Collegati con noi

Cronache

I primati della giustizia penale italiana, un processo in Corte Appello a Napoli dura 1560 giorni

Avatar

Pubblicato

del

E’ di 1.498 giorni la durata media dei processi penali nella corte di appello di Roma mentre 1.560 giorni sono necessari in media per concludere un processo penale nella corte di appello di Napoli. Una serie di dati arrivano dalla Relazione tecnica del ministero della della Giustizia guidato da Alfonso Bonafede sul progetto di determinazione delle piante organiche della magistratura. Sono 117 i nuovi magistrati destinati a ricoprire incarichi nelle Corti d’Appello e nelle relative Procure generali, spiega il documento, che fa parte della proposta di rideterminazione delle piante organiche del personale di magistratura di merito (Uffici giudiziari di primo grado e secondo grado, sorveglianza e minori). Il progetto del Ministero prevede la complessiva assegnazione di 402 nuove unita’ alla magistratura di merito. Con decreto del 17 aprile 2019 era gia’ stato assegnato un contingente di 70 magistrati alla Corte di Cassazione. Ora si attende il parere del Consiglio Superiore della Magistratura. La Relazione evidenzia che il disposition time nazionale delle corti di appello e’ di 702 giorni nel procedimento civile e di 889 giorni per il penale, ma che si registrano dati giudicati “assolutamente allarmanti” in alcune corti: e’ il caso della corte di appello di Reggio Calabria (disposition time penale di 1.279 giorni), Venezia (disposition time penale di 1.195 giorni), Bari (disposition time penale di 1.142 giorni) e Caltanissetta (disposition time civile 1034), Taranto (disposition time civile 1.293). La durata media dei procedimenti pendenti in appello – evidenzia il ministero – e’ un dato di indubbio allarme, finanche peggiorativo rispetto al tempo necessario per definire i procedimenti di primo grado, calcolati sempre secondo la formula del disposition time, pari a 369 giorni per il civile e 367 per il penale.

 

L’utilizzo dei “giudici ausiliari” e di tirocinanti “non possono essere, allo stato, strumenti sufficienti a far fronte all’endemica incapacita’ di definire i procedimenti pendenti in secondo grado entro il termine di due anni”. Certo i miglioramenti nel sistema complessivo ci sono stati: in ambito civile, sono 115 i tribunali (82%) e 25 le corti d’appello (90%) che hanno fatto registrare una riduzione delle pendenze tra il 2018 e il 2014; in 59 tribunali la riduzione e’ stata maggiore del 13% (dato nazionale); in 8 corti la riduzione e’ stata maggiore del 25% (dato nazionale). Nello stesso periodo, l’arretrato si e’ ridotto in 117 tribunali (84%) e nella quasi totalita’ delle corti d’appello (28); in 68 tribunali la riduzione e’ stata maggiore del 36% (dato nazionale); in 10 corti la riduzione e’ stata addirittura superiore del 50%. Nel 2018, 103 tribunali (74%) e 22 Corti d’appello hanno avuto un disposition time civile inferiore a quello del 2014.

Miglioramenti si sono avuti anche in ambito penale. Nel 2018 ben 86 tribunali (61%) avevano pendenze inferiori a quelle del 2014; in 72 la riduzione e’ stata maggiore del 10% (dato nazionale); 67 tribunali (48%) nel 2018 avevano un disposition time penale inferiore a quello del 2014. Le pendenze si sono ridotte in 11 Corti d’appello, il disposition time in 15. Nonostante il miglioramento degli ultimi anni, le performance degli uffici giudiziari “restano al di sotto delle medie europee; infine la realta’ geografica italiana rimane complessa, con disomogeneita’ tra le varie sedi giudiziarie”.

Advertisement

Corona Virus

Coronavirus, in Italia due vittime e 79 contagiati in poche ore: in arrivo le misure speciali

Avatar

Pubblicato

del

Due morti e 79 contagiati tra Lombardia, Veneto, Piemonte, Lazio, Emilia Romagna. Paesi in isolamento, chiuse scuole, uffici, tribunali e universita’. In chiesa stop al segno di pace con la stretta della mano. Si estende il Coronavirus in Italia che, al momento, e’ il primo Paese europeo per numero di casi positivi al Covid-19. Sale la preoccupazione tra i cittadini, invitati a rimanere a casa nelle aree interessate ed il premier Giuseppe Conte convoca un Consiglio dei ministri straordinario per varare nuove “misure speciali”. Si tratterebbe di un decreto legge con una serie di misure speciali per contenere il diffondersi del virus e che consentirebbero di intervenire su diversi aspetti: dalla chiusura delle scuole alla sospensione di manifestazioni e attivita’ lavorative fino alla possibilita’ di utilizzare, in caso di necessita’, forze di polizia e militari per far rispettare le prescrizioni. “Siamo al lavoro senza sosta per reagire con la massima compattezza a questa emergenza”, ha detto Conte. Ed e’ assalto agli ospedali, mentre la Protezione civile invita a recarsi nelle strutture sanitarie e chiamare i numeri di emergenza “solo se strettamente necessario”. Mentre l’Ordine dei medici sollecita i colleghi a mettersi a disposizione per far fronte alle carenze determinate dall’obbligo di quarantena per i dottori delle zone colpite. Si fa sentire anche il capo dello Stato Sergio Mattarella, che esprime vicinanza “a quanti sono stati colpiti e alle loro comunita’ che vivono momenti di comprensibile ansia”. Ma Matteo Salvini attacca: “Se Conte non e’ in grado di fare tutto il necessario per difendere la salute dei nostri figli ne rispondera’ davanti agli italiani”. Il centro del focolaio e’ Basso Lodigiano, in particolare il Pronto soccorso e l’ospedale di Codogno, dove sono passati quasi tutti i contagiati lombardi, ed anche i tre che si trovano in Emilia Romagna e quello torinese. Proprio li’ la seconda vittima, una 77enne di Casalpusterlengo, era stata in contatto con il cosiddetto ‘Paziente 1′, il 38enne di Codogno le cui condizioni restano gravi anche se stabili (in serata i suoi genitori sono stati prelevati dalla loro abitazione con l’ambulanza biocontenitiva). L’anziana, che aveva varie patologie, e’ stata trovata morta a casa. Il tampone post mortem ha dato risultato positivo, ma, ha precisato l’assessore lombardo Giulio Gallera, “ad oggi non possiamo dire se e’ morta a causa del Coronavirus o per altre situazioni”. Tra i positivi anche una coppia di medici del Pavese, lei pediatra che lavorava proprio nella zona di Codogno. Il contagiato piemontese, un quarantenne torinese che lavora a Cesano Boscone (Milano), si e’ ammalato dopo esser entrato in contatto con il “ceppo lombardo”. In quest’area che comprende 11 comuni, oltre 50mila persone sono state esonerate dal servizio da amministrazioni ed aziende. E l’infezione arriva anche alle porte di Milano: a San Donato Milanese un 78enne ricoverato al San Raffaele e’ risultato positivo al Covid. Mentre l’amico del 38enne di Codogno che era stato a cena con lui dopo essere tornato dalla Cina, non ha mai avuto il Coronavirus, secondo i test fatti: dunque non e’ lui il ‘paziente zero’. In Veneto l’area sensibile si concentra invece a Vo’ Euganeo, comune padovano dove risiedeva la prima vittima del virus, il 78enne Adriano Trevisan. Dal paesino di tremila abitanti arrivano dieci contagiati veneti; l’undicesimo e’ di Mira (Venezia). E a Vo’ 8 cittadini cinesi che gestiscono un’attivita’ imprenditoriale, da cui potrebbe essere partito il contagio, sono stati portati in ospedale per verifiche sul loro stato di salute. Nell’ospedale di Schiavonia, dove e’ morto Trevisan, sono ben 450 le persone (300 pazienti e 150 dipendenti della struttura) tenute bloccate per essere sottoposte all’esame del tampone. Nei prossimi giorni prevista l’evacuazione della struttura per la ‘bonifica’. La vicina Regione Friuli Venezia Giulia ha dichiarato lo stato di emergenza fino al 31 luglio. Notizie positive invece dallo Spallanzani di Roma, dove il cittadino cinese ricoverato insieme alla moglie, primo caso registrato in Italia, “si e’ negativizzato”, mentre il giovane ricercatore italiano, anche lui contagiato e poi risultato negativo, e’ stato dimesso in giornata. Le istituzioni, ha sottolineato da parte sua il presidente della Camera, Roberto Fico, “stanno lavorando seriamente e in sinergia per garantire la salute di tutti. Non e’ il momento delle polemiche ne’ degli allarmismi”. Secondo il presidente del Senato Elisabetta Casellati, per superare la fase critica serve “il senso di responsabilita’ e la collaborazione degli italiani tutti”.

PIEGHEVOLE-CORONAVIRUS

Continua a leggere

Cronache

Interdittiva antimafia per la pizzeria da Michele a Milano, la difesa dei legali

Avatar

Pubblicato

del

L’Antica pizzeria da Michele in the world ha subito preso le distanze dal provvedimento di chiusura della pizzeria di Milano sopraggiunta dopo un’interdittiva antimafia e lo ha fatto con un comunicato: “la scrivente società comunica che il provvedimento adottato dal settore di competenza del Comune di Milano, che ha determinato la chiusura del locale commerciale “L’Antica Pizzeria da Michele” non la vede destinataria. Il provvedimento, infatti, riguarda la società “Fornace Milano srl”, che gestisce il locale di Milano, legata a L’Antica pizzeria da Michele in the world da un rapporto di franchising. Si segnala, tanto per chiarezza e correttezza di informazione, che gli affiliati, seppur licenziatari del marchio, sono totalmente autonomi ed indipendenti dalla società della famiglia Condurro. La società L’antica pizzeria in the world srl è comunque convinta del buon operato dei propri partner, confidando nella positiva risoluzione della vicenda”.

E adesso è arrivata la rescissione, con una nota: “Tenuto conto che l’intervenuta revoca della Scia commerciale sarebbe dovuta a fattori esterni alla Rete – si legge in una nota – in un’ottica di garanzia per tutti gli altri franchisees di far parte di un rete commerciale sana e trasparente comunica di aver proceduto a sospendere l’affiliazione commerciale con la società Fornace Milano S.r.l. in attesa, di fatto, delle determinazioni del Tar Lombardia nel quale ripone la massima fiducia, che sarà competente a pronunciarsi sul ricorso che l’affiliato ha comunicato di apprestarsi a depositare.

Nel frattempo, allo scopo di tutelare il prestigio di un marchio famoso nel mondo per l’eccellenza della qualità gastronomica italiana in generale e napoletana in particolare, che coinvolge tante donne e uomini che quotidianamente s’impegnano per la crescita del brand, nonché al fine di garantire la dovuta continuità a tutte quelle risorse che costituiscono il vero capitale umano della MITW e che hanno contribuito a rendere il punto vendita di Milano un luogo d’eccellenza culinaria, il francisor sta anche valutando la sussistenza dei presupposti utili ad una gestione diretta del locale milanese, che in questo modo potrebbe riaprire al pubblico nel breve periodo mantenendo intatti i livelli occupazionali.

Circa i punti vendita di Roma, invece, concessi in franchising a società del medesimo gruppo Fornace, la MITW comunica che allo stato non procede ad una immediata sospensione dei contratti esclusivamente al fine di evitare che quella che sarebbe un’improvvisa perdita di posti di lavoro ai numerosi dipendenti in assenza di qualsivoglia comunicazione delle Autorità. Resta ferma, ovviamente, l’adozione di un ulteriore provvedimento laddove dovessero esserci differenti risvolti.

In conclusione, nel riporre la propria estrema fiducia nella magistratura allo stesso tempo la MITW intende ringraziare da un lato tutti gli altri franchisees affiliati al marchio che pur essendo totalmente estranei ai noti fatti per appartenere a gruppi commerciali differenti hanno comunque confermato la propria fiducia nel brand e nel suo titolare, e dall’altro anche a tutti i clienti che stanno esprimendo vicinanza e solidarietà alla Pizzeria da Michele, non da ultimo durante le recenti aperture a Berlino e Londra che hanno visto l’affluenza di tantissime persone nonostante tutta l’incresciosa vicenda”.

 

Sui social intanto “la società Fornace Milano srl chiarisce di essere stata ingiustamente colpita da tale provvedimento interdittivo, erroneamente confezionato in base a vicende che nulla hanno a che fare con struttura e compagine societaria. La società Fornace Milano srl, infatti, svolge la propria attività in assoluta indipendenza e libera da ogni condizionamento esterno, contribuendo alla diffusione di un rinomato prodotto tipico affidandosi a personale altamente professionale e qualificato.
Per tali motivi, la società intende difendere la propria integrità ed onorabilità in tutte le sedi competenti e ponendosi come obiettivo prioritario la prosecuzione dell’attività al fine di tutelare i posti di lavoro dei dipendenti e il marchio di cui è licenziataria.
La società Fornace Milano srl, pertanto, ribadendo la propria estraneità ai fatti riportati nel provvedimento del Prefetto, confida nell’attenzione delle Istituzioni per una veloce risoluzione della vicenda così da consentire quanto prima la riapertura del locale commerciale”.

 

Continua a leggere

Cronache

Coronavirus, i razzisti della Curva Nord dello stadio del Brescia si scusano per i cori squallidi contro Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Hanno atteso 24 ore i cosiddetti tifosi dello stadio di Brescia che nel corso della partita di calcio Brescia-Napoli oltre a intonare i soliti cori razzisti contro Napoli e i napoletani, hanno anche ragliato idiozie irripetibili sul Coronavirus all’ombra del Vesuvio. Dopo 24 ore i razzisti (ed idioti) della curva nord bresciana hanno partorito un comunicato stampa da diffondere sui media italiani. E sono riusciti a scriverlo dopo che per 24 ore hanno preso sputi da qualunque parte del mondo per il loro comportamento inqualificabile. Persino a casa loro, a Brescia, qualcuno ha fatto notare agli idioti della curva bresciana che in Lombardia stava diffondendosi il coronavirus, che c’erano anche dei morti.

A cominciare da Brescia. Che cosa dicono i trogloditi razzisti nel loro comunicato? “Il nostro voleva solo essere uno sfottò goliardico con cori che ci sono da 50 anni a questa parte e che non hanno mai fatto del male a nessuno… Ci rendiamo conto però di avere sbagliato dato che il nostro Paese sta affrontando il possibile sviluppo di questo male e chiediamo scusa alle famiglie italiane coinvolte”.

Questo il comunicato diramato dalla Curva Nord del Brescia che ieri sera aveva fatto partire il coro “Napoli Coronavirus” all’indirizzo dei tifosi partenopei. Che dire? Che hanno ammesso di essere idioti e razzisti. Che lo sono da 50 anni. E che da 50 anni fanno del male al prossimo senza manco capire quanto fanno male i loro cori razzisti. Ma sono sempre possibili forme di resipiscenza e di ritorno all’umanità. Noi lo auspichiamo. E lo auspichiamo per loro. Meglio vivere da cittadini piuttosto che da asini che vanno allo stadio per ragliare. Perchè loro, questo signori della Curva Nord, non rappresentano assolutamente una città civile e colta come Brescia. Anzi, sono un corpo estraneo, sono una minoranza da educare.

Continua a leggere

In rilievo