Collegati con noi

Cultura

Fenomeno Elena Ferrante, torna in libreria la scrittrice napoletana misteriosa più famosa del mondo

Avatar

Pubblicato

del

Fenomeno editoriale da oltre 10 milioni di copie vendute nel mondo, tradotta in 40 paesi, amatissima negli Stati Uniti, Elena Ferrante, l’autrice bestseller della saga dell’Amica geniale, torna un libreria il 7 novembre con un nuovo romanzo. Il titolo e’ ancora top secret e dal piccolo frammento anticipato dalla casa editrice E/O si capisce che sara’ ambientato ancora una volta a Napoli. “Due anni prima di andarsene di casa mio padre disse a mia madre che ero molto brutta. La frase fu pronunciata sottovoce, nell’appartamento che, appena sposati, i miei genitori avevano acquistato al Rione Alto, in cima a San Giacomo dei Capri. Tutto – gli spazi di Napoli, la luce blu di un febbraio gelido, quelle parole – e’ rimasto fermo. Io invece sono scivolata via e continuo a scivolare anche adesso, dentro queste righe che vogliono darmi una storia mentre in effetti non sono niente, niente di mio, niente che sia davvero cominciato o sia davvero arrivato a compimento: solo un garbuglio che nessuno, nemmeno chi in questo momento sta scrivendo, sa se contiene il filo giusto di un racconto o e’ soltanto un dolore arruffato, senza redenzione…” racconta la Ferrante in quello che potrebbe essere l’incipit del libro.

Alcuni fotogrammi de l’Amica Geniale, la serie tv basata sul best seller di Elena Ferrante 

La misteriosa scrittrice senza volto – sulla cui identita’ si sono fatte tante ipotesi tra le quali la piu’ accreditata sembra essere quella che la identifica con Anita Raja, la moglie di Domenico Starnone e traduttrice di E/O – scatena ancora una volta la curiosita’ di fan e lettori e la sorpresa accende i social: sara’ l’inizio di una nuova saga? Un libro autoconclusivo? O magari a parlare e’ la figlia di Lila, in un ideale seguito della quadrilogia? L’amicizia di Elena e Lila, nata sui banchi di scuola in un rione popolare di Napoli negli anni Cinquanta dove erano “tutte un po’ cattive” e durata tutta la vita, raccontata nella saga bestseller de ‘L’amica geniale’ diventa l’affresco di un’epoca e di un ambiente. Cominciata nel 2011, la saga proseguita con ‘Storia del nuovo cognome’, ‘Storia di chi fugge e di chi resta’ e ‘Storia della bambina perduta’ ha ispirato una fortunatissima serie tv su Rai1 diretta da Saverio Costanzo. E mentre si aspetta il nuovo romanzo della Ferrante, si stanno concludendo le riprese a Napoli degli 8 episodi della serie ‘L’amica geniale 2′ – dopo il successo della prima stagione, che ha sfiorato in media i 7 milioni di spettatori con il 29.5% di share – che andranno sempre in onda su Rai1. Ma anche in questo caso e’ tutto blindato e non si sa la data precisa di messa in onda che dovrebbe essere all’inizio del 2020. Certo, i libri della Ferrante fin dall’esordio sono stati fonte d’ispirazione per il cinema, fin dal suo primo romanzo ‘L’amore molesto’, pubblicato nel 1992 e diventato un film di Mario Martone. E anche ‘I giorni dell’abbandono’ e’ stato portato sul grande schermo da Roberto Faenza. Inserita dal settimanale Time nel 2016 tra le 100 persone piu’ influenti al mondo, la misteriosa scrittrice, che senza apparire e’ sempre stata una super star, ha partecipato pur nell’assenza, anche a numerosi premi tra i quali, nel 2015, il Premio Strega con ‘Storia della bambina perduta’ (E/O), presentato da Serena Dandini e Roberto Saviano, vinto poi da Nicola Lagioia. E nel 2016 era tornata alla ribalta nella shortlist del Man Booker International. Il nuovo romanzo della Ferrante, della quale Zadie Smith ha parlato come di “uno degli scrittori viventi che amo di piu'”, ritorna a cinque anni dall’uscita dell’ultimo dei quattro volumi de L’amica geniale’, ‘Storia della bambina perduta’ del 2014, che e’ anche in audiolibro con la lettura di Anna Bonaiuto.

Advertisement

Cultura

Venezia mette in mostra le opere del mostro di Firenze Pietro Pacciani

Avatar

Pubblicato

del

C’e’ anche il ritratto di suor Elisabetta, la sua assistente spirituale quando era in carcere, tra le 11 tavole realizzate mentre era in prigione da Pietro Pacciani il cosiddetto ‘Mostro di Firenze’ che verranno esposte a Venezia. La rassegna, dal 20 settembre, intitolata ‘One solo show’, viene proposta da Venice Faktory con curatrice Federica Pagliarin, mettendo in mostra, per la prima volta i disegni di Pacciani finiti in una collezione privata. Si tratta per lo piu’ di animali e scene agresti realizzate con tratto incerto e infantile, ma c’e’ pure un autoritratto con la scritta “povero Cristo”, scelto come manifesto della rassegna. Le tavole originali non sono in vendita, ma ne sono state realizzate 150 copie che saranno vendute. Il ricavato e’ destinato in beneficienza. Pacciani – cui sono stati addebitati sette duplici omicidi ed e’ morto in carcere nel 1998 in attesa di un nuovo processo – disegnava molto in prigione, ma quasi tutto il materiale, in genere a sfondo sessuale, e’ stato sequestrato dalla magistratura. Alcuni disegni, invece, sono stati donati dallo stesso Pacciani a Davide Cannella, un criminologo che assisteva il collegio difensivo del contadino toscano. Queste 11 tavole – che hanno il vincolo dell’invendibilita’ – saranno al centro della piccola rassegna il cui ricavato sarebbe gia’ destinato, per volonta’ dello stesso Pacciani, all’ospedale per bambini Meyer di Firenze. Ma dall’ospedale cadono dalle nuvole: “Il Meyer non e’ a conoscenza di questa iniziativa e tutte le iniziative di raccolta fondi ad esso dedicate devono essere preventivamente autorizzate”, precisano dall’ufficio stampa. Per la curatrice Palmarin, nei disegni “c’e’ un rapporto tra arte e criminologia ed e’ quello che ci interessa sviluppare”. “A me – sottolinea – non interessa sapere se Pacciani era o non era il mostro di Firenze, di certo c’e’ il fatto che le opere della collezione Cannella saranno esposte per la prima volta al pubblico a Venezia”. “I disegni – e’ scritto nella presentazione della mostra – sono giocosi, fantasiosi, caricaturistici e poetici, l’impulso e’ di ricollocarli oggi dove c’e’ la possibilita’ di dare risalto a questa pop art rifiutata, un’arte che, per il suo periodo storico, non ha avuto la giusta attenzione per via dell’ostacolo morale e della dialettica sociale”. Venice Factory non e’ nuova a proposte provocatorie. Mesi fa aveva esposto un ritratto dell’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini con in braccio un piccolo migrante: iniziativa alla quale aveva fatto seguito un controllo da parte della polizia.

Continua a leggere

Cronache

Hanno rubato il cesso d’oro di Cattelan: era nel bagno della casa museo dove nacque Winston Churchill

Marina Delfi

Pubblicato

del

Quando si dice un cesso da statista. Hanno lavorato indisturbati per tutta la notte ed hanno portato via il water d’oro firmato Maurizio Cattelan: lo hanno portato via dal Blenheim Palace, una grande residenza di campagna vicino Oxford, Inghilterra, dove nacque Winston Churchill, un museo aperto al pubblico e visitabile previo pagamento del biglietto. Un luogo dove l’insolito oggetto veniva utilizzato per lo scopo per il quale è stato costruito anche se solo per tre minuti a testa per evitare code davanti al bagno…

I ladri hanno rotto i tubi dell’acqua per portar via la tazza della toilette, ricoperta d’oro a 18 carati, parte di umanista dedicata a Cattelan, ed allagato l’intero piano. Un uomo di 66 anni è stato arrestato ma le indagini vanno avanti per rintracciare tutti i responsabili. La scientifica ha rilevato tracce e impronte poi sono arrivati gli idraulici per riparare le tubature.

“America”, questo il nome del water era stato provocatoriamente offerto dallo stesso artista a Donald Trump ed ha un valore stimato di circa 1 milione e 100 mila euro

Continua a leggere

Cultura

L’Associazione Italiana Editori festeggia i 150 anni con Mattarella: emergenza lettura, ripartire dalla scuola

Avatar

Pubblicato

del

Compie 150 anni e guarda al futuro mettendo tra le priorita’ l’istruzione, la scuola e la lettura che e’ un'”emergenza nazionale”, l’Associazione Italiana Editori che oggi ha celebrato il suo secolo e mezzo all’Auditorium Parco della Musica di Roma, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “L’istruzione dei ragazzi e’ interesse primario della Repubblica” ha detto il Capo dello Stato. “I libri sono stati e sono propulsori della crescita del nostro Paese. Viviamo in un tempo di trasformazioni straordinarie, come sempre in realta’ nella storia, ma con un ritmo di gran lunga piu’ incalzante” ha spiegato Mattarella. E dei prossimi 150 anni, il presidente della Repubblica ha detto: “Saranno un’avventura affascinante e in ampia misura inimmaginabile per noi, ma della lettura avremo sempre bisogno, si affermera’ sempre. La forza della cultura e’ insuperabile in tutte le sue varie espressioni, con tutti i mezzi che ci sono e ci saranno”. Costituita il 17 ottobre del 1869 a Milano, l’Aie non chiede “aiuti speciali. Cio’ che chiediamo e’ una politica di effettiva promozione della lettura” che e’ “un’autentica emergenza nazionale” sottolinea il presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi, aprendo l’evento all’Auditorium che, oltre ai maggiori rappresentanti dell’editoria, della filiera del libro, della comunicazione e dell’industria, ha visto la partecipazione di esponenti del mondo delle istituzioni tra i quali Romano Prodi e Mario Monti. Al suo arrivo il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, ha spiegato ai giornalisti che lo incalzavano: “Come c’e’ una legge nuova che investe su tutta la filiera del cinema, poiche’ un libro e’ importante almeno quanto un film, e’ evidente che c’e’ bisogno di un intervento dello Stato serio per tutta la filiera del libro, dalle librerie agli autori agli editori”. La legge sul libro “e’ stata approvata dalla Camera. Adesso c’e’ lo spazio, visto che la legislatura durera’, per migliorare, integrare, ragionare” fa sapere il ministro. “Non abbiamo futuro se non mettiamo l’istruzione, la conoscenza, il sapere al centro dell’agenda politica nazionale. Dunque: scuola, scuola, scuola” afferma Levi, ricordando poi che quella editoriale “e’ la prima industria culturale del Paese” e che “abbiamo dimostrato di reggere, anche negli anni piu’ difficili della crisi”. Dalla ricerca preparata per l’occasione e raccolta nel libro bianco ‘Sfida al futuro’ emerge che un raggio di sole e’ arrivato sul mercato editoriale nei primo semestre del 2019 con una crescita a valore del +3,8% (530 milioni di euro) e in termini di copie un +2,9% (39,7 milioni di copie vendute), rispetto allo stesso periodo del 2018, per quanto riguarda le vendite di libri di varia adulti e ragazzi nei canali trade (librerie, librerie online e Grande distribuzione organizzata – Gdo -, compresa la stima Aie di Amazon). Mentre il digitale non ha ampliato la base di lettura: ancora oggi solo il 5% dei lettori italiani legge libri “solo in digitale”. Un invito a “non sprecare tempo a identificare nella rivoluzione digitale il nostro nemico”, a non “aver paura dell’ascesa spettacolare che la tecnologia avra’ nelle nostre vite” e a considerare che “andremo molto veloci e 150 anni varranno 30 anni” viene da Alessandro Baricco. Lo scrittore spinge anche a partire dalle azioni individuali per cambiare le cose: “La politica e’ importante, ma noi cambiamo il mondo spesso a dispetto della politica” e a “non pubblicare brutti libri”. All’evento, coordinato da Paolo Mieli, a cui e’ intervenuta la senatrice a vita Elena Cattaneo, Gian Arturo Ferrari ha ripercorso i 150 anni dell’Aie e ricordato come i suoi 86 fondatori fossero “gente ostinata nella difesa dei propri interessi, ma che sapeva anche guardare lontano” e sottolineato come la difesa della liberta’ d’espressione sia stata “la maggior gloria dell’editoria italiana del dopoguerra”. Che ci sia un rapporto tra la lettura e lo sviluppo economico e sociale lo mette in luce anche il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia: “I dati ci dicono che la libraria tiene rispetto al grande mondo dell’editoria in senso lato. Il libro e’ parte dell’evoluzione culturale del Paese. Coesione a tutto campo, dalla cultura si riparte” spiega. A ricordare come l’Italia sia cresciuta insieme ai libri e’ anche il video di Rai Cultura “150 anni di libri. 150 anni di storia d’Italia”.

Continua a leggere

In rilievo