Collegati con noi

Politica

Fì sempre più nel caos serra i ranghi, le sirene di Renzi sono fortissime

Avatar

Pubblicato

del

Dentro FI sono tanti i mal di pancia di chi si oppone alla leadership di Salvini nel centrodestra. L’alleanza si chiamerà “La coalizione degli italiani”, ha annunciato il leader lumbard. E pure il nome fa storcere il naso. Ma se c’è chi non ama Salvini, c’è anche chi dentro Fi spiega che “è andando con Renzi che si ripudia la nostra storia”. Il giorno dopo la kermesse di Italia viva fa ancora discutere l’appello di Renzi. “L’Opa fallira’. Nessuno di noi puo’ andare a fare la stampella di un governo di sinistra”, il ragionamento. Ma resta il malessere nei gruppi. C’è chi vocifera che alcuni amministratori e anche dei parlamentari siano stati visti all’iniziativa renziana. Secondo quanto riferiscono fonti parlamentari anche il coordinatore del partito in Veneto, il deputato Bendinelli, sarebbe stato avvistato alla kermesse. Ma al di la’ della ‘chiamata’ arrivata dai renziani, i fari sono puntati soprattutto al Senato dove i numeri della maggioranza sono piu’ ballerini. Diversi esponenti azzurri di palazzo Madama – tra questi Berardi, Masini e Fantetti – hanno smentito approcci con il movimento di Renzi. Ma c’è fibrillazione al gruppo anche perche’ – secondo chi ha partecipato alla manifestazione di sabato a piazza San Giovanni a Roma – alla kermesse erano presenti solo una ventina di senatori. Fibrillazione legata anche all’orizzonte futuro di FI. Perche’ soprattutto se non verra’ arrestato l’iter della riforma del taglio del numero dei parlamentari, gli spazi per dirigenti e ‘peones’ forzisti e’ destinato a ridursi. Al di la’ dei sondaggi che danno il partito sotto le due cifre. “Salvini – questo il ragionamento di diversi dirigenti – potrebbe lasciare a FI solo alcuni posti nelle liste. Cosi’ verrebbero salvaguardati in pochi, mentre la maggioranza dei parlamentari di FI e’ destinato a non essere ricandidato”. Per ora Salvini, Berlusconi e Meloni guardano alle difficolta’ della maggioranza, auspicano che il governo possa cadere e promettono opposizione dura. Con il leader del partito di via Bellerio che gia’ mette le mani avanti: se cade Conte ci sono solo le elezioni. Il timore infatti e’ che qualora dovesse sfaldarsi il governo sotto i colpi di Renzi e Di Maio possa nascere un esecutivo guidato da un altro premier. “Il Movimento 5 stelle e’ diventata una costola del Pd”, l’attacco dell’ex ministro dell’Interno che continua a puntare sull’Umbria per mandare un segnale al governo. Intanto il centrodestra si compatta anche sul fronte Rai e chiede all’azienda di ristabilire il pluralismo.

Advertisement

Cronache

Nuovo rimpasto in Giunta a Napoli, nominati 4 nuovi assessori: de Magistris fa “assessora” anche l’ex del M5S

amministratore

Pubblicato

del

Eleonora De Majo, Luigi Felaco, Rosaria Galiero e Francesca Menna sono i nuovi assessori che vanno a integrare la Giunta comunale di Napoli. Nella squadra guidata dal sindaco Luigi de Magistris, prendono il posto di Mario Calabrese, Nino Daniele, Roberta Gaeta e Laura Marmorale. Prende forma così il rimpasto ampiamente annunciato nelle scorse settimane e ufficializzato dal primo cittadino nel corso di una conferenza stampa. Il cambio di nomi si accompagna anche a una redistribuzione delle deleghe. De Majo,consigliere comunale del gruppo demA ed esponente del centro sociale Insurgencia, riceve Cultura e Turismo, prima in capo a Daniele. All’altro consigliere di demA, Felaco, vanno Verde e Beni confiscati, mentre Rosaria Galiero, del gruppo Napoli in Comune a sinistra, si occuperà di Commercio e Attività produttive (prima affidate al vicesindaco Panini). L’ex consigliera Francesca Menna, eletta con il M5s e dimessasi all’indomani del voto degli attivisti del Movimento sul caso Diciotti, viene ripescata e lavorerà sui temi delle Pari opportunità della Salute e del Contrasto alla violenza di genere. Con il nuovo rimpasto sale a 33 il numero degli assessori che hanno affiancato il sindaco negli ultimi otto anni. Entrando in Giunta, i consiglieri De Majo, Felaco e Galiero lasciano il posto in Consiglio a Elena De Gregorio e Sergio Colella di demA e a Chiara Guida, eletta con la Sinistra ma passata successivamente nel movimento fondato dal sindaco. Il sindaco, come di consueto, si intesta ogni cambiamento. Assume su di sé oneri ed onori di guidare la terza metropoli d’Italia.  “Questa decisione è frutto solo della mia volontà e me ne assumo tutta la responsabilità nel bene e nel male”, chiarisce de Magistris, che si dice “onorato del lavoro svolto dalla vecchia Giunta”. Assicura che le scelte operate “consolidano e rafforzano quanto fatto finora” e “danno ossigeno all’amministrazione”, con l’obiettivo di “guardare ai giovani e al futuro e migliorare, affinchè si vincano le prossime Comunali”. Il sindaco riconosce che, negli ultimi tempi, “si viveva un momento di stanca” e precisa che la scelta dell’ex Cinque Stelle Menna, vicina a Fico, non apre le porte a un’intesa politica. Sono sempre questi i momenti in cui il primo cittadino dà uno scossone. Quando sente che c’è un momento di “stanchezza” nella squadra di governo della città. Per chi va via, per chi lascia, però, non è un atto di sfiducia. Anzi, il primi cittadino tiene molto a sottolineare l’apporto che hanno fornito. È certamente il caso dell’assessore alla Cultura Nino Daniele, eccellente protagonista di nelle pagine di cultura in città, benché le risorse siano sempre poche.

Rimpasto in Giunta. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, dimettere e ringrazia 4 assessori e ne nomina altri quattro

“È una scelta di persone e non di partito”, taglia corto. Con la nuova Giunta l’ex pm si prepara ad affrontare in Consiglio la mozione di sfiducia presentata nei suoi confronti dal centrodestra, che sarà discussa il 22 novembre. “Sono certo che la maggioranza darà una prova forte – dice – e si rispetterà il diritto di essere valutati a fine mandato. Capiremo se conta questo o se conta altro, altrimenti andremo a casa, ma mi auguro che la mozione sia rigettata”. La sfiducia ha preso corpo dopo la diffusione da parte del quotidiano Repubblica nelle pagine locali di un audio che svelava un ‘patto’ tra cinque consiglieri di maggioranza per mandare a casa il sindaco prima delle Regionali del prossimo maggio se non ci fosse stato un rimpasto condiviso con loro. “Un’operazione infingarda”, la definisce de Magistris, che “ha turbato la città e mi ha procurato amarezza. Ma piu’ cercano di logorarmi piu’ io mi carico”. Guardando proprio all’appuntamento con le Regionali, il primo cittadino lascia intendere che potrebbero esserci ulteriori avviendamenti perche’, rbadisce, come demA “ci saremo certamente e qualche componente di questa Giunta potrebbe essere tra i candidati”.

Continua a leggere

In Evidenza

Zingaretti a New York vede Clinton e parla di “battaglia comune contro destre”

Avatar

Pubblicato

del

Nicola Zingaretti vola negli States da segretario del Pd e vede Bill Clinton. Con l’ex presidente degli Usa, Zingaretti parla di Europa, rapporti bilaterali Italia e Stati Uniti, le destre e i nazionalismi che avanzano. “E’ stato un lungo e utile scambio di opinioni sull’Europa, sull’Italia e sugli Usa, su come ricostruire contro la cultura della paura”, ha affermato al termine dell’incontro, sottolineando di aver anche invitato l’ex presidente americano in Italia. “Clinton verrà prima dell’estate, l’ha promesso” ha detto Zingaretti prima di lasciare la Clinton Foundation di Midtown Manhattan. Ad accompagnare Zingaretti all’appuntamento con Clinton  c’era l’ambasciatore italiano negli Stati Uniti Armando Varricchio. L’incontro è durato  un’ora.

Dopo Clinton Zingaretti visiterà la sede del Pd a New York, incontrerà il sindaco della Grande Mela Bill De Blasio, originario di Sant’Agata de’ Goti e innamorato dell’Italia. Spesso è a Napoli. Zingaretti si vedrà poi con l’ex sindaco della Grande Mela, Michael Bloomberg, che sarà con ogni probabilità lo sfidante di Donald Trump alle prossime presidenziali. La seconda tappa della visita americana di Zingaretti è a Washington D.C. . Qui vedrà la speaker della Camera Nancy Pelosi, terza carica dello stato e volto dell’indagine per un possibile impeachment del presidente Donald Trump. Il segretario del Pd ha in programma anche incontri alla Casa Bianca con esponenti del Consiglio di Sicurezza Nazionale, che ha in carico fascicoli importanti di politica estera e sicurezza, ma gioca anche un ruolo non secondario in questioni come quelle commerciali, a partire dal delicato dossier dei dazi Usa che ultimamente hanno colpito anche alcuni prodotti del made in Italy. Nessun esponente dell’amministrazione americana incontrerà Nicola Zingaretti. Almeno per ora.

Continua a leggere

Politica

M5s, espulsa Manuela Sangiorgi: è la sindaca dimissionaria di Imola

Avatar

Pubblicato

del

Manuela Sangiorgi, sindaca dimissionaria della città di Imola, è stata espulsa dal Movimento Cinque Stelle. A comunicarlo sulla propria pagina Facebook lo stesso M5s imolese. La Sangiorgi, in carica dall’anno scorso, si è dimessa il 28 ottobre per contrasti interni alla maggioranza.

I Cinque Stelle imolesi, inoltre, aggiungono che “a chiarimento di notizie false divulgate alla stampa, si comunica che nessuno dallo staff nazionale ha chiesto nè ora, nè mai di prendere particolari posizioni politiche su alcuna mozione o delibera, decisioni in capo alla giunta e ai consiglieri comunali”. Dunque, “come M5s di Imola facciamo nuovamente appello, affinchè ogni mozione e ogni delibera vengano calendarizzate nell’ultimo consiglio comunale disponibile e votate dai consiglieri nell’esclusivo interesse dei cittadini imolesi” e “chiediamo che sia il Rue, sia la mozione riguardante il ritiro della delibera concernente l’atto di indirizzo verso AreaBlu per il complesso Ruggi siano inserite nell’ordine del giorno”.

Continua a leggere

In rilievo