Collegati con noi

In Evidenza

I 50 anni di Naomi Campbell, la Venere nera senza età

Avatar

Pubblicato

del

 In tempi di pandemia anche festeggiare i 50 anni di una dea dell’Olimpo come Naomi Campbell, seppure in grande albergo, non e’ stato possibile. Gli amici avrebbero voluto organizzare un party a sorpresa per lei nel lussuoso hotel Myfair di Londra, citta’ dove Noami vive. Ma gli amici vengono da tutto il mondo, gli assembramenti sono vietati, ergo la festa non si fara’. Certo, Naomi non e’ una che si lascia abbattere dalla quarantena, anche se di recente con i selfie che lei stessa ha postato sui social, in cui si mostra tutta coperta da tuta sanitaria, visiera-casco, mascherina, guanti, mentre viaggia in aereo, ha scatenato un pandemonio di critiche. Ma lei va avanti e in questo periodo ha perfino realizzato la prima copertina self-shot per Essence, che pure festeggia 50 anni di attivita’, utilizzando un iPhone e FaceTime. Naomi ha realizzato e disegnato tutte le foto segnando una vera prima volta: una cover scattata con i selfie dal telefonino. Trucco e parrucco, tutto da sola. Tanto, le lancette del tempo sembrano non avere avuto effetti sulla sua statuaria bellezza, ma il calendario indica che Naomi, inserita da People tra le 50 donne piu’ belle del mondo, compira’ 50 anni il 22 maggio. Nata nel 1970 nel quartiere di Streatham a Londra, dalla diciottenne Valerie Morris, una ballerina di origini giamaicane, Naomi e’ ancora molto richiesta sulle passerelle delle grandi griffe e nelle pubblicita’, tanto che il suo patrimonio sembra che oggi si aggiri attorno ai 60 milioni di dollari. E lei qualche soddisfazione ha voluto togliersela, come quella di aver acquistato nel paese di origine di sua madre, in Giamaica, villa Goldeneye, la tenuta giamaicana in cui Ian Fleming scrisse i libri di James Bond. Le definizioni per Naomi si sprecano, Perla Nera, Venere Nera, ma lei ha voluto dimostrare di essere non soltanto una donna bellissima e ricca, ma anche una persona impegnata nel sociale, in particolare attiva nella lotta contro la poverta’ in Africa. Nel 2005 ha partecipato anche alla raccolta di aiuti per i sopravvissuti dell’uragano Katrina. Inoltre con Iman e Bethann Hardison e’ portavoce della campagna Diversity Coalition, che denuncia le case di moda che discriminano le modelle di colore.

La carriera di modella. Naomi e’ apparsa per la prima volta nell’aprile 1986 sulla copertina di Elle. Nello stesso anno era tra le modelle che hanno posato per Terence Donovan per il calendario Pirelli 1987. Nel 1988 e’ stata la prima donna di colore ad apparire sulla cover di Vogue (prima in Francia poi in GB) e di Time Magazine. E’ stata testimonial nelle campagne pubblicitarie di prestigiose maison, per le quali ha anche sfilato, da Fendi a Prada, da Ralph Lauren a Burberry, da Valentino a Versace, da Yves Saint Laurent a Dolce & Gabbana fino a Louis Vuitton. Ha anche posato senza veli per la rivista Playboy ed ha partecipato al noto libro fotografico di Madonna, Sex. Nel 1996, ’97, ’98, 2000, 2002, 2003 e 2005 e’ stata una degli angeli delle sfilate di Victoria’s Secret. Nel 2009 e’ stata testimonial di Dsquared con Linda Evangelista. Nello stesso anno era con Claudia Schiffer ed Eva Herzigova nella campagna di Anthology Fragrance, prima collezione di profumi di Dolce & Gabbana. I talent. Nel 2013, Naomi ha partecipato al talent show The Face, accanto a Karolina Kurkova e Coco Rocha nel format americano, e con Caroline Winberg ed Erin O’Connor in quello britannico, talent per trovare la top model del futuro. Nel 2015, a 45 anni, e’ tornata a sfilare a Parigi per Givenchy ed e’ stata scelta come testimonial di Burberry. Nel 2016 la casa editrice Taschen le ha dedicato un libro in due volumi dal titolo L’arte della bellezza. L’ascesa di Naomi Campbell all’Olimpo delle celebrita’, tra i grandi della moda e della fotografia, in cui si ripercorrono i suoi 30 anni di carriera. Il libro, a cura di Josh Baker, costa 2000 euro. Nel settembre 2017 e’ tornata in passerella a Milano per rendere omaggio a Gianni Versace nel ventennale della sua scomparsa, assieme a Carla Bruni, Claudia Schiffer, Cindy Crawford e Helena Christensen. Nel 2018 Naomi e’ apparsa per la quarta volta sul Calendario Pirelli, dopo le edizioni del 1987, 1995 e 2005, fotografata da Tim Walker e ispirato alla fiaba Alice. Nel 2018 ha ricevuto il Fashion Icon Award, dal Council of Fashion Designers of America.

Advertisement

Corona Virus

Campania, sono 248 i positivi da Coronavirus nelle 24 ore, pochi i tamponi: meno di 5 mila

Avatar

Pubblicato

del

Cresce ancora il numero di positivi in Campania: 248 a fronte di meno di 5 mila tamponi effettuati nelle 24 ore, aumentano anche i sintomatici e si alza l’età dei contagiati, spesso contatti dei positivi asintomatici.

Questo il bollettino di oggi dell’Unità di crisi della Regione Campania:

Positivi del giorno: 248
Tamponi del giorno: 4.901

Totale positivi: 10.907
Totale tamponi: 553.231

​Deceduti del giorno: 0
Totale deceduti: 457

Guariti del giorno: 136
Totale guariti: 5.383​

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, il sindaco di Casamicciola chiude il Municipio: troppi casi positivi

Avatar

Pubblicato

del

Il sindaco di Casamicciola, Giovan Battista Castagna, ha disposto nuovamente la chiusura del Municipio per la presenza accertata nei giorni scorsi di una o più persone, dipendenti,  risultate in seguito positive al coronavirus. Il primo cittadino ha, inoltre, ordinato i test rapidi per tutti i dipendenti comunali che saranno effettuati oggi; se daranno esito negativo si procederà alla riapertura degli uffici comunali di piazza Marina. Altrimenti si cercherà di capire come assicura l’ordinaria amministrazione bucratica dell’ente locale con l’uso dello smart working.

Continua a leggere

In Evidenza

Malattie mai più incurabili, grazie al 5 per mille i ricercatori Neuromed studiano cure contro Covid, Epilessia, Alzaheimer, Tumori e altre patologie gravi

Avatar

Pubblicato

del

L’impegno a lavorare ogni giorno per trovare cure sempre più efficaci contro il Coronavirus, il Parkinson, l’Alzheimer, l’Epilessia, i Tumori Cerebrali e le altre patologie del sistema nervoso. È una bella sfida! È la sfida di Neuromed, un IRCCS, un Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico che persegue finalità di ricerca.

Mai come oggi la ricerca è fondamentale per curare, per prevenire, per conoscere. Per farlo non basta l’impegno dei ricercatori, occorrono anche le risorse per portare avanti ogni progetto. Ecco a che cosa serve il 5 per mille. Una misura fiscale che consente ai contribuenti di destinare una quota dell’IRPEF (pari, appunto, al 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche) a enti che si occupano di attività di interesse sociale, come associazioni di volontariato e di promozione sociale anche nel campo dello sport, onlus, enti di ricerca scientifica e sanitaria. Farlo  non costa nulla al contribuente ed è diventato un mezzo di sostentamento indispensabile per quelle realtà come Neuromed, istituto di ricerca a cura impegnato ad andare avanti.

Solo negli ultimi mesi abbiamo visto superare traguardi impensati come l’Ospedale virtuale Parkinson nato in Neuromed, a Pozzilli, in Molise, e diventato internazionale. O la scoperta di una molecola che può essere utilizzata come farmaco per la Schizofrenia. Ricerche che hanno messo in luce come l’idrossiclorochina riduca la mortalità da Covid-19 del 30 per cento, o come il sistema immunitario reagisce ai primi attacchi del Coronavirus.

Per questo i ricercatori dell’IRCCS molisano hanno preparato e avviato un progetto molto coraggioso e impegnativo: la Biobanca Covid-19 con l’ambizione di studiare per ostacolare e impedire il ritorno di questa terribile malattia, ma – ancor più – rendere possibile la necessaria prevenzione di altri flagelli dello stesso genere. Così nella Biobanca ci sono anche i campioni di pazienti Covid.

Dai laboratori del Neuromed sono arrivati gli elettrodi in grado di collegare il cervello al computer ma anche, durante la pandemia, le maschere per poter consentire ai pazienti covid di respirare. E tanto altro. Tutto possibile grazie alla ricerca.

E per chi non lo sapesse Neuromed, che ha sede a Pozzilli, Isernia, in Molise, è un centro di eccellenza medica, di rilevanza nazionale e internazionale e di altissima specializzazione per le patologie che riguardano Neurochirurgia, Neurologia, Neuroriabilitazione e tutte le applicazioni relative alle Neuroscienze in cui sono utilizzabili la Neuroradiologia, l’Angiocardioneurologia e la Chirurgia Vascolare.

Giovanni de Gaetano, Presidente di Neuromed

Ecco perché il 5 per mille: un gesto semplice, che non costa nulla e che, come spiega il professor Giovanni de Gaetano, presidente di Neuromed nel video che pubblichiamo, “per i nostri ricercatori diviene un impegno concreto. L’impegno di lavorare ogni giorno per trovare cure sempre più efficaci. Per questo, per tutti noi, non dimenticate di dare il vostro 5 mille all’Istituto di ricerca Neuromed”.

 

 

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto