Collegati con noi

In Evidenza

Il Governo vuole creare un fondo integrativo per i giovani, c’è altolà sindacati perchè…

Avatar

Pubblicato

del

Non piace ai sindacati l’idea di creare un Fondo di previdenza complementare pubblico gestito dall’Inps, di cui ha parlato il presidente dello stesso Istituto, Pasquale Tridico, che l’esecutivo vorrebbe mettere in campo gia’ con la prossima legge di bilancio, guardando in particolare ai giovani. E’ “allo studio del governo”, conferma la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, sottolineando, infatti, che “e’ nel programma un fondo integrativo per i giovani” e “intendiamo portarlo avanti”. Dai leader di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, arriva l’altola’. A margine della firma dell’accordo sulla rappresentanza con Inps, Inl e Confapi, piuttosto rilanciano la necessita’ di cambiare la legge Fornero e di creare una “vera” pensione di garanzia per i giovani, che di certo, a loro parere, non possono trovare in questo fondo una risposta al problema del futuro previdenziale. Un futuro senza la prospettiva di assegni dignitosi per chi entra tardi nel mondo del lavoro e ha carriere discontinue. Il fondo, che sarebbe ad adesione volontaria e aperto a tutti, permetterebbe di cumulare i contributi versati anche nella gestione obbligatoria per coprire i buchi contributivi, nei periodi di non lavoro, e avere cosi’ una sorta di pensione di garanzia. Nascerebbe “a tutela dei giovani, delle donne e delle persone che hanno meno possibilita’ di aderire a fondi privati”, sottolinea Tridico, permettendo, quindi, “a chi ha carriere instabili, salari piu’ bassi un incentivo maggiore ad accumulare una pensione integrativa”. “Ci sono gia’ i fondi complementari privati, sono quelli della contrattazione collettiva. Dare una pensione di garanzia ai giovani non significa farlo attraverso i fondi complementari”, ribatte Landini, ribadendo che i sindacati da tempo chiedono di “riformare la legge Fornero in modo serio” e di “costruire la condizione per una pensione di garanzia” per i giovani. “Abbiamo fondi contrattuali importanti per i lavoratori e le lavoratrici. Credo che l’Inps si debba concentrare sull’ottima gestione della prima gamba della previdenza”, dice Furlan, bocciando l’idea. “Non siamo molto d’accordo”, afferma anche Barbagallo, secondo cui, invece, “bisogna incentivare di piu’ l’iscrizione dei giovani ai fondi complementari, perche’ oggi nel nostro Paese i fondi stanno dimostrando di essere un esempio per rendimento, sicurezza e possibilita’ di dare una mano alle pensioni del futuro”. La necessita’ dunque e’ quella di aprire una discussione “complessiva”, insistono i sindacati, perche’ oltre alla questione dei giovani, c’e’ quella dei contributi delle donne, dei lavori gravosi e della separazione tra assistenza e previdenza.

Advertisement

In Evidenza

Francesco Totti a sopresa a Castelvolturno per incitare Gattuso e il Napoli contro il Barcellona

Avatar

Pubblicato

del

Una bella sorpresa è sempre gradita, se poi questa sorpresa ha il nome di Francesco Totti lo è ancora di più. Una visita a Castelvolturno, nel ritiro del Napoli, per salutare Rino Gattuso e dare forza a Lorenzo Insigne che rischia di fermarsi contro il Barcellona per l’infortunio subito durante la partita con la Lazio. Un saluto per dare forza alla squadra in procinto di incontrare il Barcellona sabato 8 agosto: “Tutta Italia tifa per il Napoli”, ha detto Totti che era accompagnato per l’occasione da Vincent Candela.

Continua a leggere

Economia

Ecobonus auto, Di Risio (DR Automobiles): se estesi ad altri veicoli poco inquinanti darebbero una spinta al mercato

Marina Delfi

Pubblicato

del

Un’azienda tutta italiana che proprio mentre stava vivendo una nuova stagione positiva è stata temporaneamente rallentata dal ‘lockdown’: ebbene alla DR Automobiles non si sono persi d’animo e nel periodo più buio e difficile del nostro Paese si sono rimboccati le maniche e provato a dare una mano, convertendo il loro centro studi e le loro stampanti laser alla realizzazione di dispositivi per la respirazione da collegare alle maschere facciali. Strumenti che l’Azienda molisana di Macchia d’Isernia ha distribuito gratis a chi ne aveva bisogno ma adesso la produzione è ripresa con i nuovi modelli DR5 e F35. E dal 1. agosto sono partiti gli ecoincentivi dello Stato.

Gli ecoincentivi statali potrebbero costituire una spinta importante per la ripresa del comparto automotive qualora si prevedesse di estenderli anche ad altri veicoli, purché sotto la soglia dell’ecotassa attualmente fissata a 160 g/km di CO2, non limitandone dunque la portata quasi esclusivamente ad auto full electric o hybrid e paradossalmente ad alcuni diesel”. Così il Presidente e fondatore di DR Automobiles Groupe, Massimo Di Risio, ha commentato gli ecobonus previsti dal DL Rilancio ed attivi dallo scorso 1 agosto sull’acquisto di nuove automobili.

Macchia d’ISernia (IS). Sede della DR Auto. Il Presidente Massimo Di Risio nel suo ufficio con le coppe vinte durante la carriera da pilota. ©Dario Orlandi/Massimo Sestini

“Abbiamo da poco lanciato la Evo Electric, l’auto elettrica più economica del mercato con un’autonomia di oltre 300 km e tutti gli optional di serie. Tuttavia, riteniamo che le auto elettrichepotranno in futuro affermarsi nettamente nella mobilità urbana, soprattutto nei grandi centri. Al contrario, nella mobilità extra-urbana, riteniamo che l’acquisto che ancor oggi garantisce il miglior compromesso tra costo iniziale, costi di gestione ed impatto ambientale resti quello di un veicolo con motore a combustione interna, con alimentazione a GPL. Siamo convinti che l’alimentazione a GPL rappresenti allo stato la scelta più concreta di mobilità ecologica. D’altra parte, è la scelta che noi abbiamo fatto da tempo. Da oltre 10 anni siamo orgogliosi di essere l’unico costruttore che progetta motori destinati ad essere alimentati a GPL sin dall’origine, proprio per questo assicuriamo un’estrema affidabilità ai nostri clienti. Per concludere, certamente le auto elettriche potranno conquistare una fetta di mercato, ma i grandi numeri verranno ancora dalle auto tradizionali”.

“Per questo riteniamo che una scelta di forte sostegno per l’industria italiana potrebbe essere quella di non incentivare esclusivamente le auto elettriche e le hybrid, che richiedono contributi elevati sui singoli veicoli, rappresentano ancora una parte molto esigua del mercato e agevolano prima di tutto i produttori di batterie, al momento tutti localizzati in Estremo Oriente”.

“Diversamente, incentivare anche l’acquisto di veicoli bi-fuel darebbe un forte contributo al nostro sistema produttivo, dal momento che proprio in Italia abbiamo aziende leader mondiali nella produzione dei relativi sistemi; inoltre, il contributo statale per ciascuna vettura sarebbe di gran lunga inferiore a quello necessario per l’elettrico, ma a fronte di una platea di potenziali acquirenti molto più ampia. Si incentiverebbero comunque veicoli ecologici. Provvedimenti mirati in questo senso potrebbero far sì che le case automobilistiche intercettino più facilmente la nuova domanda di “automobile di proprietà” che avremo come effetto post Covid. Nello stesso tempo il parco circolante verrebbe rinnovato e reso meno inquinante.”

Al di là degli incentivi statali, quali sono le vostre strategie per la ripartenza post Covid19?

“In realtà, ancor prima dell’epidemia in corso, il Gruppo era impegnato nella definizione di una nuova strategia commerciale e la stessa ci sembra ancor più valida per il nuovo scenario post Coronavirus. Negli ultimi tempi abbiamo assistito ad un cambiamento nelle scelte dei clienti che si dividono, in modo sempre più radicale, tra quelli che si orientano nell’offerta automobilistica focalizzando la propria attenzione sul prezzo e quelli che, invece, nell’acquisto di un’auto esprimono esigenze sempre crescenti in termini di qualità dei materiali, di stile, di tecnologia non solo motoristica, ma anche dei sistemi informativi. Per intercettare entrambe queste opposte domande abbiamo affiancato a DR il nuovo marchio EVO. Rappresenta la nostra offerta per quei clienti che prediligono acquisti razionali: a questa fascia di mercato, in linea con la nostra filosofia di sempre, vogliamo offrire prodotti low price e non low cost, auto che abbiano sì un prezzo basso, e sicuramente il più basso del mercato, ma soprattutto non un prezzo civetta bensì il reale prezzo dell’auto, comprensivo di tutte le dotazioni”.

“Per rispondere adeguatamente a quei clienti che, invece, sono orientati a scelte più sofisticate, abbiamo lavorato a lungo sui prodotti a marchio DR per raggiungere elevati standard in termini di qualità e tecnologia, e per definire uno stile dalla personalità molto forte, riconoscibile, in un panorama automobilistico in cui i diversi brand sembrano, al contrario, più inclini a seguire le tendenze che a cercare una propria caratterizzazione. E dunque qualità, innovazione, stile saranno i tratti caratterizzanti  dei quattro, nuovi modelli DR, che saranno tutti commercializzati entro il 2020: la DR 5.0, già presentata all’inizio di marzo, che conserva solo un riferimento al nome della gloriosa DR5, ma è un veicolo basato su  schemi strutturali e produttivi completamente diversi; da pochi giorni abbiamo lanciato la F35, un SUV sportivo, che, come si può intuire dal nome, ha una linea molto particolare, con richiami a dettagli propri degli aerei, la DR 7.0, un family SUV di circa 5 m, disponibile anche a 7 posti, e la DR 3.0, evoluzione dell’attuale DR3.  

Abbiamo molte novità e siamo sicuri che riusciremo a sfruttarne tutte le potenzialità.

Ma in un contesto sempre più caratterizzato da grandi Gruppi, costantemente alla ricerca di nuove alleanze, DR riesce a mantenere una sua autonomia e a coniugare innovazione e prezzi competitivi. Come ci riuscite?

“Negli ultimi anni il mercato dell’auto si è caratterizzato per l’estrema competitività dei singoli costruttori sul prezzo finale su cui, tuttavia, pesano significativamente gli investimenti di sviluppo prodotto e di industrializzazione. Il fenomeno delle fusioni societarie nasce proprio dall’esigenza di contenere questi costi, frazionandoli su volumi più ampi di produzione. L’intuizione che noi abbiamo avuto quasi 15 anni fa è stata quella di raggiungere accordi di partnership con primari costruttori asiatici, prevalentemente cinesi, per condividere le attività di ricerca e sviluppo e le piattaforme produttive. In tal modo abbiamo potuto sfruttare tutti i vantaggi della cooperazione senza sacrificare la nostra autonomia ed anzi, conserviamo un’organizzazione piuttosto snella cosicché il nostro prezzo finale risulta contenuto, non solo per la minore incidenza dei costi industriali, ma anche per i bassi costi di struttura. D’altro canto proprio la flessibilità dei nostri processi interni ci assicura rapidità di risposta in un mercato in continua evoluzione.”

DR spot

Continua a leggere

In Evidenza

Dolce e Gabbana scelgono ancora una volta Napoli per le loro collezioni

Avatar

Pubblicato

del

Ci sarà di sicuro qualcuno che ha arricciato il naso nel vedere le magnifiche immagini dell’ultima collezione di Dolce & Gabbana: il sottofondo della tarantella, le signore un po’ grassocce sulla spiaggia…Eppure l’amore di Stefano Dolce e Domenico Gabbana trasuda da ogni singolo fotogramma: non è la prima volta, qualche anno fa, nel 2016, scelsero San Gregorio Armeno, la strada dei pastori, come location per la loro sfilata internazionale con Sofia Loren a fare da madrina.

Ed anche stavolta come scrivono, loro ‘loves Napoli’: costumi da bagno e intimo fotografati in momenti di vita in spiaggia, insieme con personaggi che trasudano umanità perché eccezionalmente veri. Così i modelli, patinati ma non troppo, sono perfettamente integrati nella quotidianità dei napoletani, anche quando vanno al mare, sulle spiagge cittadine.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto