Collegati con noi

Cronache

L’atto di accusa del testimone di giustizia Ciliberto: Autostrade è un potere pazzesco, compra anche giornali, usa ogni metodo e nessuno riesce a fermarli

Avatar

Pubblicato

del

Sulla questione Autostrade per l’Italia e i suoi rapporti con i media, e sull’allontanamento dalle commemorazioni del Ponte Morandi a Genova delle delegazioni Atlantia e Benetton, ci scrive una lettera garbata e ci manda un video-commento ricco di questioni di grande  rilevanza, un testimone di giustizia: Gennaro Ciliberti. Chi è? È una persona perbene che ad una certo punto della sua vita ha assistito alla commissione di reati gravi e invece di girarsi dall’altra parte è andato a denunciarli. Ci ha messo la faccia. Denunciando mafiosi ha rischiato di essere ucciso. É in località protetta. Non ha più la sua identità. Ed è sempre a rischio uccisione. Perchè la mafia ha la memoria lunga.  

Grazie alla sua collaborazione sono stati aperti in molte procure d’Italia inchieste su presunte infiltrazioni anche della camorra negli appalti di Autostrade per l’Italia. Che fine abbiano fatte queste inchieste, dove si arenano e perché accade poco o nulla è da vedere e capire. Quale sia la condizione dei TDG si può cogliere nelle parole amare di questo uomo che per aver scelto di denunciare reati si ritrova oggi ad essere una sorta di cittadino fantasma: non ha più una sua identità, vagabonda da mane a sera assieme alla famiglia perchè lo Stato l’ha spremuto come un limone e poi l’ha abbandonato. Diciamo che il Viminale in questo ultimo anno su questi argomenti seri si è poco speso. Il ministro Salvini è occupato spesso in comizi o a litigare anche con il suo premier per i migranti. Vi offriamo la lettera e il video commento. Al netto dei complimenti al sottoscritto (fare in maniera onesta e trasparente il giornalista è un fatto normale, è patologico il contrario), mi pare una cosa davvero molto interessante. E per questo, oltre che della attenzione a Juorno.it, ringrazio molto Gennaro Ciliberto*.   

Mattarella “revoca” la concessione ai Benetton che pagano i giornali per nascondere la notizia

—————————–

Caro direttore sempre al tuo fianco #da uomo libero e per bene tu sei il mio esempio. Genova nel cuore non si manifesta acquistando pagine sui quotidiani. Ti prego di pubblicare questa mia lettera indirizzata ai Benetton e ai dirigenti delle sue società.

Egregi Signori Benetton e dirigenti della società Autostrade per l’Italia del gruppo Atlantia,
Ho visto la pagina che avete acquistato sui quotidiani italiani. Mi vergogno per voi.
In quella pagina, anziché semplicemente chiedere scusa per quanto non avete fatto negli anni per evitare la strage del 14 agosto 2018, vi dilungate in ipocriti sentimenti che voi non avete e non avete mai manifestato.
In quella pagina dite di essere consapevoli e profondamente rammaricati eccetera, eccetera. Purtroppo consapevoli avreste dovuto esserlo prima.
Con questa lettera vi invito a non propormi l’acquisto di uno spazio sul mio blog, perché lo rifiuterei.
Una scelta che i quotidiani non hanno saputo fare.
Genova, 18 agosto 2019

Advertisement

Cronache

Assembramenti, chiuso uno stabilimento balneare vicino Roma

Avatar

Pubblicato

del

Nel corso dei servizi straordinari di controllo del territorio, il Commissariato di Polizia di Fiumicino ha proceduto alla chiusura immediata e per 5 giorni di uno stabilimento balneare sul lungomare di Maccarese, per “palese violazione delle misure sul distanziamento sociale”. Il provvedimento si e’ reso necessario perche’ l’elevato numero di persone, che “stipate ai tavoli consumavano alimenti e bevande ed ascoltavano musica, non ha permesso, rispetto allo spazio disponibile, di ripristinare le idonee distanze. Inoltre, gli avventori, mentre per la ressa si spostavano a fatica all’interno del locale, non utilizzavano sistemi di protezione”. Lo stesso esercizio commerciale, per analoghi motivi, era stato gia’ chiuso nei giorni scorsi dalla Polizia Municipale di Fiumicino.

Continua a leggere

Cronache

Giornalisti Espresso aggrediti:condannati 2 militanti estrema destra

amministratore

Pubblicato

del

Due condanne per l’aggressione ad un giornalista e fotografo del settimanale Espresso avvenuta il 7 gennaio del 2019 al Verano mentre era in corso una commemorazione da parte di militanti di estrema destra per i morti di Acca Larenzia. I giudici hanno inflitto 5 anni e 6 mesi di carcere per Giuliano Castellino, leader di Forza Nuova, e per Vincenzo Nardulli di Avanguardia Nazionale. Nei confronti dei due il pm Eugenio Albamonte contesta i reati di lesioni e rapina aggravata. Lasciando l’aula Castellino ha urlato: “siete una manica di buffoni”.

Continua a leggere

Cronache

Operata al ginocchio muore dopo 48 ore, aperta un’inchiesta

Avatar

Pubblicato

del

Era un supplizio camminare con quel dolore indicibile al ginocchio sinistro. Alla fine si è dovuto operare. Un intervento di protesi. Una operazione quasi di routine, niente di particolarmente difficile. Filomena, questo era il suo nome, non c’è più. È morta. Il suo intervento chirurgico è slittato per più di tre mesi perchè in costanza di coronavirus la sanità campana (e quella italiana in genere) assicurava solo prestazioni contro il covid 19. Le altre malattie? Dimenticate. Da un lato le autorità sanitarie non avevano attenzioni se non per il coronavirus, dall’altra la campagna mediatica martellante sull’epidemia virale ha terrorizzato pazienti anche con gravi patologie che nel frattempo sono diventati sempre più difficili da ciurlare. Due mesi fa la donna è poi entrata in sala operatoria dove le è stata sistemata la rotula con una placca metallica. Due giorni dopo l’intervento Filomena è morta.
I familiari hanno presentato una denuncia. Loro ritengono sia un caso di malasanità. La Procura della Repubblica di Napoli ha aperto un’inchiesta.
La famiglia di Filomena D’Aponte ha presentato  un esposto denuncia per il tramite di un legale, l’avvocato Benito De Siero. La signora, è spiegato nella denuncia, godeva di ottima salute. Il quadro clinico della donna prima dell’intervento, secondo quanto emerge dalle analisi di routine fatte a Villa Betania, l’ospedale, erano ottime.  Insomma la donna non aveva acciacchi o altre malattie in atto. Doveva solo risolvere chirurgicamente quel piccolo problema alla cartilagine del ginocchio sinistro.

Che cosa è successo? Difficile capirlo. L’operazione va bene. Riesce perfettamente. Quando Filomena è pronta per uscire, con il beneplacito dei medici, succedono alcune cose su cui occorrerò fare chiarella. Il fratello della donna la mattina delle dimissioni corre in ospedale perchè gli comunicano che la donna ha avuto un malore. In realtà, secondo quanto denunciato, alle 11 Filomena è già morta. Causa  probabile del decesso una embolia polmonare.
È il dramma. I figli della donna deceduta si rivolgono alla polizia. La magistratura impone l’autopsia. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Mario Canale. Occorre capire perchè e come Filomena è morta. L’inchiesta non è un modo per criminalizzare la sanità o per gettare fango sui medici ma solo un modo per assicurare giustizia ai congiunti di questa donna morta dopo un interventi di artoprotesi. Nulla di eccezionale ma comunque sempre un intervento chirurgico con sedazione locale. Il direttore sanitario di Villa Betania, Antonio Sciambra, parla di “fatalità che non trova spiegazioni nel decorso pre e post operatorio”.  Sciambra spiega che “la signora ha fatto tutte le profilassi previste dalle procedure e linee guida: gli antibiotici, l’eparina come anticoagulante, tutte le valutazioni pre e post intervento erano nella norma. Non abbiamo neppure saputo l’esito dell’autopsia per capire cosa fosse accaduto. Ma in questi casi può essere un evento cardiaco acuto, un’embolia”. La situazione è in mano al magistrato che andrà avanti con l’inchiesta se gli accertamenti tecnici (autopsia e indagini della polizia) dovessero evidenziare delle possibili responsabilità.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto