Collegati con noi

Cronache

Gabrielli, Salvini con maglie Polizia? Io non mi sono mai sentito offeso

amministratore

Pubblicato

del

La “gente non è idiota”, lo capiva che l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini indossava le magliette della Polizia per “farsi sentire come parte” dell’istituzione, ma “non ho mai vissuto come una situazione negativa” questo fatto, “bensì come un segno di vicinanza alla Polizia. Non mi sono mai sentito offeso”. Il capo della Polizia, Franco Gabrielli, a Napoli, in occasione della inaugurazione della nuova sala operativa, e’ tornato su uno dei temi che ha accompagnato i 14 mesi del leader leghista al Viminale, rispondendo a domande su alcuni aspetti anche del passaggio di consegne al ministero dell’Interno. “Ho sempre detto: ma signori miei, un ministro dell’Interno che e’ l’unica autorita’ di pubblica sicurezza, vertice politico della Polizia di Stato ha bisogno di una t-shirt per riaffermare questa sua funzione? Perche’ cosi’ facendo si rischia di immaginare che i cittadini siano una banda di idioti, che hanno bisogno di una t-shirt, di un vessillo per riaffermare una cosa di questo genere. Se mi sono sentito offeso? No”, ha detto Gabrielli parlando con i giornalisti e aggiungendo: “Lui veramente lo utilizzava come una modalita’ per farsi sentire come parte”. Il capo della Polizia ha ribadito di non aver “mai vissuto come una situazione negativa il fatto che il ministro dell’Interno indossasse polo o giacche della Polizia, bensi’ come un segno di vicinanza alla Polizia. Non mi sono mai sentito offeso. E, contrariamente a chi ha sostenuto che si trattava di una forma di intimidazione, ho sempre sostenuto che il ministro dell’Interno non ha certo bisogno di indossare una maglietta per affermare il suo status”. Questo peraltro, ha sottolineato Gabrielli, “e’ il pensiero esplicitato anche durante il ministero Salvini e quindi non puo’ essere interpretato come una postuma resipiscenza o come sassolini da togliersi dalle scarpe ora che non e’ piu’ ministro”. Gabrielli ha anche affrontato il tema del cambio al Viminale, con l’arrivo del neo ministro dell’Interno, l’ex prefetto Luciana Lamorgese: “Senza fare retropensieri, e’ piu’ facile parlare e farsi comprendere con chi parla il tuo stesso linguaggio ma questo non puo’ essere interpretato come un giudizio di valore. L’ho sempre detto, anche quando venivo additato a mia insaputa, il ministero dell’Interno ha forse piu’ bisogno di un ministro politico che tecnico, ma questa e’ un’altra storia”. A chi, poi, gli ha chiesto se la percezione della sicurezza viene condizionata anche dalla narrazione, Gabrielli ha spiegato: “Certo, la percezione e’ condizionata dalla narrazione ma e’ legata moltissimo al depauperamento delle risorse che ci ha progressivamente allontanato dal territorio. Dobbiamo rioccuparlo, che puo’ essere anche una immagine militare anche se non e’ mia intenzione. C’e’ tema di paure, di narrazione, del ruolo che la rete provoca amplificando le paure ma c’e’ un tema legato alla nostra presenza sul territorio”.

Advertisement

Cronache

Giustiziato a Roma un boss della droga albanese, era un detenuto in semilibertà

Avatar

Pubblicato

del

Ucciso con quattro colpi di pistola, di cui uno decisivo alla testa, a pochi metri da casa. E’ un’esecuzione in piena regola quella che si e’ consumata nella tarda serata di ieri al Tufello, alla periferia della Capitale. Il corpo di Gentian Kasa, 43enne albanese con precedenti alle spalle e attualmente in regime di semiliberta’, e’ stato trovato a terra sul marciapiede in via Gabrio Casati. Inutili per lui i soccorsi. Quando e’ stato raggiunto dal killer aveva da poco salutato la moglie e stava rientrando nel carcere di Rebibbia. Sarebbero quattro i colpi che lo hanno centrato, esplosi da una pistola calibro 7.65. Probabilmente quello fatale lo ha raggiunto alla testa. Sul posto la polizia con la scientifica che ha effettuato a lungo i rilievi. Sull’omicidio indagano gli investigatori della Squadra Mobile di Roma. Al momento non si esclude nessuna ipotesi compresa quella di un regolamento di conti legato a questioni di droga. Nel curriculum di Gentian Kasa infatti si annoverano precedenti per stupefacenti, furto e ricettazione. Era stato arrestato dalla polizia per droga nel 2011 e dalla guardia di finanza di Roma e Ancona nel 2014. Dopo aveva ottenuto la semiliberta’ e lavorava come operaio per una societa’. Al vaglio le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona che potrebbero aver ripreso gli attimi precedenti e successivi al delitto. Sconvolta la moglie che ha trovato il corpo del 43enne sul marciapiede a pochi metri da casa. “Faceva l’operaio, aveva commesso alcuni reati, ma stava cercando di rifarsi una vita” avrebbe detto agli investigatori. I due si erano salutati poco prima, quando il 43enne aveva lasciato l’abitazione per fare ritorno nel carcere di Rebibbia. La moglie, che era abituata a ricevere una telefonata dal marito prima che rientrasse in cella, non sentendolo ha provato a contattarlo senza poi ricevere risposta. Poi, forse immaginando che i rumori sentiti potevano essere spari di pistola, si e’ precipitata in strada e ha il marito trovato riverso sul marciapiede. Cosi’ e’ scattato l’allarme. Ma all’arrivo dei soccorsi per lui non c’era piu’ nulla da fare. E dunque per la droga a Roma si torna a sparare e a morire in strada in veri e propri agguati criminali. Dopo il delitto dell’estate scorsa di Diabolik, alias Fabrizio Piscitelli, storico leader della curva nord, caduto per un regolamento sullo sfondo del traffico di stupefacenti nella capitale, ora per un altro delitto si ipotizza la pista della droga. Per l’omicidio Piscitelli, ucciso col colpo alla nuca il 7 agosto mentre era seduto su una panchina del parco della Caffarella, si imbocco’ a suo tempo la pista del clan di albanesi. Poi mesi dopo, nel novembre scorso, ci fu una retata, a seguito di un’indagine della Dda, che porto’ in carcere un cartello di narcos. Il loro capo, per gli inquirenti, era proprio Fabrizio Piscitelli.

Continua a leggere

Cronache

Corona virus, annullati i festeggiamenti del Capodanno cinese a Roma e Milano. Controlli negli aeroporti

Avatar

Pubblicato

del

Niente festa per il Capodanno cinese  a Roma e a Milano: l’annuncio arriva dalla portavoce della comunità a Roma Lucia King  che ha spiegato che la festa va rinviata perché c’è gente che sta male e non  il caso di festeggiare e questo nonostante i preparativi andassero avanti da più di tre mesi. Stessa cosa a Milano dove il coordinamento delle associazioni cinesi a Milano ha deciso di annullare la parata pubblica del 2 febbraio per il Capodanno lunare in segno di solidarietà verso la Cina colpita dal coronavirus. Il budget previsto per la festa di Capodanno, spiegano, verrà utilizzato per fare una donazione alla città di Wuhan, al centro del problema. Attraverso i loro portavoce la comunità di Milano esprime il proprio dolore per non  aver potuto festeggiare, anche se tutto è solo rimandato, spiegano i responsabili.

A Napoli invece il Capodanno cinese è stato celebrato come di consueto in piazza del Plebiscito.

Negli aeroporti di Fiumicino, Roma, e Malpensa, Milano sono stati rafforzati i controlli ed è aumentato il personale medico: la decisione è stata presa dalla task-force istituita dal ministero della Salute proprio per il  coronavirus in Cina e che si è riunita oggi, alla presenza del ministro Speranza e delle altre autorità coinvolte. 

 

 

Continua a leggere

Cronache

Il Gup non deposita le motivazioni, tornano liberi sei boss di ‘ndrangheta

Avatar

Pubblicato

del

Tornano in libertà sei imputati del processo “Costa pulita”, accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, condannati nel processo col rito abbreviato svoltosi davanti al Gup distrettuale di Catanzaro, Pietro Carelli, a pene varianti tra i dieci ed i due anni di reclusione. I sei – come riporta la stampa locale- hanno lasciato il carcere, in accoglimento delle istanze presentate dai loro difensori, a causa del fatto che le motivazioni della sentenza del Gup sono state depositate oltre il termine di 180 giorni fissato dalla legge. Le persone che sono state scarcerate, presunte affiliate della cosca Mancuso della ‘ndrangheta ed appartenenti alle famiglie Accorinti e Il Grande, considerate legate alla criminalita’ organizzata, sono Leonardo Melluso, Giancarlo Loiacono, Carmine Il Grande, Salvatore Muzzopappa, Pasquale Prossomariti e Carlo Russo.

Continua a leggere

In rilievo