Collegati con noi

Ambiente

Ecco tutti gli “agrihost” diplomati in Campania

Avatar

Pubblicato

del

Diplomati in Campania i primi “agrihost” d’Italia, nuova figura professionale ideata e promossa da Coldiretti e Terranostra negli agriturismi aderenti alla rete Campagna Amica. Sono 42 e arrivano da tutte le province, dall’Appennino al Cilento, dal Vesuvio all’isola d’Ischia. Il corso – che si è concluso ieri sera a Solofra, in provincia di Avellino – ha l’obiettivo di accrescere le competenze di management degli operatori agrituristici nella gestione dell’ospitalita’. Un percorso di formazione gia’ avviato con successo grazie alla figura dell’agrichef, il cuoco contadino. L’agrihost è il manager dell’agriturismo, addetto all’accoglienza ma anche allo storytelling dei valori dell’azienda agricola e all’organizzazione di percorsi di turismo esperienziale. Al corso sono intervenuti il presidente nazionale di Terranostra Diego Scaramuzza, il segretario nazionale Toni de Amicis, il direttore di Coldiretti Campania Salvatore Loffreda e il presidente di Terranostra Campania Manuel Lombardi.

Docenti del corso sono stati Genni Cesarani (Kross Booking, automazione aziendale e nuovi strumenti di gestione e distribuzione), Massimiliano Rendina (docente di Composizione Architettonica all’Universita’ Vanvitelli di NAPOLI), Quirino Picone (docente di web marketing all’Universita’ Suor Orsola Benincasa di NAPOLI), Tullio Pastore (Italiaonline, digital marketing strategies), Jonathan Goldsmith (premiato come miglior pizzaiolo degli USA). Ecco i nomi degli operatori agrituristici che hanno frequentato il primo corso “agrihost”. Dalla provincia di Avellino: Ferdinando Del Vecchio dell’agriturismo Cecauciello (Nusco), Adelina Romano dell’agriturismo La Fortezza (Ariano Irpino), Sergio Acampora e Nadi Alves Acunzo dell’agriturismo Rocca Normanna (Fontanarosa), Francesca Barbato dell’agriturismo Casa Barbato (Montoro), Lucia De Palma e Giuseppe Resce dell’agriturismo Oasi Masseria Sant’Elia (Casalbore), Antonio Giannasca dell’agriturismo Giannasca (Grottaminarda), Giovanna Russo e Anna Borreca dell’agriturismo Barbati (Roccabascerana), Maria Buonanno dell’agriturismo Terranova (Solofra). Dalla provincia di Benevento: Maurizio Perriello dell’agriturismo La Rocca di San Giovanni (Apice), Giuseppe Esposito e Tina Maravita dell’agriturismo La Forcina (Sant’Agata de’ Goti), Maria Antonietta Moffa dell’agriturismo Masseria Pasqualone (Colle Sannita), Michele Frangiosa e Caterina Vernacchio dell’agriturismo Masseria Frangiosa (Torrecuso), Annamaria Colanera e Annalisa Loreto dell’agriturismo Le Poenie (Sant’Angelo a Cupolo), Maria Vittoria Ragnoni dell’agriturismo La Torretta Baronale (San Giorgio del Sannio), Giovanna Mazzucco dell’agriturismo La Cascina Nel Bosco (Faicchio), Maria Colangelo e Pasquale Morone dell’azienda agricola Cantina Morone (Guardia Sanframondi), Umberta e Livia Iannotti dell’agriturismo La Vecchia Trainella (San Lorenzo Maggiore), Antonio Carbone dell’agriturismo Il Ristoro del Viandante (San Giorgio del Sannio), Paola Carone dell’agriturismo Stella del Taburno (Torrecuso), Marialena Di Filippo dell’agriturismo Corte Ciervo (San Salvatore Telesino), Monica Nicchiniello dell’azienda agricola Nicchiniello (Pesco Sannita), Giuseppe Arganese dell’agriturismo Masseria Grande (Bucciano). Dalla provincia di Caserta: Cecilia Magnante dell’agriturismo Antica Petra (Pietravairano), Gennaro Granata dell’agriturismo Al Centimolo (Caianello), Marika De Cristofaro dell’agriturismo Le Campestre (Castel di Sasso), Vincenzo Sansone dell’agriturismo Masseria Sansone (Alife).

Dalla provincia di NAPOLI: Simona Briganti dell’agriturismo Villa Mazza al Vesuvio (Torre Del Greco), Giuseppe Iovino dell’agriturismo Il Gruccione (Pozzuoli), Alessandro Verde dell’agriturismo Quarto Miglio (Quarto), Francesca Novelli dell’agriturismo Il Giardino Mediterraneo (Forio d’Ischia). Dalla provincia di Salerno: Gerardina Merola dell’agriturismo Isca Delle Donne (Palinuro), Fabio Marra dell’agriturismo Spennagalli (Altavilla Silentina), Michele Corrado e Anna Bolzano dell’agriturismo Fattoria ‘O Cavaliere (Sarno).

Advertisement
Continua a leggere

Ambiente

Allarme cinghiali, la protesta di Coldiretti a Montecitorio: sono 2 milioni, un rischio per l’agroalimentare italiano

Avatar

Pubblicato

del

Sarebbero circa 2 milioni i cinghiali in Italia, cioè più che raddoppiati negli ultimi dieci anni: è quanto stima la Coldiretti in occasione del blitz davanti a Montecitorio a Roma di migliaia di agricoltori, allevatori, cittadini, esponenti istituzionali e ambientalisti contro l’invasione dei cinghiali e degli animali selvatici. Nella dorsale appenninica le popolazioni di cinghiali guadagnano terreno rispetto alla presenza umana con una concentrazione media di un animale ogni cinque abitanti in una fascia territoriale segnata già dalla tendenza allo spopolamento per l’indebolimento delle attività tradizionali. Proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla gravità del problema gli agricoltori della Coldiretti hanno provocatoriamente portato in piazza Montecitorio un pentolone gigante di polenta e di spezzatino di cinghiale, oltre a cartelli con le foto degli incidenti provocati sulle strade e dei danni nelle campagne.

L’eccessiva presenza di animali selvatici rappresenta un rischio – evidenzia la Coldiretti – per l’agroalimentare italiano visto che proprio nei piccoli comuni sotto i 5mila abitanti si concentra il 92% delle produzioni tipiche nazionali secondo lo studio Coldiretti/Symbola con ben 270 dei 293 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp) italiani riconosciuti dall’Unione Europea tra formaggi, oli extravergine di oliva, salumi e prodotti a base di carne, vini, panetteria e pasticceria. Un patrimonio conservato nel tempo dalle 279mila imprese agricole presenti nei piccoli Comuni con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari. Un tesoro messo a rischio dall’avanzata dei cinghiali che sempre più spesso in queste aree si spingono fin dentro i cortili e sugli usci delle case, scorrazzando per le vie dei paesi o sui campi, nelle stalle e nelle aziende agricole.

C’è chi si è trovato un centinaio di cinghiali a pochi metri dalla porta di casa; c’è chi raccoglieva il mais di sera col trattore seguito passo passo dal branco che mangiava le pannocchie rimaste, senza essere neppure disturbato dal rumore; c’è chi ha visto i cinghiali arrampicarsi sulle vigne per mangiare l’uva. Una situazione che costringe ormai le aziende a lasciare i terreni incolti, stravolgendo l’assetto produttivo delle zone. Chi si è visto distruggere più volte il campo di mais o di girasoli sceglie alla fine di non seminare più. Il rischio è che venga meno la presenza degli agricoltori, soprattutto nelle zone interne, e con essa quella costante opera di manutenzione che garantisce la tutela dal dissesto idrogeologico. Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che – sottolinea Coldiretti – con coraggio continuano a presidiare anche i territori più isolati e a garantire la bellezza del paesaggio e il futuro del Made in Italy agroalimentare.

 

Quella degli animali selvatici è infatti una minaccia diretta alla sicurezza delle persone – evidenzia Coldiretti – con morti e feriti causati da attacchi di branchi di cinghiali scoperti mentre devastano campi e coltivazioni o entrano nelle aie delle case dove spesso a farne le spese sono anche cani pastore e da compagnia. La proliferazione senza freni dei cinghiali – continua la Coldiretti – sta mettendo anche a rischio l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali. Studi ed esperienze relative all’elevata densità dei cinghiali in aree di elevato pregio naturalistico hanno mostrato notevoli criticità in particolare per quanto riguarda il rapporto tra crescita della popolazione dei selvatici e vegetazione forestale. Proprio le modalità di ricerca di cibo attraverso una cospicua attività di scavo ben visibile sui campi coltivati provoca, infatti, anche su superfici naturali – spiega la Coldiretti – notevoli danni alla biodiversità. Si possono considerare le conseguenze negative sulla nidificazione degli uccelli che depositano le uova sul suolo o l’impatto sui piccoli mammiferi, come ad esempio i ghiri, che creano le loro tane nell’immediata superficie soprattutto contigua all’apparato radicale di piante. Sempre nelle aree boschive – conclude la Coldiretti – sono poi ben conosciuti i danni provocati dagli spostamenti di questa specie golosa di frutti spontanei come i tartufi che rappresentano, per molti territori una vera ricchezza non solo biologica quanto economica costituendo una fonte integrativa di reddito per molti residenti.

Continua a leggere

Ambiente

Ucciso in Amazzonia ​Paulo Paulino, capo indios che proteggeva la foresta

Avatar

Pubblicato

del

Un altro capo indios, Paulo Paulino, di etnia Guajajara, è stato ucciso in Amazzonia. Un colpo di pistola alla testa mentre era a caccia. Secondo quanto riferisce Greenpeace Brasile in un tweet in cui esprime il suo rammarico per l’accaduto “Paulino Guajajara è l’ultima vittima dell’incapacità dello Stato brasiliano di adempiere al suo dovere costituzionale di proteggere le terre indigene”. L’omicidio sarebbe avvenuto con un agguato dei taglialegna all’interno del territorio indigeno di Araribia. Secondo informazioni ottenute da Greenpeace nell’agguato sarebbe morto anche un taglialegna. Paulo Paulino Guajajara era orgoglioso di difendere la sua foresta dalla speculazione. Una lotta impari, contro bande armate al soldo degli affaristi e dei criminali, ma lui difendeva la sua terra e l’ambiente ostinatamente, ne era un vero proprio guardiano. La sua uccisione ieri, durante un assalto nel Nord del Brasile, è una pagina nera, una notizia orribile. Paulo Paulino Guajajara è un martire dell’ambientalismo.

Continua a leggere

Ambiente

Patto strategico per Ischia, il sindaco della Città metropolitana de Magistris incontra i primi cittadini dell’isola

Avatar

Pubblicato

del

Continua a leggere

In rilievo