Collegati con noi

Cronache

La copertina del nuovo disco di Daniele Sepe censurata dalle regole dei negozi online

Avatar

Pubblicato

del

Ma sul serio eravate convinti che con il  tentativo di  censura sessista a Rula Jebrael, le invettive contro Achille Lauro, l’accanimento sulla primigenia del Cantico dei Cantici e l’invito  ritirato a Roger Waters  fosse esaurita la fantasia dei censori nostrani?

No, nemmeno per sogno, anzi, le crociate continuano. Appena al secondo mese, del ventesimo anno del secondo millennio, si tenta di riportare il mondo in epoche che avevamo pensato fossero oscurantiste, ma evidentemente, erano epoche di grandi sconvolgimenti e lotte sociali evolutive, che ci hanno alla fine consegnato un mondo sociale che tutto sommato non è cosi male.

La restaurazione, questa volta veramente martellante, subdola e tenutaria di tecnologie raffinate ci propone giorno dopo giorno, anzi, ora dopo ora la sua morale, che se non fosse disgraziatamente vera, sarebbe ridicola solo a pensarla.

E’ forte questa tornata censoria, non solo perché usa e sfrutta mezzi medianici che controlla e gestisce a suo piacimento, ma si fa forte dell’assoluto silenzio di chi dovrebbe opporsi e fa passare di tutto, pensando che da sola si autodistruggerà o per mero calcolo politico di avvicinamento ad un populismo becero e bigotto. Non è vero, non funziona cosi, lo sapevano bene i regimi totalitari e lo conoscono ancora meglio chi i regimi vuole costruirli, bisogna contrastarla, sempre e dovunque.

Ultima, ma forse non più ultima, se nel frattempo in cui si scrivono queste note non ne sia arrivata un’altra, è la notizia della censura, questa volta visuale di cui è stato fatto oggetto la copertina del disco del Maestro Daniele Sepe con la sua ciurma di oltre 100  splendidi musicisti tra i quali  tanti giovanissimi, che hanno dato vita al disco “Le nuove avventure di Capitan Capitone” .

La copertina non va, deve essere cambiata.

Motivo? Il seno scoperto di una ballerina nel fumetto che compone la copertina. Si avete inteso bene, il FUMETTO, ossia, il disegno, la figurazione, lo schizzo, il tratteggio. Questo particolare della copertina pare sia  considerato “illegale” per le regole molto rigide dei negozi on-line, bisognerebbe capire se queste regole contemplino poi, per i più grandi di essi, anche il pagamento delle tasse in Italia, ma questo e taciuto…

Non vogliamo soffermarci a scrivere di pittura, scultura, fotografia, storia dell’arte e di esempi nel corso dei secoli che vedono seni scoperti nelle opere d’arte dei più svariati e diversi artisti nazionali e internazionali, cattolici o di  altre religioni lontane migliaia di chilometri e di anni evolutivi. Non vogliamo scrivere di libertà o privacy o senso comune del pudore.

Vogliamo scrivere del ridicolo che investe e schiaccerà chi si arroga il diritto di voler riscrivere le regole che l’umanità si è data nel corso dei millenni. Loro ci stanno tentando, sta a tutti noi, affondare questa volontà di restaurazione.

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cronache

Addio a Carlo Flamigni, luminare della fecondazione assistita

Avatar

Pubblicato

del

E’ morto a 87 anni Carlo Flamigni, luminare della fecondazione assistita, medico, ginecologo, scrittore, figura di riferimento in Italia e all’estero sulle tecniche di procreazione assistita e sulla fertilita’ Su Facebook lo annuncia il figlio, Carlo Andrea: “Ciao papa’, speravo che questo momento non arrivasse mai, il dolore e’ grande almeno quanto il bene che ti ho voluto… ma un giorno ci rivedremo prof”.

Flamigni, fra i massimi esperti mondiali di fecondazione assistita, ha preso parte in modo attivo al dibattito che si era sviluppato in Italia ai tempi dell’approvazione della legge 40 del 2004 che ha introdotto l’uso di queste tecniche nel nostro paese, e nel successivo lavoro per modificarla. Nato a Forli’ il 4 febbraio 1933, Flamigni si era laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Universita’ degli Studi di Bologna nel luglio del 1959, con successivo diploma di specialista in Ostetricia e Ginecologia. Docente di diversi insegnamenti presso l’Alma Mater, e’ stato direttore della Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Universita’ degli Studi di Bologna dal novembre 1994 al dicembre 2001. Imponente la sua produzione scientifica, con oltre mille memorie originali, numerose monografie e alcuni libri di divulgazione. Ha pubblicato numerosi articoli su vari problemi di bioetica. Dal 1990 al 1994 e dal 1999 al 2004 e’ stato Presidente della SIFES – Societa’ Italiana di Fertilita’ e Sterilita’ e Medicina della Riproduzione. Gia’ membro anche del Comitato Nazionale per la Bioetica. Da dicembre 2015 era anche membro del Comitato Etico Universita’ Statale di Milano. Esperto esterno della Fondazione Veronesi. Temi di ricerca degli ultimi anni: la contraccezione maschile; le tecniche di fecondazione assistita; i problemi della bioetica e dell’etica medica.

 

Continua a leggere

Cronache

Uccide la madre e si suicida a Torino

Avatar

Pubblicato

del

Omicidio-suicidio a Torino, dove una donna ha ucciso la madre e poi si e’ lanciata dal nono piano della loro abitazione. E’ accaduto in corso Racconigi. Secondo i primi accertamenti sembra che la ragazza soffrisse di problemi psichiatrici. Sul posto sta intervenendo la polizia.   La polizia e’ sul posto, con le volanti e la squadra mobile, per ricostruire l’accaduto. I sanitari del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso delle due donne. Dalle prime informazioni, sembra che la madre sia stata accoltellata.

Accoltellata dalla figlia ha inviato un messaggio al fidanzato di quest’ultima, per chiedere aiuto, ma quando la polizia e’ arrivata sul posto era gia’ morta. E con lei anche la figlia, che soffriva di disturbi psichiatrici: si e’ lanciata dal nono piano della loro abitazione. E’ questa la prima ricostruzione dell’omicidio-suicidio avvenuto questa mattina in corso Racconigi, a Torino. Le vittime hanno 33 e 60 anni. Tra le due ci sarebbe stata una discussione, intorno alle 5 del mattino, conclusa con l’accoltellamento della madre, che prima di morire ha avuto il tempo di inviare un messaggio al fidanzato della figlia. E’ stato il fidanzato a dare l’allarme al 112, quando intorno alle 7 si e’ svegliato e ha letto il messaggio, ma all’arrivo della polizia e del 118 le due donne erano gia’ morte.

Continua a leggere

Cronache

Covid19, Carabinieri e Polizia interrompono un rave con 400 persone lungo il Tanaro

Avatar

Pubblicato

del

– Interrotto questa mattina un rave party non autorizzato in un’area boschiva di San Martino Alfieri (Asti) lungo il fiume Tanaro, in localita’ Tanarella, una zona difficilmente raggiungibile. Polizia e carabinieri stanno svolgendo verifiche sui partecipanti, circa 400. La festa era iniziata la scorsa notte, nonostante le misure anti coronavirus, e stava andando avanti anche questa mattina. Al momento non ci sarebbero criticita’: le forze di polizia stanno svolgendo controlli sui partecipanti, molti dei quali sono stati convinti ad andarsene.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto