Collegati con noi

Economia

Italiani sfiduciati e ansiosi, la metà vuole uomo forte

Avatar

Pubblicato

del

La crisi economica lascia le sue cicatrici dopo essere penetrata non solo nelle abitudini quotidiane degli italiani, ma anche nel loro modo di pensare, di comportarsi e di concepire la vita pubblica. Impoveriti, dominati dall’incertezza sul proprio futuro, presi dall’ansia e “macerati” dalla sfiducia, negli ultimi anni gli italiani hanno accentuato il loro individualismo e fatto ricorso a “stratagemmi individuali” di autodifesa, oggi sfociati in “crescenti pulsioni antidemocratiche” e nell’attesa “messianica dell’uomo forte che tutto risolve”. Di fronte ad una politica che non decide, o che decide “senza produrre effetti”, il 48% del Paese crede che la soluzione a tutti i mali passi dunque per “l’uomo forte al potere”, che non debba preoccuparsi né del Parlamento nè delle elezioni. Il quadro che emerge dall’ultimo rapporto del Censis non e’ piu’ solo di un Paese opportunistico, ma ormai soggiogato da uno “stress esistenziale, logorante perche’ riguarda il rapporto di ciascuno con il proprio futuro”. La relazione con il prossimo e’ entrata in crisi, al punto che il 75% non si fida piu’ degli altri, soprattutto se considerati ‘diversi’. Secondo il Centro studi, ad essere montata nell’ultimo anno e’ una pericolosa deriva verso l’odio, l’intolleranza e il razzismo nei confronti delle minoranze, percepita a livello diffuso. Il 70% degli italiani e’ infatti convinto che siano aumentati gli episodi di intolleranza e razzismo verso gli immigrati, dovuti per poco meno di un quarto della popolazione al fatto che gli extracomunitari sono troppi. E per il 58% e’ aumentato anche l’antisemitismo. A minare la sicurezza e’ stata nel tempo “la rarefazione” della protezione del welfare pubblico, ma anche la rottura dell’ascensore sociale, considerato bloccato dal 69% degli italiani, disamorato anche verso due capisaldi degli investimenti famigliari: i Bot, dai rendimenti ormai infinitesimali, e la casa, andata progressivamente perdendo valore. Il nerbo della crescita, il lavoro, per quanto apparentemente in crescita, si e’ peraltro rivelato incapace di assicurare vero benessere. Il Censis giudica l’aumento dell’occupazione del 2018 e dei primi mesi del 2019 “un bluff”, creato dal boom dei lavori part time (spesso non voluti ma obbligati) o a basso reddito. Il bilancio della recessione, calcola il rapporto, e’ di 867.000 occupati a tempo pieno in meno e 1,2 milioni in piu’ a tempo parziale. Il part time involontario riguarda 2,7 milioni di lavoratori, con una vera e propria impennata tra i giovani (+71,6% dal 2007). Dall’inizio della crisi al 2018, le retribuzioni del lavoro dipendente sono scese di oltre 1.000 euro l’anno. E i lavoratori che guadagnano meno di 9 euro l’ora lordi sono oggi 2,9 milioni. Complicato e’ anche il rapporto con l’Unione europea. Il 62% degli italiani e’ convinto che dall’Ue non si debba uscire, ma il 25%, uno su quattro, e’ invece favorevole all’Italexit. A quasi 18 anni dall’introduzione dell’euro, il 61% dice no al ritorno della lira e il 24% e’ invece favorevole. Inoltre, se il 49% si dice contrario alla riattivazione delle dogane alla frontiere interne della Ue, considerate un ostacolo alla libera circolazione di merci e persone, il 32% sarebbe invece per rimetterle. La nota positiva arriva invece dalla crescere attenzione al clima dei giovani. Il Censis ha intervistato i dirigenti scolastici e il risultato e’ che secondo il 74% dei presidi, l’etica ambientalista negli studenti e’ cresciuta grazie all”effetto Greta”. Il 60,9% ritiene che i propri alunni siano molto sensibili e partecipi delle esperienze che la scuola propone sul tema. Il 17,4% riferisce che sono loro stessi a farsi promotori di una nuova etica ambientale presso le famiglie e per il 12,9% spesso si fanno latori di nuove iniziative presso le scuole.

Advertisement

Economia

Agcom, multa di 2 milioni di euro a Tim, Vodafone e Wind tre per i costi a fine credito delle prepagate

Avatar

Pubblicato

del

Multa salata, per un totale di 2 milioni di euro, ai tre grandi operatori di telefonia mobile da parte dell’Autorita’ di garanzia nelle comunicazioni. TIM, Vodafone e Wind Tre saranno infatti costretti a pagare 696 mila euro ciascuno, colpevoli di aver liberamente cambiato i contratti introducendo una modifica sull’esaurimento del credito delle prepagate, ritenuta in contrasto con la normativa di settore. In sostanza, la modifica unilaterale dei contratti finita nel mirino dell’Agcom prevede che se l’utente di un contratto prepagato esaurisce il proprio credito e non effettua una ricarica utile al rinnovo dell’offerta, gli operatori non bloccano piu’ il traffico in uscita ma lo rendono comunque disponibile pur in assenza di una volonta’ espressa dallo stesso utente medesimo, addebitando un costo aggiuntivo ai clienti che, anche inconsapevolmente o involontariamente, fruiscono dei servizi voce, SMS e dati.

Il costo del traffico erogato viene poi detratto dalla successiva ricarica. Insomma, per l’Autorita’ quello che apparentemente potrebbe sembrare un servizio utile per gli utenti e’ invece una pratica a scapito loro in quanto senza saperlo si trovano dei costi addebitati nella ricarica successiva. L’Agcom spiega che la condotta degli operatori “non puo’ configurarsi come semplice esercizio dello jus variandi per il quale, in applicazione dell’art. 70, comma 4 del Codice delle comunicazioni elettroniche, non e’ necessaria l’accettazione da parte degli utenti essendo sufficiente la garanzia di un diritto di recesso dal contratto senza costi”. Nel corso di un’approfondita istruttoria avviata lo scorso luglio, l’Autorita’ ha verificato infatti che gli operatori non si sono limitati a modificare le originarie condizioni del contratto prepagato sottoscritto, ma vi hanno inserito un quid novi che, in quanto tale, doveva essere accettata dagli utenti. Tale condotta e’ risultata inoltre in contrasto con quanto previsto da una precedente delibera che obbliga gli operatori a far cessare immediatamente la connessione dati nel caso in cui il credito disponibile sia completamente esaurito e a riattivarla soltanto dopo aver ricevuto un’espressa manifestazione di volonta’ da parte dei clienti. L’Autorita’ ha inoltre accertato la violazione da parte dei tre operatori degli obblighi in materia di trasparenza delle informative rese in occasione di alcune variazioni delle condizioni economiche di offerte di rete mobile. E nel caso di WindTre, e’ stata sanzionata anche l’introduzione di un costo associato alla navigazione internet illimitata a 128Kb allorche’ sia stato esaurito il bundle dati associato all’offerta sottoscritta. Con la decisione assunta, l’Agcom si pone in sintonia con quanto affermato in relazione allo jus variandi dal Consiglio di Stato in una recente sentenza secondo cui l’art. 70, comma 4, del Codice non puo’ applicarsi a qualsiasi tipo di variazione del contenuto del contratto, ma ci sono dei limiti. “In primo luogo – si legge nella sentenza – le modifiche unilaterali possono riguardare soltanto la variazione di condizioni gia’ contemplate nel contratto; in secondo luogo, i mutamenti delle condizioni preesistenti non possono mai raggiungere il livello della novazione del preesistente rapporto obbligatorio”.

Continua a leggere

Economia

Ryanair, scioperi a gogo ma arriva il sigillo Codacons: riconoscimento dei consumatori

Avatar

Pubblicato

del

Questa è nuova. E ve la diamo così come ce la fornisce Ryanair ovvero la compagnia aerea che si definisce “la compagnia numero uno in Italia e in Europa”. Ebbene Ryanair annuncia di essere “il primo vettore ad ottenere il sigillo ‘Ok Codacons’, riconoscimento per termini e condizioni affidabili e trasparenti, un servizio clienti efficiente e un sito web user friendly”. Un sigillo che arriva alla fine di un anno orribile per Ryanair, con molti scioperi e migliaia di passeggeri costretti a cambiare progetti di vacanza o lavoro per essere riprotetti su altre rotte e altri voli di altre compagnia per gli scioperi nel 2019. L’ultimo sciopero per la compagnia low cost Ryanair che ha fatto danni incalcolabili alla clientela è quello del 14 gennaio. Eppure, nonostante questo per Ryanair è arrivato il sigillo di qualità di una associazione di consumatori. La stessa compagnia in una nota fa sapere che “il conferimento da parte di Codacons è giunto a seguito del feedback positivo dei consumatori italiani e dell’approvazione di Enac”.

“Ryanair è lieta di annunciare di essere stata la prima compagnia aerea ad ottenere il sigillo ‘OK Codacons’, in seguito all’annuncio della collaborazione con Codacons ad agosto 2019”, dice Kenny Jacobs di Ryanair. E aggiunge: “non vediamo l’ora di ricevere il terzo trifoglio come azienda sostenibile, dal momento che Ryanair è la compagnia aerea più green e con le emissioni piu’ basse d’Europa”. Per il presidente dell’Enac, Nicola Zaccheo, “iniziative come questa sono positive in quanto evidenziano come il passeggero sia, e debba sempre essere, al centro del sistema del trasporto aereo”. Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, avverte: come “associazione continueremo a tenere alta la guardia e monitoreremo costantemente la qualità dei servizi resi agli utenti e il pieno rispetto dei loro diritti”.

Continua a leggere

Economia

Sewelo, è il diamante grezzo più grande del mondo: 1758 carati

Avatar

Pubblicato

del

La maison Louis Vuitton annuncia la sua partecipazione, assieme a Lucara Diamond Corporation e a Hb Company di Anversa, alla lavorazione di un diamante raro ed eccezionale, da 1758 carati, il secondo il più grande diamante grezzo mai trovato: Sewelo, che significa “scoperta rara” in lingua setswana. Il 19 aprile 2019 rimarrà un momento storico: il giorno in cui il monumentale diamante grezzo da 1758 carati, e’ venuto alla luce nella miniera di Karowe in Botswana al 100% di proprietà di Lucara Diamond Corporation. È il secondo diamante grezzo piu’ grande mai scoperto e il piu’ grande ad aver mai lasciato il Botswana. Grande circa come una pallina da tennis, che misura 83 mm x 62 mm x 46 mm, pesa 352 grammi, Sewelo e’ il secondo diamante allo stato grezzo piu’ grande della storia, superato solo dal Cullinan, a 3106 carati, scoperto in Sudafrica nel 1905, e trasformato in storici diamanti che ora sono parte della British Crown Jewels e della collezione reale. Sewelo e’ anche il piu’ eccezionale e grande diamante grezzo recuperato dall’avanguardistica miniera Karowe di Lucara in Botswana. Il diamante e’ rimasto intatto grazie al circuito high-tech XRT di Lucara, un processo di recupero avanzato che evita la rottura della roccia contenente la pietra preziosa. L’analisi iniziale di Sewelo caratterizza la pietra come “gemma di qualita’” con “prevalenza di gemma bianca di alta qualita’”, mentre gli studi dettagliati sulla pietra, la sua composizione, qualita’ e potenziale continueranno per diversi mesi. Sewelo e’ spettacolare non solo per le sue incredibili dimensioni ma anche per le sue caratteristiche di forma, colore, formazione e composizione. Il cristallo grezzo e’ in gran parte coperto da uno strato molto sottile di carbonio nero, che custodisce al suo interno i segreti di 2 miliardi di anni. L’intera portata delle variazioni di colore e chiarezza della resa del diamante e’ ancora sconosciuta.

Continua a leggere

In rilievo