Collegati con noi

Cultura

L’India di Ghandi tradita dalla politica nel mondo post-covid tra immense povertà, nazionalismo, autoritarismo e giochi di guerra

Angelo Turco

Pubblicato

del

Possiamo far finta di niente, ma l’India ci riguarda. Molto da vicino. Certo, certo. L’attenzione è puntata sui due scenari maggiori che si disputano l’ordine del mondo post-covid: la salute pubblica e l’economia. Si capisce fin troppo bene il perché. Eppure, un terzo scenario va imponendo la sua pregnanza in questa crisi già così complessa. Si tratta della geopolitica, ossia l’insieme delle condizioni in cui avranno corso le relazioni internazionali nei prossimi mesi, con molteplici conseguenze a lungo termine, non sempre prevedibili. 

Per questo vale la pena continuare nella presentazione delle “schede” che tentano di inquadrare le prospettive in cui gli attori principali andranno a muoversi, cercando di trarre il massimo vantaggio dalle condizioni di gioco. E ciò, non solo in rapporto agli “interessi nazionali”, ma altresì in rapporto agli interessi dei guppi dirigenti: singole personalità, partiti politici, istituzioni di controllo, gruppi di pressione, conglomerati economici. Queste costellazioni di potere evidentemente intendono rafforzarsi, rendere sempre più stabile e prolungare la propria permanenza nelle posizioni di comando.

          Dopo la Russia e la Cina, gettiamo così uno sguardo all’India. Stiamo parlando del 3° Paese al mondo per numero di contagiati e ricoverati per coronavirus, 5° per numero di morti. E, sull’altro versante, stiamo parlando del 5° produttore di ricchezza nazionale annua, a ridosso della Germania, tuttavia con diseguaglianze sociali spaventose, che lo pongono ben al 152 posto per reddito pro-capite. E portatore di un capitalismo globalitario particolarmente spregiudicato, come mostra qui da noi ArcelorMittal, con la questione dell’Ilva: altro che “invasione mite” come sostenne una decina d’anni fa la scrittrice americana di origini indiane Mira Kamdar, con qualche venatura di fin troppo facile romanticismo.

Con i suoi 1,4 miliardi di abitanti, è lo Stato più densamente popolato al mondo dopo la Cina. Questi due Paesi, culle di due tra le civiltà più antiche, sofisticate e affascinanti del mondo, sono confinanti ma non coltivano affatto rapporti di buon vicinato. Su antiche ruggini si innestano nuovi contenziosi, per impulso dell’ideologia nazionalista che ha portato a Delhi l’attuale premier Narendra Modi, leader del Partito del Popolo Indiano, a sua volta punta di lancia della destra nel sub-continente.

Narendra Modi. Primo Ministro e leader del Partito del Popolo Indiano 

          Di fatto l’India si sente in guerra con la Cina: un conflitto aperto e totale. Intanto una guerra d’armi che ha il suo epicentro nei remoti spazi himalayani dove, a 4.200 m di altitudine, si fronteggiano le due armate. L’odio che i contendenti accumulano reciprocamente dal lontano 1962, termine di un’altra guerra, è esploso da ultimo il 15 giugno scorso. E, pensate un po’, per rispettare alla lettera il “cessate il fuoco” imposto dai trattati internazionali, i soldati si sono affrontati a mani nude, senza sparare un colpo. Risultato: 20 morti da parte indiana, un numero imprecisato perché non dichiarato, da parte cinese. Modi si è subito recato sui luoghi, si capisce, per dare quella testimonianza di patriottismo che i suoi sostenitori anti-musulmani, anti-cinesi e anti-tutti si aspettano da lui, come fosse l’unica faccenda che veramente conti: altro che miseria e covid! C’è andato naturalmente accompagnato dal suo braccio esecutivo, il generale Bipin Rawat, capo di stato maggiore delle armate indiane. Il militare sembra dettare la linea al governo col suo linguaggio bellicista e, per di più,  iper-sovranista: è lui che parla addirittura di un “vaccino indiano” che darà al Paese l’orgoglio di aver sconfitto il coronavirus in nome e a vantaggio del mondo intero. Sì avete capito bene: la geopolitica ridotta a una farsa, che l’assenza di politiche pubbliche idonee a fronteggiare l’epidemia rende prospettiva unica possibile per Nuova Delhi. Nel frattempo, Rawat coordina le forze di terra, di mare e dell’aria -come si diceva un tempo e come quelli che giocano alla guerra ancora dicono riempiendosi la bocca- per lanciarle all’attacco del nemico cinese, pronto a discendere lo Stretto di Malacca attraverso cui si accede dall’Oceano Indiano al Mar di Cina. 

          Ma la guerra è globale, abbiamo detto. La scorsa settimana Delhi ha vietato ben 59 app cinesi, tra cui le popolarissime Weibo, WeChat e, soprattutto, TikTok: 120 milioni di utenti, il più grande mercato del mondo. Del resto, i 2/3 del mercato indiano dei telefonini è coperto da cellulari cinesi. Il linguaggio delle autorità è dei più espliciti: “la nostra decisione intende assicurare la sicurezza e la sovranità del cyberspazio indiano…giacché queste applicazioni portano pregiudizio all’integrità dell’India, alla sua difesa, alla sicurezza dello Stato e all’ordine pubblico”.  Miele acustico per le orecchie di Trump: un asse Nuova Delhi-Washington in funzione anti-Pekino si va profilando con una nettezza  e un’aggressività sempre più marcata. 

        Questa guerra commerciale, del resto, investe anche i preparati di base che l’India importa dalla Cina per fabbricare i medicinali efficaci e a basso costo per i quali la sua industria farmaceutica primeggia sui mercati mondiali. Temendo che la Cina possa bloccare o in qualche modo rallentare i rifornimenti per questa che è considerata un’industria strategica, Delhi vuole provare a produrseli da sola. 

          Frattanto, il confinamento drastico e generalizzato dei mesi scorsi ha inchiodato milioni di migranti nelle grandi megalopoli dove a getto continuo si riversano per vivere dei piccoli mestieri, alla giornata. Niente più lavoro, nessuna alternativa al giaciglio di strada, niente da mangiare. La carità arriva dove può, le organizzazioni internazionali di aiuto e di soccorso sono allo stremo. Lo Stato, soddisfatto della sua arroganza populista, è assente. Questa gente riprende la via di casa con disperazione, a piedi perché gli autobus e i treni sono fermi. Migliaia di Km verso i loro Stati d’origine: Uttar Pradesh, Bihar, i più poveri dell’India. Lo spirito di Gandhi è qui, e non si rassegna: ma la politica tradisce…

Advertisement

Cultura

Vista Mare, con la Fondazione Premio Napoli sul giardino pensile del Palazzo Reale di Napoli si legge Raffaele La Capria

Avatar

Pubblicato

del

I Luoghi di Napoli, Magie e Incanti, la rassegna organizzata dalla Fondazione Premio Napoli e curata dal Presidente Domenico Ciruzzi e Stefano Valanzuolo è approdata sul giardino pensile del Palazzo Reale, un luogo, oramai difficilmente visitabile di una bellezza mozzafiato che permette di avere sul golfo e su parte della città la visione  che si erano riservati re e viceré per affermare il loro potere, ma anche per avere il polso degli umori popolari. Idealmente c’è tutto il Mediterraneo alla vista del mare dai giardini ed è proprio per questo che la Fondazione ha scelto questo sito per una delle tappe della rassegna titolandola “Vista mare: immagini dal Mediterraneo”. Ogni incontro della rassegna vede una scrittrice o uno scrittore scegliere pagine dedicate a Napoli, e un’attrice o un attore prestare corpo e voce per rinnovare la pratica antica e nobile della lettura pubblica. La musica, che ha il compito di fornire complemento emotivo alle parole e al gesto, è affidata agli strumenti e alle voci di protagonisti della scena contemporanea, italiana e internazionale. Questo quarto appuntamento ha visto l’attore Antonello Cossia, artista poliedrico e curioso, leggere brani scelti da Alessio Forgione, scrittore della nuova scuola partenopea.  A letture finite, dove si è spaziato tra le opere di Raffaele La Capria e lo stesso Forgione è arrivata  la musica del Fabrizio Bosso Quartet, la formazione che vede a fianco del celebre trombettista, il pianista Julian Oliver Mazzariello, il contrabbassista Jacopo Ferrazza e il batterista Nicola Angelucci, quartetto che con le sue note jazz ha ribadito l’internazionalità che questa città conosce e pratica da secoli. Il protagonista assoluto, però, è rimasto il Giardino pensile come lo saranno gli altri luoghi che toccherà la rassegna, Giardino che rappresenta un esempio mirabile di incontro tra natura e architettura, fin dal suo progetto iniziale voluto da Carlo di Borbone. Un restauro accurato, frutto di un paziente lavoro di ricerca conclusosi nel 2018, ne ha restituito l’aspetto ottocentesco, a partire dall’assetto botanico che è quello originario per tipologia e disposizione delle piante, tra cui spiccano le essenze di rose e agrumi. Quello di ieri come i prossimi saranno ingressi liberi su prenotazione (premionapoli.it oppure scabec.it/iluoghidinapoli). L’affluenza del pubblico è subordinata alle restrizioni imposte dalla normativa vigente per gli spettacoli, ma ciascuna delle serate viene ripresa dalle telecamere per fare in modo che un pubblico più vasto, attraverso le immagini, possa fruire degli eventi. La documentazione filmata dei dieci appuntamenti sarà post prodotta in un unico documentario che fisserà nel tempo questa esperienza che vede la città di Napoli regista e, potremmo dire, attrice protagonista. La rassegna è realizzata in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania con il coordinamento artistico di Alfredo Contieri, Alfredo Guardiano, Carmen Petillo e Francesco Morra  con l’organizzazione e la promozione di Scabec spa.

 

 

 

 

Continua a leggere

Cultura

L’identità di Raffaello nel volto ricostruito in 3D

Avatar

Pubblicato

del

Dopo secoli di controversie la tecnologia ha finalmente ‘localizzato’ definitivamente i resti di Raffaello Sanzio. I resti custoditi nella tomba del Pantheon a Roma, ha trovato uno studio dell’universita’ di Tor Vergata, appartengono al pittore di Urbino. La conferma viene dalla prima ricostruzione facciale in 3D fatta a partire da un calco dei resti del pittore che e’ stata confrontata con gli autoritratti conosciuti dell’artista. Lo studio, annunciano gli stessi scienziati, sara’ prossimamente sottoposto per la pubblicazione alla rivista Nature. “Questa ricerca – dice Olga Rickards, antropologa molecolare dell’universita’ – fornisce per la prima volta una prova concreta che lo scheletro riesumato nel Pantheon nel 1833 appartiene a Raffaello e apre la strada a possibili futuri studi molecolari sui resti scheletrici, volti a convalidare questa identita’ e a determinare alcuni caratteri del personaggio correlati con il DNA come ad esempio i caratteri fenotipici (colore degli occhi, dei capelli e della carnagione), la provenienza geografica e la presenza di eventuali marcatori genetici che predispongono per malattie”. La ricerca e’ stata condotta in collaborazione con la Fondazione Vigamus e l’Accademia Raffaello di Urbino. “Finora – spiega Mattia Falconi, associato di Biologia molecolare a Tor Vergata – nonostante l’accuratezza delle indagini svolte in quell’anno (1833) dall’anatomista Antonio Trasmondo, principale artefice dell’ultima riesumazione di Raffaello, eseguita con i metodi non risolutivi del tempo ma all’avanguardia per l’epoca, non vi era certezza che i resti ritrovati e conservati nel Pantheon fossero realmente quelli del Sanzio”. Per fugare i dubbi e’ stato utilizzato un calco in gesso del cranio di Raffaello prodotto dal formatore Camillo Torrenti nel 1833 in occasione della riesumazione dell’artista. Inizialmente e’ stato determinato il profilo biologico dell’individuo in esame. La ricostruzione e’ stata eseguita manualmente al computer. Infine, la ricostruzione e’ stata confrontata con gli autoritratti di Raffaello e con dipinti di altri autori al fine di valutare la possibilita’ che il pittore fosse il soggetto rappresentato. “L’analisi morfologica e metrica del calco – spiega Falconi – ci ha permesso di stabilire che il cranio, mostrando caratteristiche fisiche compatibili con l’aspetto del personaggio, poteva appartenere a Raffaello Sanzio, giustificando in questo modo una eventuale fase di ricostruzione 3D del volto. I risultati finali ottenuti sono coerenti e completamente sovrapponibili con il profilo del grande Urbinate che ci e’ stato trasmesso da prove storiche e dalle sue opere artistiche”.

Continua a leggere

Cultura

Al museo MADRE arriva Carlo Verdone e la Fotografia aspetta da sempre delle risposte

Avatar

Pubblicato

del

Nulla di nuovo sotto al sole (Ecclesiaste 1,10)

Frase usata, riusata e abusata, ma tuttora ricca di significato e satura di amara verità. Può, però una frase determinare le vite, le usanze, le tradizioni di intere popolazioni per migliaia di anni senza che esse tentino minimamente di cambiarle? Non spezzarle e sorpassarle, ma minimamente cambiarle, no, pare di no, pare che questo non si voglia proprio fare, anche, perché, forse è meglio che tutto cambi per non cambiare nulla e questo è il gattopardismo che ci ha sempre accompagnato e ancora ci accompagnerà. Nella querelle che ha accompagnato Clouds and Colors/Nuvole e Colori, , mostra fotografica del regista Carlo Verdone, si legge in trasparenza, come una sorta di carta velina che difficilmente può nascondere, tra le critiche alla mostra e alla gestione museale che ha ospitato l’esibizione, una chiara rivendicazione basata sul paradigma: perché lui si e altri no? Perché è famoso di suo? Perché è una operazione di marketing?  Perché è una merce di scambio? Perché è simpatico e conosce la dirigenza museale e curatoriale? Nessuno di questi quesiti, alcuni molto piccati e ben argomentati, ha però toccato il nervo che realmente è scoperto nelle istituzioni e  nella visione dei fruitori della fotografia, tutti, presi anche da una sorta di egocentrismo, nessuno si è chiesto ciò che è realmente la percezione della fotografia in questo paese, a che punto sia l’educazione visiva e cosa si fa e cosa facciamo tutti e cosa potremmo fare di più per far offrire sempre più opportunità di crescita della percezione visiva a chi non riceve da parte delle istituzioni e dei grandi canali multimediali informazioni simili. Ci meraviglia la Mostra di Carlo Verdone al Museo MADRE, ma pur apprezzando le due o tre o quattro importantissime iniziative legate alla fotografia, non si è percepito il Museo MADRE e le altre istituzioni museali cittadine come protagoniste attive nella divulgazione programmata e non occasionale della Fotografia stessa. Chiediamoci quando in città si sia sviluppato un serio discorso o dibattito sulla fotografia? E non solo in città, ma anche nel paese, infatti non è passato molto tempo dalla pubblicazione di un ignobile bando pubblico che chiedeva ai fotografi e non fotografi di fornire al MIBACT  immagini  a titolo puramente gratuito, con la ventilata ricompensa di una “certa” visibilità. Ecco, questa è l’esatta temperatura della considerazione che in Italia, e nella nostra città di riflesso, si ha della fotografia, tutta, a qualsiasi campo essa faccia riferimento. In città abbiamo e ancora abbiamo grandi fotografi/artisti, fotogiornalisti, cerimonialisti, fotografi di moda e di architettura, ma ancora aspettiamo quella che dovrebbe essere un istituto stabile della Fotografia, sia esso pubblico o privato. Villa Pignatelli continua nei suoi sforzi immani a presentarsi come Casa della Fotografia, ma senza alcuna risorsa reale che le permetta di programmare un percorso di conoscenza e valorizzazione che vada avanti negli anni.

Solo da poco tempo si percepisce la volontà da parte delle dirigenze passate e attuali di approfondire e sostenere questi discorsi, ma sempre con le difficoltà derivanti dai mancati sostegni economici sempre prospettati dall’alto, ma mai adempiuti. Ci meraviglia la mostra di Verdone al Museo MADRE, per altro, esposta non nei saloni centrali, ma nella più “riservata” e nascosta Sala delle Colonne, e forse bisognerebbe capire anche il perché di questa dislocazione, forse subliminale  segnale di discrezione da parte della istituzione oppure  volutamente scelto perchè ritenuto il posto che dove si può relegare la fotografia?  Ci meraviglia? Ma forse dovremmo chiedere al MADRE quale  siano le prossime mostre, che programmi hanno per la fotografia e per la sua divulgazione, come potranno rapportarsi alla fotografia nazionale, quella vera, quella attiva, quella che è nazionalmente e internazionalmente conosciuta e riconosciuta e ciò dovremmo chiederlo non solo al MADRE, ma a tutte le istituzioni museali cittadine che non hanno certamente brillato nella programmazione fotografica, pur anch’esse, sforzandosi di far entrare fotografie all’interno delle loro mura. La querelle di questi giorni, non avrebbe dovuto essere solo incentrata sulla qualità delle fotografie del buon regista e sulla opportunità di esporlo in un museo prestigioso, credo che questa opportunità di critica che ci è stata loro malgrado offerta, debba essere l’occasione per chiedere senza indugi l’esatta considerazione che le istituzioni museali, ma tutte, senza distinzioni, abbiano della fotografia e dei suoi protagonisti.

Non basterà una risposta di cortesia, che lascerebbe il tempo che trova, ma è doveroso chiedere alle istituzioni museali, ma a tutte, senza distinzioni, cosa abbiano intenzione di programmare nel corso dei prossimi anni per la fotografia nazionale e prima di tutto per quella cittadina. Napoli è una città fucina di fotografi artisti e autori, è la città che per prima si è dotata di un corso di laurea specialistica in fotografia presso l’Accademia di Belle Arti dal quale si è calcolato che nel corso degli anni, circa il  65% dei laureati ha trovato collocazione lavorativa e professionale in ambiente inerente la materia studiata e poi percorsa, sia essa con l’apertura di attività professionali individuali sia con l’insegnamento in città o in altre località del territorio nazionale. Una città dove Istituti, centri, laboratori e strutture organizzate, formano fotografi che poi si distinguono nei panorami professionali e sui mercati del lavoro. Oggi, dopo quello che molti, a ragion veduta, hanno definito Cloud and Colors/Nuvole e Colori, come lo scivolone del Museo MADRE, si deve cogliere l’occasione di chiedere a voce ferma quale sia la considerazione che in futuro la fotografia dovrà aspettarsi dalle istituzioni museali, bisognerà che rispondano e sta a tutti noi chiedere fermamente le risposte,  per capire se la Fotografia vedrà nascere la stagione della ricerca e della valorizzazione dei talenti, oppure se rimarrà relegata nel campo del marketing e del vacuo sensazionalismo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto