Collegati con noi

La voce del parco

La Primula Palinuri sulle maglie della Gelbison: il Parco del Cilento dà il patrocinio alla squadra di calcio

Marina Delfi

Pubblicato

del

La Gelbison è la squadra ufficiale del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni: la Primula Palinuri, il fiore che rappresenta il logo del Parco, sarà sulle maglie rossoblu della compagine calcistica che milita in serie D e su quelle della squadra juniores.

A darne notizia il Presidente del Parco Tommaso Pellegrino al termine dell’incontro con l’avvocato Vincenza De Luca Vice presidente dell’Asd Gelbison. L’Ente Parco accogliendo la richiesta della società ha concesso il patrocinio alla squadra di calcio, che rappresenterà tutto il territorio dell’area protetta dal Cilento agli Alburni, al Vallo di Diano. Un ulteriore momento di crescita del progetto Gelbison Cilento che mira proprio ad unire nella rosa rossoblu il vasto territorio a sud di Salerno.

“Siamo soddisfatti – le parole del vice presidente De Luca – con il presidente Puglisi e tutti i membri del direttivo ringraziamo il Presidente Pellegrino per aver recepito la nostra istanza. La Gelbison è la squadra del Cilento e il patrocinio del Parco ci legittima ad andare oltre”. Soddisfatto anche il presidente del Parco Tommaso Pellegrino “Lo sport si concilia perfettamente con le caratteristiche del nostro territorio, con la dieta Mediterranea e lo stile di vita del Parco. Dobbiamo lavorare per far si che sempre di più i nostri figli si avvicinino alle attività sportive per migliorare la qualità della vita e della nostra salute. Un plauso alla Gelbison e al suo settore giovanile particolarmente frequentato. Una società che ha messo in campo un progetto sportivo con entusiasmo,  passione e attenzione. Forza Gelbison!”.

Advertisement

In Evidenza

Brumotti posta il Cilento e dagli Emirati Arabi contattano le agenzie turistiche

Marina Delfi

Pubblicato

del

In attesa che sia pronto lo spot sul Cilento che vede Vittorio  Brumotti protagonista arrivano già le prime richieste: alcune agenzie turistiche interessate al Cilento hanno contattato gli uffici dell’Ente dagli Emirati Arabi, dalla Germania ma anche dalla Cina e dall’America. Le immagini del Cilento postate sui social dal campione Vittorio Brumotti hanno già riscosso un grandissimo successo. “Lo spot vero e proprio sarà pronto tra qualche mese – spiega il presidente del Parco Tommaso Pellegrino – ma le immagini che girano in rete hanno già spopolato”.

Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Il presidente Tommaso Pellegrino

E a parlare sono i numeri.  “Abbiamo ricevuto tantissime telefonate di agenzie turistiche, associazioni sportive, amanti della bicicletta che vogliono venire a conoscere la nostra terra. Tra gli interessati anche Saee Hareb, il ministro per lo sport degli Emirati arabi che ha postato su instangram il video girato da Brumotti sulla cima del monte Cervati”.  “Si tratta di un’opportunità unica e straordinaria per la promozione del nostro territorio – continua Pellegrino – che guarda oltre i confini nazionali, che vuole intercettare nuovi canali turistici”. Il progetto è stato ideato dall’Ente Parco ma è stato finanziato quasi totalmente dal Ministero dell’Ambiente. Il Parco ha investito solo 5mila euro. “Si tratta di fondi destinati esclusivamente alla promozione turistica – mette in chiaro Pellegrino – quindi non utilizzabili per altri scopi. Se non avessimo girato lo spot nel Cilento lo avrebbero girato sicuramente in qualche altro Parco nazionale”. E smorza anche le polemiche sui costi. “A prescindere che il Parco ha speso solo 5mila euro – spiega il presidente – va detto chiaramente che 30mila euro (5mila del Parco e 25mila del Ministero) per uno spot di questo genere e con un testimonial così conosciuto, sono davvero poca cosa. Basta fare un giro in rete per capire che i costi sono ben altri. Una Regione italiana nel 2008 ha speso  quasi cinque milioni di euro per uno spot con un personaggio sportivo”.

Il testimonial d’eccezione. Vittorio Brumotti

Vittorio Brumotti, volto noto di Striscia la notizia, è entrato dieci volte nel Guinness dei Primati grazie ad incredibili imprese sportive in sella alla sua mountain bike. Adesso la sua impresa è valorizzare il territorio del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Continua a leggere

Ambiente

Vittorio Brumotti protagonista dello spot per il Parco del Cilento

Marina Delfi

Pubblicato

del

È Vittorio Brumotti il testimonial del nuovo spot del Parco Nazionale del Cilento, Diano e Alburni. Le riprese prenderanno il via lunedì mattina. Il campione di bike trial ed inviato di Striscia la notizia, in sella alla sua inseparabile bici, accompagnato dal presidente del Parco Tommaso Pellegrino, visiterà le bellezze della seconda area protetta più grande d’Europa.
 “Siamo  orgogliosi di poter affidare ad un testimonial di grande valore come Vittorio Brumotti la promozione del nostro Parco attraverso uno spot – ha dichiarato il presidente del Parco, Tommaso Pellegrino – Brumotti rappresenta il testimonial ideale, amante della natura, dello sport e sempre pronto a scendere in campo in difesa dell’ambiente”.
Un tour nel Cilento per raccontare in modo originale e spontaneo l’immenso patrimonio naturalistico, artistico e culturale del Parco, con particolare attenzione ai territori meno conosciuti, ma non per questo meno straordinari. Dal Golfo di Policastro al Bussento, dal Vallo di Diano agli Alburni, dalla Valle del Calore al Cilento. Il biker incontrerà sulla sua strada monumenti, cattedrali, oasi, castelli, borghi, aree marine e palazzi storici.
In attesa della realizzazione dello spot sarà possibile seguire in diretta il viaggio dell’inviato del Tg satirico di Canale 5  attraverso i suoi account ufficiali Instagram (@brumottistar), Facebook (Abbombazza 100% Brumotti), Youtube (Vittorio Brumotti Italy) e Twitter (@brumottistar) sui quali Brumotti caricherà anche foto e video per raccontare le tappe e i momenti più salienti. La campagna di comunicazione è realizzata dal Parco Nazionale del Cilento, Diano e Alburni con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Continua a leggere

Ambiente

Pianoro di Ciolandrea, una piazza terrazza-paradiso affacciata sul Tirreno rigenerata con l’aiuto del Parco Nazionale del Cilento

Marina Delfi

Pubblicato

del

Una vecchia struttura abbandonata che veniva utilizzata per il tiro al piattello diventa una terrazza affacciata sulle meraviglie del Cilento: una conquista frutto del lavoro dell’Amministrazione comunale di San Giovanni a Piro in collaborazione con il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. La piazza rigenerata sorge sul pianoro di Ciolandrea, uno dei luoghi più panoramici e suggestivi del Cilento dove è possibile ammirare la costa del Golfo di Policastro, la Basilicata tirrenica, la Calabria e nelle giornate più terse anche la Sicilia con lo Stromboli e le Isole Eolie. Un Paradiso in terra. Un luogo che ha conquistato anche il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa che ha tagliato il nastro dell’inaugurazione della terrazza. “È uno dei primi posti che ho visitato al mio insediamento da presidente del Parco, uno dei luoghi più belli d’Italia – ha detto il presidente del Parco Tommaso Pellegrino – Questa inaugurazione dimostra come deve essere un’amministrazione: deve riqualificare l’esistente e non costruire nuove opere”. Per il Ministro Costa si tratta di “un posto bellissimo e rigenerato. Di straordinaria bellezza anche perché compatibile con la gestione ambientale – ha detto Costa – Stiamo lavorando ad un’Italia Paese Parco che porti benessere e non faccia scappare i nostri giovani all’estero, pensando a forme di fiscalità vantaggiose per chi vive nei Parchi”.

“Il nostro compito è quello di restituire migliore al futuro l’ambiente che abbiamo trovato” ha spiegato il sindaco di San Giovanni a Piro, Ferdinando Palazzo. La terrazza ospiterà eventi e concerti e sarà location di matrimoni: un panorama mozzafiato per suggellare le nozze dei tanti che scelgono l’Italia per il giorno del ‘sì”. E perchè no, anche un modo per finanziare la manutenzione ordinaria e straordinaria di un uomo che necessita di risorse.

Continua a leggere

In rilievo