Collegati con noi

Cultura

Fotografi sulla Fotografia, Vera Maone apre la seconda stagione dei dialoghi

Avatar

Pubblicato

del

“Fotografi sulla Fotografia” continua il ciclo di incontri promosso da Luca Sorbo, a partire da  lunedì 13 gennaio alle 17.30 sempre presso lo spazio NEA in via Costantinopol. La rassegna dei “dialoghi” sarà inaugurata da Vera Maone, intellettuale appassionata di fotografia classe 1936. Vera maone  ha avuto un ruolo significativo alla fine degli anni ’90 per la promozione della cultura fotografica a Napoli.  Si avvicenderanno in questa seconda edizione maestri e giovani autori per comprendere insieme cosa è oggi la fotografia e cosa potrà essere in futuro. Luca Sorbo mantiene vivo il terreno per grandi riflessioni intorno alla fotografia, la crisi della “fotocrazia”, i nuovi linguaggi e le contaminazioni artistiche mettendo ad interagire tanti percorsi come i lavori di Raffaela Mariniello, Luciano Romano e Ciro Battiloro, Mario Laporta, Ivonne De Rosa e ancora tanti altri. Una tendenza all’indagine attraverso l’obiettivo ma anche a non lasciare andare nulla nel nulla questo il passo che si era colto già nella prima edizione animata da tanti maestri e fotografi tra cui Antonio Biasucci, Gianni Fiorito, Lucia Patalano, e molte anche allora le provocazioni e le domande aperte a cui quest’anno daranno la loro personale declinazione attraverso i loro scatti sulla città, sulle mode, sull’emozioni. “Il pregio di questo progetto è quello di fare emergere il lavoro dei fotografi che operano a Napoli e che si muovono in modo isolato – dice Vera Maone -mi piacerebbe poter partecipare in questi tempi liquidi ad una stagione più corale e partecipata e perciò gratificata, specie nei confronti di questo enorme patrimonio di cui i fotografi napoletani si trovano ad essere custodi”. Vera Maone, mi invita a tenere a mente tra in tanti, i lavori di uno dei maestri della fotografia napoletana come Luciano D’Alessandro scomparso pochi anni fa, autore di un viaggio fotografico nel posto più buio dell’anima con i pazienti del manicomio di Aversa, prima della legge Basaglia, gli “Esclusi”, un documento per una memoria collettiva raccontata per amore e per verità. Le parole di Vera Maone che inizia ad essere prima un’insegnante nelle scuole di frontiera, e poi fotografa per elezione d’animo, risuonano come una chiamata al risveglio- creativo attraverso mille canali espressivi, autrice versatile dal lavoro di recupero e indagine sull’Italsider di Bagnoli dimenticata, al lessico delle emozioni con “Trilogia degli affetti”. Con una memoria di ferro elenca stagioni di grandi eventi come nel 1998 con i “Reading di Fotografia” incontri sulla fotografia e i grandi fotografi presso l’Accademia delle Belle Arti, facendomi ragionare su quanto rigida e monadistica sia la regia della narrazione culturale di questa città nonostante tante battaglie. “L’individualismo è la cifra caratterizzante della vita artistica cittadina e forse in fotografia lo è ancor di più – dice Vera Maone – un tratto spesso narcisistico e distruttivo che ha forse impedito alla fotografia napoletana nel suo complesso di avere i riconoscimenti che meritava a livello nazionale ed internazionale”. Mi racconta che ha provato con molte iniziative a creare aggregazione e dialogo, riuscendo ad attivare meccanismi virtuosi di confronto fra autori già affermati e giovani leve della fotografia. Nel 1997, in collaborazione con Cecilia Battimelli e Lucia Patalano, la consulenza di Antonio Biasiucci, Fabio Donato e Mimmo Jodice, ha dato vita, come si è detto, ai “Lunedì della Fotografia”, incontri periodici fra fotografi, per la progettazione e la realizzazione di eventi finalizzati alla diffusione della fotografia d’autore e alla promozione della giovane fotografia napoletana. I “Lunedì della Fotografia” sono durati fino al 2007. Dopo, nel 2009, Vera Maone ha curato per conto della Fondazione Premio Napoli, in occasione del centenario della nascita di Maurizio Valenzi, la mostra fotografica a lui dedicata “La Napoli di Maurizio”, che ha raccontato la straordinaria stagione dal 1975 al 1983, in cui Valenzi fu sindaco di Napoli, attraverso il lavoro di alcuni tra i più rappresentativi fotografi della città, attivi in quegli anni.

Advertisement

Cultura

Le giornate della Memoria, il calendario del comune di Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Il ricordo della Shoah, contro il razzismo, contro l’indifferenza, è il monito degli eventi promossi dal Comune di Napoli, assessorato alla Cultura e al Turismo, in collaborazione con l’Istituto Campano per la Storia della Resistenza, dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea e l’ANPI Napoli. Una sinergia di iniziative cittadine in occasione del 27 gennaio, Giornata della Memoria, nel ricordo dell’Olocausto. Il programma, realizzato grazie al lavoro generoso e intelligente di tanti soggetti della vita culturale napoletana, prevede iniziative culturali, incontri pubblici e celebrazioni ufficiali, cui parteciperanno le massime istituzioni della città. Inaugura Le Giornate della Memoria lo spettacolo teatrale di Roberto Giordano Irena Sendler – La terza madre del ghetto di Varsavia che si terrà nello Spazio Comunale Piazza Forcella in via Vicaria Vecchia il 24 gennaio; lo spettacolo proposto rivisita e ripensa, in veste drammaturgica e con flashback di accurata ricerca storico-documentaristica, la Memoria del Volto Truce del Male perpetrato dalla follia nazista sugli innocenti, i bambini, gli intoccabili, il cui sterminio fu deliberato nel 1941 quale uno dei principali scopi bellici di Hitler. Uno sfondo che purtroppo non può essere mai più cancellato nè cambiato, ma in cui si innesta un altro volto della verità storica: un volto di alta umanità, generosità e bontà, quale fu quello di Irena Sendler, infermiera e assistente sociale polacca, proclamata Giusta tra le Nazioni nel 1965 per aver salvato, con i suoi collaboratori, 2500 bambini dal Ghetto di Varsavia. A Forcella, su invito dell’Assessorato alla Cultura, sarà presente e dialogherà con il pubblico Elzbieta Ficowska, la bambina più piccola salvata da Irena Sendler dal Ghetto di Varsavia, arrivata a Napoli dalla Polonia in questi giorni proprio per testimoniare personalmente quanto accadde in quegli anni. Diverse iniziative interessanti si svolgeranno nei quartieri di Ponticelli, con l’Arci Movie e la nona edizione di Parole di Memoria, e di Scampia, con il Caffe’ Letterario che presenta al TAN – Teatro Area Nord il libro di Liliana Segre Il mare nero dell’indifferenza. La cerimonia istituzionale è prevista il 27 gennaio alle ore 10.30 in ricordo di Luciana Pacifici, vittima delle leggi razziali, con la deposizione della corona nella strada a lei intitolata. Particolare valenza simbolica ha il luogo prescelto per l’iniziativa dal titolo La banalita’ del male (tratto dall’opera di Hanna Arendtche si terrà sempre il 27 gennaio alle ore 11.00a Piazza Bovio, teatro nel settembre del ’43 dell’uccisione per mano tedesca di quattro marinai e dove, lo scorso 7 gennaio, sono state installate nove pietre d’inciampo, a cura dell’artista Gunther Demnig, all’altezza del civico 33, in memoria di nove martiri napoletani del nazi-fascismo. L’iniziativa si svolgerà nell’androne monumentale della Camera di Commercio di Napoli, e vedrà l’alternarsi di letture e canti  “per non dimenticareper raccontare in quale contesto politico e culturale, in quale clima riuscì a crescere e a maturare l’idea dello sterminio di un intero popolo, della soluzione finale, al fine di dimostrare cosa può accadere quando si normalizza la barbarie può diventare normalità”- ha dichiarato l’assessore alla cultura del Comune di Napoli Eleonora de Majo. Le letture di brani tratti da H. Arendt, B. Brecht, F. Fenelon e altri sono a cura di Teatri di Seta e di Silvana Jovine. I canti del coro le Voci del 48dell’Istituto Comprensivo Madre Claudia Russo – Solimena diretto dal maestro Murru. Il programma completo delle iniziative sul sito: assessorato.cultura@comune.napoli.it

 

Continua a leggere

Cultura

Harmony, i talenti della danza: Marzia Carola, l’artista nata due volte

Eugenia Avena

Pubblicato

del

Ci vuole un’atleta per danzare, ma ci vuole un’artista per diventare una danzatrice,
(Shanna La Fleur). È una frase usata tante volte ma sembra essere perfetta per Marzia Carola, ballerina e soprattutto interprete, cresciuta e poi addirittura rinata presso la scuola di danza Harmony, sotto le amorevoli cure del Maestro Arnaldo Angelini.

“Ero poco più di una bambina – dice Marzia Carola- quando entrai nella scuola di danza Harmony. Timida, insicura e molto fragile ma con la danza nel cuore. Non avevo idea, all’epoca, come l’ incontro con il Maestro Angelini e gli anni vissuti in quella scuola avrebbero segnato il mio futuro e la mia personalità. L’ amore per la danza, già forte, in quegli anni è cresciuto con me, scoprendo un mondo magico ma fatto di duro lavoro, grande disciplina e sacrificio”.

Marzia Carola ha conseguito il diploma alla scuola di danza Harmony nel 1983. dopo un periodo di perfezionamento a Parigi con i maestri dell’ Operà entra nella corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli sotto la direzione di Zarko Prebil ,prima come aggiunta e poi dal 1987 come danzatrice stabile.

“Ci vuole un forte carattere per andare avanti e una grande motivazione, ma soprattutto un grande Maestro, e lei è stato il mio grande Maestro di danza e di vita”, dice la Carola rivolgendosi ad Angelini.

“Con la sua grande preparazione artistica, la sua professionalità e la sua incrollabile passione per l’insegnamento, oltre alla tecnica, dice la Carola rivolgendosi ad Angelini, mi ha insegnato ad essere determinata, tenace, risoluta, mi ha insegnato a puntare l’obbiettivo e a raggiungerlo nonostante le cadute e le sconfitte lavorando sempre con amore, serietà e onestà. È stato per me un supporto costante e indispensabile, soprattutto quando, già  professionista, sono stata costretta ad interrompere la carriera in seguito a un brutto infortunio. Dopo due anni trascorsi fra operazioni e fisioterapia sono venuta da lei senza più speranza, zoppicavo vistosamente, ma con la sua passione e competenza, mi ha riportato prima a camminare e poi di nuovo a ballare. Certo, non più come prima, ma con dei limiti che però mi hanno dato l’opportunità di scoprire ruoli bellissimi, meno ballati e più interpretativi che ho profondamente amato. Grazie Maestro, perchè ho potuto realizzare due volte il mio sogno, perché sono cresciuta con dei valori e perché oggi mi ritrovo un carattere forte e passionale. Grazie per sempre.”

Marzia Carola ha lavorato con i più importanti artisti di fama mondiale come Carla Fracci, Elisabetta Terabust,  Rudolf Nureyev, e poi Vassiliev, Maximova, Roberto Bolle, Raffaele Paganini, la Semionova, Giuseppe Picone e tanti altri. Nella sua carriera ha ricoperto ruoli di corpo di ballo e di solista fino al 2012 quando ha lasciato la danza.

Continua a leggere

Cultura

E’ autentico il quadro di Klimt ritrovato a Piacenza

Avatar

Pubblicato

del

“E’ con non poca emozione che confermiamo l’autenticita’ dell’opera”. Cosi’ il sostituto procuratore di Piacenza Ornella Chicca, titolare dell’indagine sul misterioso furto del 1997 del “Ritratto di Signora” di Gustav Klimt dalla galleria Ricci Oddi di Piacenza e sul suo recente e misterioso ritrovamento nello stesso luogo dopo 22 anni, ha confermato che quella tela trovata casualmente il 10 dicembre scorso a Piacenza dentro un anfratto nel giardino della stessa galleria, e’ l’autentico capolavoro del pittore austriaco. Un quadro dal valore inestimabile, che per 22 anni e’ stato in cima alla lista delle opere d’arte trafugate piu’ ricercate al mondo. L’annuncio, atteso da giorni e per questo carico di suspense ed emozione, si e’ tenuto nella sede piacentina della Banca d’Italia, unico luogo inespugnabile “per custodirlo al sicuro durante le indagini svolte dai tre periti nominati dalla procura” e’ stato detto in apertura ringraziando la disponibilita’ mostrata fin da subito dalla Banca. Accanto alla titolare dell’indagine, tutti i protagonisti della conclusione di una vicenda avvincente e con il lieto fine: il procuratore facente funzione Antonio Colonna, il maggiore Giuseppe De Gori del Tpc carabinieri di Bologna, la dirigente della squadra mobile di Piacenza Serena Pieri. E poi i tre super esperti, la cui identita’ e’ rimasta un mistero fino alla conferenza stampa, incaricati di analizzare da vicino e in ogni sua parte la tela trovata il mese scorso da alcuni operai durante la manutenzione del giardino della Ricci Oddi. “Non sono state necessarie indagini invasive per stabilirne l’autenticita’” ha sottolineato subito Diego Cauzzi (funzionario per le tecnologie del complesso monumentale della Pilotta, Parma), che ha condotto analisi scientifiche rigorose, mentre Anna Selleri (funzionario restauratore delle Pinacoteca nazionale di Bologna) e Claudia Collina (storica e critica d’arte, funzionaria Ibc specialista in Beni Culturali) hanno condotto indagini sullo stato e le caratteristiche della tela e un approfondito lavoro di analisi e confronto storico dell’arte. “Il quadro e’ vero. E’ quello acquistato dal collezionista Giuseppe Ricci Oddi nel 1925 e conservato fino al 1997, anno del furto” hanno concordato gli esperti. Le indagini sulla vicenda sono pero’ ancora lontane dalla conclusione e moltissime sono le domande senza una risposta. Mentre il destino del capolavoro e’ quello di tornare entro breve tempo esposto alla galleria d’arte moderna nel centro di Piacenza, la domanda principale alla quale ora la procura vuole dare una risposta e’ “da quanto tempo si presume che la tela si trovasse in quell’anfratto?”. “Per ora su questo aspetto vi e’ ancora il segreto di indagine” hanno detto gli inquirenti in conclusione dell’incontro.

Continua a leggere

In rilievo