Collegati con noi

Ben'essere

La Valle dei Mulini, il luogo della Pasta ed una tappa imprescindibile del Grand Tour nelle bellezze della Campania

Avatar

Pubblicato

del

Chi non è originario di Gragnano difficilmente conoscerà la Valle dei Mulini, eppure proprio qui affondano le radici dellarte della Pasta di Gragnano, qui nasce lantica tradizione dei suoi Maestri Pastai. La Valle dei Mulini è protagonista della 19esima edizione della Festa della Pasta: il Consorzio di Tutela della Pasta di Gragnano IGP ha scelto infatti di valorizzare il territorio in quanto elemento imprescindibile di un  prodotto di eccellenza dell’enogastronomia italiana conosciuto a livello globale.

Nei due giorni della Festa, il professor Giuseppe Di Massa ha condotto i visitatori alla scoperta della Valle. Unesperienza unica, perché il professore rappresenta la memoria storica di Gragnano e della Valle dei Mulini, conoscendone alla perfezione ogni anfratto, ogni curiosità legata alla sua storia secolare. Il professore è un punto di riferimento per la comunità e in particolare per il Consorzio.

Prolungamento del Parco Regionale dei Monti Lattari, attraversata dal fiume Vernotico, la Valle è un sentiero che congiunge Castellamare ad Amalfi. In passato era una strada commerciale. Il grano arrivava da Castellammare e, passando per questa antica mulattiera, veniva condotto ai mulini per la macinazione. La farina era poi prodotta a Castellammare di Stabia e da qui esportata a Napoli. La Valle dei Mulini e la sua attività molitoria divennero, col passare del tempo, di fondamentale importanza per lapprovvigionamento della città di Napoli. La Valle contribuiva infatti a rifornire di farina i forni per il pane della capitale. Unimportanza strategica assunta anche in occasione di fermenti rivoluzionari, quali la rivolta di Masaniello del 1647. In quella circostanza, i gragnanesi si schierarono dalla parte dei rivoltosi contro il viceré e gli spagnoli dovettero recarvisi ben due volte per sedare la rivolta e ripristinare lordine: era essenziale che la farina giungesse a Napoli, per contenere le proteste della popolazione.

I mulini lavoravano per mezzo di un ingegnoso sistema di pale orizzontali. Lacqua, di origine torrentizia, era conservata nella torre di accumulo e metteva poi in rotazione la macina. Proveniva dallalto e, una volta riempita la torre, ripassava per il canale e da lì al mulino sottostante e così, a cascata, per i circa trenta mulini fino al mare. Lacqua era sempre recuperata e riutilizzata, un principio che il professor Di Massa cerca di trasmettere ai ragazzi delle scuole della città.

I mulini saranno progressivamente soppiantati nelleconomia cittadina dallindustria della pasta. Lo sviluppo dellattività pastaia fu per lungo tempo protetto con il regime delle concessioni ma nel 1805, con lavvento dei francesi, le corporazioni furono abolite e il mercato liberalizzato. Inizia in quel momento uno sviluppo esponenziale, tant’è vero che, al momento dellUnità, Gragnano contava già un centinaio pastifici. Il pastificio prende così il posto del mulino, che nel corso dellOttocento è gradualmente abbandonato. Il punto di non ritorno fu la legge sul macinato imposta dal governo piemontese nel 1866, che comportava un contatore che misurava il numero di giri della macina. Un provvedimento che favorì i grandi mulini del nord a danno di quelli del sud, di dimensioni assai più ridotte.

Con il contributo del Consorzio, è stato restaurato il Mulino Porta di Castello di Sopra, che ne restituisce in maniera fedele loriginario funzionamento. Ma almeno una decina di mulini meriterebbero lo stesso trattamento.

La Valle dei Mulini rappresentò anche una tappa obbligata per i visitatori del Grand Tour; fra questi molti pittori che immortalavano gli scorci più suggestivi. La Scuola di Posillipo, fondata a Napoli dal fiammingo Pitloo, diede vita ad una vera e propria moda, dipingendo in serie quei paesaggi per i viaggiatori del Grand Tour, che portavano via un dipinto come ricordo del viaggio.

Per questo motivo, oggi molti di quei dipinti sono conservati nei musei di tutto il mondo: solo al Louvre, ad esempio, ve ne sono ben sei.

Ma la Valle è anche natura lussureggiante, con un microclima peculiare e una ricchissima biodiversità. Ospita infatti oltre trecento tipi diversi fra alberi, arbusti e fiori.

Luogo magico e sconosciuto ai più, sospesa fra passato e presente, la Valle dei Mulini non delude il visitatore e dispensa in maniera generosa i segreti di Gragnano della sua rinomata arte pastaia.

Advertisement

Ben'essere

Espresso 2020, pioggia di “cappelli” sugli chef. Premiata Ischia con Nino Di Costanzo, Pasquale Palamaro e non solo

Avatar

Pubblicato

del

Ph. Mario Laporta/Kontrolab

Ingredienti eccellenti, grande versatilità degli chef, piatti interessanti hanno portato la cucina della Campania sempre più su. Anche quest’anno la Guida de l’Espresso 2020, appena presentata ha confermato questo trend. Non solo: anche i premi speciali hanno baciato questa zona d’Italia dove la ristorazione, la cura del vino stanno dando grande soddisfazione ad un comparto che fa da volano anche al turismo, pur se dispiace registrare che il massimo dei voti, i 5 ‘cappelli’ sono stati attribuiti soltanto a ristoranti del Nord e del Centro Italia. Fra i Cappelli d’Oro, ovvero i ristoranti che hanno fatto la storia della ristorazione moderna non poteva non esserci il Don Alfonso 1890 di Alfonso e Livia Iaccarino con i loro figli.

Ph. Mario Laporta/Kontrolab

Ph. Mario Laporta/Kontrolab

 

In questo panorama una nota la merita l’isola di Ischia dove 10 ristoranti sono entrati nella speciale classifica, per un totale di 14 cappelli grazie anche ai locali più celebrati, vere eccellenze del posto: DaNi Maison di Nino di Costanzo, chef con due stelle Michelin, pluripremiato, che ha ottenuto 4 cappelli  e lo speciale premio By Tourist per la migliore Cucina di pesce, e Indaco dell’albergo della Regina Isabella con lo chef  Pasquale Palamaro, una stella Michelin, che ha ottenuto 2 cappelli. Premi speciali per Taverna Estia di Brusciano (Kettmeier per la Migliore Cantina dell’anno), Vinarium di Napoli (Vite colte), Pizzeria 3 voglie (Pietra Molino  Quaglia per il miglio giovane pizzaiolo dell’anno), Quattro Passi di Nerano, a Tonino Mellino (In Cibum alla carriera).

Ph. Mario Laporta/Kontrolab

 

 

Campania

Cappello d’oro: Don Alfonso 1890

4 cappelli:

Danì Maison

Krèsios

Taverna Estia

3 cappelli: 

Grand Hotel Excelsior Vittoria

Terrazza Bosquet

Il faro di Capo d’Orso

Piazzetta Milù

Quattro Passi

Taverna del Capitano

Torre del Saracino

2 cappelli:

L’Albergo della Regina Isabella – Indaco

Casa del Nonno13

HotelCalaMoresca – Caracol

HotelCapriPalace-L’Olivo

Hotel Quisisana

Mammà

Hotel Monastero Santa Rosa – Il Refettorio

Hotel Villa Cimbrone

Josè Restaurant – Tenuta Villa Guerra

La caravella

Oasis Sapori Antichi

Osteria Arbustico

1 cappello:

Giardino Eden

Hotel Il Monastero

La Cucina del Monastero

Hotel Miramare e Castello

La Lampara

Hotel Terme Manzi – Il mosaico

Zì Nannina a Mare

Umberto a Mare

Hotel Aquapetra Resort – La locanda del borgo

Canonico

Caruso

Il Buco

L’antica Trattoria

La Lanterna

Relais Blu

Grand Hotel Angiolieri – L’Accanto

La Tradizione

Villa Chiara Orto & Cucina

La Locanda del Testardo

Da Tonino

Hotel Punta Tragara – Le Monzù

Hotel Palazzo Avino – Rossellinis

Sensi

Brezza Marina

Hotel Savoy Beach – Tre Olivi

Le Trabe – Tenuta Capodifiume

Al Convento

Casa Rispoli

Cieddì

Don Geppi

Habituè

Roji

Taverna Vesuviana

Hotel Il San Pietro – Zass

Hotel Le Agavi – La Serra

Hotel Le Sirenuse – La Sponda

Hotel Lloyd’s Baia – Re Mauriì

Hotel Parker’s – George Restaurant

Hotel Romeo – Il Comandante

Palazzo Petrucci

Terrazza Calabritto

Veritas

Il foto dei Baroni

Il Vecchio Mulino 1834

Locanda Radici

Locanda Severino

Maeba

Megaron

President

Sud

Tenuta Nannina

Triglia

Vairo del Volturno

 

PREMI SPECIALI:

KETTMEIR

per la Cantina dell’Anno

Taverna Estia di Brusciano (NA)

 

VITE COLTE

per le Enotavole dell’Anno

Vinarium di Napoli

 

BY TOURIST

per la Cucina di Pesce dell’Anno

Danì Maison di Ischia (NA)

 

IN CIBUM

alla Carriera

Tonino Mellino

Quattro Passi di Nerano (NA)

 

PETRA-MOLINO QUAGLIA

per il Giovane Pizzaiolo dell’Anno

Valentino Tafuri

Pizzeria 3 Voglie

di Battipaglia (SA)

 

 

Continua a leggere

Ben'essere

Al Mav 5.0 la rivoluzione d’ottobre tra robotica e cucina degli antichi

Avatar

Pubblicato

del

Mav 5.0 rappresenta la versione più avanzata di sempre del Museo Archeologico Virtuale di Ercolano, ricca di nuovi contenuti, school experience e tecnologie digitali, per la prima volta sperimentate nel campo museale, nel quale l’esperienza di visita è stata completamente rivoluzionata. Da luglio i visitatori accorsi per ammirare la mostra “Vesuvio in the box” dell’artista partenopeo Gennaro Regina hanno superato i 12.500 accessi. La conclusione dell’allestimento, protratto fino ad oggi, rientra infatti nel programma della settimana open del MAV, dal 9 al 16 ottobre, con visite e laboratori gratuiti per tutte le scuole di ogni ordine e grado. L’iniziativa si è presentata con una giornata, 11 ottobre, dedicata a dirigenti scolastici ed inseganti con l’obiettivo di illustrare le nuove offerte didattiche del museo per l’anno scolastico 2019-2020. “Una settimana che consentirà di accorciare le distanze tra il museo, il patrimonio culturale e i cittadini grandi e piccoli – ha dichiarato Luigi Vicinanza, presidente della Fondazione CIVES che gestisce il Museo con Scabec e Regione Campania. La parola chiave del Mav 5.0 è dunque “interazione” tra lo spazio, il tempo e il visitatore, un contenitore rinnovato con approfondimenti crossmediali ed esperienze sensoriali, oltre ad una vasta scelta di laboratori didattici che permettono di creare situazioni di apprendimento stimolanti dallo scavo dei reperti al nuovo gioco dell’archeologia pensato per i piccolissimi ospiti del museo, basato su uno storytelling ispirato alle tecniche dei videogiochi.

Una rivoluzione d’Ottobre, con il visitatore al centro dell’esperienza di visita totalmente immerso nell’esperienza di conoscenza al Museo Archeologico Virtuale. Dalla biglietteria automatizzata alle guide virtuali che si materializzano al passaggio lungo il percorso, dai contenuti extra sul proprio smartphone, alle nuove installazioni inedite dedicate alle pitture pompeiane ed ercolanesi. Un Virtual Drone sulla città porterà il visitatore ad allungare lo sguardo fino alle antiche città romane, con “Interactive Museum Area” l’installazione dedicata a Villa dei Papiri potrà ascoltare le voci degli abitanti di Herculaneum, toccare con mano i reperti virtuali, sentire i profumi dei giardini, gustando il cibo che mangiavano gli antichi abitanti. La didattica coinvolgerà i 5 sensi con attività di ricostruzione dei momenti storici su reperti e rievocazione delle lettere di Plinio il Giovane a Tacito, testimonianza unica e diretta dell’eruzione che distrusse Ercolano e Pompei. Vi sarà una caccia al tesoro archeologico presso il sito dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco. L’offerta è interconnessa lungo un filo rosso di ricostruzione delle stratificazioni sociali antiche da Pompei alle ville di Boscoreale al plesso di Oplonti, dalle ville di Stabia fino agli insediamenti di Neapolis, con visite al MAN. Non mancano gli itinerari naturalistici che ricalcano il percorso epico del Vesuvio. Grande attenzione anche ai percorsi di innovazione con il laboratorio di robotica educativa e coding per i più piccoli. Ma anche attività di riproduzione delle eruzioni vulcaniche e dei calchi da scavo archeologico.

Un percorso ludico-sensoriale volto alla (ri)scoperta di profumi e sapori di un tempo passato ma non dimenticato è la school experience con il Cuoco delle Menadi. Il laboratorio si dividerà in una prima parte di introduzione all’alimentazione tipica dei romani, con l’ausilio di un banchetto tematico opportunamente allestito, dove verranno illustrate le fasi del banchetto romano e il tipo di cibo, diverso per classi sociali, i patrizi godevano di un pranzo con alimenti differenti da quelli che sfamavano i loro servi, mentre nella seconda parte gli allievi potranno realizzare un tipico “panis” dell’epoca, in uso ancora oggi nella zona di Sarno, da portare e infornare a casa. “L’obiettivo è aprire la mente degli studenti ad una didattica antropologica che li ricongiunga alle radici, partendo dalla conoscenza del cibo di tutti i giorni. In modo divertente ripercorriamo secoli di storia antica – ci dice Pasquale Sarnataro Cuoco delle Menadi e chef dell’associazione “Archeocucina” costituita dieci anni fa con 3 colleghi esploratori della storia dei cibi, un’archeologa e un’esperta in didattica. “Abbiamo iniziato con uno studio sull’alimentazione e preparazione dalla preistoria – ci racconta – fino a giungere alla gastronomia delle popolazioni italiche e poi a quella di Roma dalle origini dell’Impero fino al V sec. d. C. Da Pontecagnano a Cuma, le ricette del nostro territorio sono rimaste le stesse da millenni – ci spiega – testimoni di straordinarie contaminazioni con la vicende del tempo, con la civiltà greca che introdusse vini pregiati ed alimenti esotici, contribuendo a trasformare la pratica del cibarsi in tempo di convivialità, “simposium” per giocare, per incontrarsi, discutere di filosofia ed arte.” Il cibo ci insegnano gli antichi è un luogo prediletto di interazione che resiste anche alle eruzioni e ai secoli.

Continua a leggere

Ben'essere

È morto Beppe Bigazzi: aveva inventato la figura del ‘gastronomo’ in tv a La prova del Cuoco

Avatar

Pubblicato

del

Addio a Giuseppe Bigazzi, Beppe per tutti: giornalista e gastronomo, presenza che non passava inosservata ne “La prova del Cuoco” con Antonella Clerici. Aveva 86 anni, era malato da tempo; a dare l’annuncio della scomparsa è stato lo chef Paolo Tizzanini, del ristorante L’Acquolina di Terranuova Bracciolini, suo caro amico.

“A cerimonia avvenuta vi comunico la perdita di un amico fraterno un grande uomo in tutti i sensi”, ha scritto Tizzanini su Facebook. Iniziò la sua carriera, la seconda della vita, curando una rubrica di gastronomia sul quotidiano Il Tempo, poi ha scritto libri, in televisione ha portato la “Borsa della spesa” nel 1995; dal 2000 ha partecipato a “La prova del cuoco”: venne sospeso per aver portato intromissione una ricetta con carne di gatto ma poi nel 2013 era tornato in tv.

Continua a leggere

In rilievo