Collegati con noi

Sport

Il record di Mancini, in 17 mesi fa rinascere l’Italietta che non andò ai mondiali

Avatar

Pubblicato

del

Chiamiamolo effetto Mancini. In 17 mesi di azzurro Roberto Mancini ha guidato gli azzurri dal flop alla rinascita. L’Italia si è qualificata all’Europeo con tre turni di anticipo. E questo non era mai riuscito a nessun ct. La vittoria sulla Grecia  all’Olimpico vale il pass ufficiale a Euro 2020. È l’ottavo successo di fila. Meglio di Trapattoni e Valcareggi (arrivati a 7) e solo uno di meno di un mito azzurro, Vittorio Pozzo. Che però Mancini può eguagliare e superare. Certo, i risultati di queste 16 partite (10 vittorie, 4 pareggi, 2 sconfitte) non garantisce i favori del pronostico per il torneo del prossimo giugno. Ma dall’azzurro sbiadito del novembre 2017, quando la nazionale mancò per la seconda volta nella sua storia la qualificazione al Mondiale, alla notte di festa dell’Olimpico sembra passata un’era. E invece e’ trascorso poco meno di un anno e mezzo, impiegato a ricostruire la nazionale sui giovani. Dei 47 giocatori impiegati, 18 sono stati gli esordienti. Barella e Sensi sono diventati con Mancini punti fissi della rinascita, Zaniolo il simbolo della fiducia in giovani non ancora esplosi, Biraghi o Piccini l’esempio di come anche nelle pieghe del grande calcio si possano trovare soluzioni utili.

Advertisement

Sport

Ora pure il furto in auto di Zielinsky ma Ancelotti prova a restituire serenità alla squadra

Avatar

Pubblicato

del

Prima le attenzioni alla villetta di Allan a Pozzuoli, ora l’auto di Zielinski. La tensione nell’ambiente del calcio a Napoli resta alle stelle. Ed è quasi certo che dietro questo momento c’è un regista o una regia multipla.  Domenica “i soliti i(gn)oti hanno danneggiato l’auto del centrocampista polacco, portando via lo stereo e il navigatore satellitare, dopo avere infranto il finestrino dal lato passeggero. Ad accorgersi dell’effrazione è stata la moglie del calciatore, Laura, che era uscita con la macchina, una Smart, per andare a passeggio col cane della coppia sulla spiaggia di Varcaturo, poco distante dalla loro dimora. Al termine della passeggiata – tornando verso l’auto – l’amara sorpresa per la signora che, impaurita, è stata raggiunta dal marito. Il clima resta tesissimo in un ambiente in cui alla ribellione, vista dai tifosi come un tradimento alla maglia, si aggiungono i pessimi risultati che per gli azzurri parlano di tre punti nelle ultime tre gare di campionato. La sosta per le nazionali arriva quasi a fagiolo. Far calare le luci può significare anche far tornare la tranquillità. Poi si riparte con due match importanti: la sfida di Milano con i rossoneri e quella di Champions  col Liverpool. Il rapporto tra il tecnico e De Laurentiis è buono. I risultati e il gioco degli azzurri però è pessimo. Prima di partire per Los Angeles il patron ha sentito il tecnico per sottolineare la necessità della ripartenza. Il futuro a lunga scadenza è invece quello di una rivoluzione che sembra coinvolgere sempre più calciatori: Mertens e Callejon partiranno di sicuro, con la chance di poter lasciare Napoli già a gennaio perchè così il club monetizzerebbe visto che a giugno andrebbero via gratis. Ma anche i rinnovi diventano complicati. Zielinski  ha il contratto fino al 2021 ma aveva una trattaativa in corso da mesi che ora potrebbe incagliarsi. Domani il Napoli torna al lavoro con Ancelotti. Tanti i nazionali assenti ma anche la possibilità di cominciare a lavorare con Manolas, Allan e Ghoulam, che stanno recuperando dagli infortuni, e con Callejon e LLorente, non convocati dalla Spagna.

Continua a leggere

In Evidenza

Calcio in pausa ma il caso Napoli tiene banco e già si parla di mercato e di clamorose uscite di scena

Marina Delfi

Pubblicato

del

Il campionato di calcio è in pausa e non potendo parlare di risultati o di tattiche almeno per qualche giorno tenere banco è il calcio mercato. A Napoli poi i tifosi stanno col fiato sospeso per vedere che cosa succede in questo tutti contro tutti che fa male davvero a tutti. Per non parlare di chi rimesta nel fango o, come si dice nella città partenopea, ‘azzupp’ ‘o biscotto, intinge il biscotto, nel senso che ci mette il suo carico nei veleni già esistenti. Parliamo di certi giornalisti, tifo organizzato, amici degli amici.

Con la ciliegina -vergognosa- della misteriosa effrazione in casa Allan dove c’era la moglie Thais incinta e i due bambini del calciatore. Detto questo la notizia che impazza è il presunto accordo fra Dries Mertens e l’Inter: va da sè che se con il Napoli il belga non riesce a trovare l’accordo per il rinnovo (in scadenza a giugno 2020 a parametro zero), se in Cina nonostante le sirene del ricco Guanghzou non ha voglia di andare, questo talentoso calciatore dovrà pur giocare da qualche parte la prossima stagione! Così il suo agente avrebbe avuto un approccio con Marotta dell’Inter… Per i tifosi anche questo è un tradimento? E poi è davvero tutto fatto? Mah…

In scadenza non c’è solo Mertens ma anche Callejon: pure lo spagnolo avrebbe avuto offerte allettanti dalla Cina. Di sicuro per entrambi c’è la presa di posizione del Presidente De Laurentiis che ha spiegato che se vogliono più soldi di quanti ne offre lui se ne possono anche andare. Fermi i rinnovi di Zielinski, Milik e Allan. Respinta una maxi offerta da 105 milioni di sterline (lo ha detto il Presidente De Laurentiis) per Koulibaly, blindato da una clausola ma si accettano trattative per Fabian Ruiz, Insigne è stato confermato (perché non sono arrivate offerte considerabili) e per qualcun altro ci sono trattative in corso. Con i risultati che non sono arrivati la tensione è alle stelle: una miscela esplosiva e si spera ci sia qualcuno pronto a disinnescare tutte queste mine altrimenti che succederà di qui a Gennaio?

Continua a leggere

Sport

Esce Ronaldo, entra Dybala e fa gol: la Juventus vince col Milan

Avatar

Pubblicato

del

E’ un gol di Dybala, entrato nel secondo tempo al posto di Cristiano Ronaldo apparso opaco, che consente alla Juventus di superare il Milan nel posticipo della dodicesima giornata di Serie A e di riprendersi la testa della classifica. L’attaccante argentino ha sfruttato un bell’assist di Higuain e, liberandosi della marcatura di Romagnoli, ha incrociato e quindi trafitto Donnarumma con un preciso rasoterra. I rossoneri escono comunque a testa alta dallo Juventus Stadium avendo messo in difficolta’, soprattutto nel primo tempo, i bianconeri. Con questa vittoria, la squadra di Sarri risponde quindi all’Inter raggiungendo quota 32 punti e riportandosi al primo posto, un punto sopra i rivali nerazzurri. Sempre piu’ delicata la posizione invece del Milan che con appena 13 punti resta nelle parti basse della classifica, appena 4 punti sopra la quota salvezza.

Continua a leggere

In rilievo