Collegati con noi

Esteri

Il dolore di Harry e Meghan: amo il Regno Unito, volevamo rinunciare solo a fondi pubblici ma…

Avatar

Pubblicato

del

“Il Regno Unito è la mia casa e un luogo che amo. Questo non cambierà mai, ma io e Meghan non avevamo altra scelta”: il principe Harry rompe il silenzio dopo giorni di fibrillazioni e l’annuncio della loro rinuncia al titolo di altezze reali. Lo ha fatto a Londra durante un evento di beneficienza per l’associazione Sentebale, fondata dallo stesso Harry e dal principe Seeiso del Lesotho nel 2006 in onore di Diana allo scopo di perpetuare il suo aiuto ai malati di Aids e Hiv.  “Prima di iniziare – ha esordito il duca di Sussex parlando per la prima volta dopo che ieri Buckingham Palace ha accolto la decisione di rinunciare al titolo dettando le condizioni del loro nuovo status – devo dire che posso solo immaginare quello che potreste aver sentito o forse letto nelle ultime settimane. Per questo voglio che ascoltiate da me la verità, per quanto posso condividere. Non come un principe, un duca, ma come Harry, la stessa persona che molti di voi hanno visto crescere negli ultimi 35 anni, ma con una prospettiva piu’ chiara”.

“Sono cresciuto sentendo il sostegno di molti di voi – ha detto rivolgendosi ai sostenitori dell’ente benefico – e vi ho guardato mentre accoglievate Meghan a braccia aperte vedendomi trovare l’amore e la felicita’ che avevo sperato per tutta la vita. Alla fine, il secondo figlio di Diana si era fatto impalmare, evviva!. So anche che mi conoscete abbastanza bene da confidare nel fatto che la donna che ho scelto come moglie abbia i miei stessi valori. E’ cosi’, ed e’ la stessa donna di cui mi sono innamorato”. “Entrambi facciamo tutto il possibile per onorare la bandiera e svolgere i nostri ruoli per questo Paese con orgoglio. Dopo sposati, Meghan e io eravamo eccitati, fiduciosi ed eravamo qui per servire – ha proseguito – . Per tutte queste ragioni mi da’ molta tristezza che siamo arrivati a questo punto. La decisione che ho preso per me e mia moglie di fare un passo indietro non e’ una decisione presa alla leggera. Ci sono stati molti mesi di discussioni, molti anni di battaglie. So che non avevo sempre ragione, ma al punto in cui eravamo, non c’era davvero altra opzione”.

“La nostra speranza era di continuare a servire la Regina, il Commonwealth e le mie associazioni militari, ma senza finanziamenti pubblici. Sfortunatamente, questo non era possibile. L’ho accettato, sapendo che non cambierà chi sono o quanto sia impegnato”.

Lo ha detto il principe Harry ad un evento di beneficenza. “Spero che questo vi aiuti a capire cosa e’ successo – ha aggiunto -, perche’ sono pronto ad allontanare la mia famiglia da tutto quanto io abbia conosciuto finora, per fare un passo avanti in quella che spero possa essere una vita piu’ tranquilla”. “Avro’ sempre il massimo rispetto per mia nonna, il mio comandante in capo, e sono incredibilmente grato a lei e al resto della mia famiglia, per il sostegno che hanno dimostrato a me e Meghan negli ultimi mesi – ha proseguito -. Continuero’ a essere lo stesso uomo che ha a cuore il suo Paese e dedica la sua vita a sostenere le buone cause, le associazioni di beneficenza e le comunita’ militari, che sono cosi’ importanti per me”.

Harry ha pronunciato il suo discorso visibilmente commosso, nonostante abbia letto un testo scritto precedentemente. Rivolgendosi a una platea di persone a lui vicine, ha toccato anche note molto personali. “Quando ho perso mia madre 23 anni fa, mi avete preso sotto la vostra ala. Avete vegliato su di me per cosi’ tanto tempo, ma i media sono una forza potente e la mia speranza e’ che un giorno il nostro reciproco sostegno possa essere ancora piu’ forte, perche’ e’ molto piu’ grande di noi”.

“Insieme – ha detto sempre rivolgendosi ai sostenitori di Sentebale -, mi avete insegnato a vivere. E questo ruolo mi ha insegnato di piu’ su cosa e’ giusto ed equo di quanto non avrei mai potuto immaginare”. “Stiamo facendo un salto nel buio”, ha concluso, ringraziando i suoi interlocutori “per avermi dato il coraggio di fare questo passo”. Una tenera allusione ha fatto anche al figlio, che si trova in Canada con la madre Meghan Markle, quando ha definito “un privilegio” “sentire il vostro entusiasmo per nostro figlio Archie, che ha visto la neve per la prima volta l’altro giorno e ha pensato che fosse dannatamente brillante!”.

Advertisement

Esteri

Pedofilia, 38 arresti in Brasile e mandati di cattura in altri 4 Paesi

Avatar

Pubblicato

del

La sesta fase dell’operazione Luce nell’Infanzia, lanciata ieri dalla polizia brasiliana per identificare gli autori di crimini di abuso e sfruttamento sessuale contro bambini e adolescenti, ha finora portato a 38 arresti, oltre a 94 mandati di ricerca condotti da 579 agenti in 12 Stati del Brasile. Altri 18 mandati sono in corso di esecuzione in quattro ulteriori Paesi: Colombia, Stati Uniti, Paraguay e Panama. In Brasile, 14 arresti in flagranza di reato sono stati compiuti a San Paolo, nove a Santa Catarina, sei nel Paranà, quattro nel Mato Grosso do Sul, due nel Cearà e uno ciascuno negli Stati di Mato Grosso, Goias e Rio Grande do Sul. Secondo il coordinatore del Laboratorio di operazioni cibernetiche della Segreteria di operazioni integrate del ministero della Giustizia, Alessandro Barreto, il profilo dei criminali riguarda “persone al di sopra di ogni sospetto”, delle “piu’ diverse classi sociali”, in eta’ che vanno dai 17 anni fino a superare gli 80 anni. Secondo Barreto, e’ molto comune che alcune di queste persone siano recidive in questo genere di reati.

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus, in Russia ronde di cosacchi per controllare i cinesi

Avatar

Pubblicato

del

A Ekaterinburg, la capitale della regione russa degli degli Urali, sono iniziate ronde di un gruppo di volontari cosacchi per controllare che i residenti cinesi della citta’ – concentrati in particolare modo nel quartiere Siem Kluchei (Sette Chiavi) – non mostrino “segni di coronavirus”. Se vengono avvistati cinesi “con tosse e raffreddore” i cosacchi “suggeriscono loro con vigore” di recarsi all’ospedale per i controlli di rito. Inoltre vengono distribuite gratuitamente mascherine protettive. Lo riporta Znak, testata con sede a Ekaterinburg. “Siamo un’organizzazione di volontari e, secondo la Costituzione, non possiamo offrire altro che il consiglio di andare in ospedale”, ha spiegato il capo dei cosacchi locali Gennady Kovalev. “Non ci sono statistiche sul successo della nostra campagna, ma grazie alle maschere, almeno qualcuno non sara’ infettato: questo e’ il nostro piccolo contributo alla societa’, nessuno ci finanzia, e’ tutto di tasca nostra”. Le ronde sono partite il 2 febbraio, avvengono ogni lunedi’ e venerdi’ e sono composte da tre volontari.

Continua a leggere

Corona Virus

Coronavirus, secondo morto a Hong Kong: è un uomo di 70 anni

Avatar

Pubblicato

del

Hong Kong registra il secondo morto per l’epidemia di coronavirus: lo ha riferito un portavoce del Princess Margaret Hospital, secondo cui il paziente, un uomo di 70 anni, ha avuto un rapido deterioramento delle condizioni di salute fino al decesso di questa mattina. Ulteriori dettagli sulla vicenda sono attesi nella conferenza stampa congiunta del pomeriggio da parte del Dipartimento sulla Salute e dell’Hospital Authority. Fonti mediche, tuttavia, hanno riferito al South China Morning Post che l’uomo, afflitto da diabete e problemi renali, e’ morto intorno alle 7:00 locali (le 24:00 in Italia), ma l’esatta causa del decesso non e’ stata ancora determinata. In base alle precedenti informazioni fornite dalle autorita’ sanitarie, l’uomo viveva da solo a Kwai Chung e aveva avuto il 22 gennaio un viaggio di un solo giorno in Cina attraverso il passaggio transfrontaliero di Lok Ma Chau. Ammalatosi il 2 febbraio, era stato portato al Princess Margaret Hospital 10 giorni dopo una caduta. Era gia’ in condizioni critiche quando fu confermato il contagio da coronavirus il 14 febbraio.

Continua a leggere

In rilievo