Collegati con noi

Esteri

“Istigazione a proteste”, arrestato in Egitto l’attivista Patrick George Zaky

Avatar

Pubblicato

del

L’ultimo esame tre giorni fa, in Italia, all’Universita’ di Bologna per un master sugli studi di genere. Poi la partenza per casa, in Egitto, per una breve in vacanza. Ma Patrick George Zaky, studente egiziano di 27 anni, dalla sua famiglia a Mansoura non ci ha mai messo piede: all’arrivo al Cairo tra giovedi’ e venerdi’ notte e’ stato arrestato dalle autorita’ locali con capi d’accusa che vanno dall’istigazione alle proteste alla diffusione di notizie false. Da allora e’ detenuto e, secondo quanto riferito dai suoi legali, e’ stato non solo interrogato ma anche torturato con elettroshock. Un caso che richiama quello, tragico, dell’italiano Giulio Regeni e sul quale si e’ attivata la Farnesina. Ad accendere i riflettori sulla vicenda e’ Amnesty International Italia, che filtra le frammentarie informazioni che arrivano dall’Egitto, tramite reti di attivisti. Patrick George Zaky, spiega Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International, “e’ un attivista a tutto tondo” con interessi specifici nella giustizia per le persone Lgbt e nell’identita’ di genere. Un profilo che il giovane aveva deciso di approfondire con un master internazionale in Italia, all’Universita’ di Bologna: ‘Gemma’, un corso unico del suo genere in Europa, supportato dalla Commissione Ue. Secondo quanto ricostruito dalla Egyptian Initiative for Personal Rights (Eipr), l’associazione egiziana cui Patrick fa capo, il giovane e’ stato fermato all’arrivo in aeroporto della capitale egiziana. Patrick era via dal suo Paese dall’agosto 2019, quando appunto si era trasferito a Bologna per il Master. Tornava a casa, dalla famiglia, per una vacanza, ma e’ stato preso in custodia dalle autorita’ egiziane e poi per 24 ore e’ di fatto scomparso fino a questa mattina, quando a Mansoura, sua citta’ natale a 120 chilometri dal Cairo, e’ comparso davanti ai pm egiziani che lo hanno accusato, tra le altre cose, di diffusione di notizie false, incitazione a proteste, tentativo di rovesciare il regime, uso dei social media per danneggiare la sicurezza nazionale, propaganda per i gruppi terroristici e uso della violenza. Non solo. Nelle 24 ore intercorse tra l’arresto e la detenzione a Mansoura, Zaky “e’ stato picchiato, sottoposto a elettroshock, minacciato e interrogato sul suo lavoro e sul suo attivismo”, riferisce Eipr. Sarebbe stato inoltre presentato un rapporto della Polizia che sostiene “falsamente” di averlo arrestato a un checkpoint di Mansoura in base a un mandato emesso a settembre 2019. Ora la procura egiziana ha ordinato 15 giorni di custodia cautelare. Uno dei peggiori scenari possibili. “Se parte questo stillicidio dei 15 giorni di detenzione rinnovabili rischia di essere dimenticato”, afferma Riccardo Noury di Amnesty Italia. Tuttavia “non sottovalutiamo di aver fatto questo ‘rumore'” per Patrick: “E’ una deterrenza per chi pensa che nessuno nel mondo sappia cosa succede e che quindi crede di poterlo trattare come gli pare, come accaduto con Giulio”. Il pensiero non puo’ non andare a Giulio Regeni, di cui da pochi giorni si e’ commemorato il quarto anniversario del ritrovamento del suo cadavere. Proprio la legale della famiglia Regeni, Alessandra Ballerini, firma insieme all’associazione dei dottorandi e dottori di ricerca in Italia, agli studenti del Master Gemma di Bologna e a Link Coordinamento Universitario un appello per chiedere verita’ su Giulio e Patrick e per chiedere al Governo “di inserire l’Egitto nella lista dei Paesi non sicuri e di richiamare l’ambasciatore italiano in Egitto per consultazioni”. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio fa sapere di seguire “con attenzione” la vicenda, attraverso l’ambasciata al Cairo. Su Change.org c’e’ una petizione con migliaia di firme per fare pressione sul governo egiziano affinche’ liberi Patrick George Zaky. Con la speranza che una tale mobilitazione possa dare al ricercatore egiziano una sorte diversa da quella di Giulio Regeni.

Advertisement

Esteri

Coronavirus: in Cina 54 nuovi casi, tutti da estero

Avatar

Pubblicato

del

 Sono 54 i nuovi casi di coronavirus in Cina nelle ultime 24 ore, tutti provenienti dall’estero. Lo ha comunicato la Commissione nazionale per la salute, aggiungendo che altri 383 pazienti sono guariti. Tre i morti, tutti nella provincia di Hubei dove pero’ nessun nuovo caso e’ stato registrato nelle ultime 24 ore. In totale in Cina si contano 81.394 casi di contagio. Le vittime dell’epidemia sono 3.295. I guariti nel complesso ammontano a 74.671.

Continua a leggere

Esteri

Biden sfiderà Trump, sua ex assistente lo accusa: mi ha abusata nel 26 anni fa

Avatar

Pubblicato

del

Un ex assistente di Joe Biden accusa il candidato democratico alla Casa Bianca di aver molestata sessualmente nel 1993. Tara Read, una delle otto donne che ha accusato Biden di averla toccata in modo inappropriato, entra nei dettagli e rivela che Biden l’ha baciata e abusata con le sue mani senza il suo consenso. Lo riporta Huffington Post.

Continua a leggere

Esteri

UE ad un passo dallo sfaldamento, Macron: Francia al fianco di Italia, basta egoismi

Avatar

Pubblicato

del

“Non voglio un’Europa egoista e divisa”: lo dice il presidente francese, Emmanuel Macron, in un’intervista riportata dall’agenzia AFP in cui sottolinea che “la Francia e’ al fianco dell’Italia”. “Non supereremo questa crisi – dice Macron – senza una solidarieta’ europea forte, a livello sanitario e finanziario”. “L’Ue, la zona euro, si riducono a un’istituzione monetaria e a un insieme di regole che consentono a ogni Stato di agire per conto suo? O si agisce insieme per finanziare le nostre spese, i nostri bisogni in questa crisi vitale?”.

Al Consiglio europeo di giovedi’ scorso, continua Macron, “dieci Paesi dell’eurozona, rappresentanti del 60% del suo PIL, hanno esplicitamente sostenuto” l’idea di “Coronabond”, di “una capacita’ di indebitamento comune, quale che sia il suo nome, oppure di un aumento del bilancio dell’Unione europea per permettere un sostegno reale ai paesi piu’ colpiti da questa crisi”. “Alcuni Paesi, tra cui la Germania – ha continuato Macron nell’intervista a tre quotidiani italiani – hanno espresso le loro reticenze. Abbiamo deciso di continuare questo fondamentale dibattito, al piu’ elevato livello politico, nelle prossime settimane. Non possiamo abbandonare questa battaglia. Preferisco un’Europa che accetti divergenze e dibattiti piuttosto che un’unita’ di facciata che conduce all’immobilismo. Se l’Europa puo’ morire, e’ nel non agire. Come Giuseppe Conte, non voglio un’Europa del minimo comune denominatore. Il momento e’ storico: la Francia si battera’ per un’Europa della solidarieta’, della sovranita’ e dell’avvenire”. Quanto alla crisi sanitaria e al modello di reazione dell’Italia e della Francia all’epidemia, Macron ricorda che in Francia “abbiamo preso le misure piu’ forti e al piu’ presto; abbiamo adottato, dinanzi a un numero di casi simile, le misure di restrizioni sociali qualche giorno prima dei nostri partner europei. Non me ne do alcun merito – aggiunge – perche’ la scienza ci ha illuminato e l’Italia ci ha preceduto in questa crisi che abbiamo potuto trarne le lezioni per noi stessi. Abbiamo imparato dalle esperienze dolorose del vostro Paese e dalle decisioni coraggiose prese dal vostro governo: molti paesi europei giudicavano eccessive tali restrizioni, oggi tutti le attuano perche’ sono indispensabili nella nostra guerra contro il virus”.

Continua a leggere

In rilievo