Collegati con noi

Esteri

I legali Trump all’attacco: “Impeachment condiziona voto”

Avatar

Pubblicato

del

Sale la tensione in vista dell’avvio al Senato Usa del processo per l’impeachment di Donald Trump. I legali del presidente respingono la messa in stato di accusa, definendola incostituzionale. Anzi parlano di attacco alla libertà di voto degli americani. I democratici alla Camera chiedono invece al Senato di rimuovere la “minaccia alla sicurezza nazionale” che il presidente rappresenta. In un documento di sei pagine, Jay Sekulow e Pat Cipollone illustrano la linea di difesa di Trump. Gli articoli – dicono – sono un “pericoloso attacco” al diritto degli americani di scegliere liberamente il loro presidente, un “tentativo sfrontato e fuori legge di invertire il risultato delle elezioni del 2016 e di interferire con quelle del 2020”. L’impeachment – aggiungono – va “respinto” perche’ e’ “un affronto alla Costituzione, alle istituzioni democratiche e agli americani”, e’ la “vendetta” da parte di un partito. Toni duri che lasciando intravedere uno scontro acceso in Senato, dove Trump schiera un ‘dream team’ di legali: oltre a Sekulow e Cipollone, ci sono infatti Kenneth Starr, passato alla storia per aver inquisito Bill Clinton, facendolo mettere sotto impeachment, e Alan Dershowitz, il superavvocato che ha tirato fuori dai guai personalita’ del calibro di O.J.Simpson o Claus von Bulow. Ma anche i democratici nella documentazione presentata in Senato non risparmiano parole dure contro il presidente che, a loro avviso, deve essere messo in stato di accusa e rimosso dall’incarico. “E’ una minaccia alla sicurezza nazionale” scrivono i democratici della Camera, osservando come il presidente Trump “ha dimostrato la sua volonta’ di corrompere le elezioni” in piu’ occasioni. Le prove finora raccolte, aggiungono, sono schiaccianti nel dimostrare che e’ colpevole delle accuse mosse nei suoi confronti. E’ improbabile che il Senato, a maggioranza repubblicana, ritenga Trump colpevole. Ma il processo e’ un’occasione importante sia per i democratici sia per Trump guardando al voto del 2020.

Advertisement

Esteri

India, arrestati i dirigenti del college “antimestruazioni”

Avatar

Pubblicato

del

La polizia ha reso noto di avere arrestato tre tra dirigenti e dipendenti del college Swaminarayan di Bhuj, in Gujarata, che lo scorso 11 febbraio hanno costretto sessanta studentesse a spogliarsi, per dimostrare di non avere le mestruazioni. Tra gli arrestati, la dirigente del college, Rita Raninga, il direttore dell’ostello femminile, Ramilaben, e un’altra dipendente dell’istituto: tutti e tre erano gia’ stati sospesi dai loro incarichi su ordine del consiglio direttivo dell’istituto.

Alcune ragazze hanno raccontato ai giornalisti che il college le obbliga a tenere il diario dei cicli, e che, nei giorni in cui hanno le mestruazioni, sono obbligate ad allontanarsi dalle loro stanze, a non seguire le lezioni, e a mangiare separatamente, in un ambiente lontano dalla mensa comune; la gran parte di loro, tuttavia, non trova nulla di strano in queste pratiche segregazioniste. Il college, istituito nel 2012, e’ sotto la tutela di una congregazione religiosa induista, quella dei fedeli del tempio di Swaminarayan, che proibisce l’accesso alle donne, di tutte le eta’. Le studentesse hanno sottolineato di avere protestato solo per il modo con cui sono state costrette a spogliarsi.

Continua a leggere

Esteri

Femminicidio incendia Gaza, dilaga protesta nella Striscia

amministratore

Pubblicato

del

Pneumatici in fiamme, un incrocio stradale bloccato da dimostranti e la collera che esplode attraverso gli slogan: l’ uccisione di una donna di 25 anni, Safaa Shashak, da parte del marito e’ rapidamente degenerata dalla dimensione di dramma familiare a protesta sociale che negli ultimi giorni ha interessato l’intera Striscia di Gaza. Il suo caso non e’ isolato, si afferma sui social, e la societa’ palestinese e’ chiamata adesso a reagire con forza. Nella modesta abitazione nel rione di Sheikh Radwan, a nord di Gaza City, Safaa conduceva una vita molto modesta, assieme con i tre figli. Il marito, Ahmad al-Fallah, era disoccupato e lei, per portare qualche soldo a casa, aveva trovato lavoro da una parrucchiera. Ma le difficolta’ economiche provocavano continue tensioni in casa.

“Avevamo la sensazione che il marito la picchiasse – ha detto alla televisione la madre, Um Alaa Shakshak – ma non pensavamo che sarebbe giunto ad ucciderla”. Dopo essersi rifugiata per qualche tempo dai genitori, lunedi’ Safaa e’ rientrata nella sua casa e la’ – secondo i media – ce’ stato un aspro diverbio con il marito al termine del quale e’ stata trovata priva di vita. L’uomo e’ sospettato di averla percossa e soffocata. I familiari della donna hanno subito invaso le strade del quartiere, invocando la pena di morte per il presunto assassino che nel frattempo e’ stato arrestato. “Non ci daremo pace – hanno detto i dimostranti – finche’ non sara’ emessa una sentenza capitale”. Safaa era nota nel suo quartiere come una giovane colta, che coltivava progetti di emancipazione. Perche’ allora non aveva chiesto la separazione da un marito violento? L’ortodossia islamica, si afferma a Gaza, non frappone in questi casi ostacoli particolari. Ma, intervistato dalla televisione, il padre Kamal ha spiegato che nella societa’ tradizionalista di Gaza “la donna divorziata viene segnata un marchio negativo”. Altri, sui social, aggiungono che in una situazione economica altamente degradata molte famiglie non possono permettersi di riprendere in casa giovani donne – come appunto Safaa – gia’ sposate a 17 anni con un uomo sbagliato. Nel 2019, secondo stime ufficiose, a Gaza e in Cisgiordania si sono avuti 19 uxoricidi. “Safaa – nota una dirigente dell’ Associazione dei comitati femminili di Gaza – non e’ stata la prima e non sara’ l’ultima. Questo almeno fino a quando non considereremo questi crimini come di estrema gravita’ e non puniremo adeguatamente i responsabili”.

Continua a leggere

Esteri

Camerun, massacri di bambini e donne in un villaggio: 22 morti

Avatar

Pubblicato

del

Uomini armati hanno attaccato un villaggio nel nord-ovest del Camerun, provincia popolata dalla minoranza di lingua inglese, ed ucciso 22 persone per lo piú bambini, 9 al di sotto dei 5 anni, e donne, una anche incinta.

Lo ha detto alla Afp James Nunan, capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) per le regioni nord-occidentali e sud-occidentali del Camerun, le due province devastate da tre anni di combattimenti tra l’esercito e i ribelli separatisti.

Continua a leggere

In rilievo