Collegati con noi

In Evidenza

Maggioranza divisa sul Mes, c’è attesa per il duello Conte-Salvini in aula a Montecitorio

Avatar

Pubblicato

del

Tutti si aspettano un bis della seduta del 20 agosto: un nuovo redde rationem tra Giuseppe Conte e Matteo Salvini, quando il premier domani in Senato riferirà sul Mes. Conte dira’ la sua in difesa della riforma del Meccanismo di stabilita’ europeo (Mes), ma intende anche smentire le parole “calunniose” pronunciate nei suoi confronti da parte di Salvini, che avra’ il vantaggio di poter parlare per secondo, come il 20 agosto. La teatralita’ dello scontro sara’ tuttavia politicamente meno significativa rispetto alla spaccatura sulla riforma del Mes dentro la maggioranza, che il vertice serale di Palazzo Chigi dovra’ affrontare. Oltre alle comunicazioni alle Camere, infatti, incombe l’Eurogruppo di mercoledi’ prossimo, dove il ministro Gualtieri dovra’ portare la posizione italiana, e si avvicina anche il voto delle risoluzioni del parlamento – il 10 dicembre – in vista del Vertice europeo. Un voto su cui se la maggioranza non si ricompatta il governo potrebbe cadere, ipotesi per qualcuno ormai nel novero delle possibilita’, visti i primi dubbi in casa Dem sull’opportunita’ di proseguire l’alleanza con M5s. In giornata nessuna dichiarazione agguerrita e’ giunta da M5s, dopo che sabato Luigi Di Maio aveva chiesto “profonde modifiche” alla riforma del Mes. L’ex segretario del Pd, Maurizio Martina, ha rivolto un appello al capo politico di M5s: “mi auguro che Di Maio non voglia dare altra benzina a Salvini per appiccare fuochi pericolosi per l’Italia. Salvini e’ un esperto di questa logica folle, Di Maio eviti di dargli una mano perche’ in gioco che la forza del nostro paese non il destino di una persona”. Attivissimi, invece, sul fronte delle dichiarazioni Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Centrodestra. Salvini, Meloni a Berlusconi all’attacco sul Mer

Il primo ha rinunciato a degli impegni in Belgio, ospite del partito sovranista fiammingo Vlaams Belang, per poter essere alle 15,30 in Senato ad ascoltare Conte, per poi eventualmente intervenire. “Sono curioso di sentire – ha detto il leader della Lega – se il presidente del Consiglio ha capito quello che faceva e ha tradito. Oppure molto semplicemente non ha capito quello che stava facendo, perche’ tutto e’ possibile. Martedi’ poi andro’ a Bruxelles. Non voglio che l’Italia sia rappresentata da qualcuno che cede nella battaglia ancora prima di cominciarla”. Salvini e Meloni sfidano Di Maio e M5s ad essere conseguenti nelle loro critiche al Mes e a far saltare il governo: “Conto sul fatto – afferma il primo – che i Cinque Stelle non cambino idea, visto che su questo l’hanno sempre pensata come noi. Mi auguro che per salvare qualche poltrona non ci sia qualcuno che cambia idea”. “Credo che dovrebbe cadere il governo sul Mes – fa eco la presidente di Fdi – Nel senso che se Di Maio ha un briciolo di dignita’ questo e’ il momento in cui lo deve dimostrare”.

Ma dubbi sul far cadere il governo serpeggiano anche nel Pd e in Iv. Se ne e’ fatto portavoce Pierluigi Castagnetti, uno dei padri nobili dei Dem, senza incarichi ufficiali ma molto vicino a Franceschini: “E’ oggettivamente sempre piu’ difficile continuare a governare in questo modo, con i 5S che rimettono in discussione ogni cosa ogni giorno, pensando solo a un molto ipotetico vantaggio elettorale e disinteressandosi dell’interesse e della credibilita’ del paese. Caliamo il sipario?”. E Stefano Ceccanti rincara la dose: “Di Maio non crede nel Governo di cui e’ parte e quindi tenta di sabotarlo dall’interno” e quando il Mes e’ stato firmato a Bruxelles il 13 giugno dal precedente governo, lui non ha sollevato dubbi perche’ “quel governo gli piaceva di piu'”. Il braccio di ferro ha tuttavia una via di uscita, ed e’ quella indicata mercoledi’ scorso da Gualtieri in Commissione Finanze del Senato, confermata oggi dal viceministro Antonio Misiani e da Irene Tinagli, il “package approach”, cioe’ il voto su tutto il pacchetto di tre elementi, come per altro anche l’Eurovertice del 21 giugno scorso prevedeva. Nel ‘pacchetto’ saranno tre i temi di un’intesa complessiva: il Mes, il primo bilancio dell’Eurozona e l’Unione bancaria.

Advertisement

Esteri

Tensione al summit Nato, Trump schernito dagli alleati

Avatar

Pubblicato

del

Era iniziato con i toni della polemica, è finito quasi con quelli della farsa. Il vertice dei 70 anni della Nato si chiude a Watford, alle porte di Londra, adottando la dichiarazione unanime di rito, con qualche richiamo nuovo (sulla Cina o la cooperazione militare nello spazio) e molti impegni risaputi e ribaditi. Ma i dissidi, politici e personali, restano in larga parte irrisolti – suggellati dall’evidente irritazione di Donald Trump, che se ne va cancellando d’improvviso la sua conferenza stampa finale – fra tensioni, diverbi e persino momenti di scherno: come nel caso dei risolini innescati in un capannello di leader dalle ironie riservate al presidente Usa dal premier canadese Justin Trudeau. Un episodio minore, assurto tuttavia a simbolo di questa celebrazione poco riuscita malgrado l’ottimismo profuso a piene mani dal segretario generale Jens Stoltenberg e dal padrone di casa, Boris Johnson. Se non proprio a sintomo della crisi del 70esimo anno di un’alleanza che pure il medesimo Trump giura essere “forte e ricca come non mai”. A creare l’incidente e’ stato stavolta un filmato carpito dalla tv canadese a Buckingham Palace durante il ricevimento offerto ieri dalla regina e dal principe Carlo agli ospiti alleati: con tanto di immagini sottotitolate di Trudeau, Johnson, Emmanuel Macron, Mark Rutte e la principessa Anna a confabulare bicchieri in mano. “Per questo eri in ritardo?”, si sente Johnson chiedere a Macron, reduce da un bilaterale con Trump dilatato oltre misura dal tycoon di fronte ai media. E quindi Trudeau rispondere sarcastico al posto del presidente della Francia: “Era in ritardo perche’ ha fatto una conferenza stampa di 40 minuti fuori programma”. Evidente allusione a The Donald, corredata da ilarita’ finali sul presunto sconforto “a bocca aperta” dello stesso staff della Casa Bianca. Trump, che con Trudeau s’era gia’ beccato in passato, non l’ha presa bene. Ha aspettato lo stop dei lavori ufficiali del summit per replicare. Poi ha piazzato la stoccata al termine dell’ultimo d’una serie di faccia a faccia di contorno (fra i piu’ amichevoli, quello col presidente del Consiglio Giuseppe Conte), con al fianco la cancelliera Angela Merkel. Trudeau, ha esordito condiscendente, “e’ un simpatico ragazzo. Ma io l’ho stanato sul fatto che lui non versa il 2%” sul Pil di contributi per la difesa alla Nato. “Non paga il 2%, ma lo deve pagare perche’ il Canada i soldi li ha – ha proseguito velenoso – e immagino che non sia troppo contento” di sentirselo dire. Per dargli poi dell’ipocrita. Il siparietto e’ finito cosi’. E oscura anche se non cancella i risultati rivendicati da Stoltenberg: la formalizzazione degli impegni ad aumentare proprio gli stanziamenti all’alleanza, cresciuti di 160 miliardi di dollari dal 2016 e destinati a un ulteriore balzo fino a 400 miliardi in piu’ per il 2024; o ancora la linea comune trovata sulla Russia, a cavallo tra “deterrenza e dialogo”; sull’inedito richiamo alla Cina in materia di disarmo; sul rafforzamento delle missioni a protezione dei confini di Polonia e Paesi baltici; sull’individuazione delle “minacce emergenti”, dalla sfida dello spazio visto ormai anche come uno scenario militare, al terrorismo, alla cyber guerra, alla questione delle nuove tecnologie e delle infiltrazioni che possono derivarne. Temi da affrontare in uno spirito unitario, ha incitato Johnson – deciso a fare del meeting di Watford anche un palcoscenico elettorale in vista del voto britannico del 12 dicembre – ricordando il successo storico della Nato e invocando il motto da moschettieri “uno per tutti, tutti per uno”. E pero’ temi che non esauriscono un’agenda nella quale, accanto a “cio’ che unisce”, resta altrettanto visibile cio’ che divide. La lista comprende il rapporto con la Turchia di Recep Tayyip Erdogan, logorato nel giudizio di molti partner europei, Parigi in testa, dalla cruenta operazione anti-curda del sultano in Siria. Ma anche questioni come la possibile partecipazione del colosso cinese Huawei nello sviluppo della sensibile tecnologia di comunicazione 5G cui Washington si oppone, ma che Paesi come Italia o Regno Unito non escludono del tutto. O dossier collaterali sul commercio, la web tax sui big americani dell’hi-tech, le minacce di ritorsioni a colpi di dazi. Problemi sui quali se non altro il dibattito e’ ora aperto, chiosa Macron, attribuendosi il merito d’aver dato lo scossone paventando alla vigilia una Nato “in stato di morte cerebrale”.

Continua a leggere

Cronache

La Massoneria italiana spiegata da un massone, Franco Calabrese, n33 della Gran Loggia d’Italia

Salvatore Calleri

Pubblicato

del

Ho sempre mal sopportato i deviati. A qualunque categoria essi appartengano.
Son dei traditori.
Sul punto mi permetto di consigliare il libro Massomafia sulla massoneria deviata e la mafia di Andrea Leccese.
Oggi avvicino un esponente di rilievo della massoneria. Un non deviato che sui deviati la pensa come me. Franco Calabrese, numero 33 della Gran Loggia d’Italia. Uno che ci crede.

Innanzitutto quando nasce in lei l’interesse per la massoneria?

Mi corre l’obbligo di precisare l’esatto termine della nostra Massoneria: Gran Loggia d’Italia degli A.L.A.M. (Antichi, Liberi, Accettati Muratori) di Rito Scozzese Antico ed Accettato. E rispondo adesso alla domanda: avevo 21 anni e lavoravo alla Casa Editrice Bemporad Marzocco di Firenze. Un giorno, avendo sentito parlare qua e là di Massoneria, mi recai nell’ufficio di un mio “collega” (solo nel senso che lavorava anche lui nella stessa Casa Editrice) e gli chiesi: “Che cos’è la Massoneria ??? Cosa ne sai tu della Massoneria ?”. Questi rimase sbalordito dalle mie domande e mi chiese: “Perché, fra tanti colleghi, lo chiedi proprio a me ? A me che sono massone?”. Solo dopo molto tempo mi chiesi perché avevo fatto proprio ad un massone questa domanda. E solo dopo molto tempo seppi chi era quel “fratello”. Mi dette tutte le “dritte” sulla Massoneria e mi riempì di consigli e saggezze sempre sulla Massoneria anche dopo che anch’io divenni un massone.


Cosa s’intende per massoneria?

La Massoneria è una istituzione libera e laica che si ricollega alle principali tradizioni esoteriche d’Europa e del Mediterraneo. Essa ha come fine il perfezionamento umano e come strumenti i simboli dell’Architettura che esprimono il senso della operatività indirizzata ad un progetto di edificazione morale e spirituale. Opera in tutti i Paesi liberi del mondo dal 1717, anno di fondazione della Gran Loggia di Londra.
Va precisato che l’ordinamento giuridico italiano distingue due tipi di associazione: quelle con personalità giuridica, come gli Enti pubblici e le cosiddette “associazioni non riconosciute” in quanto non hanno personalità giuridica. A queste ultime appartengono i partiti politici, i sindacati e appunto anche le associazioni massoniche italiane.
Dunque la Massoneria, in Italia, resta classificata come “associazione non riconosciuta”, mentre nel resto del mondo civile e democratico, tutte le associazioni massoniche godono di personalità giuridica. Tale situazione, oltre a rendere poco chiara la posizione della Massoneria italiana dal punto di vista giuridico-sociale, le crea indubbiamente maggiori difficoltà nell’esercizio della tutela dei diritti. Questo spiega perché è costretta a subire spesso soprusi ed ingiustizie senza poter sempre disporre di adeguati strumenti legali di difesa.

Parliamo di un tema a me caro. In quanto li combatto da tempo: i deviati. Pure al vostro interno ci sono. Come li contrastate? E le eventuali infiltrazioni mafiose uscite in alcune inchieste come le affrontate?

Per la verità cerchiamo, nei limiti possibili, di ignorarli e, per i motivi sopra descritti non possiamo tutelarci più di tanto verso la nascita continua di nuove Obbedienze. Qualsiasi persona può fondare una qualsiasi Associasione Massonica. E noi, come Gran Loggia d’Italia, ai profani che chiedono di poter far parte della nostra Istituzione, richiediamo tutti i documenti necessari per tutelare la correttezza delle nostre Logge; oltre a superare numerose votazioni, deve anche presentare Certificati delle Cariche Penali Pendenti e  il Certificato Casellario generale . Se è vero come è vero che tutto questo non ci garantisce al 100%, è altrettanto vero che i nostri vertici istituzionali sono sempre vigili e, al minimo accenno di qualcosa di non chiaro, dopo gli opportuni e doverosi accertamenti, il nostro Gran Maestro Sovrano Gran Commendatore non esita nemmeno un minuto ad espellere qualche “fratello” o a sopprimere qualche Loggia…….

Siete spesso stati oggetto di una vera e propria  caccia alle streghe che in anni bui vi ha portato pure nei campi di concentramento.

E’ ancora abbastanza diffusa tra la gente la convinzione che la Massoneria attuale sia una società segreta. Ma questo attributo, se poteva essere vero almeno fino al tardo 800, oggi non ha più alcun significato pertinente.
Sì, i Massoni hanno anch’essi subìto i campi di concentramento nazisti. Cominciò tutto nell’anno 1939, quando Adolf Hitler dichiarò che tutte le organizzazioni “segrete” erano pericolose per il suo piano criminale per la conquista del mondo. Non solo si uccisero Ebrei e Cattolici, ma fu anche ordinato di compiere una sanguinosa purga contro i massoni dichiarati. D’altra parte lo stesso fecero in Italia i fascisti: il 28 settembre 1924 un manifesto del Direttorio del fascio fiorentino, dopo le prime violenze contro i Massoni, ordinò di attaccare i Massoni e che per distruggere la Massoneria tutti i mezzi erano buoni, “dal manganello alla revolverata, dalla rottura dei vetri al fuoco purificatore (…..) La loro vita deve essere resa impossibile”.

Come pensi che la massoneria debba affrontare il futuro vista la situazione complessa tra segretezza e riservatezza che vivete?

Negli ultimi anni, specialmente dopo lo scandalo della P2 che, ricordo, fu opera del G.O.I. (l’altra Obbedienza, ovvero il Grand Oriente d’Italia) abbiamo fatto di tutto per sostituire il “segreto” in “riservatezza” nel senso che ciascun cittadino ha diritto alla tutela della propria vita privata, non avendo l’obbligo di pubblicità, non prevista peraltro dalla legge italiana…..

Continua a leggere

Esteri

La società svedese Ericsson patteggia oltre 1 miliardo per accuse di corruzione

Avatar

Pubblicato

del

La societa’ svedese di telecomunicazioni Ericsson ha concordato di pagare oltre 1 miliardo di dollari per patteggiare accuse di corruzione che spaziano in un periodo di 17 anni e toccano almeno cinque Paesi, dall’Asia al Medio Oriente. Lo rende noto il dipartimento di Giustizia Usa. Anche una controllata egiziana si e’ dichiarata colpevole in una corte federale di New York di aver cospirato per violare il Foreign Corrupt Practices Act del 1977.

“La condotta corrotta della Ericsson ha coinvolto dirigenti di alto livello e ha abbracciato 17 anni e almeno cinque Paesi allo scopo di aumentare i profitti”, ha dichiarato Brian Benczkowski, capo della divisione penale del dipartimento di giustizia. Secondo l’accusa, la compagnia svedese era coinvolta in uno schema per pagare tangenti, falsificare i libri contabili e chiudere un occhio sulla corruzione, in Paesi come Cina, Vietnam, Indonesia e Kuwait. Ericsson ha ammesso che nel periodo contestato aveva incanalato decine di milioni di dollari attraverso consulenti e fornitori di servizi in Cina, creando un fondo per regali di lusso, viaggi e divertimenti di funzionari stranieri per vincere commesse dalle societa’ statali del settore. La legge americana riconosce la giurisdizione sulla corruzione delle societa’ le cui azioni sono vendute alla Borsa Usa o se i reati interessano il territorio.

Continua a leggere

In rilievo