Collegati con noi

Economia

Maggiolino addio, cala il sipario su un’icona del ‘900

Avatar

Pubblicato

del

Maggiolino, addio per sempre. A poco piu’ di ottant’anni dall’inizio della sua gloriosa storia, domani Volkswagen produrra’, nella fabbrica messicana di Puebla, l’ultimo esemplare dell’automobile che da sempre e’ un simbolo della Germania e della robustezza dei suoi prodotti e che ha segnato la storia del Novecento. Il Maggiolino – con il nome di Typ 1 – vede la luce in pieno Reich nazista. Doveva essere l’utilitaria per tutti, la ‘vettura del popolo’ voluta da Adolf Hitler con cui i tedeschi avrebbero attraversato con le proprie masserizie le nascenti autostrade del Reich, fatte costruire a tappe forzate per essere poi usate soprattutto a scopi bellici. Diventera’ davvero la macchina della classe media che – come accadra’ in Italia con le 600 e 500 della Fiat – vi carichera’ e trasportera’ di tutto. A disegnare quelle linee inconfondibili e’ l’ingegnere austriaco Ferdinand Porsche, cui il Fuehrer, austriaco come lui, chiede di progettare un’auto che faccia da contraltare alla Ford T, la prima automobile prodotta in serie che spopola negli Stati Uniti. Hitler fa edificare una fabbrica apposita, in Bassa Sassonia, e una citta’ intorno, la futura Wolfsburg, non lontana da Hannover. E’ il 1938, nasce la Volkswagen. Lo scoppio della guerra, pero’, ne ferma la produzione: in quel momento tutte le fabbriche vengono riconvertite alla produzione di cannoni, carri armati e munizioni per sostenere lo sforzo bellico tedesco. Prima fra tutte la Volkswagen, al tempo una delle piu’ grandi e moderne.

Ma alla fine del conflitto il Maggiolino e’ la prima macchina a riprendere la produzione in una Germania piagata ed offesa dalle bombe e dalla vergogna. E il successo arriva subito. Nel 1955 ne vengono venduti un milione di esemplari, prevalentemente in Germania ma anche negli Usa, da dove in cambio delle auto, nelle casse di un Paese che rinasce dalle ceneri, arriva preziosa moneta forte. Gli anni Sessanta sono quelli del boom in America, dove il Maggiolino diventa un emblema della cultura ribelle e anticonformista degli hippie, che per spostarsi preferiscono le curve di questa macchina spartana dal design alternativo alle squadrate e mastodontiche Cadillac e Ford dai morbidi sedili in pelle, predilette di chi orgogliosamente vive l’American dream. In poco tempo gli Stati Uniti diventano il piu’ importante mercato straniero per Volkswagen: nel 1968 vi sono venduti oltre 560mila esemplari e proprio in quell’anno esce al cinema ‘The Love Bug’, ‘Un Maggiolino tutto matto’, il film prodotto dalla Disney e diretto da Robert Stevenson che fara’ sognare milioni di bambini. La produzione in Germania si ferma nel 1978, quando la linea viene sostituita con quella della Golf – altro gioiello dal successo planetario – ma continua in Messico, dove il Maggiolino diventa il ‘vochito’ o ‘el carro del pueblo’. Alla fine del Novecento il restyling, realizzato sul pianale della nuova Golf. Ma il modello disegnato dal nipote dell’ingegner Porsche, il New Beetle, e’ decisamente un’altra cosa rispetto al Maggiolino, sul quale da domani cala il sipario: l’ultimo esemplare verra’ conservato in un museo.

Advertisement

Economia

Fendi lancia capsule collection con Jackson Wang

Avatar

Pubblicato

del

Fendi lancia una speciale capsule collection creata in collaborazione con Jackson Wang, noto cantautore di Hong Kong e ambasciatore della maison in Cina. Realizzata sotto la direzione creativa di Silvia Venturini Fendi, la capsule combina lo stile cool di Jackson Wang al dna della maison. Il colore nero e il logo FF ton sur ton utilizzato all over o sotto forma di striscia, sono i tratti distintivi della collezione che presenta una selezione di capi ready to wear, l’iconica borsa Baguette, che ha appena debuttato in versione maschile, una clutch, un cappello, delle sneakers e sandali. Infine uno speciale logo “Fendi Team Wang” sui capi.

Velluto e ciniglia neri impreziosiscono abiti formali, maglioni, T-shirt, pantaloni. Per festeggiare il lancio, dal 19 al 28 luglio, all’ingresso di Shamao Street, shopping center Ifs di Chengdu, dove ha sede un’importante riserva naturale centro ricerche sul panda gigante, sara’ visibile un’installazione che rappresenta un panda appunto, ideato da Wang per Fendi. L’opera, alta 3,3 metri e larga 2, ha la forma di un cubo ed e’ racchiusa da pareti di vetro decorate dalla frase “F Is For…” che prosegue con “Fun, Friends, Fantasy, Funk”. L’installazione trasparente di colore verde rappresenta il Palazzo della Civilta’ Italiana, headquarter romano della maison, in scala ridotta. Gli accessori della capsule di Wang per Fendi includono una Baguette in pelle nera con logo FF in velluto ricamato sulla patta anteriore. Stessa lavorazione sulla tracolla a mano della clutch in pelle nera. Punteggiate dal logo FF e da particolari in velluto le scarpe. Le sneakers sono realizzate in maglia tecnica, mentre la suola dei sandali e’ in materiali tecnici. Il cappello da baseball in ciniglia con il logo FF all-over completa l’offerta degli accessori. La capsule sara’ lanciata in 33 boutique selezionate e sul sito della maison dal 20 luglio. Wang e’ un ex sciabolatore nella squadra di Hong Kong. Nel 2011 ha abbandonato lo sport per dedicarsi alla musica. Nel maggio 2018, durante l’evento Fendi FF Reloaded a Shanghai, Wang ha cantato il singolo inedito Fendiman scalando le classifiche e diventando ambasciatore Fendi in Cina.

Continua a leggere

Economia

Scongiurare possibili dazi e tutelare la mozzarella di bufala campana Dop, sono gli obiettivi della missione del Consorzio di Tutela negli Stati Uniti

Avatar

Pubblicato

del

I dazi alla mozzarella sarebbero una ingiustizia che penalizzerebbe, senza alcun senso, non solo un comparto economiche di eccellenza della enogastronomia italiana, ma farebbe male anche ai consumatori statunitensi, molti dei quasi originari dell’Italia, che amano l’oro bianco. È per tutelare questa eccellenza made in Italy che è partita la missione americana per la mozzarella di bufala campana Dop. Il Consorzio di Tutela ha lanciato una seria attività di pressing istituzionale contro i dazi aggiuntivi ventilati da Trump sui formaggi made in italy, e a seguire direttamente questa delicata faccenda c’è il direttore del Consorzio, Pier Maria Saccani. È lui che è volato a Washington per una serie di incontri bilaterali e un obiettivo chiaro: far capire quanto sia dannosa la scelta di ulteriori gabelle su un’eccellenza che piace molto ai consumatori Usa.

L’oro bianco della Campania. La mozzarella di bufala campana Dop è un prodotto di eccellenza dell’enogastronomia italiana. La sua produzione è rigorosamente certificata dalla produzione del latte di bufale alla trasformazione alla commercializzazione. Non c’è al mondo un prodotto che arriva sulle tavole dei consumatori che sia più sano, genuino e controllato

Proprio gli Stati Uniti rappresentano infatti il primo Paese extra Ue per le esportazioni della mozzarella Dop, con una quota pari al 7%. Ma si tratta di un mercato dalle grandi potenzialità, con una crescente richiesta di prodotto certificato.

Oltre a sostenere le iniziative istituzionali in corso, il Consorzio ha avviato un filo diretto negli Stati Uniti per approfondire la problematica. Il direttore Saccani è stato a colloquio con il Consigliere economico dell’Ambasciata italiana a Washington, Lamberto Moruzzi. Durante l’incontro sono stati trattati i temi legati alla delicata situazione attuale dopo la minaccia di introduzione di dazi da parte del governo americano. Piena sintonia con l’ambasciata, che ha raccolto l’allarme del settore della Mozzarella di Bufala Campana Dop e si conferma importante punto di riferimento anche per le esigenze del comparto produttivo italiano. Inoltre Saccani ha incontrato Jaime Castaneda, vice presidente del US Dairy per definire i termini di un accordo tra l’ente americano e il Consorzio in merito alla protezione della denominazione Mozzarella di Bufala Campana Dop in diversi Paesi.

Continua a leggere

Economia

Qualcomm, multa dell’Ue di 242 mln: abuso di posizione dominante

Avatar

Pubblicato

del

Nuova stangata da 242 milioni di euro per Qualcomm, punita dalla Ue per aver abusato della sua posizione dominante vendendo i suoi chip a prezzi stracciati a Huawei e Zte nel tentativo di mettere fuori mercato Icera, start-up britannica concorrente. “La gravita’ e la durata di quanto accaduto giustifica la sanzione applicata”, ha spiegato la commissaria europea alla concorrenza Margrethe Vestager (nella foto in evidenza), sottolineando come il comportamento abbia “soffocato l’innovazione” e negato la scelta ai consumatori e ad altre societa’. La disputa a colpi di sanzioni e ricorsi tra l’Antitrust Ue e il piu’ grande produttore al mondo di chip va avanti dal 2015, quando Bruxelles avvio’ una prima indagine accusando la societa’ americana di monopolizzare il mercato. L’ammenda inflitta oggi da Bruxelles rappresenta l’1,27% del fatturato di Qualcomm, una decisione che arriva a un anno di distanza dalla sanzione record di 997 milioni di euro (1,13 miliardi di dollari, il 4,9% del fatturato) che gli era stata ‘recapitata’ dopo aver accertato che agi’ illecitamente per estromettere dal mercato i fornitori alternativi per il suo piu’ grande (ormai ex) cliente, Apple.

Questa volta, Qualcomm e’ accusata di aver inondato il mercato illegalmente per affrontare la sfida competitiva lanciata dalla start-up britannica Icera, che stava sviluppando chip destinati a smartphone e tablet con prestazioni dati migliori. L’Antitrust Ue ha infatti rilevato che, tra il 2009 e il 2011, commercializzava i propri prodotti a Huawei e ZTE senza coprire i costi di produzione, con l’intenzione di far uscire Icera dalla contesa. Una evidente logica anti-concorrenziale che, spiega Bruxelles, e’ “ingiustificata” e ha permesso al gigante di tecnologia statunitense “di massimizzare l’impatto negativo sulle attivita’ di Icera”, impedendo alla start-up britannica di competere sul mercato. Non solo: il comportamento di Qualcomm “ha soffocato l’innovazione e alla fine ha ridotto la scelta per i consumatori”. Dopo l’annuncio di ieri di una nuova indagine Ue nei confronti di Amazon e le sanzioni record a giganti del web come Google e Apple, con questa sanzione Vestager si gioca le sue ultime cartucce alla guida dell’Antritrust europeo della Commissione Juncker, rischiando di inasprire le tensioni commerciali con gli Stati Uniti di Donald Trump. La nuova multa a Qualcomm rappresenta anche un monito per tutti gli altri: comportamenti basati sui ‘prezzi predatori’ destinati a mettere fuori mercato i concorrenti “non resteranno impuniti”, ha avvertito la commissaria.

Continua a leggere

In rilievo