Collegati con noi

Cultura

Kulturfactory, le Cicale e i tre cieli, una fabbrica laboratoriale tra gli alberi di Villa Maria

Antonio Maiorino Marrazzo

Pubblicato

del

Dirigermi radialmente verso l’esterno è il progressivo processo che vivo e, a me sembra, non sia un navigare in solitario. Saltare dalla ruota, supponete bene se l’associate a quella del criceto, e auto-disintermediarsi, sfuggire dalla praxis urbana per ritrovarsi in un giardino sconosciuto dove non mi stupirei se apparisse Pëtr Nikolàevič Sòrin o Anna Serge’evna con il suo cagnolino. Mi riprendo il tempo che non mi apparteneva più e visito, come sghembo serafino di una personale gerarchia celeste, i luoghi della creazione, un’annunciazione inversa, un pellegrinaggio controcorrente. Sulla collina di Domicella, nel lauretano, svetta una dimora austera e al contempo allegra grazie all’insolito colore rosso che incornicia le numerose finestre: Villa Santa Maria. Qui nasce nel 2018, sotto la direzione artistica di Alessia Siniscalchi, operosa e instancabile, Kulturfactory, ‘fabbrica’ della compagnia teatrale indipendente italo-francese Kulturscio’k attiva dal 2007, destinata a residenze artistiche multidisciplinari. Sara Sole Notarbartolo, regista e drammaturga napoletana, insieme ad un drappello di nove attori ha fatto sua la fabbrica per tre giorni e tre notti e giungo nella fase di chiusura del loro lavoro laboratoriale. Sotto gli alberi del giardino della villa la canicola di fine luglio arde meno ma gli attori sono in pieno sole, vestono gli abiti di scena. Le cicale, quelle sugli alberi, hanno sospeso il loro frinire, quelle di Sara Sole invece blandiscono il potente, il colto, l’avvenente, dimentiche della vita ipogea, rinascono a un nuovo mondo, esplorano la terra promessa sprovviste di codice, devono ricostruire la memoria con in mano solo pochi miseri brandelli orali. Non esito a rintracciare nel testo (in costruzione) i felici esiti di quello che io definisco neorealismo magico, i personaggi giocano apertamente con la realtà ben consapevoli dell’impossibilità di una compiutezza, rinunciando all’arbitrarietà e alla presunta organicità del realismo. O si è assunti in cielo o si precipita. Sono unico spettatore di un miracolo, è il farsi stesso dell’opera che si sostanzia davanti ai miei occhi, nella sua caducità, nella distillata oscillante costruzione del divenire. Eppure sono io stesso scrutato, teatro nel teatro, osservato, unico spettatore. Da un terrazzo lì di lato due giovani donne sollevano la testa dai loro libri e sbirciano incuriosite, sono leggermente sottoposte al giardino eppure tentano di cogliere il senso di quel che accade, con grazia, con discrezione. Di tanto in tanto vibrano gli scatti prodotti dalla macchina fotografica di Massimo Pastore che, ospite di Sara Sole, pendola in un andirivieni discreto passando dal tempo oggettivo a quello soggettivo, uno sdoppiamento che si innerva sull’azione teatrale di un’opera che racconta di un popolo migrante alla ricerca della propria identità, disorientato e sul crinale del passato, del presente, del futuro: i tre cieli? Già, i tre cieli. Le cicale ora cercano di arrampicarsi sugli alberi, necessitano di effettuare la muta, vogliono spiccare il volo ma si avvedono che le uniche vere ali che potrebbero sostenerle siano quelle della memoria e della tradizione.

I tre cieli. Già, i tre cieli. Così sussurrano gli attori alla fine della prova, così incita la drammaturga, è una locuzione interna, una locuzione criptata che mi sfugge ma, da serafino sghembo e scaltro, cerco di decodificare.  Non rivelerò qui la mia interpretazione di quei tre cieli perché il mio peregrinare sarà compiuto solo quando vedrò Le Cicale (compiuto) sulle tavole di un palcoscenico.

Il progetto, ideato, e diretto da Sara Sole Notabartolo ha come protagonisti gli attori Raffaele Ausiello, Andrea de Goyzueta, Sergio Del Prete, Carla Ferraro, Fernanda Pinto, Milena Pugliese, Fabio Rossi, Fabiana Russo

Le foto sono di Massimo Pastore

 

 

 

 

Advertisement

Cultura

Leone d’Oro a Venezia a Catello Maresca, premiata la sua attività di magistrato antimafia

Avatar

Pubblicato

del

Venerdì 2 ottobre alle ore 11, al Palazzo della Regione del Veneto, la rassegna Gran premio internazionale Leone doro di Venezia, giunta ormai alla sua 73esima edizione, premierà importanti figure che si sono distinte nel mondo del lavoro e per il loro impegno nel sociale. Quattro i vincitori designati da Peppe Barretta, addetto al commercio Italia-estero per il Consolato Generale di Russia a Napoli e vicepresidente del comitato del gran premio. Fra questi spicca il nome di Catello Maresca, attualmente sostituto procuratore generale a Napoli, per dodici anni alla procura distrettuale antimafia, dove si è reso protagonista delle catture dei più importanti boss della mafia casalese, fra cui Michele Zagaria, Antonio Iovine e Giuseppe Setola.

La scelta di premiare il dottor Maresca – spiega a Juorno Barretta – è stata dettata non solo dallincredibile lavoro svolto in questi anni come magistrato, ma anche dalla volontà di sottolineare lenorme impegno profuso nel sociale, anche con la sua associazione “Arti e Mestieri”. Durante i mesi della pandemia ha contribuito ad aiutare tantissime persone in difficoltà”.

Gran premio internazionale Leone doro di Venezia”. Foto di repertorio delle premiazioni degli anni passati

Sono lusingato che gli organizzatori di un premio così prestigioso abbiano pensato a me – commenta Maresca -; sono riconoscimenti che gratificano il tuo lavoro e ti danno ulteriori energie per andare avanti nelle tue battaglie. Al di là dell’aspetto mediatico, che fa piacere – prosegue il magistrato – credo sia importante divulgare le cose positive, in un mondo in cui troppo spesso anche in modo inconsapevole si esalta il male. Se ne deve parlare affinché i giovani siano consapevoli che si può sempre scegliere di intraprendere la strada della legalità, affermandosi con un percorso virtuoso e nel rispetto degli altri.

“Gran premio internazionale Leone d’oro di Venezia”. Catello Maresca tra i premiati di quest’anno assiemiamo a Giuseppe Barretta

Premio alla carriera per Luisa Antonietta Pannone, segretaria al ministero della pubblica amministrazione e ex segretaria del ministro delleconomia Giovanni Tria, nonché cavaliere dellOrdine al merito della Repubblica Italiana. Vince il premio alla comunicazione e alla carriera Rafael Ramirez Carreño, presidente dal 2004 al 2014 della compagnia petrolifera VDPESA, ambasciatore Onu ed ex ministro del petrolio in Venezuela. Carreño è fra i maggiori esperti al mondo del settore petrolchimico, oggi vive in Italia, anche a causa della complessa situazione politica del suo Paese. Sarà premiato per la comunicazione e il supporto tecnico sugli andamenti del mercato petrolifero a livello mondiale. Carreño è un grande conoscitore dei mercati del petrolio: nei periodi di crisi del settore petrolifero è spesso riuscito ad anticipare le problematiche che sarebbero sorte a livello internazionale. Inoltre, quando è stato ministro del petrolio – racconta Barretta -, ha fatto costruire migliaia di case per i poveri totalmente gratuite. Insignito del premio allimprenditoria invece Alessandro Mucci. Il gruppo Mucci carburanti” è stato nel 2019 fra le prime venti aziende per espansione e crescita aziendale in Italia.

Questi i nomi individuati dal vicepresidente e dal comitato del gran premio, di cui fa parte anche Vincenzo Schiavo, console onorario di Russia e presidente di Confesercenti Campania. Durante levento saranno premiati anche altri personaggi, selezionati dal presidente del premio Sileno Candelaresi e da altri comitati: Mogol (premio alla carriera), Gianluigi Buffon, Beppe Marotta, Giampiero Gasperini (miglior allenatore 2019/2020), Igli Tare (miglior dirigente sportivo), Fulvio Collovati (Premio alla carriera sportiva), Niccolò Branca (premio allimprenditoria) e Tommaso Trussardi (premio alla carriera imprenditoriale).

Continua a leggere

Cultura

GoBugsGo Sugomania la tradizione popolare in una performance per la salvaguardia degli insetti

Avatar

Pubblicato

del

Arte e natura si incontrano al Quartiere Intelligente nel rispetto delle tradizioni napoletane e del sud Italia. Le conserve, le passate e i boccacci di pomodori diventano il fulcro della performance dell’artista austriaco Edgar Honetschläger che da esse prende spunto per presentare per la prima volta in Italia il suo progetto “GoBugsGo_Sugomania” che mira a sensibilizzare il pubblico sull’importanza degli insetti, anello cruciale e maggiormente in pericolo nell’ecosistema. Il progetto si è svolto con una  una performance collettiva di due giorni in cui l’artista “alchimista” insieme al pubblico presente ha preparato delle passate di pomodori, come nella migliore tradizione napoletana.
Le speciali conserve confezionate dall’artista con l’aiuto dei partecipanti alla performance sono state un incentivo per l’adesione di nuovi membri (BUGGIES) e per finanziare la ONG Gobugsgo – http://gobugsgo.org/it/

Il pentolone di cottura, mano a mano, si riempiva dell’oro rosso dopo che i pomodori venivano tagliati in due parti o come si dice nel gergo napoletano a “pacchetelle”, ossia, quattro parti identiche aperte per una migliore e più veloce cottura.

La performance cha ha visto la partecipazione collettiva e attiva dei partecipanti all’evento, oltre a ricordarci una pratica che oramai va scomparendo, anche per la difficoltà di approvvigionamento dei classici pomodori San Marzano  rastrellati dalle grandi aziende e dai consorzi di distribuzione, è incentrata su di una raccolta fondi per acquisire appezzamenti di terra da restituire alla natura e dichiarare NON HUMAN ZONE, questo perché negli ultimi 20 anni l’80% degli insetti e successivamente il 40% degli uccelli sono scomparsi dalla superficie della terra. L’assenza di pioggia combinata all’utilizzo di pesticidi, all’ inquinamento e a molti altri fattori negativi, hanno fatto estinguere sempre più specie, ma senza le loro capacità di impollinazione il raccolto di frutta e verdura diminuirà drasticamente. Farfalle, cicale e lucciole si stanno lentamente trasformando in creature del passato. Un motivo più che sufficiente per Honetschläger per riflettere e sviluppare una contro azione sia a livello locale che a livello globale, spingendolo a fondare nel 2018 l’ONG Gobugsgo, un progetto che aspira ad avviare misure collettive a favore del ripristino dell’habitat naturale degli insetti e degli uccelli in via di estinzione.

A Napoli è in corso di definizione la convenzione con il Museo e Real Bosco di Capodimonte per la prima NON HUMAN ZONE della città. GobugsGo è stato lanciato nel 2018 alla Kunsthalle di Vienna e successivamente presentato nel 2019 al Forum Stadtpark di Graz, al Oberösterreichische Landesgalerie di Linz, al Museum der Moderne Salzburg, Frankfurter Kustverein, Kunstverein Eisenstadt, Glaspalast Augsburg. Il progetto presentato Sabato 26 da Maria Cristina di Stasio – Fondatrice del Quartiere Intelligente
Mario Codognato – Curatore, Adriana Rispoli – Curatrice, Fabrizio Pascucci – Notaio e membro del CDA Museo e Real Bosco di Capodimonte, Georg Schnetzer – Direttore del Forum Austriaco di Cultura, Roma, Donato Mancini – entomologo del Dipartimento di Agraria (Sezione BIPAF), Università degli Studi di Napoli Federico II ha visto la partecipazione di Maurizio Cattelan caro amico  e frequentatore del Quartiere Intelligente

Gobugsgo è un’iniziativa multidisciplinare che vede la partecipazione di storici dell’arte, avvocati, economisti, biologi, ecologisti, agricoltori il progetto mira a creare una pratica collettiva invitando ogni individuo ad attivarsi concretamente per salvare il pianeta dal collasso totale, la ONG conta 1000 membri, e sono state acquisite e dichiarate zone non umane tre aree della dimensione di 7 ettari ed è stata naturale la condivisione di tali propositi con il Quartiere Intelligente che mira da sempre a stabilire un ponte e un legame tra le arti e la natura  ha come obiettivo, la realizzazione di un attrattore urbano ecologico attento alle problematiche della difesa dell’ambiente e sempre attivo con  importanti e stimolanti proposte d’arte contemporanea.

 

 

 

 

Continua a leggere

Cultura

I suoni produttivi del ventre di Napoli in Terra Asciutta, l’opera di Adriano Melis alla Sanità

Avatar

Pubblicato

del

Suoni, battiti, tocchi, forti fruscii, si ascoltano ed è come essere proiettati al centro di una catena di montaggio di una fabbrica produttiva operante a pieno ritmo. E’ cosi che si snoda l’istallazione Terra Asciutta, creata da Adrian Melis, cubano, classe 1985, negli spazi sotterranei del sito archeologico che conserva i resti dell’Acquedotto Augusteo del Serino nell’area Borgo Vergini – Rione Sanità a Napoli e che vedrà da domani 27 Settembre fino al 15 Novembre quello che segna la terza mostra del programma di arte contemporanea Underneath the Arches, diretto da Chiara Pirozzi e Alessandra Troncone. Nato nel 2018, il progetto Underneath the Arches intende innescare un dialogo fra archeologia e arte contemporanea. Proprio come Terra Asciutta riesce a compiere, in una immersione nei trambusti produttivi ricreati con secchi, piatti di plastica, polistirolo, materiale edile di risulta, tubi zincati, carta, buste ecologiche piene di cartoni e coperte termiche, di quelle che si porgono ai migranti al loro sbarco. Suoni, ma anche rumori, onde sonore che scandiscono questa performance che si tiene nel tratto di acquedotto di epoca romana, rinvenuto nel 2011 al di sotto del Palazzo Peschici-Maresca. Le due curatrici ci dicono che con il progetto Terra asciutta, realizzato appositamente per Underneath the Arches, “l’artista analizza e rende manifesto lo scarto esistente fra la funzione attiva  e necessaria che in passato ha avuto l’Acquedotto Romano e il ruolo  passivo  e conservativo che oggi si richiede a quella stessa struttura. Adrian Melis, attraverso un’azione fortemente simbolica, innesca un nuovo processo in grado di restituire vitalità e funzionalità al luogo, trasformando così il bene archeologico in un luogo produttivo e non solo contemplativo. L’artista riattiva, in questo modo, l’originario flusso d’acqua grazie a un reclutamento di forza lavoro nell’area Vergini-Sanità e mediante l’utilizzo sperimentale della tecnica cinematografica della Foley art. L’impresa poetica, ma anche vana nella sua fugacità, coinvolge il visitatore in forma immersiva sia in occasione dell’inaugurazione, durante la quale sarà realizzata un’azione performativa, sia nel corso della mostra, attraverso la restituzione di un’installazione ambientale site specific.”

Dai rumori concitati che confondono l’udito in superfice a Via Arena Sanità, scendendo le scale che portano alle cisterne dell’acquedotto Augusteo si entra nelle vibrazioni dell’acqua corrente e negli ondeggiamenti delle mani e dei corpi che un tempo animavano queste cisterne con un ritmo che sarà sicuramente ripetitivo, ma diffonde oscillazioni sonore mai uguali, come mai uguale è la vita quotidiana.

 

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto