Collegati con noi

Salute

Estate, le regole per un’abbronzatura sana e duratura

Avatar

Pubblicato

del

Protezione solare alta, integratori fotoprotettivi e idratazione: sono le regole must per un’abbronzatura uniforme, duratura e soprattutto senza rischi. Per evitare scottature e proteggere la pelle da eritemi – secondo uno studio di ‘In a Bottle’ che ha coinvolto oltre 30 esperti tra dermatologi e medici – e’ importante preparare la pelle con integratori fotoprotettivi, che vanno assunti su consiglio del medico circa tre settimane prima dell’esposizione solare. Indispensabili le creme solari con protezione alta, da scalare lentamente per far abituare la pelle al sole e da applicare piu’ volte al giorno (circa ogni 4-5 ore). Nella routine non puo’ mancare il doposole: une pelle ben idratata e morbida manterra’ piu’ a lungo l’abbronzatura e un colore luminoso.

La prevenzione non impedisce di abbronzarsi, sottolineano i dermatologi. Anzi, una tintarella graduale favorisce la creazione progressiva di melanina e permette di avere un’abbronzatura piu’ marcata e uniforme, oltre che di evitare ustioni e macchie. Ma quali sono i primi segnali di scottature? “L’eritema solare – ha spiegato Magda Belmontesi, medico chirurgo specializzato in dermatologia – si manifesta attraverso la comparsa di micro papulette arrossate per poi diventare scottature di primo grado con un arrossamento o di secondo grado con la comparsa di vesciche e bolle”. “Le scottature solari ripetute accelerano i processi d’invecchiamento” e “favoriscono la comparsa di lesioni precancerose della pelle”, ha avvertito Belmontesi. L’idratazione, ricordano infine gli esperti, non riguarda solo la pelle: bere molto serve a prevenire colpi di sole o di calore; per evitarli scegliere “bevande non gasate e zuccherate come spremute di frutta, the freddo e soprattutto acqua, in particolare quelle integrate con sali minerali”, ha concluso Belmontesi.

Advertisement
Continua a leggere

Salute

Divergenze sull’uso di farmaci anti-cancro, primario a giudizio per abusi e maltrattamenti verso due colleghe

Avatar

Pubblicato

del

Il primario del reparto di oncologia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, Maurizio Cantore, 63 anni, e’ stato rinviato a giudizio oggi per i reati di abuso d’ufficio e maltrattamenti nei confronti di due colleghe oncologhe. Il processo si terra’ il 4 giugno prossimo. Il primario sarebbe responsabile di presunte vessazioni e discriminazioni ai danni delle due dottoresse per divergenze sull’utilizzo di farmaci anticancro sui pazienti. Una situazione che e’ andata avanti per molto tempo, tra ingiurie ed esclusioni delle due dottoresse dalle riunioni di reparto, fino al loro trasferimento in un altro ospedale poi risoltosi con un reintegro.

Continua a leggere

In Evidenza

Coronavirus, per l’Oms non è emergenza: contagio uomo-uomo solo in Cina

Avatar

Pubblicato

del

L’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) ha deciso che “non e’ il momento” di dichiarare un’emergenza di salute pubblica internazionale per l’epidemia causata dal nuovo coronavirus (2019-nCoV) in Cina che per il momento non ha causato contagi uomo-uomo fuori dal paese. Per ora l’Oms non raccomanda ampie restrizioni ai viaggi e al commercio. “Non dichiaro un’emergenza di salute pubblica internazionale”, ha affermato il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus al termine di una nuova riunione, dopo quella di ieri, del Comitato d’emergenza indetta per valutare la portata dell’epidemia del nuovo virus. Per il presidente del Comitato dell’Oms, Didier Houssin, e’ troppo presto “per considerare questo evento come un’emergenza globale”. Il Comitato, che come ieri era diviso, e’ tuttavia pronto a riunirsi non appena l’evoluzione dell’epidemia lo richiedera’. “Sappiamo che esiste una trasmissione da uomo a uomo in Cina, ma per ora sembra limitata ai gruppi familiari e agli operatori sanitari che si prendono cura dei pazienti infetti. Al momento, non ci sono prove di trasmissione da uomo a uomo al di fuori della Cina, ma cio’ non significa che non accadra’”, ha detto il direttore generale dell’Oms. Per Tedros, “si tratta di un’emergenza in Cina ma non e’ ancora diventata un’emergenza globale. Tuttavia potrebbe diventarla”, ha aggiunto, ricordando che 584 casi sono stati riferiti all’Oms, inclusi 17 morti, e che casi sono segnati in Giappone, Corea, Singapore, Tailandia,Usa e Vietnam. Il Comitato, piuttosto che una visione binaria tra emergenza globale e no, ha raccomandato un “sistema piu’ sfumato”, per consentire un livello intermedio di allerta per favorire un migliore coordinamento internazionale, compresi gli sforzi di ricerca per lo sviluppo di contromisure mediche. L’Oms ha chiesto alla Cina di continuare ad operare in trasparenza, rafforzare le misure per la gestione dei rischi e continuare a collaborare con l’Oms. La comunita’ internazionale deve inoltre prepararsi alla potenziale evoluzione dell’epidemia.

Continua a leggere

In Evidenza

Organizzazione mondiale della sanità: le sigarette elettroniche sono dannose e non sicure

Avatar

Pubblicato

del

Le sigarette elettroniche “sono dannose per la salute e non sono sicure”, “possono danneggiare il feto in crescita” e sono particolarmente rischiose per lo sviluppo del cervello degli adolescenti. Pertanto, “laddove non siano vietate, devono essere regolamentate”. Questo il nuovo allarme dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (OMS). Una presa di posizione che trova l’approvazione dei pediatri ma lascia in dubbio chi si occupa di aiutare i fumatori a smettere. Le e-cig, si legge in un documento di domande e risposte pubblicato sul portale e rilanciato su twitter, “aumentano il rischio di malattie cardiache e disturbi polmonari”. Espongono, di seconda mano, anche i non fumatori “alla nicotina e ad altre sostanze chimiche dannose”. Inoltre, il liquido in esse contenuto “puo’ bruciare la pelle e causare avvelenamento da nicotina se ingerito o assorbito”. Sono “particolarmente rischiose se usate dagli adolescenti”, poiche’ la nicotina in esse presenti crea “dipendenza nel cervello in via di sviluppo”. E, d’altronde, tra i 15.000 aromi ve ne sono “molti progettati per attirare i giovani, come gomma da masticare e zucchero filato”.

Quanto al fatto che passare allo svapo sia piu’ sicuro rispetto alle bionde tradizionali “dipende dalla quantita’ di nicotina e di altre sostanze tossiche nei liquidi riscaldati”. Per i consumatori di tabacco che vogliono smettere di fumare, precisa, “esistono altri prodotti collaudati, piu’ sicuri e autorizzati, come cerotti sostitutivi della nicotina”. Ad oggi, le e-cig sono “vietate in oltre 30 paesi in tutto il mondo” e l’Oms raccomanda agli Stati di attuare misure volte a “interromperne la promozione”. “L’avvertimento conferma cose che sapevamo, ma ci fa piacere che l’Oms abbia preso una posizione chiara e forte”, spiega Rino Agostiniani vicepresidente della Societa’ Italiana di Pediatria (Sip) e direttore della Pediatria dell’Asl Toscana Centro. Le E-cig, come abbiamo piu’ volte denunciato, “sono uno strumento nato per dissuadere gli adulti dal fumo ma che sta diventano uno strumento che sempre piu’ spesso avvicina i giovani anche di 11-13 anni a potenziali situazioni di dipendenza, magari suscitando meno timore nei genitori”.

E non e’ questo l’unico rischio. “Spesso – prosegue – soprattutto nei liquidi che non passano per il commercio ufficiale non c’e’ chiarezza su quanta nicotina ci sia, e la nicotina, nelle donne in gravidanza danneggia il feto perche’ peggiora gli scambi a livello placentare”. A spezzare una lancia in favore delle e-cig, e’ Fabio Beatrice, direttore del Dipartimento di Otorinolaringoiatria e Responsabile del Centro Anti Fumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino. “Per chi non riesce a smettere di fumare – spiega – lo switch al fumo digitale costituisce un vantaggio clinico a fronte delle assolute certezze sulla letale tossicita’ del fumo combusto”. E questo, afferma, e’ dimostrato da numerose evidenze scientifiche. “Andrebbero quindi separate – conclude- le politiche che tutelano i non fumatori e i giovani dalle politiche di aiuto ai fumatori”.

Continua a leggere

In rilievo