Collegati con noi

Economia

La rabbia dei sindacati su Mittal e l’attacco di Patuanelli: gli indiani violano i patti

Avatar

Pubblicato

del

Monta la rabbia dei sindacati contro Arcelor Mittal dopo le anticipazioni del piano lacrime e sangue per l’Ilva, che prevede circa 5.000 esuberi, e si sollecita quindi un intervento del governo. E il ministro dello sviluppo economico Patuanelli attacca la multinazionale: “questo piano non rispetta l’accordo del 4 marzo” e convoca proprio i sindacati per il 9 giugno anche se alla riunione, in videoconferenza, non sara’ presente l’azienda. “Da settembre Mittal ha detto che prima c’era un problema per l’acciaio in generale, poi ha usato la scusa dello scudo penale ed oggi invece dice che il Covid avra’ un effetto per ben tre anni sul mercato dell’acciaio.

Io credo, invece, che bisogna ripartire dall’accordo del 4 marzo e continuare su quella strada”, ha sottolineato il ministro, ribadendo che a Taranto il governo vuole “coniugare ambiente e lavoro” perche’ “riteniamo che sia compatibile e pensabile un impianto moderno nuovo, all’avanguardia che diventi il fiore all’occhiello dell’Europa per la produzione d’acciaio da ciclo integrato”. Pertanto “noi ci crediamo, vogliamo capire anche se la controparte ci crede” , ha affermato Patuanelli. E i sindacati vanno giu’ duri contro il colosso franco-indiano. “ArcelorMittal, con l’ennesimo ricatto, chiede due miliardi di euro al governo italiano e contemporaneamente licenzia 3.300 dipendenti, straccia l’accordo del 2018 sul rientro a lavoro dei 1.700 di Ilva Amministrazione straordinaria, mette a forte rischio gran parte dei 7mila dell’indotto e l’intera siderurgia italiana. Non si deve permettere alla multinazionale di mettere per strada migliaia lavoratori e in ginocchio intere comunita’, causando un disastro ambientale, occupazionale ed economico senza precedenti”, tuona il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, sollecitando la “cacciata” del colosso franco-indiano dall’Italia.

“Non accettiamo alcun licenziamento, anche se a Novi paradossalmente fossero zero”, afferma Federico Porrata, rsu Fiom Cgil dello stabilimento ex Ilva di Novi Ligure (Alessandria), sottolineando che “ci riserviamo iniziative sul territorio e con gli altri siti”. L’opposizione, invece, attacca a testa bassa il governo su come ha gestito l’intero dossier. “L’altra faccia della medaglia” di questa storia “ci racconta di un governo inadeguato a gestire una vertenza di questo tipo, di un ministro per lo Sviluppo economico assente, di un esecutivo senza una visione strategica sulla siderurgia e sulla politica industriale”, incalza il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini. Secondo il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, la politica si e’ fatta sottomettere. “I manager indiani sono brutti e cattivi, volevano le quote di acciaio e poi chiudere? In realta’ fanno quello che hanno sempre fatto, sono stati i decisori politici italiani ad essere ingenui e a farsi soggiogare, per usare un temine educato, portando cosi’ la citta’ di Taranto a non avere bonifiche e giustizia non chiedendo il danno ambientale, a subire un’emergenza sanitaria causata dall’inquinamento”, accusa Bonelli. Intanto, secondo quanto si apprende, al momento non risultano presso le banche richieste di prestito garantito per Ilva/Arcelor Mittal, tantomeno in Sace. Inoltre bisogna vedere se i requisiti del Decreto Liquidita’ sono compatibili.

Advertisement
Continua a leggere

Economia

Amazon si arricchisce col virus, Bezos sempre più paperone: patrimonio da 171,6 miliardi di dollari

Avatar

Pubblicato

del

Jeff Bezos è sempre più ricco. Il patron di Amazon vale, da solo, 171,6 miliardi di dollari grazie alla volata a Wall Street del gigante delle vendite online. E’ quanto emerge dal Bloomberg Billionaires Index, che rivela come la fortuna di Bezos è tornata ai livelli pre-divorzio. Bezos ha guadagnato solo quest’anno 56,7 miliardi di dollari. E li ha guadagnati in questi mesi di lockdown grazie al covid 19. La pandemia ha accresciuto la richiesta mondiale di consegne a domicilio ed ha arricchito Bezos.

Continua a leggere

Economia

Agcom, nel settore consegna pacchi c’è posizione dominante di Amazon

Avatar

Pubblicato

del

In soli quattro anni Amazon e’ diventato il primo operatore in Italia nel mercato delle consegne e-commerce deferred (in pratica la consegna tipo dei pacchi) ed il secondo operatore in quelle espresse. Lo ha rilevato l’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni che nel suo Interim report sul settore ha concluso che Amazon detiene un significativo potere di mercato nel mercato delle consegne B2C deferred, con una quota pari al 59% dei ricavi e che la performance del colosso di Seattle e’ senza dubbio riconducibile al vantaggio competitivo che trae, dal lato dell’offerta, dall’integrazione verticale e, dal lato della domanda, dal contropotere di acquisto di cui gode in qualita’ di acquirente di servizi di consegna. L’analisi, si spiega e’ una tappa intermedia e in vista della conclusione dell’indagine saranno svolti ulteriori approfondimenti per valutare la persistenza di posizioni dominanti, “anche al fine di valutare l’opportunita’ di introdurre eventuali specifici obblighi in capo agli operatori che detengono significativo e durevole potere di mercato, al fine di promuovere assetti maggiormente concorrenziali”.

Continua a leggere

Economia

Allarme Onu, 3.300 miliardi in fumo nel turismo

Avatar

Pubblicato

del

L’Onu lancia l’allarme per il turismo: la pandemia avra’ un effetto devastante sul settore, con perdite che potrebbero superare i 3.300 miliardi di dollari. Per scongiurare tale scenario, l’Europa ha scommesso su un ulteriore ampliamento delle possibilita’ di viaggiare da e per l’estero, aprendo le frontiere esterne a 14 paesi. Una potenziale boccata d’ossigeno anche per l’Italia, che con l’industria delle vacanze pre-Covid copriva il 13% del pil. Il lockdown ha fatto quasi collassare l’economia mondiale. Il turismo non e’ stato risparmiato, anzi e’ stato tra i settori piu’ colpiti, tra voli cancellati e la paura di spostarsi che e’ ancora molto presente, anche in un fase in cui viaggiare e’ di nuovo permesso. I mesi estivi saranno un termometro di quanto accadra’, ma le stime sono preoccupanti. Il Cnuced, l’organismo delle Nazioni Unite che si occupa di commercio e sviluppo, ha pubblicato un’indagine che parla da sola: per il turismo ed i settori ad esso collegati i prossimi mesi si tradurranno in un perdita che, nel migliore dei casi, arrivera’ a 1.200 miliardi di dollari. Nel peggiore, 3.300, pari al 4,2% del pil mondiale. Un monito per ricordare “cio’ che sembriamo dimenticare, il suo ruolo di linfa vitale per milioni di persone in tutto mondo”, ha avvertito la direttrice della divisione commerciale Pamela Coke-Hamilton. Sono i paesi in via di sviluppo, che di vacanze vivono, a rischiare il crollo. In uno scenario definito moderato, la Giamaica perderebbe l’11 percento del pil, la Thailandia il 9, Repubblica Dominicana, Kenya e il Marocco il 5%. Anche i paesi con economie diversificate rischiano ingenti perdite: 190 miliardi gli Usa, 100 la Cina, oltre 40 Germania, Francia e Spagna. Per l’Italia i mancati introiti potrebbero superare i 34 miliardi. La Croazia vede un voragine da -9% del pil. L’Ue, per fermare questa emorragia, ha deciso che dal primo luglio i cittadini di 14 paesi extraeuropei potranno entrare nei paesi membri per le vacanze. In questa stessa giornata anche la circolazione interna si e’ rafforzata. La Grecia, che dal 15 giugno aveva avviato una riapertura solo parziale, ha fatto ripartire il traffico internazionale verso le sue isole. Con oltre 100 voli attesi in 14 aeroporti. Mentre i porti di Patrasso e Igoumenitsa sono tornati ad accogliere i traghetti dall’Italia. Proprio l’Italia era stata tra i primi paesi nell’Ue a riaprire i propri confini ai partner, il 3 giugno, per rianimare la propria economia puntando sui turisti. Ora l’auspicio e’ che il Belpaese torni ad essere la meta non solo degli europei, ma anche di australiani, giapponesi e canadesi, solo per citarne alcuni tra i 14 della lista Ue. Allo stesso tempo, i connazionali potranno godersi una meritata vacanza in paesi come Marocco, Nuova Zelanda e Thailandia (anche se per i paesi extra Ue e Schengen vige ancora l’obbligo di quarantena al rientro). Quanto alla Cina, la ripresa della circolazione da e per l’Europa resta vincolata alla reciprocita’. Niente da fare, invece, per Russia e Stati Uniti, almeno finche’ i numeri della pandemia continueranno ad essere cosi’ catastrofici.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto