Collegati con noi

Corona Virus

Lotta al coronavirus, non solo i decreti del Governo ma anche le ordinanze regione per regione

Avatar

Pubblicato

del

Ci sono le restrizioni decise dal Governo, con la chiusura della attività non essenziali fino al 3 aprile, che vanno a incidere su una realtà già regolata però dalle singole regioni. Con la Lombardia che ha già esteso la chiusura di tutto, dai ristoranti alle scuole, al 15 aprile. Ma non ha fermato i supermercati la domenica, come invece Emilia-Romagna, Veneto e Friuli o Sicilia. Insomma siamo ad una babele di norme su cui proviamo a fare chiarezza illustrando i provvedimenti delle singole regioni che hanno dato una stretta maggiore rispetto.

  • LOMBARDIA – Fino al 15 aprile divieto di assembramento di piu’ di 2 persone nei luoghi pubblici e sanzione di 5.000 euro per chi lo viola. Chiusi gli studi professionali salvo attivita’ per servizi indifferibili in scadenza. Fermo dei cantieri, tranne casi particolari. Stop degli uffici delle amministrazioni pubbliche, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilita’. Chiuse le strutture ricettive, sospesi i mercati settimanali scoperti.
  • PIEMONTE – Fino al 3 aprile limiti ai mercati e nei negozi dei generi di prima necessita’: un accesso per un solo componente del nucleo familiare. Chiusi gli uffici pubblici e gli studi professionali. Vietati sosta e assembramento davanti ai distributori automatici; fermo di quasi tutti i cantieri.
  • LIGURIA – Vietato fino al 3 aprile ogni accesso alle aree individuate dai sindaci come a rischio di assembramento e lo spostamento verso le seconde case. Il sindaco di Genova ha proibito parchi, spiagge e tutte le aree sul mare.
  • EMILIA-ROMAGNA – E’ di ieri la chiusura dei supermercati e delle attivita’ commerciali la domenica, fino al 3 aprile. Sono chiusi i parchi e si gira in bici o a piedi solo per lavoro o necessita’. Attivita’ motorie in prossimita’ della propria abitazione. Provvedimenti piu’ stringenti per il Riminese.
  • VENETO – Fino al 3 aprile chiusura di parchi e giardini pubblici. L’uso della bici e lo spostamento a piedi e’ limitato a 200 metri da casa. Nessuna limitazione alla spesa o all’acquisto di farmaci, ma alimentari e supermercati chiusi nei festivi.
  • TRENTINO – Vietato andare sui sentieri e a fare legna: in campo ci sono 120 forestali per far rispettare le regole.
  • FRIULI VENEZIA GIULIA – Da oggi tutti gli esercizi commerciali, fatte salve alcune eccezioni, resteranno chiusi ogni domenica, fino al 3 aprile. Divieto di attivita’ motorie o sportive.
  • VAL D’AOSTA – Anche qui stop a attivita’ motoria, a piedi e in bicicletta, e chiusura dei cantieri, tranne quelli necessari. Lo spostamento e’ consentito solo per lavoro, necessita’ o salute. E’ stata disposta anche la chiusura di parchi e giardini.
  • TOSCANA – Sospensione dell’attivita’ dei centri diurni per anziani e per disabili. Obbligo per chi fa ingresso in Toscana da zone a rischio di informare l’Asl e svolgere isolamento.
  • LAZIO – La Regione si attiene ai dpcm del governo. Fondi, Comune con un picco di coronavirus, e’ stata dichiarata zona rossa. Orari di apertura dei negozi, 8.30-19 dal lunedi’ al sabato e 8.30-15 la domenica (ma i piccoli Comuni possono anticipare).
  • MARCHE – E’ di pochi giorni fa la chiusura di spiagge, parchi e l’obbligo di muoversi al massimo vicino alla propria abitazione per passeggiate ‘di salute’.
  • ABRUZZO – Attivazione delle Unita’ speciali di continuita’ assistenziale per che gestiranno i pazienti Covid-19 in isolamento, zona rossa in sei comuni, cinque del Teramano e uno del Pescarese. Riduzioni del trasporto pubblico.
  • MOLISE – I Comuni di Riccia e Montenero di Bisaccia, in provincia di Campobasso e quelli Pozzilli e Venafro, in provincia di Isernia, sono zone rosse.
  • CALABRIA – Regione ‘chiusa’ fino al 3 aprile per l’ordinanza del governatore Jole Santelli. Divieto di spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio. Si puo’ solo per spostamenti derivanti da comprovate esigenze.
  • PUGLIA – Il 14 marzo il governatore Emiliano ha esteso l’obbligo di segnalare il proprio rientro e la quarantena a tutti coloro che arrivano da fuori Regione, da ogni parte di Italia o del mondo, non piu’ solo da nord Italia.
  • CAMPANIA – Quarantena per chi venga trovato fuori casa senza validi motivi, blocco di cantieri privati e pubblici non essenziali. ‘Zona rossa’ per cinque comuni. Gia’ fermi coiffeur, piscine, centri benessere, parchi e cibo da asporto.
  • SICILIA – Tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, a eccezione di farmacie di turno ed edicole, chiusi la domenica. Si potra’ uscire una sola volta al giorno per gli acquisti essenziali, a eccezione dei farmaci.
  • SARDEGNA – Dalla quarantena con sorveglianza attiva di 14 giorni per i soggetti che avessero avuto contatti stretti con casi positivi da Covid-19 si e’ passati allo lo stop sino al 25 marzo ai viaggi dei passeggeri su navi e aerei in partenza e in arrivo. Controlli nei porti e aeroporti con termoscanner.

Advertisement

Corona Virus

Coronavirus, il contagio in Campania: 10 nuovi positivi e 4 deceduti

Avatar

Pubblicato

del

I dati pervenuti dall’Unità di Crisi della Regione Campania:

Positivi di oggi: 10

Deceduti: 4

Tamponi di oggi: 4.601
Totale complessivo positivi Campania: 4.787
Totale complessivo tamponi Campania: 193.669

– Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati 528 tamponi di cui nessuno risultato positivo;
– Ospedale Ruggi di Salerno: sono stati esaminati 578 tamponi di cui 1 risultato positivo;
– Ospedale Sant’Anna di Caserta: sono stati esaminati 95 tamponi di cui nessuno risultato positivo;
– Asl di Caserta presidi di Aversa-Marcianise: son​o stati esaminati 211 tamponi di cui 1 risultato positivo;
– Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati 132 tamponi di cui 1 risultato positivo;
– Ospedale San Paolo di Napoli: sono stati esaminati 149 tamponi di cui 0 risultati positivi;
– Laboratorio dell’Azienda ospedaliera Federico II: sono stati esaminati 193 tamponi di cui nessuno risultato positivo;
– Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 696 tamponi di cui nessuno risultato positivo;
– Ospedale di Nola sono stati esaminati 930 tamponi di cui 5 risultati positivi;
– Ospedale San Pio di Benevento: sono stati esaminati 120 tamponi di cui 1 risultato positivo;​​
– Ospedale di Eboli: sono stati esaminati 286 tamponi di cui 1 risultato positivo;
– Laboratorio Biogem: sono stati esaminati 391 tamponi di cui nessuno risultato positivo;​
– Cardarelli/IZSM sono stati esaminati 292 di cui nessuno positivo.

I risultati relativi agli screening sierologici (Ariano Irpino), su indicazione dell’Istituto Superiore della Sanità, vengono inviati e registrati su una piattaforma nazionale dedicata.

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus in Italia: 70 morti e 593 positivi. In Lombardia 20 decessi e 382 contagiati, Fontana: dati estremamente positivi

Avatar

Pubblicato

del

Salgono ancora i nuovi positivi in Italia, sono ora 231.732 i contagiati totali, 593 più di ieri, quando se ne erano registrato 584. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. In Lombardia sono 382 in più (ieri 384) pari al 64,4% dell’aumento odierno in Italia. Ieri l’incremento nazionale era stato di 584. Ci sono quattro regioni a zero contagi: Umbria, Sardegna, Calabria e Basilicata. Altre 3 regioni – Marche, Valle d’Aosta e Molise – fanno registrare un solo nuovo caso di contagio mentre in Puglia e Abruzzo se ne registrano due. Complessivamente, secondo i dati della Protezione Civile, sono 14 le Regioni che hanno meno di dieci nuovi contagiati.

Sono 489, invece, i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Coronavirus, 16 meno di ieri. Per la prima volta scendono sotto quota 500, mai così pochi dal 6 marzo. Di questi, 173 sono in Lombardia, 2 meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 7.379, con un calo di 350 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 40.118, con un calo di 2.614 rispetto a ieri.

Sono 70 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, in calo rispetto alle 117 di ieri. In Lombardia nell’ultima giornata se ne sono registrate 20, mentre ieri erano state 58. I morti a livello nazionale salgono così a 33.142. I dati sono stati resi noti dalla Protezione Civile. Otto regioni – Sicilia, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Molise, Basilicata e Trentino Alto Adige – non fanno registrare vittime.

Quello che emerge, anche oggi, a 24 ore dalla decisione di riaprire le regioni, sono i dati ancora non in linea della Lombardia.  Sono 382 i nuovi contagiati in Lombardia con 15.507 tamponi effettuati per un totale di 88.183 positivi in regione. Ieri c’erano stati 216 nuovi casi a cui andavano aggiunti 168 tamponi effettuati nel corso della settimana a Bergamo. In calo i nuovi decessi che sono 20 (ieri 58) per un totale di 15.974 persone morte in regione. In calo sia i ricoveri in terapia intensiva (-2, 173) che negli altri reparti (-156, 3.470). Sono i dati resi noti da Regione Lombardia.

Davanti a questa situazione, davanti a questi numeri, che non sono quelli della fase acuta della epidemia virale, ma sono comunque numeri alti, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, si dice “convinto che dal 3 giugno i lombardi saranno liberi di circolare in tutta Italia”. E lo dice come se qualcuno avesse intenzioni proditorie di rinchiudere per razzismo o qualche forma di dispetto i lombardi. I dati sono “tutti positivi e in miglioramento” dice Fontana. Per questo crede che “la Lombardia rientrera’ sicuramente nel novero delle regioni che avranno liberta’ di movimento”, ha aggiunto. “Abbiamo esaminato i dati relativi alla Regione Lombardia che abbiamo inviato all’istituto superiore di sanità – ha spiegato Fontana – e abbiamo potuto evidenziare come siano tutti estremamente positivi e tutti in miglioramento rispetto alle precedenti settimane questo vuol dire che la situazione sta sostanzialmente migliorando”. “Credo quindi – ha aggiunto – che in previsione del provvedimento governativo in cui si stabilirà la riapertura delle singole Regioni, la possibilità di circolazione tra le diverse regioni credo che la Lombardia rientrerà sicuramente nel novero delle regioni che avranno libertà di movimento”. Il governatore si è detto “molto confidente sul provvedimento che verrà emanato dal governo”. “E sono convinto – ha concluso – che dal 3 i lombardi saranno liberi di circolare in tutta Italia”.

Continua a leggere

Corona Virus

#CORONAVIRUS, dati del contagio aggiornati in Campania: purtroppo ci sono 4 morti e 4 contagiati

Avatar

Pubblicato

del

Il punto alle ore 23.59 di ieri dei casi in Campania ripartiti per province:

Totale positivi: 4.777 (+ 4 positivi in 24 ore)
Totale tamponi: 189.068

Totale deceduti: 410 (+ 4 decessi nelle ultime 24 ore)
Totale guariti: 3.355 (di cui 3.249 totalmente guariti e 106 clinicamente guariti. Vengono considerati clinicamente guariti i pazienti che, dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione virologicamente documentata da SARS-CoV-2, diventano asintomatici per risoluzione della sintomatologia clinica presentata ma sono ancora in attesa dei due tamponi consecutivi che ne comprovano la completa guarigione).

Il riparto per provincia:

Provincia di Napoli: 2.601 (di cui 988 Napoli Città e 1.613 Napoli provincia)
Provincia di Salerno: 684
Provincia di Avellino: 543
Provincia di Caserta: 456
Provincia di Benevento: 205

Altri in fase di verifica Asl: 288

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto