Collegati con noi

Esteri

La società svedese Ericsson patteggia oltre 1 miliardo per accuse di corruzione

Avatar

Pubblicato

del

La societa’ svedese di telecomunicazioni Ericsson ha concordato di pagare oltre 1 miliardo di dollari per patteggiare accuse di corruzione che spaziano in un periodo di 17 anni e toccano almeno cinque Paesi, dall’Asia al Medio Oriente. Lo rende noto il dipartimento di Giustizia Usa. Anche una controllata egiziana si e’ dichiarata colpevole in una corte federale di New York di aver cospirato per violare il Foreign Corrupt Practices Act del 1977.

“La condotta corrotta della Ericsson ha coinvolto dirigenti di alto livello e ha abbracciato 17 anni e almeno cinque Paesi allo scopo di aumentare i profitti”, ha dichiarato Brian Benczkowski, capo della divisione penale del dipartimento di giustizia. Secondo l’accusa, la compagnia svedese era coinvolta in uno schema per pagare tangenti, falsificare i libri contabili e chiudere un occhio sulla corruzione, in Paesi come Cina, Vietnam, Indonesia e Kuwait. Ericsson ha ammesso che nel periodo contestato aveva incanalato decine di milioni di dollari attraverso consulenti e fornitori di servizi in Cina, creando un fondo per regali di lusso, viaggi e divertimenti di funzionari stranieri per vincere commesse dalle societa’ statali del settore. La legge americana riconosce la giurisdizione sulla corruzione delle societa’ le cui azioni sono vendute alla Borsa Usa o se i reati interessano il territorio.

Advertisement
Continua a leggere

Esteri

Inferno Beirut, é una carneficina: 73 morti e migliaia di feriti il bilancio provvisorio

Avatar

Pubblicato

del

Due potentissime esplosioni, avvenute a breve distanza di tempo nella zona del porto, hanno devastato intere aree della capitale del Libano, Beirut. Sarebbero oltre 73 i morti, da quanto ha riferito il ministero della Salute libanese, ma si tratta senz’altro di un numero destinato ad aumentare. Il quotidiano ‘The Daily Star’ riferisce già di “decine di morti”. Moltissimi anche i feriti – da un primo bilancio sarebbero almeno 3.700 – di cui tanti in gravi condizioni che stanno affollando gli ospedali della capitale libanese. Tra loro, anche un militare italiano impegnato nella missione Unifil, che è stato ferito in modo lieve nell’esplosione. Il ministro della Salute ha chiesto a tutti i medici e il personale sanitario di raggiungere gli ospedali della capitale per soccorrere i feriti. La Croce Rossa ha riferito di un gran numero di persone sepolte sotto le macerie e intrappolate nelle loro case. Dopo le esplosioni – che secondo alcuni testimoni sarebbero state avvertite fino a Cipro – il premier Hassan Diab ha deciso che quella di mercoledì sarà, in Libano, una giornata di lutto nazionale e ha parlato di una “castarofe” della quale i responsabili saranno “chiamati a rendere conto”. Gli ha fatto eco il governatore di Beirut Marwan Abboud, che tra le lacrime ha detto che quanto è successo nella capitale libanese ricorda ” Hiroshima e Nagasaki” che nono state la lunga gerra civile che insanguinato il Paese “nulla di simile era mai accaduto in passato in Libano”.

Nelle immagini diffuse sulle tv locali e sui social si vede una densa colonna di fumo bianca – probabilmente il risultato di un primo scoppio – seguita da esplosioni secondarie, minori e colorate. Pochi istanti dopo, una gigantesca onda d’urto a forma di fungo, che colpisce via via diversi palazzi, facendoli collassare. Il primo scoppio, di cui non si conoscono ancora le cause, è avvenuto in un magazzino di fuochi d’artificio seguito da una seconda più potente esplosione in un magazzino poco lontano. All’interno c’erano, da quanto ha riferito il ministero dell’Interno libanese, materiali “altamente esplosivi” posti sotto sequestro.

Proprio queste avrebbero causato l’altra colonna di fumo rosso arancione che si è vista nel cielo di Beirut. Vaste zone del porto sono state rase al suolo, balconi e finestre si sono sbriciolati a chilometri dal luogo dell’esplosione. Danneggiati centinaia di edifici, tra i quali anche il Palazzo Baabda, residenza del presidente.L’esplosione al porto di Beirut è avvenuta di un clima di forti tensioni tra il gruppo sciita di Hezbollah e Israele. Immediato il commento da parte di Gerusalemme, che ha subito sottolineato “di non aver nulla a che vedere” con quella che è stato definito “un incidente” provocato da “un incendio”. Su indicazione del ministro degli Esteri israeliano, Gabi Ashkenazi, e del ministro della Difesa, Benny Ganzt, Israele ha anche offerto assistenza medica umanitaria al governo libanese, attraverso le organizzazioni internazionali.

Anche la Casa Bianca “sta seguendo attentamente” gli sviluppi di quanto è avvenuto in Libano, ha fatto sapere un portavoce. Il segretario di Stato americano, Michael Pompeo, ha anche fatto sapere che il suo Paese è “pronto ad aiutare il popolo libanese nel riprendersi da questa tragedia”. Donald Trump, citando fonti dell’intelligence, in conferenza stampa, parla di “esplosioni che sembrano terribili attentati”.

 

Solidarietà al governo di Beirut è arrivata anche dall’Europa. “L’Italia è vicina agli amici libanesi in questo momento tragico. I nostri pensieri vanno alle famiglie delle vittime, a cui esprimiamo il nostro profondo cordoglio, e alle persone ferite, a cui auguriamo una pronta guarigione”, ha affermato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio mentre la Farnesina è al lavoro, con l’Unità di Crisi e l’Ambasciata in Libano per assistere i connazionali e monitorare la situazione. Anche il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, appena rientrato a Parigi da una visita ufficiale a Beirut, ha detto che la Francia “sarà sempre al fianco del Libano” e sia ppresta a fornire aiuti e assistenza.

Continua a leggere

Esteri

Libano, si aggrava il bilancio dell’esplosione di Beirut: per ora sono 73 i morti e 3700 feriti, devastazione in tutta la città

Avatar

Pubblicato

del

Pesante il bilancio delle vittime della violenta esplosione che ha devastato aree intere nel centro di Beirut, nella zona del porto della capitale del Libano: sarebbero almeno 73 i morti stando a quanto precisato dal ministro della Salute, Hamad Hassan, ma il numero è ancora provvisorio. Dappertutto ci sono vetri infranti, condomini devastati, auto distrutte. Alcuni media parlano di Apocalisse a Beirut. Si scava tra le macerie cercando di recuperare altri corpi. In un video sui social si vede il momento dell’esplosione, violentissima, e la devastazione che arriva a centinaia di metri distanza dal porto. La Croce rossa libanese ha riferito di almeno 3700 feriti ma il numero potrebbe ancora aumentare. Grande la mobilitazione per il trasporto dei feriti negli ospedali della zona. Ci sarebbero anche alcuni militari italiani tra i feriti: ma le loro condizioni non sarebbero gravi. Tra i deceduti c’è Nazar Najarian, segretario generale del Kataeb, il partito cristiano-democratico del paese, conosciuto come le Falangi.

 

L’esplosione sarebbe stata provocata da “un carico di nitrato di sodio”, una sostanza utilizzata per fare esplosivi, che sarebbe stato sequestrato tempo fa e tenuto in un magazzino. Tra gli edifici danneggiati dalla potente deflagrazione c’è  il quartier generale dell’ex premier Saad Hariri, nel centro della città e la sede della Cnn a Beirut.

Dopo le violente esplosioni nel porto di Beirut il presidente libanese Michel Aoun ha convocato per questa sera una “riunione urgente” del consiglio superiore della difesa. Al governo libanese la vicinanza e la solidarietà del governo italiano, espressa dal Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e da tutte le forze politiche, vicinanza espressa dai leader di tutto il mondo.

 

Le foto sono tratte da Twitter

 

Libano, una violenta esplosione devasta Beirut. Almeno 10 morti e centinaia di feriti

Continua a leggere

Esteri

Libano, una violenta esplosione devasta Beirut. Almeno 10 morti e centinaia di feriti

Avatar

Pubblicato

del

Le cifre ufficiali parlano di almeno 10 morti e centinaia di feriti ma sarebbero molte di più le vittime della violenta esplosione che ha devastato aree intere nel centro di Beirut, nella zona del porto della capitale del Libano. Dappertutto ci sono vetri infranti, condomini devastati: la deflagrazione potrebbe essere stata provocata da un incendio in deposito di fuochi d’artificio ma al momento è tutto da verificare. A Beirut da tempo ci sono attentati ed esplosioni. In un video sui social si vede il momento dell’esplosione, violentissima e la devastazione a centinaia di metri distanza dal porto.

Tra gli edifici danneggiati dalla potente deflagrazione c’è  il quartier generale dell’ex premier Saad Hariri, nel centro della città e la sede della Cnn a Beirut. La Croce Rossa ha riferito che oltre 30 squadre di soccorritori sono al lavoro per estrarre i corpi dalle macerie.

Dopo le violente esplosioni nel porto di Beirut il presidente libanese Michel Aoun ha convocato per questa sera una “riunione urgente” del consiglio superiore della difesa.

Ci sarebbero anche alcuni militari italiani tra i feriti: le loro condizioni non sarebbero gravi, intanto si apprendono le cause dell’esplosione: sarebbe stata provocata da “un carico di nitrato di sodio”, una sostanza utilizzata per fare esplosivi, che sarebbe stata sequestrato e tenuto in un magazzino.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto