Collegati con noi

In Evidenza

Malattie mai più incurabili, grazie al 5 per mille i ricercatori Neuromed studiano cure contro Covid, Epilessia, Alzaheimer, Tumori e altre patologie gravi

Avatar

Pubblicato

del

L’impegno a lavorare ogni giorno per trovare cure sempre più efficaci contro il Coronavirus, il Parkinson, l’Alzheimer, l’Epilessia, i Tumori Cerebrali e le altre patologie del sistema nervoso. È una bella sfida! È la sfida di Neuromed, un IRCCS, un Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico che persegue finalità di ricerca.

Mai come oggi la ricerca è fondamentale per curare, per prevenire, per conoscere. Per farlo non basta l’impegno dei ricercatori, occorrono anche le risorse per portare avanti ogni progetto. Ecco a che cosa serve il 5 per mille. Una misura fiscale che consente ai contribuenti di destinare una quota dell’IRPEF (pari, appunto, al 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche) a enti che si occupano di attività di interesse sociale, come associazioni di volontariato e di promozione sociale anche nel campo dello sport, onlus, enti di ricerca scientifica e sanitaria. Farlo  non costa nulla al contribuente ed è diventato un mezzo di sostentamento indispensabile per quelle realtà come Neuromed, istituto di ricerca a cura impegnato ad andare avanti.

Solo negli ultimi mesi abbiamo visto superare traguardi impensati come l’Ospedale virtuale Parkinson nato in Neuromed, a Pozzilli, in Molise, e diventato internazionale. O la scoperta di una molecola che può essere utilizzata come farmaco per la Schizofrenia. Ricerche che hanno messo in luce come l’idrossiclorochina riduca la mortalità da Covid-19 del 30 per cento, o come il sistema immunitario reagisce ai primi attacchi del Coronavirus.

Per questo i ricercatori dell’IRCCS molisano hanno preparato e avviato un progetto molto coraggioso e impegnativo: la Biobanca Covid-19 con l’ambizione di studiare per ostacolare e impedire il ritorno di questa terribile malattia, ma – ancor più – rendere possibile la necessaria prevenzione di altri flagelli dello stesso genere. Così nella Biobanca ci sono anche i campioni di pazienti Covid.

Dai laboratori del Neuromed sono arrivati gli elettrodi in grado di collegare il cervello al computer ma anche, durante la pandemia, le maschere per poter consentire ai pazienti covid di respirare. E tanto altro. Tutto possibile grazie alla ricerca.

E per chi non lo sapesse Neuromed, che ha sede a Pozzilli, Isernia, in Molise, è un centro di eccellenza medica, di rilevanza nazionale e internazionale e di altissima specializzazione per le patologie che riguardano Neurochirurgia, Neurologia, Neuroriabilitazione e tutte le applicazioni relative alle Neuroscienze in cui sono utilizzabili la Neuroradiologia, l’Angiocardioneurologia e la Chirurgia Vascolare.

Giovanni de Gaetano, Presidente di Neuromed

Ecco perché il 5 per mille: un gesto semplice, che non costa nulla e che, come spiega il professor Giovanni de Gaetano, presidente di Neuromed nel video che pubblichiamo, “per i nostri ricercatori diviene un impegno concreto. L’impegno di lavorare ogni giorno per trovare cure sempre più efficaci. Per questo, per tutti noi, non dimenticate di dare il vostro 5 mille all’Istituto di ricerca Neuromed”.

 

 

 

Advertisement

Corona Virus

Troppi contagi, Arzano diventa zona rossa

Avatar

Pubblicato

del

Per i dati epidemiolgici provenienti dall’area metropolitana di Napoli e in relazione al Comune di Arzano, è stata disposta l’istituzione della zona rossa nello stesso Comune di Arzano. Sarebbero oltre 300 i casi di positività solo in questo comune dell’area Nord di Napoli. Ecco perché l’Unità di Crisi regionale per l’emergenza Covid in Campania ha anticipato i contenuti delle prossime ordinanze allo studio della Regione.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, nell’ordinanza della Campania: tornano le autocertificazioni per spostarsi

Avatar

Pubblicato

del

Il coprifuoco in alcune parti del Paese e le altre Regioni – d’accordo con il governo – pronte a nuove misure restrittive, stavolta “mirate” e solo in alcuni territori. Dopo la Lombardia anche la Campania  annuncia “il blocco di tutte attivita’ e della mobilita’ ogni giorno, dalle 23 alle 5, a partire da venerdi’” e limitazioni agli spostamenti tra province con tanto di autocertificazione per lavoro, sanita’, scuola o socio-assistenza. Tra le Regioni, in queste ore il partito degli ‘interventisti’ si allarga: il Piemonte chiude nel fine settimana i centri commerciali e introduce l’obbligo per le scuole superiori, escluse le prime classi, di seguire la didattica digitale a distanza per almeno il 50% dei giorni, in alternanza con la presenza in aula. Misura seguita anche dalla Liguria, che ha varato anche il divieto di assembramento. Provvedimenti che si susseguono al ritmo dei contagi che, dopo il rallentamento di ieri, tornano a salire: sono stati 10.874 i nuovi casi, a fronte di oltre 144mila tamponi effettuati, e le 89 vittime, il numero piu’ altro da maggio. Le misure prese sono in ordine sparso, ma stavolta c’e’ un coordinamento nazionale. Il governo ora raccorda gli interventi restrittivi territoriali, cosi’ come ha sottolineato lo stesso presidente del Consiglio, Giuseppe Conte: “La strategia diversa” di questa seconda fase del contagio da Covid “si giova anche di un sistema di monitoraggio molto sofisticato – spiega – si stanno definendo misure restrittive ma localizzate. Dobbiamo entrare nella prospettiva che possono essere disposte a livello territoriale da presidenti di Regione e sindaci laddove la situazione critica diventi particolarmente preoccupante”. Per il premier ora bisogna, “come sta accadendo, mantenere un coordinamento nazionale, costante dialogo e collaborazione in particolare con il ministro della Salute”. E i governatori chiedono il consenso al ministro della Salute Roberto Speranza, per “tutelarsi” su ulteriori strette, coprifuoco o provvedimenti di zone rosse. Contatti anche con il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, che nonostante il suo stato di isolamento fiduciario (l’ex ministra De Girolamo e’ positiva) ha sentito al telefono quasi tutti presidenti fornendo il proprio sostegno: l’obiettivo resta “tutelare al massimo lavoro e scuola, ma intervenire territorialmente dove ci sono criticita’”. Uno degli allarmi viene dalla Campania, dove il vice presidente dell’Ordine dei medici di Napoli avverte: “le notizie che arrivano dagli ospedali mi preoccupano molto. Per questo e’ bene dircelo fuori dai denti, la Campania e’ malata. Napoli e’ malata”. E il governatore De Luca corre ai ripari con un coprifuoco fotocopia dell’ordinanza della Lombardia, ma fa un passo di lato sulla scuola, autorizzando da lunedi’ anche le attivita’ delle elementari. Restano chiuse nella regione solo medie e superiori. Dopo un colloquio con il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, il governatore ha incassato l’invio immediato di cento militari a supporto dei controlli sul territorio e per il rispetto delle ordinanze anti-Covid. Ma con la possibilita’ di limitazioni di spostamenti tra province. Sembra alle spalle anche la polemica del governo con i sindaci, che avevano contestato la stretta sulla movida e le chiusure delle strade “a carico loro”. In attesa dell’incontro nelle prossime ore tra le citta metropolitane e il Viminale – ora al centro della mediazione con gli Enti Locali – e’ stata inviata ai Prefetti una circolare del capo di Gabinetto, Bruno Frattasi, che fornisce alcune indicazioni sui profili attuativi del Dpcm sulle misure anti-covid. Tra queste, anche la possibilita’ di prevedere “una chiusura parziale delle strade o delle piazze, restringendo, cioe’, l’accesso senza interdirlo totalmente, con il contingentamento degli ingressi”, ovvero accessi ‘a numero chiuso’. I sindaci dovranno informare con “adeguati mezzi comunicativi”, sia le associazioni di categoria, sia la cittadinanza interessata, della chiusura di piazze e vie a rischio assembramento. Ci saranno margini di flessibilita’ sul rispetto degli orari e per i controlli, se necessario, e’ previsto anche l’ausilio dell’esercito.

Continua a leggere

Corona Virus

Il premier Conte: prime dosi di vaccino già a inizio dicembre e in primavera…

Avatar

Pubblicato

del

“Se le ultime fasi di preparazione (il cosiddetto ‘rolling value’) del vaccino Oxford-Irbm Pomezia-Astrazeneca ) saranno completate nelle prossime settimane, le prime dosi saranno disponibili all’inizio di dicembre”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Bruno Vespa per il libro “Perché l’Italia amò Mussolini (e come ha resistito alla dittatura del Covid)” in uscita il 29 ottobre da Mondadori Rai Libri. “Già all’inizio avremo i primi due o tre milioni di dosi – ha precisato Conte  – Altri milioni ci arriveranno subito dopo. La Commissione europea ha commissionato ad Astrazeneca e ad altre società alcune centinaia di milioni di dosi. Penso che per contenere  completamente la pandemia dovremo aspettare comunque la prossima primavera”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto