Collegati con noi

In Evidenza

Londra, minacce di morte ai campioni dell’Arsenal Ozil e Kolasinac: le famiglie sono scappate e loro sono sotto scorta in un luogo protetto

amministratore

Pubblicato

del

Sorvegliati 24 ore al giorno, non convocati per motivi di sicurezza e ancora nascosti in un luogo segreto: non si sa ancora quando Mesut Oezil e Sead Kolasinac potranno tornare a giocare dopo le minacce di morte ricevute da una gang londinese. I due calciatori dell’Arsenal erano stati vittime di un’aggressione lo scorso 25 luglio, quando due delinquenti avevano cercato di derubarli in pieno giorno nel centro di Londra. Diretti verso un ristorante turco, in compagnia delle rispettive consorti, Ozil – alla guida della vettura – aveva cercato invano di seminare i malintenzionati.

Decisivo l’intervento di Kolasinac che – una volta arrivati a destinazione – aveva affrontato a mani nude i delinquenti, fino a metterli in fuga. Sembrava che l’episodio, filmato dalle telecamere a circuito chiuso dello stesso ristorante, dovesse chiudersi lì, invece ha avuto strascichi ancor più inquietanti. Perché evidentemente la spavalderia del difensore dell’Arsenal non e’ affatto piaciuta al gruppo malavitoso responsabile dell’aggressione, che nei giorni successivi ha inviato inequivocabili minacce ai due. Un clima intimidatorio preso sul serio da Scotland Yard che ha predisposto un servizio di sicurezza 24 ore al giorno per i due calciatori.

Che nel frattempo pero’ sono stati costretti ad interrompere gli allenamenti con i loro compagni, saltando prima l’amichevole contro il Lione quindi il debutto in Premier League contro il Newcastle. E’ stato lo stesso club londinese a dover ammettere che Oezil e Kolasinac non hanno viaggiato domenica scorsa con il resto della squadra per ragioni di sicurezza. Un clima di paura che ha spinto la moglie di Kolasinac, Bella, a fare ritorno in Germania, promettendo di non tornare piu’. Una vicenda angosciante che ha avuto ampio risalto sulla stampa britannica: oggi il Sun ha pubblicato le fotografie delle guardie private, assunte da Ozil, che pattugliano la sua villa durante la notte. Mentre e’ notizia di sabato che durante un pattugliamento, e’ stato effettuato l’arresto, nei pressi dell’abitazione di Ozil, di due uomini – Ferhat Ercan e Salaman Ekinci – ritenuti responsabili dell’aggressione di luglio. Ma perche’ i due giocatori possano riprendere la loro routine quotidiana, e quindi tornero’ a giocare, bisognera’ aspettare ancora qualche giorno.

Advertisement

Economia

Fca produrrà mascherine a Mirafiori e Pratola Serra

Avatar

Pubblicato

del

Negli impianti Fca di Mirafiori (Torino) e di Pratola Serra (Avellino) vanno avanti a ritmi serratissimi le attività per installare le linee di produzione delle mascherine chirurgiche contro il coronavirus. Le prime quattro macchine industriali sono arrivate presso l’ officina 63 del comprensorio di Mirafiori. Nei prossimi giorni saranno allestiti i primi processi produttivi in un’area di circa 7.000 metri quadrati.
Complessivamente saranno 25 le linee da predisporre a Torino. Altre 19 linee di produzione saranno invece allestite a Pratola Serra dove i lavori di predisposizione dell’area specifica di 9.000 metri quadrati al centro dell’ impianto campano procedono velocemente. L’obiettivo della riconversione industriale è quello di fare una produzione giornaliera nei due impianti ex Fiat ora FCA  di 27 milioni di mascherine al giorno. L’inizio della produzione è prevista tra metà agosto  e settembre. I lavoratori dei due impianti che saranno impegnati in questa specifica attività a regime saranno complessivamente più di 600.

Continua a leggere

Cronache

Arrestato Leonardo Badalamenti, il figlio di don Tano: era in Sicilia a casa della madre

Avatar

Pubblicato

del

È stato arrestato dalla Dia per un mandato di cattura internazionale Leonardo Badalamenti, figlio dello storico boss di Cosa nostra Tano Badalementi. Era in vacanza, a casa della madre a Castellamare del Golfo, in provincia di Trapani: gli investigatori della Dia hannoneseguito il mandato dell’autorità giudiziaria di San Paolo, Brasile, per associazione criminale finalizzata al traffico di droga e per falsità ideologica.

Leonardo Badalamenti, 60 anni, alias Carlos Massetti, come si faceva chiamare in Brasile dove aveva l’identità di un uomo d’affari,  era latitante dal 2017 quando venne colpito da un’ordine di arresto. Il secondogenito di don Tano Badalamenti era stato già arrestato nel 2009 durante un’operazione del Ros che vide altre 19 persone accusate di associazione mafiosa ed altri reati. Le autorità brasiliano indagavano Leonardo Badalamenti anche per una serie di truffe milionarie nei confronti delle filiali di Hong Kong di banche d’affari internazionali come Shanghai Bank, della Lehman Brothers e dell’Hsbc.

 

Continua a leggere

Cronache

Genova, aperto alla circolazione il nuovo ponte: ecco la prima auto che lo percorre

Avatar

Pubblicato

del

Tornano a circolare le auto  sul nuovo viadotto sul Polcevera Genova-San Giorgio che è stato aperto al traffico. Erano circa le 22, con un ritardo di un paio d’ore dovuto ad un piccolo rappezzo d’asfalto quando il ponte ha iniziato ufficialmente la sua vita, poco meno di due anni dal crollo del ponte Morandi, una ferita per Genova e per l’Italia intera. Il giorno prima la cerimonia di apertura con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Nella foto pubblicata dal Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti su Twitter la prima auto che percorre il nuovo Ponte

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto