Collegati con noi

Economia

Fondazioni bancarie, un patrimonio pubblico immenso ad uso privato: l’atto di accusa del professor Fimmanò

Paolo Chiariello

Pubblicato

del

Nazionalizzazione delle fondazioni bancarie, debito pubblico e cattura del regolatore. Su questi argomenti che sembrano tabù per i media italiani, quasi inutili da trattare  in un momenti di difficile congiuntura politica, con una crisi di governo in corso i cui sbocchi sono complicati anche da immaginare, intervistiamo il Professor Francesco Fimmanò, Ordinario di diritto commerciale e Vice presidente del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti, fine giurista ed esperto economista. Fimmanò nella sua recente prolusione pubblicata sulla rivista giuridica del Mezzogiorno, edizioni Mulino, ha stigmatizzato il grande problema italiano della “cattura del regolatore” sia con riferimento alle disastrose privatizzazioni di grandi aziende di Stato (a cominciare da Autostrade e Telecom) sia di converso delle privatizzazioni e liberalizzazioni che dovevano al contrario essere effettuate e non lo sono state. In particolare il professore auspica la nazionalizzazione delle fondazioni di origine bancaria, titolari di enormi patrimoni per decine di miliardi di euro. Tesori che potrebbero essere la strada maestra ed indolore per uscire dalla crisi economica ed il modo più agevole per disinnescare le clausole di salvaguardia a cominciare dall’aumento dell’Iva di cui tanto si parla, talvolta a casaccio.

Francesco Fimmanò. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche in campo giuridico ed economico

Innanzitutto, Professor Fimmanò, lei sostiene che la nazionalizzazione delle fondazioni bancarie sarebbe una cosa doverosa e naturale. Ci può spiegare il perchè?

La storia delle fondazioni affonda le proprie radici nei Monti di Pietà e nelle antiche Casse di Risparmio. I Monti nacquero come istituzioni finanziarie senza scopo di lucro nel tardo-medievo su iniziativa di alcuni frati francescani, con funzioni di microcredito e lotta alla devastante usura. Il Monte della Pietà, fondato a Napoli nel 1539 con lo scopo di concedere prestiti gratuiti su pegno a persone bisognose, cominciò, nella seconda metà del secolo XVI, anche a ricevere depositi, dando così vita all’attività bancaria in senso proprio. I Monti di Pietà cominciarono poi ad evolversi per divenire delle vere Casse di risparmio che nate nei primi anni del XIX secolo sempre al fine di sostenere lo sviluppo dei ceti sociali meno abbienti assunsero il ruolo di intermediari tra Stato e cittadini, indirizzando la propria attività verso scopi di natura previdenziale. Quindi già storicamente il fenomeno configura il paradigma dei “beni comuni” secondo la definizione del compianto Stefano Rodotà. 

Quindi, per seguire il suo ragionamento, lei dice: essendo beni comuni usiamoli per finalità pubbliche?

In realtà con la c.d. legge Crispi del 1888 le casse venivano qualificate come “Istituti”  ben distinti, anche per la funzione sociale assolta dalle altre aziende di credito e venivano sottratte all’influenza diretta dei fondatori e agli interessi privati. La Cassazione  nel 1930 ne riconobbe la natura pubblica e con la legge bancaria del 1936 vennero equiparate alle banche ordinarie e inserite, unitamente agli istituti di credito di diritto pubblico e ai Monti di Credito su Pegno, tra i soggetti pubblici sottoposti ad un penetrante controllo statale. 

Mi scusi, allora perché sono considerate private?

In realtà non lo sono. La legge Amato, infatti, non mirava ad una privatizzazione della proprietà ma, con un intervento di soft-law, promuoveva l’adozione di un modello privatistico di gestione, rimodulando, quindi, la veste giuridica degli enti coinvolti, per giungere alla netta separazione dell’impresa bancaria dalle altre attività non qualificabili come tali.  Agli enti conferenti veniva, così, assegnato un compito primario, con l’attribuzione e la gestione del pacchetto di controllo della banca – controllo che sugellava un legame necessario tra ente conferente ed spa bancaria-, ed uno secondario, con la promozione dello sviluppo economico, sociale e culturale della comunità. Di fatto gli enti conferenti, pur spogliandosi dell’attività bancaria, ne conservavano il controllo strategico, assumendo il ruolo di investitori stabili nelle banche ed accrescendo la propria influenza sul piano economico e politico. Il loro patrimonio deriva dal risparmio pubblico e comunque appartiene ad un ente che era pubblico e solo normativamente riqualificato in vitro”. Peraltro permane ancora oggi quell’“abbraccio mortale” con le banche conferitarie che ha determinato un loro drastico impoverimento, come più volte segnalato inconfutabilmente dagli economisti del Lavoce.info. E sono sfuggite financo all’originario disegno del legislatore divenendo potentati locali autoreferenziali in grado di influenzare pesantemente il mondo politico e finanziario.

Praticamente sono fondi sovrani double face?

Esattamente. Danno comodo a certi notabilati politici locali potentissime fondazioni “double face” che gestiscono patrimoni pubblici enormi ma erogano senza alcun procedimento di evidenza pubblica, assumono senza concorsi e spendono senza vincoli effettivi, non subendo la normativa sanzionatoria in tema di reati contro la Pubblica Amministrazione né il controllo della Corte dei Conti. A quest’ultima assurda situazione sto lavorando e studiando nella mia qualità attuale di membro del Consiglio di Presidenza della magistratura contabile. Peraltro neppure più è utile il controllo delle banche che non sono più sostegno della struttura economica del Paese. Lo Stato avrebbe ben altri strumenti per governare il settore senza detenere partecipazioni. Quanto alle funzioni di sostegno culturale e sociale che avrebbero, sinceramente nessuno se ne è accorto specie al centro-sud.

Se il loro patrimonio è tutto di origine pubblica, ci spiega perché non torniamo al passato?  

Non crediamo che queste fondazioni abbiano dato grande prova di utilità nel “governo sociale” dei territori. In una ricerca della European Foundation Centre emerge che “nonostante pochi casi di buone pratiche, le fondazioni di origine bancaria rappresentano un quadro istituzionale molto asimmetrico ed irregolare, di recente colpito da gravi scandali, caratterizzato da una ambivalenza istituzionale tra la definizione statutaria di entità private ed il loro “pratico” comportamento come enti pubblici che frequentemente tratta o interagisce con questioni politiche e potere pubblico regionale o locale, che ha prodotto un livello crescente di biasimo”.  Orbene, i patrimoni delle fondazioni derivano dalle banche pubbliche trasformate e quindi sono risorse pubbliche. Attenzione, parliamo del vero fondo sovrano del Paese: è inammissibile che un sistema di tale portata, che ha ancora il controllo o comunque influenza  dominante sul sistema bancario, sia spesso ostaggio di notabilati locali. Facciamo riferimento a patrimoni rilevantissimi e a risorse enormi distribuite ogni anno sui territori di appartenenza. Pur volendo ammettere la logica del supporto ai territori, tutto deve avvenire secondo regole di trasparenza, efficienza, legalità, non come avviene adesso, peraltro sotto il controllo della Corte dei Conti, visto che non rileva la natura del soggetto ma la natura delle risorse.

Ma le comunità locali, specie nel Nord Italia, si vedrebbero sottratte queste funzioni, non le pare?

Investire i lauti profitti delle banche in opere a sostegno delle comunità può sembrare a prima vista un progetto meritorio, nel quale le fondazioni assumono un ruolo di moderno mecenate. Ma, tolto il velo dell’apparenza, la situazione si rivela ambigua e gestita senza alcuna trasparenza, poichè qui non vi è un mecenate privato, ma un’istituzione che elargisce risorse derivanti dalla originaria proprietà pubblica. Vi sono presidenti di fondazioni che le gestiscono di fatto ormai da trent’anni, in modo da sopravvivere a se stessi. Peraltro, l’obbligo per le fondazioni di investire il 90% dei proventi nella regione di appartenenza privilegia il nord rispetto al sud del Paese, contribuendo a enfatizzare una differenza di disponibilità che ha ormai ampiamente superato il livello di guardia. Inoltre, se le sedi delle grandi fondazioni e delle relative grandi banche sono concentrate al nord, lo stesso non si può dire dei loro correntisti, o in generale della loro attività operativa. Sarebbe agevole trasformarle in S.p.A. e assegnare i pacchetti azionari al Ministero del Tesoro, che potrebbe utilizzare parte delle azioni realizzando valori prossimi ai 50\60 miliardi di euro in funzione di “taglia debito”.

 

Lei propone dunque l’uso delle risorse delle fondazioni per abbassare il deficit?

Per ridurre il deficit, effettuare investimenti e disinnescare le clausole di salvaguardia. Le fondazioni hanno risorse tali bastevoli non per una ma tre finanziarie. Si può agevolmente fare quanto fu fatto per l’Eni e l’Enel.  Trasformare per legge le banche pubbliche e le casse di risparmio in società per azioni, con attribuzione dei titoli azionari al ministero del Tesoro, che provvede con gradualità a mettere poi  sul mercato le azioni. Sarebbe una operazione di  privatizzazione a due livelli che comprenderebbe  anzitutto  i pacchetti azionari delle spa bancarie possedute ora dalle Fondazioni e poi tutti  i beni e le altre attività non bancarie che sono ora nel patrimonio delle Fondazioni. In ogni caso, lo Stato ripeto avrebbe strumenti per governare il settore senza detenere partecipazioni.

Mi scusi professore, a sentirla spiegare con una semplicità disarmante, sembra tutto così facile. Allora, mi dica, perché non si fa?

In realtà è difficilissimo a causa del vero problema italiano: la cattura del regolatore. Quello che le ho disegnata è la soluzione più facile ma la più difficile da perseguire in questo Paese. La lobby delle fondazioni è la più potente di tutte, altro che concessionari di autostrade o delle cave di massa carrara, o dei petroli o delle armi. Siamo di fronte al più grande potentato italiano che peraltro vive nell’ombra e di cui la gente non si accorge. Immagini i gestori dei fondi sovrani italiani, i loro accoliti, i notabili locali ed i politici beneficiati se si fanno sottrare il più grande bene pubblico ad uso privato del mondo moderno. Di fatto, le Fondazioni bancarie, pur nell’originario divieto, non hanno cessato di occuparsi delle attività bancarie perché hanno un ruolo determinante nella nomina degli amministratori. E nel contempo dispongono di cospicue risorse da destinare liberamente e senza evidenza pubblica sui territori a iniziative culturali e  beneficenza, di grande incidenza sulle realtà del territorio. Risorse che sono al di fuori di ogni regola di bilancio pubblico.  Sono quindi un centro di potere spaventoso ed ormai autoreferenziale. È più facile aumentare l’Iva, eliminare misure di sostegno al reddito e raddoppiare l’Imu ai semplici cittadini che non contano nulla. Scommettiamo che se qualcuno lo proponesse si alzerebbero armi di distrazione di massa e polverone che neppure all’epoca della glaciazione si cono mai visti……questa è l’Italia mio caro!

Giornalista. Ho lavorato in Rai a Cronache in Diretta. Ho scritto per Panorama ed Economy, magazines del gruppo Mondadori. Sono stato caporedattore e socio fondatore assieme al direttore Emilio Carelli di Sky tg24. Ho scritto libri: "Monnezza di Stato", "Monnezzopoli", "i sogni dei bimbi di Scampia" e "La mafia è buona". Ho vinto il premio Siani, il premio cronista dell'anno e il premio Caponnetto.

Advertisement

Economia

Conte prova a far digerire al M5S la mancata revoca della concessione ad Aspi con l’estromissione dei Benetton

Avatar

Pubblicato

del

“Fuori i Benetton”. E’ quel che chiedono i Cinque stelle per dare il via libera a una soluzione sulla vicenda Aspi che non sia la revoca della concessione. Ed e’ nei confini di questa richiesta che il governo cerchera’, nelle prossime ore, una soluzione possibile al dossier che tiene banco da due anni. Il premier Giuseppe Conte portera’ in Consiglio dei ministri una proposta di mediazione solo se “irrinunciabile”. Ma ogni partito di governo da’ a questo aggettivo un significato diverso. Il Pd ritiene che la proposta dell’azienda soddisfi gran parte delle richieste poste dall’esecutivo e che ponga dunque buone basi. Il M5s si presenta al tavolo con una posizione assai rigida: “Revoca o fuori i Benetton”. Mentre Italia viva ritiene “surreale” il dibattito sull’ingresso dello Stato in Aspi. Divergenze che fanno dire a Gianni Mion, presidente di Edizione, la holding di Benetton, che la “proposta e’ seria” ma “non c’e’ ottimismo” su un’intesa. Ma una mediazione, assicurano piu’ fonti di governo, e’ ancora possibile: si lavora a un’intesa che abbia, a valle, un aumento di capitale che riduca il piu’ possibile (c’e’ chi dice addirittura dall’88% al 5%) la presenza di Atlantia in Aspi, in modo da poter dire che i Benetton sono, in sostanza, “fuori da Aspi”. Da Palazzo Chigi e dai ministeri dei Trasporti e dell’Economia, che stanno valutando la proposta giunta sabato dall’azienda, nulla trapela. Conte potrebbe convocare nella prossime ore un vertice di governo, prima di riunire il Consiglio dei ministri.

La riunione e’ ipotizzata per martedi’, anche se ancora non convocata. E, anche se c’e’ chi non esclude uno slittamento a mercoledi’ o giovedi’, la volonta’ di chiudere c’e’. Se si decidesse per la revoca della concessione, servirebbe una legge da portare in votazione in Parlamento. Ma ancora in queste ore nel governo si ragiona sull’ipotesi di un accordo in due fasi: il via libera alla proposta dell’azienda e poi l’aumento di capitale che, “senza dare soldi ai Benetton”, ridimensionerebbe la presenza di Aspi. Soggetti interessati a entrare, assicurano piu’ fonti, ce ne sarebbero diversi, da Cdp a Poste Vita fino a fondi come Macquarie. Ma il passaggio e’ assai delicato. Una fonte Dem di governo osserva che quanto alla proposta dell’azienda sono stati fatti passi avanti importanti sui risarcimenti portati a 3,4 miliardi, ma soprattutto sulle tariffe, con la riduzione dei pedaggi e l’adeguamento alle indicazioni dell’Autorita’ dei trasporti e il principio per cui le tariffe sono remunerate solo a fronte di investimenti fatti. In piu’, Aspi non chiede di modificare la norma del decreto Milleproroghe che ha ridotto da 23 a 7 miliardi i risarcimenti dello Stato all’azienda in caso di revoca della concessione (anche se sulla norma e’ pendente un ricorso alla Consulta).

A fronte di questo pacchetto di interventi, che il M5s ha ritenuto “non sufficiente”, c’e’ anche la disponibilita’ di Atlantia, societa’ quotata in borsa, a scendere nell’azionariato. Ed e’ su questo piano che Conte cerchera’ probabilmente una mediazione. Tutto gli occhi sono puntati sui Cinque stelle. Una fonte Pd spiega che la consapevolezza diffusa nel governo e’ che la revoca della concessione porterebbe con se’ il rischio di un maxi risarcimento ad Aspi e del caos nella gestione delle autostrade. Ma c’e’ il timore che dietro questo dossier si giochi una partita tutta politica tra un pezzo di M5s e premier. “Abbiamo letto prese di posizione molto nette, da Di Maio a Buffagni, non sara’ facile per Conte convincerli”, dice un sottosegretario Dem. Fonti di governo pentastellate spiegano che qualche insofferenza ci sarebbe tra i parlamentari M5s per come Conte ha gestito il dossier: “Non puoi trattare per cosi’ tanto tempo con i Benetton…”. Ma aggiungono che in Cdm si cerchera’ una soluzione e che il dialogo con i ministri Pd non si e’ mai interrotto. Quel che non si puo’ fare, sostengono sia Iv che l’opposizione, con l’azzurra Maria Stella Gelmini, e’ nazionalizzare. E’ “surreale e incomprensibile” il dibattito sull’ingresso dello Stato, dice Teresa Bellanova: “Non e’ interessante quel che il privato mette sul tavolo. Quello che e’ dirimente e’ la tutela dell’interesse pubblico” con “controlli, sicurezza, efficienza”. “Revoca della concessione o esca la famiglia Benetton dall’azionariato”, dice dal M5s Roberto Traversi. Questo puo’ voler dire, secondo l’ala piu’ governista del M5s, anche la discesa di Atlantia a una quota del tutto minoritaria (le cifre, nelle ipotesi che circolano in queste ore, dal 30% fino al 5%). Ma c’e’ chi come Alessandro Di Battista e Barbara Lezzi non sembra disposto ad accontentarsi: “Deve essere revoca: siano resi noti i voti dei ministri in Cdm”.

Continua a leggere

Economia

Kurz avverte Roma,”bene le riforme annunciate,ma fatele altrimenti niente recovery fund

Avatar

Pubblicato

del

La cosa è insopportabile ma bisogna in qualche modo raccontarla. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ‘promuove’ le riforme di Roma. Ve lo sareste mai aspettato? Bene, dice Kurz, che si è autoproclamato controllore dei conti e delle riforme italiane, che   “l’abbattimento della burocrazia, la lotta all’evasione fiscale, sistemi economici competitivi” sono belle riforme e che “bisogna andare nella direzione del programma di riforme dell’Italia”. Così si potrà procedereall’esborso dei denari europei per la ripresa post-Covid. Il giovane cancelliere però  avverte anche l’Italia: “Non uniremo i debiti” con i trasferimenti a fondo perduto previsti dalla proposta messa sul tavolo dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel per il Recovery Fund. L’austriaco inoltre insiste: “La condizionalità è necessaria per evitare che le risorse siano spese per coprire buchi di bilancio”, perchè “in Italia già nel passato programmi di stimolo promossi dall’Europa non hanno avuto il successo sperato”. “Se i soldi fossero impiegati non per le riforme ma per i buoni vacanze o per l’aumento incondizionato di un salario minimo – chiarisce – non aiuterebbero il miglioramento della competitività” del Paese. Insomma, il cancelliere austriaco al guinzaglio della Germania, a poco meno di una settimana dal vertice europeo di venerdì e sabato, resta in linea con quella dei leader degli altri tre governi Frugali (Olanda, Danimarca e Svezia) ed in particolare con Mark Rutte, il premier olandese. Il principale campo di battaglia al vertice – come evidenzia anche il Financial Times – saranno comunque la grandezza del Fondo per il rilancio (750 miliardi in totale è la proposta) e la magnitudo del Bilancio Ue 2021-2027 (ora ridotto a 1.074 miliardi da 1.100). E’ possibile infatti che il prezzo da pagare per l’ok dei Frugali all’accordo dovra’ essere una sostanziale riduzione del primo ed un ulteriore snellimento del secondo. In cambio potrebbe restare immutata la ripartizione di due terzi e un terzo tra prestiti e aiuti, spiegano alcune fonti diplomatiche europee, che invitano tuttavia a trattare il ragionamento con grande cautela, perche’ i giorni che dividono dal summit saranno caratterizzati da un intenso lavoro diplomatico. Domani sera Giuseppe Conte sara’ infatti a Meseberg da Angela Merkel e da giovedi’, quando cenera’ a Bruxelles con Emmanuel Macron, saranno giorni di negoziato non stop. Obiettivo dell’Italia e’ che le risorse del Recovery Fund non siano ridotte – e su questo Conte ha mostrato un cauto ottimismo dopo aver incontrato Rutte – ma anche evitare che i fondi vengano vincolati a giudizi e veti dei partner europei, che li rendano difficilmente accessibili. A giocare di sponda con Conte saranno anche lo spagnolo Pedro Sanchez ed il portoghese Antonio Costa. Entrambi, in visite distinte, lunedi’ saranno da Rutte per cercare di ammorbidirne le posizioni e approfondire quello che uno dei principali quotidiani olandesi, il Telegraaf, indica come “l’offensiva dei Paesi del Sud”. E sempre nel tentativo di sbloccare la situazione, lo spagnolo martedi’ e mercoledi’ andra’ in Svezia per vedere un altro osso duro dei Frugali, lo svedese Stefan Lofven.

Continua a leggere

Economia

L’offerta dei Benetton per chiudere la partita di Autostrade: soldi per i morti, investimenti miliardari, pedaggi meno cari

amministratore

Pubblicato

del

Tre miliardi e quattrocento milioni per chiudere il procedimento di revoca. Poi ci sarebbero 7 miliardi in maggiori manutenzioni e 13,2 miliardi di investimenti complessivi. E quindi un bel sì anche all’ingresso di nuovi investitori e al taglio delle tariffe. Un tagli progressivo.  È l’offerta inviata da Autostrade per l’ Italia (Aspi) al governo. Così hanno deciso i Benetton, i maggiori azionisti di Atlantia (la holding che controllano e che a sua volta controlla la concessionaria) e che, entro giovedì, arriverà sul tavolo del Consiglio dei ministri per far chiudere, a quasi due anni dal disastro del ponte Morandi di Genova, la partita della concessione.
Dopo l’ultimatum del premier Giuseppe Conte degli scorsi giorni,  Autostrade ieri ha  approvato una nuova proposta finalizzata “a una positiva definizione della procedura di contestazione”. La società avrebbe recepito gli impegni economici richiesti dal governo nell’incontro di mercoledì scorso, tra cui l’ innalzamento della quota di risarcimenti per la tragedia del Ponte Morandi. Un rilancio con cui evitare in extremis la revoca della concessione dei 3 mila chilometri di autostrade italiane.
Nel documento riservatissimo -nelle mani della ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli che entro lunedì lo esaminerà con i tecnici del Mit – dovrebbero essere stati sciolti i due nodi del dossier: il primo riguarda il sistema tariffario, la manutenzione e gli investimenti; l’altro nord è quello della governance.  Il Governo ha chiesto ai Benetton di fare un passo indietro sul controllo della società e vorrebbe far entrare con una quota consistente Cassa Depositi e Prestiti. Sembra che i Benetton siano  disposti a farsi a lato. Si prevede la cessione del controllo di Aspi da parte della famiglia di Ponzano Veneto diluendo la quota di Atlantia in Autostrade che dovrebbe scendere dall’ attuale 88% sotto il 50%. Nel nuovo piano non figurerebbe la richiesta di modifica del decreto Milleproroghe che riduce l’ indennizzo, in caso di revoca, a 7 miliardi, cifra di gran lunga più bassa dei 23 miliardi previsti dalla convenzione siglata nel 2008. Una soluzione che però continua a non convincere i Cinque Stelle che fanno trapelare il loro no. “La proposta non è sufficiente”, fanno sapere.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto