Collegati con noi

Cronache

Il tributo della Scala a Mattarella, applauso a Segre

Avatar

Pubblicato

del

E’ stata una vera e propria ovazione quella che ha accolto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al suo ingresso nel palco reale della Scala per la prima di Tosca, che inaugura la stagione lirica del teatro milanese. Un tributo – con un applauso caloroso lungo quasi quattro minuti – e tutto il pubblico in platea, nei palchi e nel loggione in piedi, come gia’ era successo l’anno scorso alla prima di Attila. E, una volta iniziato l’inno di Mameli, dietro il sipario i coristi si sono messi spontaneamente a cantare le parole.

“Se lo merita tutta e sempre il nostro presidente” ha commentato il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora. “Sappiamo che la Prima della Scala rappresenta tutto il nostro Paese, non solo la citta’ di Milano” ha aggiunto l’ex ministro Maria Elena Boschi, esponente di ItaliaViva. A salutare il presidente e’ stata anche Liliana Segre, diventata senatrice a vita per il suo impegno nel mostrare l’importanza della memoria, a partire da quella dell’Olocausto, a cui lei e’ sopravvissuta. E anche lei al suo arrivo in platea (discretamente accompagnata dalla scorta di carabinieri che le e’ stata affidata dopo le minacce di morte) e’ stata accolta da applausi. “Sono abbonata da 30 anni, sono sempre alla Scala, mi manca di venire qui a fare le pulizie. La Tosca mi piace per la passione, non ho avuto sempre 90 anni, ho avuto anche io una passione” ha scherzato aggiungendo che “la cultura aiuta, in tutto. Come dice Primo Levi ‘conoscere e’ necessario in assoluto”.

E il tema di Tosca – molestata dal malvagio Scarpia che la costringe a cedergli per salvare la vita al suo amato Cavaradossi – e’ tema a dir poco attuale in tempo di #metoo. “Un affresco” della realta’ con “temi come l’emarginazione, la violenza sulle donne, le diseguaglianze sociali che sono temi tornati di attualita’” ha sottolineato il presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati. E mentre Patti Smith ha liquidato la questione spiegando che Tosca “e’ arte”, Boschi ha ricordato che “tutto quello che porta a parlare dei rischi che le donne subiscono anche semplicemente andando al lavoro e’ positivo. Veniamo da secoli in cui non se ne parlava: e’ caduto il muro dell’omerta’”. “La situazione e’ ancora estremamente grave nel Paese e nel mondo” ha detto il sindaco Giuseppe Sala, sottolineando il bisogno della “prevenzione perche’ non si finisca come Tosca”. Da oggi – con gli ambrogini d’opera e l’apertura della Scala – fino al 12 con la commemorazione dai 50 anni dalla strage di piazza Fontana, passando per la manifestazione dei sindaci ‘L’odio non ha futuro’ – per Sala iniziano “le cinque giornate di Milano”. Il presidente Mattarella ha apprezzato lo spettacolo e lo ha detto anche agli artisti e alle maestranze, che lo hanno applaudito al suo arrivo per un saluto nei camerini durante il secondo intervallo. “Era il minimo, la sua presenza si sente” ha commentato il violinista Francesco Tagliavini.

Advertisement

Cronache

Mafia, nell’inchiesta sul figlio del boss Badalamenti anche le minacce al sindaco di Cinisi

Avatar

Pubblicato

del

Leonardo Badalamenti, uno dei due figli del boss Tano arrestato dalla Dia su ordine dell’autorita’ giudiziaria brasiliana, in questi giorni era stato denunciato dai carabinieri per essersi nuovamente impossessato di un casolare in contrada Uliveto a Cinisi, che gli era stato sequestrato. Il figlio del boss aveva infatti ottenuto dai giudici della corte di assise la restituzione del bene, finito per errore nel decreto di confisca. Senza attendere la notifica del provvedimento Badalamenti Jr ha rotto il catenaccio per tornare nuovamente in possesso dell’immobile, ne e’ nato uno scontro violentissimo con il sindaco di Cinisi Giangiacomo Palazzolo, tanto che sono intervenuti i carabinieri che lo hanno fatto sloggiare e lo hanno denunciato. La querelle era stata innescata dopo che il figlio del boss aveva presentato il 23 luglio scorso un’istanza al Comune, intimando al sindaco di sgomberare il casolare. Solo che il provvedimento di revoca della confisca e’ stato notificato a Badalamenti dai carabinieri di Castellammare del Golfo (citta’ dove ormai vive), ma non ancora al sindaco di Cinisi. Da qui lo scontro tra i due e la denuncia che i carabinieri hanno presentato contro Badalamenti, sembrerebbe per esercizio arbitrario delle proprie ragioni. Pure il sindaco Palazzolo ha presentato denuncia. “Il signor Badalamenti – ha detto – ha attuato un comportamento grave e inaccettabile. Non siamo disposti a tollerare simili atteggiamenti da nessuno figuriamoci dal figlio di un boss. Rivendico la scelta di averlo allontanato dopo che si era gia’ introdotto nell’immobile. Riteniamo che, a prescindere dal contenzioso, il signor Badalamenti non riavra’ mai il suo bene perche’ esiste una legge che ci consente di trattenerlo al patrimonio di Cinisi e dei suoi cittadini. Una legge chiara che intendiamo applicare. Il casolare non e’ casa sua, ma dei ragazzi della nostra comunita’. Anzi, sin d’ora mi adoperero’ affinche’ alcuni spazi siano assegnati a Casa Memoria (la casa natale di Peppino Impastato)”.

Continua a leggere

Cronache

Arrestato Leonardo Badalamenti, il figlio di don Tano: era in Sicilia a casa della madre

Avatar

Pubblicato

del

È stato arrestato dalla Dia per un mandato di cattura internazionale Leonardo Badalamenti, figlio dello storico boss di Cosa nostra Tano Badalementi. Era in vacanza, a casa della madre a Castellamare del Golfo, in provincia di Trapani: gli investigatori della Dia hannoneseguito il mandato dell’autorità giudiziaria di San Paolo, Brasile, per associazione criminale finalizzata al traffico di droga e per falsità ideologica.

Leonardo Badalamenti, 60 anni, alias Carlos Massetti, come si faceva chiamare in Brasile dove aveva l’identità di un uomo d’affari,  era latitante dal 2017 quando venne colpito da un’ordine di arresto. Il secondogenito di don Tano Badalamenti era stato già arrestato nel 2009 durante un’operazione del Ros che vide altre 19 persone accusate di associazione mafiosa ed altri reati. Le autorità brasiliano indagavano Leonardo Badalamenti anche per una serie di truffe milionarie nei confronti delle filiali di Hong Kong di banche d’affari internazionali come Shanghai Bank, della Lehman Brothers e dell’Hsbc.

 

Continua a leggere

Cronache

Genova, aperto alla circolazione il nuovo ponte: ecco la prima auto che lo percorre

Avatar

Pubblicato

del

Tornano a circolare le auto  sul nuovo viadotto sul Polcevera Genova-San Giorgio che è stato aperto al traffico. Erano circa le 22, con un ritardo di un paio d’ore dovuto ad un piccolo rappezzo d’asfalto quando il ponte ha iniziato ufficialmente la sua vita, poco meno di due anni dal crollo del ponte Morandi, una ferita per Genova e per l’Italia intera. Il giorno prima la cerimonia di apertura con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Nella foto pubblicata dal Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti su Twitter la prima auto che percorre il nuovo Ponte

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto