novita’ sulle microtasse non e’ l’unica grana che il governo deve ancora risolvere: altre risorse verranno infatti a mancare perche’ cambia la nuova ‘Robin tax’ sui concessionari pubblici. La norma gia’ presentata dal governo in Senato prevede infatti che si applichi l’addizionale Ires del 3% sui concessionari di porti, aeroporti, ferrovie, Tlc, acque minerali ed energia elettrica. Ma, davanti al rischio di un impatto sui consumi, e in particolare sulle bollette, l’esecutivo ha fatto marcia indietro prima ancora di portare l’emendamento al voto e ha deciso di imporre l’aumento per 3 anni dell’imposta solo sul settore dei trasporti. Dalla Robin tax pero’ il governo contava di incassare 647 milioni il prossimo anno (circa 300 milioni in piu’ della norma sugli ammortamenti dei concessionari autostradali che doveva sostituire).

Matteo Renzi chiude la Leopolda. Appello a Fi e competizione con il Pd

I capitoli in cerca di copertura, tra l’altro, restano numerosi: si va dalla proroga della cedolare secca per i negozi a quella del bonus verde, lo sconto del 36% per sistemare terrazzi e giardini. La conferma di Ferrobonus e Marebonus arrivano invece con il pacchetto dei relatori, che contiene una trentina di modifiche. Si va da alcuni ritocchi alle norme sulla riscossione degli enti locali, che avranno gli stessi poteri dell’agente della riscossione nazionale alla previsione di una serie di assunzioni nei ministeri, nelle capitanerie di porto e nell’avvocatura. Altre assunzioni arriveranno alla Giustizia, per potenziare, tra l’altro, le comunita’ che accolgono i minori per scontare le pene fuori dal carcere. Novita’ anche per la sanita’: per fare fronte alla carenza di organico arriveranno sia la proroga delle misure per la stabilizzazione dei precari sia lo scorrimento delle graduatorie per poter attingere anche tra gli idonei per coprire i buchi tra i medici, i tecnici e gli infermieri.

Il giorno dopo la difficile intesa sulla manovra, la maggioranza si risveglia tutt’altro che compatta. Matteo Renzi rivendica la vittoria nella “battaglia delle tasse” e lancia la sfida a gennaio sulla crescita. Ma il premier Giuseppe Conte e Nicola Zingaretti lo stoppano: “Abbiamo vinto tutti”, dice il primo, “ha vinto l’Italia”, avverte il secondo. Un botta e risposta che la dice lunga sul clima nella maggioranza alla vigilia di due settimane nelle quali, oltre al voto sulla manovra, gli alleati di governo saranno chiamati a decidere, mercoledi’, sul Mes e a disinnescare lo scontro sulla prescrizione prima dell’entrata in vigore, il primo gennaio, sulla riforma. Da lunedi’ in commissione al Senato si votera’ a tappe forzate la manovra con l’obiettivo di arrivare giovedi’ in Aula. La blindatura del testo alla Camera scongiurera’ di riaprire le tensioni, chiuse dopo il vertice fiume di ieri. Di primo mattino il leader Iv alza il dito: “Abbiamo vinto la battaglia delle tasse. Ora tutti insieme concentriamoci sulla crescita. Finira’ come sulle tasse: prima ci criticano, poi ci ignorano, poi ci daranno ragione”. Un’esultanza che gli alleati non fanno passare. “Non c’era nessun premio in palio, non so cosa abbia vinto, abbiamo vinto tutti. Iv ha sicuramente dato un contributo, come tutte le altre forze politiche ma non tutte le sue richieste sono state accolte”, puntualizza Conte. Che si dice non interessato al fatto se Iv o qualche altro partito di governo pensi alle elezioni.

Oggi però, dopo settimane di gelo, ai Dialoghi Mediterranei sembra esserci stato, almeno nei comportamenti, un riavvicinamento tra il premier e il capo M5s Luigi Di Maio: i due si sono salutati e piu’ volte avvicinati per parlarsi. Gia’ mercoledi’ la maggioranza è di nuovo chiamata ad una prova di compattezza: con le comunicazioni, alla Camera e al Senato, del premier Giuseppe Conte sul Mes, i partiti al governo dovrebbero presentarsi uniti davanti alle opposizioni che annunciano battaglia. Oggi la Lega, con banchetti nelle varie citta’, ha raccolto centinaia di migliaia di firme contro il trattato sul fondo Salva-Stati. “Vogliamo fare di tutto per bloccare questo trattato, che arriva mercoledi’ in Aula, perche’ e’ un rischio per il Paese”, spiega Matteo Salvini che alla battaglia sul Mes subordina la decisione della Lega di fare un ricorso alla Consulta contro la compressione della legge dibilancio ad una sola lettura per Camera.

Per l’ok al Mes gli occhi saranno puntati su M5S: Luigi Di Maio, dopo gli attacchi della scorsa settimana, ha abbassato i toni, complice il rinvio a marzo deciso dall’Eurogruppo, ma tra i parlamentari il via libera e’ tutt’altro che scontato. L’altro nodo che la maggioranza deve chiudere prima di Natale e’ quello sulla prescrizione. Oggi il ministro Alfonso Bonafede chiude sulla prescrizione processuale, che lega la prescrizione alla durata dei gradi di giudizio, sbarrando la strada ad una delle due ipotesi che il Pd ha messo sul piatto per dare il via libera all’entrata in vigore dal primo gennaio della riforma. Ma, spiegano fonti Pd, in realta’ piu’ che alla prescrizione processuale i dem lavorano ad ottenere una sospensione della prescrizione per 2-3 anni dopo il primo grado. Un vertice non e’ ancora stato fissato ma e’ possibile che si tenga nei primi giorni della prossima settimana, prima che Conte, chiamato dal Pd a mediare, voli a Bruxelles. “Stiamo lavorando su una base tecnica – spiega il premier – una volta trovate le soluzioni tecniche, e siamo vicini, faremo certamente un vertice politico”.

Advertisement

Economia

Conte attacca i Benetton: ci prendono in giro, martedì porto la revoca in Consiglio dei Ministri

Avatar

Pubblicato

del

“I Benetton non hanno ancora capito che questo governo non accetterà di sacrificare il bene pubblico sull’altare dei loro interessi privati”. In una intervista con la Stampa, Giuseppe Conte fa sapere che domani, nel cdm, si deciderà sulla revoca della concessioni autostradali: i Benetton “hanno beneficiato di condizioni irragionevolmente favorevoli per loro: può bastare così. Porterò la questione della revoca in Consiglio dei ministri e decideremo collegialmente, ma non siamo disponibili a concedere ulteriori benefici”. Poi sul Fatto, intervistato aggiunge: “Se devo esprimere una valutazione personale, alla luce di tutto quanto è accaduto, sarebbe davvero paradossale se lo Stato entrasse in società con i Benetton. Non per questioni personali, che non esistono, ma per le gravi responsabilità accumulate dal management scelto e sostenuto dai Benetton nel corso degli anni fino al crollo del Morandi e anche dopo”. “I Benetton – scandisce Conte – non prendono in giro il presidente del Consiglio e i ministri, ma i famigliari delle vittime del ponte Morandi e tutti gli italiani”.

Continua a leggere

Economia

Conte prova a far digerire al M5S la mancata revoca della concessione ad Aspi con l’estromissione dei Benetton

Avatar

Pubblicato

del

“Fuori i Benetton”. E’ quel che chiedono i Cinque stelle per dare il via libera a una soluzione sulla vicenda Aspi che non sia la revoca della concessione. Ed e’ nei confini di questa richiesta che il governo cerchera’, nelle prossime ore, una soluzione possibile al dossier che tiene banco da due anni. Il premier Giuseppe Conte portera’ in Consiglio dei ministri una proposta di mediazione solo se “irrinunciabile”. Ma ogni partito di governo da’ a questo aggettivo un significato diverso. Il Pd ritiene che la proposta dell’azienda soddisfi gran parte delle richieste poste dall’esecutivo e che ponga dunque buone basi. Il M5s si presenta al tavolo con una posizione assai rigida: “Revoca o fuori i Benetton”. Mentre Italia viva ritiene “surreale” il dibattito sull’ingresso dello Stato in Aspi. Divergenze che fanno dire a Gianni Mion, presidente di Edizione, la holding di Benetton, che la “proposta e’ seria” ma “non c’e’ ottimismo” su un’intesa. Ma una mediazione, assicurano piu’ fonti di governo, e’ ancora possibile: si lavora a un’intesa che abbia, a valle, un aumento di capitale che riduca il piu’ possibile (c’e’ chi dice addirittura dall’88% al 5%) la presenza di Atlantia in Aspi, in modo da poter dire che i Benetton sono, in sostanza, “fuori da Aspi”. Da Palazzo Chigi e dai ministeri dei Trasporti e dell’Economia, che stanno valutando la proposta giunta sabato dall’azienda, nulla trapela. Conte potrebbe convocare nella prossime ore un vertice di governo, prima di riunire il Consiglio dei ministri.

La riunione e’ ipotizzata per martedi’, anche se ancora non convocata. E, anche se c’e’ chi non esclude uno slittamento a mercoledi’ o giovedi’, la volonta’ di chiudere c’e’. Se si decidesse per la revoca della concessione, servirebbe una legge da portare in votazione in Parlamento. Ma ancora in queste ore nel governo si ragiona sull’ipotesi di un accordo in due fasi: il via libera alla proposta dell’azienda e poi l’aumento di capitale che, “senza dare soldi ai Benetton”, ridimensionerebbe la presenza di Aspi. Soggetti interessati a entrare, assicurano piu’ fonti, ce ne sarebbero diversi, da Cdp a Poste Vita fino a fondi come Macquarie. Ma il passaggio e’ assai delicato. Una fonte Dem di governo osserva che quanto alla proposta dell’azienda sono stati fatti passi avanti importanti sui risarcimenti portati a 3,4 miliardi, ma soprattutto sulle tariffe, con la riduzione dei pedaggi e l’adeguamento alle indicazioni dell’Autorita’ dei trasporti e il principio per cui le tariffe sono remunerate solo a fronte di investimenti fatti. In piu’, Aspi non chiede di modificare la norma del decreto Milleproroghe che ha ridotto da 23 a 7 miliardi i risarcimenti dello Stato all’azienda in caso di revoca della concessione (anche se sulla norma e’ pendente un ricorso alla Consulta).

A fronte di questo pacchetto di interventi, che il M5s ha ritenuto “non sufficiente”, c’e’ anche la disponibilita’ di Atlantia, societa’ quotata in borsa, a scendere nell’azionariato. Ed e’ su questo piano che Conte cerchera’ probabilmente una mediazione. Tutto gli occhi sono puntati sui Cinque stelle. Una fonte Pd spiega che la consapevolezza diffusa nel governo e’ che la revoca della concessione porterebbe con se’ il rischio di un maxi risarcimento ad Aspi e del caos nella gestione delle autostrade. Ma c’e’ il timore che dietro questo dossier si giochi una partita tutta politica tra un pezzo di M5s e premier. “Abbiamo letto prese di posizione molto nette, da Di Maio a Buffagni, non sara’ facile per Conte convincerli”, dice un sottosegretario Dem. Fonti di governo pentastellate spiegano che qualche insofferenza ci sarebbe tra i parlamentari M5s per come Conte ha gestito il dossier: “Non puoi trattare per cosi’ tanto tempo con i Benetton…”. Ma aggiungono che in Cdm si cerchera’ una soluzione e che il dialogo con i ministri Pd non si e’ mai interrotto. Quel che non si puo’ fare, sostengono sia Iv che l’opposizione, con l’azzurra Maria Stella Gelmini, e’ nazionalizzare. E’ “surreale e incomprensibile” il dibattito sull’ingresso dello Stato, dice Teresa Bellanova: “Non e’ interessante quel che il privato mette sul tavolo. Quello che e’ dirimente e’ la tutela dell’interesse pubblico” con “controlli, sicurezza, efficienza”. “Revoca della concessione o esca la famiglia Benetton dall’azionariato”, dice dal M5s Roberto Traversi. Questo puo’ voler dire, secondo l’ala piu’ governista del M5s, anche la discesa di Atlantia a una quota del tutto minoritaria (le cifre, nelle ipotesi che circolano in queste ore, dal 30% fino al 5%). Ma c’e’ chi come Alessandro Di Battista e Barbara Lezzi non sembra disposto ad accontentarsi: “Deve essere revoca: siano resi noti i voti dei ministri in Cdm”.

Continua a leggere

Economia

Kurz avverte Roma,”bene le riforme annunciate,ma fatele altrimenti niente recovery fund

Avatar

Pubblicato

del

La cosa è insopportabile ma bisogna in qualche modo raccontarla. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ‘promuove’ le riforme di Roma. Ve lo sareste mai aspettato? Bene, dice Kurz, che si è autoproclamato controllore dei conti e delle riforme italiane, che   “l’abbattimento della burocrazia, la lotta all’evasione fiscale, sistemi economici competitivi” sono belle riforme e che “bisogna andare nella direzione del programma di riforme dell’Italia”. Così si potrà procedereall’esborso dei denari europei per la ripresa post-Covid. Il giovane cancelliere però  avverte anche l’Italia: “Non uniremo i debiti” con i trasferimenti a fondo perduto previsti dalla proposta messa sul tavolo dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel per il Recovery Fund. L’austriaco inoltre insiste: “La condizionalità è necessaria per evitare che le risorse siano spese per coprire buchi di bilancio”, perchè “in Italia già nel passato programmi di stimolo promossi dall’Europa non hanno avuto il successo sperato”. “Se i soldi fossero impiegati non per le riforme ma per i buoni vacanze o per l’aumento incondizionato di un salario minimo – chiarisce – non aiuterebbero il miglioramento della competitività” del Paese. Insomma, il cancelliere austriaco al guinzaglio della Germania, a poco meno di una settimana dal vertice europeo di venerdì e sabato, resta in linea con quella dei leader degli altri tre governi Frugali (Olanda, Danimarca e Svezia) ed in particolare con Mark Rutte, il premier olandese. Il principale campo di battaglia al vertice – come evidenzia anche il Financial Times – saranno comunque la grandezza del Fondo per il rilancio (750 miliardi in totale è la proposta) e la magnitudo del Bilancio Ue 2021-2027 (ora ridotto a 1.074 miliardi da 1.100). E’ possibile infatti che il prezzo da pagare per l’ok dei Frugali all’accordo dovra’ essere una sostanziale riduzione del primo ed un ulteriore snellimento del secondo. In cambio potrebbe restare immutata la ripartizione di due terzi e un terzo tra prestiti e aiuti, spiegano alcune fonti diplomatiche europee, che invitano tuttavia a trattare il ragionamento con grande cautela, perche’ i giorni che dividono dal summit saranno caratterizzati da un intenso lavoro diplomatico. Domani sera Giuseppe Conte sara’ infatti a Meseberg da Angela Merkel e da giovedi’, quando cenera’ a Bruxelles con Emmanuel Macron, saranno giorni di negoziato non stop. Obiettivo dell’Italia e’ che le risorse del Recovery Fund non siano ridotte – e su questo Conte ha mostrato un cauto ottimismo dopo aver incontrato Rutte – ma anche evitare che i fondi vengano vincolati a giudizi e veti dei partner europei, che li rendano difficilmente accessibili. A giocare di sponda con Conte saranno anche lo spagnolo Pedro Sanchez ed il portoghese Antonio Costa. Entrambi, in visite distinte, lunedi’ saranno da Rutte per cercare di ammorbidirne le posizioni e approfondire quello che uno dei principali quotidiani olandesi, il Telegraaf, indica come “l’offensiva dei Paesi del Sud”. E sempre nel tentativo di sbloccare la situazione, lo spagnolo martedi’ e mercoledi’ andra’ in Svezia per vedere un altro osso duro dei Frugali, lo svedese Stefan Lofven.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto